Home / ComeDonChisciotte / LA NUOVA MATEMATICA: IPOCRISIA FARISAICA+IGNORANZA CAPRINA = LEGGE ANTI-“NEGAZIONISTA”

LA NUOVA MATEMATICA: IPOCRISIA FARISAICA+IGNORANZA CAPRINA = LEGGE ANTI-“NEGAZIONISTA”

DI CARLO MATTOGNO
andreacarancini.blogspot.it

L’11 ottobre Il Fatto Quotidiano ha pubblicato in rete un articolo dal titolo
Negazionismo, Nitto Palma: “Tutti d’accordo, introdurre reato al piùpresto”, che riferisce:

«Un iter accelerato per introdurre il reato di negazionismo.
Ad annunciarlo nel giorno della morte dell’ex ufficiale delle Ss Erich Priebke
è Francesco Nitto Palma, presidente della commissione Giustizia (Pdl).
“D’intesa con i capigruppo del Partito democratico, del Popolo della libertà,
di Scelta civica e del Gal, sentito il vice presidente Buccarella del M5S,
comunico che martedì 15 ottobre la Commissione procederà alla discussione
generale, alla fase emendativa e, se possibile, alla votazione dei singoli
emendamenti sul disegno di legge concernente il reato di negazionismo, sì da
poter licenziare il provvedimento nella serata stessa di martedì”.

“Con l’occasione – aggiunge Nitto Palma – ritenendo di
interpretare anche il pensiero dei colleghi della commissione Giustizia,
manifesto tutto il mio sdegno per le affermazioni di Erich Priebke, rese note
dopo la sua morte, ancor più gravi se si pensa che di qui a qualche giorno
cadrà il 70esimo anniversario del rastrellamento operato al ghetto di Roma”[1]

Dunque
il pretesto della riesumazione della proposta di legge è lo «sdegno per le
affermazioni di Erich Priebke»: che cosa tali affermazioni abbiano a che fare
con la ricerca scientifica revisionistica, lo sa soltanto il signor Nitto
Palma. Che consolazione, però, vedere tutte queste forze politiche, che già
hanno devastato economicamente e socialmente l’Italia e ora, al servizio
dell’usurocrazia europea, si accingono a infliggerle il colpo di grazia, così
lietamente concordi e unite quando si tratta di correre in soccorso di Israele,
alla faccia della costituzione italiana e delle libertà che garantisce!

Dopo
la morte di Priebke, il porcaio mediatico ha aperto i suoi cancelli,
diffondendo per ogni dove i suoi mefitici
miasmi. Esso è il prodotto di una commistione di ipocrisia farisaica e
di ignoranza caprina. La furia parlamentare è stata vieppiù scatenata dal
suddetto porcaio mediatico, secondo il quale Priebke fu «il responsabile delle
Fosse Ardeatine», o, più idilliacamente, «il boia delle Fosse Ardeatine».

È
bene delineare sommariamente la vicenda processuale di Priebke, facendo parlare
le sentenze, le quali, ci spiegano i nostri onorevoli Garanti (a
chiacchiere) della costituzione, vanno “sempre rispettate”, ma anche
commentate.

L’ex SS-Obersturmbannführer
Herbert Kappler fu processato per la
fucilazione delle Fosse Ardeatine dal Tribunale Militare territoriale di Roma,
che emise la sua sentenza il 21 luglio 1948. Ne cito gli stralci che mi
sembrano particolarmente degni di rilievo (i corsivi sono miei).

CONTINUA QUI

Pubblicato da Davide