Home / ComeDonChisciotte / LA PALESTINA STA SCOMPARENDO

LA PALESTINA STA SCOMPARENDO


DI JONATHAN COOK

Common Dreams

Due recenti immagini ritraggono il messaggio che sta dietro alle secche statistiche contenute nella relazione della scorsa settimana della Banca mondiale sullo stato dell’economia palestinese.

Il primo é un poster del gruppo della campagna Visualizing Palestine, che mostra un’immagine modificata di Central Park, stranamente vuota. Tra i grattacieli di New York, il parco é stato privato dei suoi alberi dalle ruspe. Una didascalia rivela che da quando é iniziata l’occupazione nel 1967, Israele ha sradicato 800.000 alberi di ulivo appartenenti ai palestinesi, abbastanza da riempire 33 diversi Central Park.
La seconda, un’ampia fotografia pubblicata in Israele il mese scorso, é di una diplomatica francese sdraiata per terra, fissando i soldati israeliani che la circondano, con le loro armi puntate verso di lei. Marion Castaing era stata maltrattata quando lei e un piccolo gruppo di colleghi diplomatici hanno tentato di fornire aiuti di emergenza, tra cui tende, a contadini palestinesi le cui case erano state appena rase al suolo.

Le demolizioni furono parte degli sforzi a lungo termine da parte di Israele per cancellare i palestinesi fuori dalla Valle del Giordano, il cuore agricolo di un futuro Stato palestinese. La sfida della signora Castaing ha portato come risultato quello di essere tranquillamente rimpatriata in Europa, in quanto i funzionari francesi hanno tentato di evitare un confronto con Israele.

Il rapporto della Banca Mondiale é un modo di affermare con discrezione ciò che Castaing e altri diplomatici speravano di evidenziare in modo più diretto: ovvero che Israele sta gradualmente minando le basi su cui i palestinesi possono costruire una vita economica autonoma e uno stato vitale.

La presente relazione segue una lunga serie di avvertimenti ricevuti in questi ultimi anni da organismi internazionali sulla situazione disastrosa economica che affrontano i palestinesi. Ma, significativamente, la Banca Mondiale ha azzerato la chiave del campo di battaglia di una comunità internazionale che ancora nutre la vana speranza che il conflitto israelo-palestinese si concluderà con la stabilità palestinese.

L’attenzione del rapporto é sui quasi due terzi della Cisgiordania, nota come Area C, che é esclusivamente sotto il controllo israeliano e in cui Israele ha impiantato più di 200 colonie per impadronirsi dei terreni e delle risorse palestinesi.
Il rapporto della Banca Mondiale dovrebbe essere visto come un pendant alla decisione presa a sorpresa in estate dall’Unione Europea di escludere dai finanziamenti UE le entità associate agli insediamenti.

A loro volta riflettono la crescente frustrazione nelle capitali europee e altrove per l’intransigenza israeliana e per l’apparente impotenza degli Stati Uniti. Gli Europei, in particolare, sono esasperati dal loro ruolo costante di sovvenzionare effettivamente con i loro aiuti Israele per un’occupazione di cui non si vede la fine.

Con Israele e i Palestinesi costretti a tornare al tavolo dei negoziati da luglio, e dopo che il segretario di stato americano, John Kerry, ha avvertito che questo era “l’ultima chance” per un accordo, la comunità internazionale sta cercando disperatamente di esercitare qualunque piccola influenza che ha su Israele e sugli USA per garantire uno stato palestinese.

La preoccupazione della Banca Mondiale per l’Area C è giustificata. Questo é il luogo di quasi tutte le risorse che uno stato palestinese dovrà sfruttare: terreno non edificato per la futura costruzione, terreni coltivabili e sorgenti d’acqua per la coltivazione; cave per estrarre pietra e il Mar Morto per estrarre i minerali, e siti archeologici per attirare il turismo.

Con l’accesso a queste risorse, le Autorità palestinesi potrebbero generare un reddito aggiuntivo di 3,4 miliardi di dollari l’anno, aumentando il loro PIL di un terzo, riducendo un crescente deficit, tagliando i tassi di disoccupazione che hanno raggiunto il 23 %, alleviando la povertà e l’insicurezza alimentare e aiutando lo stato nascente a liberarsi dalla dipendenza degli aiuti. Ma niente di tutto questo può essere realizzato, mentre Israele mantiene la sua barbarie sull’Area C in violazione degli accordi di Oslo del 1993.

Israele ha radicato il suo dominio nell’Area C proprio per la sua ricchezza di risorse naturali. Israele non vuole che i palestinesi ottengano i beni con cui costruire uno Stato, né intende perdere i molti benefici materiali che ha maturato per se stesso e per la popolazione dei coloni nell’Area C.

Il suo comportamento nell’Area C smentisce l’affermazione del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, secondo la quale egli ha perseguito la “pace economica” con i palestinesi invece dei progressi sul fronte diplomatico. Piuttosto, la descrizione palestinese della politica di Israele come “guerra economica” é molto più vicina alla realtà. Durante il periodo di Oslo, la disparità tra PIL pro capite israeliano e quello dei palestinesi é raddoppiato, a $ 30.000 dollari. E la Banca Mondiale afferma che l’economia palestinese si sta rapidamente fermando: la crescita dell’11 per cento che Netanyahu ha previsto per il 2011 si é ridotta drasticamente all’1,9 per cento nei primi sei mesi di quest’anno. In Cisgiordania, il PIL si é effettivamente contratto dello 0,1 %.

Nonostante le proprie risorse, l’Area C é affamata di fondi palestinesi. Gli investitori sono avversi a trattare con le autorità militari israeliane che invariabilmente negano loro i permessi di sviluppo e gravemente limitano il movimento. L’immagine del diplomatico francese nella sporcizia é quello che simboleggia il loro probabile comportamento se si confrontano con Israele nell’Area C. I contadini palestinesi, nel frattempo, non possono coltivare colture redditizie con minime porzioni di acqua che Israele consente loro dalle proprie sorgenti.

Consapevoli dei molti ostacoli sullo sviluppo dell’Area C, i funzionari palestinesi li hanno semplicemente ignorati, concentrandosi invece sul terzo densamente popolato e povero di risorse della Cisgiordania sotto il loro controllo totale o parziale.

La speranza era che ciò sarebbe cambiato quando Kerry ha annunciato in fase di preparazione per i rinnovati colloqui di un piano per incoraggiare gli investitori privati a versare 4 miliardi di dollari per sviluppare l’economia palestinese. Ma la realtà, come osserva il rapporto, é che non ci può essere alcun serio investimento nel cuore economico dell’Area C fino a quando non finisce il controllo di Israele.

In effetti, la Banca Mondiale sta dicendo che il piano di Kerry – e il ruolo della comunità internazionale dell’inviato Tony Blair, il cosiddetto Quartetto rappresentante – non é solo sbagliato, é deliberatamente deludente. Il Quartetto ha cercato di rilanciare l’economia palestinese per la restaurazione della stabilità; l’opinione della Banca mondiale é che non ci può essere alcuno Stato palestinese, senza alcuna ulteriore ripresa economica, fino a quando Israele non sarà spinto fuori dai territori. La comunità internazionale ha ottenuto tutto l’opposto.

L’idea che un aiuto finanziario – se il piano di Kerry o il piano economico di pace di Netanyahu – sta per spianare la strada alla fine del conflitto è un’illusione. La pace e la prosperità arriveranno solo quando i palestinesi saranno liberati dal controllo israeliano.

Jonathan Cook
Fonte: www.commondreams.org

Link: http://www.commondreams.org/view/2013/10/17-10

17.10.2013

Traduzione per www. Comedonchisciotte.org a cura di ALEX T.

Pubblicato da Truman

  • TizianoS

    Questo è il link dove si vede la foto dei soldati israeliani che prelevano con la forza la diplomatica francese Marion Castaing dal suo camion contenente aiuti di emergenza ai palestinesi cui erano state demolite le case. Comunità pastorizia di Khirbet al-Makhul, Cisgiordania, 20 settembre 2013:

    http://www.voanews.com/content/reu-israeli-forces-manhandle-eu-diplomats-seize-west-bank-aid-tents-truck/1753722.html

    P.S. – Il viso della francese si riconosce con difficoltà, io ho dovuto salvare e capovolgere la foto per riuscire a distinguerlo.

  • haward

    L’unica democrazia del Medio Oriente