Home / ComeDonChisciotte / LA NUOVA MATEMATICA: IPOCRISIA FARISAICA+IGNORANZA CAPRINA = LEGGE ANTI-“NEGAZIONISTA”
12342-thumb.jpg

LA NUOVA MATEMATICA: IPOCRISIA FARISAICA+IGNORANZA CAPRINA = LEGGE ANTI-“NEGAZIONISTA”

DI CARLO MATTOGNO
andreacarancini.blogspot.it

L’11 ottobre Il Fatto Quotidiano ha pubblicato in rete un articolo dal titolo
Negazionismo, Nitto Palma: “Tutti d’accordo, introdurre reato al piùpresto”, che riferisce:

«Un iter accelerato per introdurre il reato di negazionismo.
Ad annunciarlo nel giorno della morte dell’ex ufficiale delle Ss Erich Priebke
è Francesco Nitto Palma, presidente della commissione Giustizia (Pdl).
“D’intesa con i capigruppo del Partito democratico, del Popolo della libertà,
di Scelta civica e del Gal, sentito il vice presidente Buccarella del M5S,
comunico che martedì 15 ottobre la Commissione procederà alla discussione
generale, alla fase emendativa e, se possibile, alla votazione dei singoli
emendamenti sul disegno di legge concernente il reato di negazionismo, sì da
poter licenziare il provvedimento nella serata stessa di martedì”.

“Con l’occasione – aggiunge Nitto Palma – ritenendo di
interpretare anche il pensiero dei colleghi della commissione Giustizia,
manifesto tutto il mio sdegno per le affermazioni di Erich Priebke, rese note
dopo la sua morte, ancor più gravi se si pensa che di qui a qualche giorno
cadrà il 70esimo anniversario del rastrellamento operato al ghetto di Roma”[1]

Dunque
il pretesto della riesumazione della proposta di legge è lo «sdegno per le
affermazioni di Erich Priebke»: che cosa tali affermazioni abbiano a che fare
con la ricerca scientifica revisionistica, lo sa soltanto il signor Nitto
Palma. Che consolazione, però, vedere tutte queste forze politiche, che già
hanno devastato economicamente e socialmente l’Italia e ora, al servizio
dell’usurocrazia europea, si accingono a infliggerle il colpo di grazia, così
lietamente concordi e unite quando si tratta di correre in soccorso di Israele,
alla faccia della costituzione italiana e delle libertà che garantisce!

Dopo
la morte di Priebke, il porcaio mediatico ha aperto i suoi cancelli,
diffondendo per ogni dove i suoi mefitici
miasmi. Esso è il prodotto di una commistione di ipocrisia farisaica e
di ignoranza caprina. La furia parlamentare è stata vieppiù scatenata dal
suddetto porcaio mediatico, secondo il quale Priebke fu «il responsabile delle
Fosse Ardeatine», o, più idilliacamente, «il boia delle Fosse Ardeatine».

È
bene delineare sommariamente la vicenda processuale di Priebke, facendo parlare
le sentenze, le quali, ci spiegano i nostri onorevoli Garanti (a
chiacchiere) della costituzione, vanno “sempre rispettate”, ma anche
commentate.

L’ex SS-Obersturmbannführer
Herbert Kappler fu processato per la
fucilazione delle Fosse Ardeatine dal Tribunale Militare territoriale di Roma,
che emise la sua sentenza il 21 luglio 1948. Ne cito gli stralci che mi
sembrano particolarmente degni di rilievo (i corsivi sono miei).

CONTINUA QUI

Pubblicato da Davide

  • Aironeblu

    Articolo esemplare, che scava in profondità fino ad arrivare al fondo, mostrando alla luce di un solo peso e una sola misura, tutte le manipolazioni che la propaganda ha compiuto dal caso Priebke in su, fino al trionfo della marmaglia ebraica sulle nostre istituzioni, i nostri tribunali, e oggi le nostre nuove leggi.

    Da leggere assolutamente fino alla fine.

  • cardisem

    Certamente esemplare l’articolo di Mattogno. Gli Ufficialisti sanno solo insultare, mandare bestemmie e contumelie, ma non sanno parlare il linguaggio della ragione e sostenere un contraddittorio con argomentati dettati da ragione. Non credo però che siano ingenui e ottusi fino a questo punto. Credo che ben conoscano, forse addirittura più e meglio dello stesso Mattogno, la verità fattuale delle cose. Ma non è questa che interessa loro. Mi dispiace che non si sviluppi sull’opera di Atzmon il dibattito che meriterebbe. Per adesso la strategia è quella del silenzio. Cosa dice in sostanza Atzmon e perché metto Atzmon in relazione con Mattogno, ovvero con il revisionismo storico?

    Dice che il sionismo non è un fenomeno locale di occupazione coloniale, come vogliono, pretendono e perfino si agitano i filopalestinesi italiani come quelli ad esempio di Forum Palestina (se esistono ancora), che sono anche ferocemente “antinegazionisti” e “antinazifascisti”. Atzmon dice che il sionismo è invece un fenomeno “globale”, sganciato dal principio di territorialità. Non si spiegherebbe altrimenti un accanimento di tipo religioso su fenomeni settoriali della seconda guerra mondiale, che di morti ne conta 60 milioni, non i discussi “sei” dei campi di concentramento tedeschi, che erano appunto campi di concentramento… Insomma, vi è evidente la strumentalizzazione di un episodio storico, che dovrebbe essere studiato come tale, per i fini propri del sionismo, che per Atzmon è primatismo razziale e volontà di dominio globale… Atzmon dice di credere al fenomeno dei sayanim, la cui esistenza e funzione è stata rivelata dall’ex spia del Mossad Ostrovsky… Se è vero e se esistono, ciò significa che essi sono dappertutto e che formano la punta di diamante della Lobby… Una legge come quella attuale non si spiegherebbe se non vi fosse una lobby i cui tentacoli vanno dalle massime istituzioni al blogger che nei Forum amplifica le istruzioni ricevuti o semplicemente asseconda il coro e la battuta di caccia che qualcuno ha chiaramente indicato…

    Si pone seriamente il problema della individuazione delle Lobbies e delle loro funzioni all’interno del sistema… Della stampa, dei media, poi, possiamo stilare un elenco semplicemente annotando le loro posizioni… Possiamo esser certi che rispondono a qualcuno, per la uniformità e la contemporaneità delle loro reazioni…Sono un “complottista”? Ebbene, lo sono e me ne vanto!

  • siletti86

    A questo proposito leggetevi anche questo: “http://www.keinpfusch.net/2013/10/la-professione-di-fede.html”

  • TizianoS

    Facciamo l’ipotesi che durante la guerra italo-turca del 1911-12 un ufficiale turco avesse partecipato alla fucilazione di 335 civili tra cui 57 armeni, fosse stato condannato all’ergastolo in Italia e fosse lì morto all’età di 100 anni nel 1982, 70 anni dopo l’eccidio.

    Immagino che i suoi funerali si sarebbero svolti senza incidenti.

    Questo ipotetico paragone mi induce a pensare che ci sia stata una strumentalizzazione nel caso dei funerali di Erich Priebke, il quale all’epoca era un semplice ufficiale di un paese straniero occupante.

    Secondo il mio modesto parere una legge anti-negazionista in Europa (anche se la Turchia è solo in parte europea) dovrebbe basarsi sui seguenti principi:

    1) Comprendere l’Olocausto degli Armeni in Turchia, l’Olocausto degli Ebrei e degli Zingari in Germania, l’Olocausto degli Ucraini (Holomodor) in Unione Sovietica;

    2) Venire applicata solo negli stati colpevoli di detti stermini, e cioè in Turchia, in Germania e in Russia, oggi subentrata all’Unione Sovietica.

    Si potrebbe anche persuadere gli Stati Uniti ad istituire una legge anti-negazionista per il loro genocidio degli Amerindi, e il Ruanda per quello dei Tutsi, tanto per citare due casi di sterminio all’infuori dell’Europa.

    Non vedo il motivo per introdurre una legge anti-negazionista in paesi terzi, come l’Italia, e per per di più per un solo tipo di olocausto, quello degli ebrei.

    Su quanto dicono i rabbini sull’olocausto ebreo, si veda:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Teologia_dell%27Olocausto

    dove si legge:

    Storicamente, la risposta biblica e rabbinica alla tragedia nazionale è stata quella di ricercare le cause teologiche nelle carenze e nei peccati del popolo d’Israele. In questa tradizione, alcune figure ortodosse hanno insegnato che il popolo ebraico in Europa era peccatore, o la loro colpa si era accumulata. In questa prospettiva, l’Olocausto è la giusta punizione divina. Altri teologi ortodossi rifiutano questo approccio, considerando l’Olocausto come una tragedia unica, che non può essere basata su normali processi di ricompensa e punizione.

    La mia conclusione è che la tragedia ebrea, non alimentando in noi alcun tipo di discussione religiosa, ci può riguardare né più né meno di come può riguardarci quella armena, quella zingara, quella ucraina, e più lontanamente quella degli Amerindi e dei Tutsi.

  • cardisem

    Guarda che la risposta è semplice. Questi signori voglione mettere “in ginocchio” (espressione letterale ascoltata con queste orecche in Rainnwes24) 60 milioni di italiani davanti a nemmeno 10 mila ebrei residenti in Italia… E’ un puro asservimento al potere US-Rael. Tutto il resto è chiacchiera che cercano di mettere in forma di legge… Il Signor Pacifici ha menzionato la legge Scelba e la legge Mancino come precedenti a cui richiamarsi… Qui non si tratta di “antisemitismo”, ma di chiedersi se in questo paese siamo tutti uguali davanti alla legge, o alcuni sono più uguali degli altri ed hanno più diritti.

  • TizianoS

    E’ vero quello che dici, ma “l’asservimento” è difficile da dimostrare.

    A mio parere, l’unico punto su cui si può intervenire, è sul fatto incontrovertibile che non può esistere un olocausto superiore ad un altro.

    Con l’occasione, rettifico il passaggio alla prima riga del mio commento che deve leggersi: “un ufficiale turco avesse partecipato alla fucilazione di 335 civili tra cui 75 armeni”.

  • mazzam

    In questo evento, che è servito a mettere in luce la bassezza di azioni, parole e pensieri dell’uomo meschino, spicca il silenzio della chiesa e del nostro gesuita papotto paciotto, ben pronto a telefonare a destra e a manca e anche ad elargire mance a vecchiette derubate ma, davanti allo scempio dell’onore e della coscienza umana immolata su qualche altare innalzato alla memoria ebraica, silenzioso come mai nessuno. Grazie grande chiesa, grazie papa amato dalle folle. Grazie della guida verso la luce. Verso la luce? Mi sa che siam messi proprio male male male.

  • cardisem

    Non si può dimostrare l’asservimento? Intanto, vi sono gradi diversi di asservimento. Anche la “servitù volontaria”. Poi basta incominciare dagli Usa con AIPAC, ADL e tutte le organizzazione ebraiche, quindi studiare la dipendenza dagli Usa che a suo volta sono sotto la dipendenza della Lobby che non esiste. Mearshemer e Walt hanno scritto un libro dove si sono limitati a scrivere assai meno di quanto potevano dire e sapevano di di poter dire… Poi, vi è da chiedersi se esistono o non esistono i sayanim, quindi se corrisponde a verità che le ambasciate israeliane in Europa hanno reclutato migliaia di persone nei media e nella politica… Su questa notizia andrebbe fatta per lo meno una inchiesta parlamentare. Ma chi la farebbe? Quelli che dovrebbero indagare sulla loro stessa corruzione? L’Ordine dei giornalisti e le associazione della stampa pure loro si sono ben guardate dall’indagare in casa loro… Per un Betulla tirato fuori resta tutto un bosco ancora vergine… Se poi si pone il collegamento fra informazione, potere, opinione pubblica, condizionamento legislativo, beh allora i conti tornano.. Se poi tu intendi che si debbano avere le prove come in un processo per furto di galline, allora queste prove non si avranno mai, perché il fenomeno non si concretizza in atti o documenti, ma è una tendenza, una linea politica, un processo di inganno radicale, capillare, continuo…

  • cardisem

    Concordo. Vi sono stati esperti di diritto canonico che hanno voluto spiegarci che la chiesa e il papa sono a posto. Ma il punto non è questo, ammesso e non concesso che il latinorum del diritto canonico convinca qualcuno che si vuol lasciare convincere. Il punto è che davanti agli occhi del Papa sono andati ad oltraggiare una salma… E il Papa Francesco non ha detto una parola, un Papa pronto a parlare su altri temi… Avevo speranze su questo Papa, ma i segnali che giungono fanno pensare assai male.

  • mazzam

    Mi sa che questo oltre ad essere il primo papa gesuita (di nero vestito sotto il bianco talare) pure per primo ce lo ritroveremo bello rilassato a gambe incrociate a ballarò a dirci quanto è buono il formaggio con le pere. Speriamo di non risorgere vá.

  • TizianoS

    E’ chiaro che le energie ebraiche volte a imporre ai gentili per esempio le loro tragiche regole finanziarie o la loro dottrina uni-olocaustica con il relativo corollario anti-negazionista sono imponenti, e nessuna difesa sembra venire oggi opposta né da una Chiesa infiltrata né da Governi in gran parte asserviti.

    Purtroppo non vedo nessuna via di uscita a questo cappio che ci sta strangolando. Forse, parafrasando i rabbini ebrei, i gentili sono diventati peccatori, o la loro colpa si è accumulata, e meritano la giusta punizione divina.

  • Truman

    Ricordo che per leggere i post di Uriel bisogna copiare l’indirizzo su una nuova sessione del browser o su un differente browser (non funziona selezionare il testo e fare “apri in nuova pagina”). Uriel non gradisce i visitatori provenienti da un sacco di siti, tra cui Comedonchisciotte (in realtà la parola che fa scattare il redirect a un sito porno è “Donchisciotte”).

  • alibandus

    Carlo Mattogno è un osso duro.
    mai che tutti quelli che pedissequamente ripetono le tesi “ortodosse”
    si prendessero la briga di leggere un suo libro.
    forse ai piu basta aver letto l’abbecedario delle medie
    e visto la vita è bella o tutt’al+ schindler list.