Home / ComeDonChisciotte / LA RUSSIA IN SIRIA IN UN MINUTO
16139-thumb.jpg

LA RUSSIA IN SIRIA IN UN MINUTO

DI PEPE ESCOBAR

facebook.com

E’ ridicolo credere che la Russia possa annunciare un parziale ritiro dalla Siria poco prima dell’inizio delle negoziazioni di Ginevra – a meno che non sia stato raggiunto un grande accordo sotto banco, come ho spiegato ieri. In pratica è quello che la CIA sta facendo trapelare attraverso i propri burattini/portavoce. è anche il vero motivo che sta alle spalle dell’intervista di Obama con una testata israeliana.

C’è in ballo un grande affare – del quale non sappiamo ancora i dettagli. Perchè c’è stato un grosso spostamento di potere circa Obama – che palesemente non è altro che un burattino. Stiamo a vedere attentamente che tipo di accordi verranno siglati a Ginevra e le prossime mosse dell’UE. Ne parlerò immediatamente.

LA RUSSIA IN SIRIA IN UN MINUTO – AGGIORNAMENTO

Alcuni dettagli del grande accordo in Siria stanno trapelando ufficiosamente. Tutto ruota attorno all’attuale cessate il fuoco in atto (o “cessazione delle ostilità”), il quale è tutt’altro che certo. Partendo dal presupposto che la situazione regga, si potrebbe profilare una Siria federale, come luce che esce da un prisma. Ci sarebbero tre province:

1) una provincia sunnita a Deir el-Zor e Raqqa (sempre che da questa venga eliminato Daesh

2) una provincia curda a Nord, vicino al confine turco (che farebbe impazzire il Sultano [Erdogan, NdT])

3) la Siria che lavora, una zona cosmopolita che comprenda Alawiti, Cristiani ed il cuore Sunnita della Siria, da Damasco fino alla Latachia e ad Aleppo. Questo dovrebbe essere il succo della discussione si terrà a Ginevra.

Fonte: www.facebook.com

Link: https://www.facebook.com/pepe.escobar.77377/posts/10153958680851678?__mref=message_bubble

15.03.2016

Pubblicato da Davide

  • idea3online
    Ma davvero pensiamo che la millenaria potenza romana, da Roma, in Inghilterra e da qui negli Stati Uniti stia a guardare mentre la Russia ha vinto due battaglie importanti, ha vinto in Ucraina, ed in Siria. Vincere il millenario Regno dell’Impero Romano e tutto dal 2014 ad oggi, in soli 2 anni, la funzione di Obama come effetto catalizzatore dei popoli arabi è fallita, l’esperimento somatico verso i popoli arabi ed africani non ha avuto successo perchè la Siria ha impedito la conquista americana dei popoli arabi attraverso le rivoluzioni colorate. Tutto era perfetto presidente giusto per il periodo giusto. Ma adesso gli USA andranno al nocciolo della questione senza mezzi termini, probabilmente è finito il periodo dell rivoluzioni arcobaleno, andranno nei prossimi anni alla ricerca di uno scontro diretto con la Russia e la Cina. 

    Se per ritiro si intende ritiro è errato, per ritiro deve intendersi riposizionamenti strategici in altri teatri di guerra, probabilmente in Ucraina o in altri territori. La parola ritiro è vista con grande timore dagli USA che non la parola restiamo. Quando una Potenza è fluida militarmente è molto più pericolosa se dovesse assumere posizioni rigide. Le parole di Putin non sono nient’altro che un avvertimento agli USA, dove andrai noi saremo. Per chi non avesse capito la fluidità della Russia indica che la lava prosegue il suo cammino prima dell’eruzione in terza guerra mondiale, e la Russia si sposterà per il Pianeta e come un orso seguirà i movimenti dell’Aquila americana. 

  • MarioG

    Ma davvero pensiamo che la millenaria potenza romana, da Roma, in Inghilterra e da qui negli Stati Uniti stia a guardare mentre la Russia ha vinto due battaglie importanti, ha vinto in Ucraina, ed in Siria.


    Ha un concetto piuttosto elastico della continuita’ storica.

  • Hito

    Hai ragione, ma se parliamo di know how… guarda per esempio quanto è usato come simbolo il fascio littorio, in tutto il mondo… o quanto sono utilizzate ancora oggi le locuzioni latine… l’impero ha fatto scuola!!!

  • fendente
    E da quando in qua gli eredi della millenaria potenza dell’impero Romano sono diventati gli anglo-americani-sionisti?
    La terza Roma non potrà che essere euro-asiatica dove ha  visto la luce la prima.
    Alla fine della seconda Roma, quando cadde l’impero Romano d’Oriente intorno al 1450 d.c. il Patriarca di Costantinopoli investì del titolo di CESARE ed imperatore di tutte le Russie, Ivan III .
    Non ci furono contemplati albionici, sionisti e tantomeno obananici.
    Credo che la storia non sia il tuo forte
  • giannis

    Bel commento , comunque e’ tutto in veloce evoluzione , staremo a vedere , di sicuro gli USA non la smetteranno mai di tormentare l’umanita’

  • Gtx1965

    gli ameriCani dovranno ripensarsi o soccombere, e le culture figlie del loro spirito arraffone pure… hanno voluto la globalizzazione e questas gli si sta ritorcendo contro perchè figlia degli stupidi che produrranno solo ed esclusivamente cose stupide… e questa è la nostra salvezza a questa società aureferenzialista ed egoista a tal punto che ci si ammazza per divertimento…