Home / ComeDonChisciotte / LA NOTTE DEL PERMAFROST VIVENTE

LA NOTTE DEL PERMAFROST VIVENTE

DI MICKEY Z.
World News Trust

“In un mondo in cui i morti sono tornati in vita, la parola “guaio” perde molto del suo significato”
– Dennis Hopper

Immaginate una minaccia globale letale, in agguato nelle profondità ghiacciate di una palude siberiana. Organismi viventi congelati per 30.000 anni stanno ora emergendo per minacciare tutta la vita sulla terra.

Potrebbe suonare come una tipica serata da Netflix [società di noleggio DVD americana, n.d.t.], ma c’è il trucco: lo scioglimento del permafrost non è finzione e non andrà via a meno che non imponiamo grandi cambiamenti … adesso!

Come riportava nel 2011 il New York Times, “gli esperti sanno da tempo che le terre del Nord sono un deposito di carbonio congelato, bloccato in forma di foglie, radici ed altri elementi organici intrappolati nel suolo ghiacciato – una miscela che, con il disgelo, può produrre metano e anidride carbonica, ovvero gas che trattengono il calore e riscaldano il pianeta. Tuttavia negli ultimi anni, essi sono rimasti scioccati nel rendersi conto della quantità di detriti organici presente”.

Quanto?

Si stima che
la quantità di metano depositata nella sola palude dell’Ovest della Siberia equivalga ad un’emissione di 1,7 trilioni di tonnellate di CO2, il che supera la quantità di gas serra emessi dall’uomo negli ultimi 200 anni.

Per vostra informazione: lo scioglimento del permafrost accade grazie al cambiamento climatico, alla cui creazione abbiamo tutti contribuito, oltre a consentirlo tacitamente alle aziende.

“Alcuni scienziati si aspettano che l’oceano Artico sarà privo di ghiaccio estivo entro il 2020”,
ha aggiunto il giornalista del The Guardian John Vidal. “Il timore maggiore è che se i ghiacci si ritirano, il riscaldamento dell’acqua permetterà al permafrost in alto mare di rilasciare maggiori quantità di metano. Una grande riserva di questo gas serra, in forma di clatrato idrato nella piattaforma artica siberiana orientale, potrebbe essere emessa sia molto lentamente nel corso dei prossimi 50 anni, sia in maniera tragicamente rapida in un periodo di tempo minore”.

La cosa ancora non vi interessa?

Se no, permettetemi di presentarvi la scomoda verità per cui, come gas serra, il metano è 20-30 volte più potente del diossido di carbonio. Cosa c’entra questo con il cambiamento climatico?

Altro dal The Times: “Quando la materia organica emerge da un profondo congelamento, essa viene consumata dai batteri. Se il materiale è ben areato, i batteri che respirano l’ossigeno si decompongono ed il carbonio si sprigionerà nell’aria come biossido di carbonio, il gas serra primario. Ma nelle aree in cui l’ossigeno è limitato, come il fondo di un lago o di una palude, un gruppo di batteri chiamati ‘metanogeni’ decomporranno la materia organica ed il carbonio verrà sprigionato sotto forma di metano”.

Per vostra informazione: una volta iniziata la decomposizione (immaginate la musichetta porta sfortuna) NON PUÒ ESSERE FERMATA.

Ciò che può essere fermato è il modo in cui gli umani scelgono di vivere come parte di un ecosistema definito. Una cultura basata sui carboni fossili, sullo sfruttamento degli animali e sul mantra della crescita senza fine (tra altri incubi) è condannata per definizione. Anche tutte le altre forme di vita sono messe in grave pericolo dall’ hybris e dalla cecità dell’uomo.

Gli unici attori con un miope interesse nel mantenimento di questo status quo omicida/suicida sono coloro che guadagnano nel breve termine dei nostri enormi consumi … e della nostra indifferenza.

Le aziende inquinano in quantità che superano di gran lunga il singolo individuo. Ad esempio, se ogni persona negli USA avesse fatto tutto quello che Al Gore aveva suggerito in Una Scomoda Verità, le emissioni di carbonio sarebbero scese solo del 22%. Intanto, la Exxon-Mobil, una compagnia con vendite annuali che superano il PIL di 120 Stati (più di 404 miliardi di dollari), emette ogni anno 138 milioni di tonnellate di CO2.

Quindi, il percorso più breve e più efficace per affrontare il cambiamento climatico e quindi prevenire lo scioglimento del permafrost è scoprire, sfidare e demolire i più scellerati eco-criminali.

Tuttavia, mentre ci impegniamo e ci organizziamo per raggiungere questo scopo, dobbiamo anche modificare il nostro stile di vita individuale e collettivo come se la nostra stessa esistenza fosse appesa ad un filo. (Notizia flash: lo è!)

Non è troppo tardi per riscrivere il finale a questa storia dell’orrore … ma non possiamo sprecare altro tempo con neonati reali o scandali sessuali in politica. Non possiamo neanche perdere enormi quantità di rabbia e passione ostentando il nostro ego in dibattiti sulla semantica, sugli attivisti o sul ruolo degli anarchici in questo o quel gruppo.

Utilizziamo invece il nostro poco tempo e la nostra energia per creare cambiamento – ora – nella vita di tutti i giorni, ad esempio smettere di mangiare carne, smettere di guidare la macchina, smettere di permettere alle aziende di dirci come vivere, relazioniamoci con gli altri ed attiviamoci! Questo sentiero non solo ci permetterà di aiutarci a ridimensionare il danno globale, ma ci insegnerà anche a superare la propaganda aziendale e quindi sfidare – e alla fine sconfiggere – il potere aziendale.

Camus diceva: “La vera generosità nei confronti del futuro consiste nel dare tutto al presente”.

Non ci sono svantaggi nel vivere la propria vita come se l’ambiente fosse al punto di non ritorno e come se noi ne avessimo tutta la colpa. Se lo facciamo, la nostra cultura potrebbe diventare meno violenta, la vita quotidiana potrebbe diventare più semplice, l’ecosistema avrebbe un po’ di tregua, i profitti aziendali precipiterebbero ed il permafrost resterebbe permafrost.

A me suona come un enorme passo verso la vittoria …

Mickey Z. (Michael Zezima ) è autore di 11 libri, il più recente è il romanzo Darker Shade of Green. Finchè le leggi non vengono cambiate o l’energia elettrica si esaurisce, può essere trovato in un oscuro sito chiamato Facebook.

Fonte: worldnewstrust.com
Link: http://worldnewstrust.com/night-of-the-living-permafrost-mickey-z

30.07.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ROBERTA PAPALEO

Pubblicato da Truman

  • Allarmerosso

    “grazie al cambiamento climatico, alla cui creazione abbiamo tutti contribuito” Capito ? siete voi i colpevoli esseri inutili ….

    Quante minchiate , come se il pianeta non avesse periodi di cambiamento climatico da millenni.

  • dainroad

    Che il nostro sistema di vita possa essere più eco-sostenibile è un buon auspicio ma ce ne passa a collegarlo con lo scioglimento dei ghiacciai, dirò di più: non c’è proprio alcun collegamento!
    Posto (solo per fare un esempio) quest’articolo assai vecchiotto preso a caso tra centinaia di articoli simili:
    http://www.repubblica.it/2007/08/sezioni/scienza_e_tecnologia/clima-spazio/clima-spazio/clima-spazio.html
    A quanto pare (per fortuna) l’attività umana non interessa ancora gli altri pianeti del sistema solare eppure la temperatura sta aumentando ogni dove ancor più del pianeta terra, la visione omo-centrica dell’universo con riflessioni “peccaminose” del comportamento umano hanno ragion d’essere ma in scala assai ridotta. Che l’uomo debba raggiungere uno stadio evolutivo maggiore con una consapevolezza più elevata è al di fuori di ogni dubbio ma le cause portatrici di un reale cambiamento climatico sono da ricercarsi non sulla terra bensì attorno al nostro sistema solare. Presto ne sapremo qualcosa !

  • Primadellesabbie

    – ” Gli unici attori con un miope interesse nel mantenimento di questo status quo omicida/suicida sono coloro che guadagnano nel breve termine dei nostri enormi consumi … e della nostra indifferenza.

    Le aziende inquinano in quantità che superano di gran lunga il singolo individuo. Ad esempio, se ogni persona negli USA avesse fatto tutto quello che Al Gore aveva suggerito in Una Scomoda Verità, le emissioni di carbonio sarebbero scese solo del 22%. Intanto, la Exxon-Mobil, una compagnia con vendite annuali che superano il PIL di 120 Stati (più di 404 miliardi di dollari), emette ogni anno 138 milioni di tonnellate di CO2. ” –

    Credo che in queste due osservazioni stia la chiave del problema.

    Da un lato c’é interesse ad inventare continuamente nuovi bisogni per poterli soddisfare, questa generalizzata, coinvolgente e oramai raffinatissima iniziativa, allontana “democraticamente” la possibilità di affrontare questo come ogni altro problema con un minimo di serietà.

    Dall’altro la martellante opera di iper individualizzazione, unita al continuo stimolo a farsi un’idea, a dare un giudizio su un’infinità di quisquilie o su problematiche tanto astruse quanto lontane e viziosamente inutili, ha prodotto il risultato che su qualsiasi tema la “opinione pubblica” si divide ed é addestrata a costruire un castello di motivazioni pro o contro da cui é difficile districarsi.

    Mi sembra inutile ripetere che la fonte principale dei problemi ambientali, e non solo ecologici, siano i colossi industriali e finanziari. Sembra chiaro che non possono essere sfidati frontalmente ma é evidentemente necessario affrontarli.

    Limitare drasticamente i consumi, o comunque un’azione in quella direzione può contribuire a disarmarli?

  • MassimoContini

    Il problema è che troppe volte articoli di questo tenore

    si sono rivelati pieni di inesattezze

    se non addirittura deliberatamente falsati

    da quegli gruppi di ricerca che vivono di finanziamenti pubblici

    e che accentuavano il catastrofismo per stimolare i fondi …

    Addirittura poi le grandi banche d’affari d’oltreoceano

    avevano porposto un sistema di tassazione ai singoli stati

    in relazione alle emissioni prodotte di CO2

    DOVE LORO STESSI AVREBBERO RACCOLTO LE TASSE …

    🙂

  • MassimoContini

    MICKEY Z ha la stessa credibilita’ di MICKEY M

  • castigo

    non abbiamo dimenticato nulla??
    che so, l’astronave aliena che emerge dal ghiaccio…..

  • Servus

    “ad esempio smettere di mangiare carne”.

    E questo serve a che? Se mangiamo meno carne ci saranno molti più animali che produrranno CO2 attraverso i loro escrementi.

    Se questa è la soluzione per il permafrost siamo proprio a terra.

  • Mattanza

    Bravo! torna a mangiare il panino con la nutella su’!Da bravo.

  • Giaurro

    Ogni verità passa attraverso tre fasi prima di essere riconosciuta. Nella prima è ridicolizzata, nella seconda è osteggiata, nella terza diviene di per sé stessa evidente. [Arthur Schopenhauer]

  • polidoro

    Caro Michele prima di dare sfogo alla fantasia catastrofica alimentata dalla cosiddetta stampa, indaga un poco.

    Al Gore è quel Genio (Paladino dell’umanità agratis) che in TV disse che all’interno della Terra ci sono “MILLION degrees”, milioni di gradi ? demente o imbroglione ?

    E quello il cui film “scomode verità” è stato condannato da un tribunale inglese per 8 (almeno) evidenti errori (errori ?). Molti di più sono gli “errori”

    E’ quell’imbroglione che ha preso il Nobel della Pace assieme alla cooperativa di imbroglioni dell’IPCC ?

    Questa (vasta) schiera di imbroglioni sostiene che il riscaldamento è causato dalla CO2 ? la quale, poveretta, è lo 0,04 % dell’atmosfera !!

    E che l’attività di gas-serra della CO2 (0,04% perc. nell’aria) è PREPONDERANTE rispetto alla attività di un altro gas serra, il vapore acqueo, cui si attribuisce attività di gas-serra, in percentuale, del 98% (la perc. varia secondo le fonti) !!

    Finché era solo Berlusconi a prenderci per il culo … beh era UNO …. ma qui: siamo circondati

  • ligius

    Veramente ci sarebbero meno animali, vengono allevati per essere mangiati, in natura non ci sarebbe lo stesso numero.

  • ilsanto

    Bene ma visto che non siamo in grado di influire sul sole o sulla galassia, ci resta solo di fare qualcosa qui sulla terra, a cominciare da una legge a livello mondiale sulla procreazione, che non può essere più lasciata alle scelte individuali ma attentamente pianificata visto che siamo più di 7 miliardi e nel 2012 siamo cresciuti piu o meno come tutta la popolazione della Germania ( cioè ben più di Italia, Francia, GranBretagna ).
    Certo le libertà individuali sono importanti ma se le previsioni (ONU) dicono che continuando cosi la Nigeria arriverà a 900 e passa milioni qualcosa bisognerà pur fare non trovi ?

  • ilsanto

    Non è questione di colpe o meno è che bisogna fare qualcosa per contrastare il fenomeno e qualcosa si può fare. Sempre meglio che aspettare l’inevitabile o no ?

  • ilsanto

    E si infatti non esiste l’aumento della CO2, ne l’aumento della temperatura, non si stanno sciogliendo i ghiacciai nel mondo, e le navi che passano dove una volta c’erano i ghiacci del polo sono solo propaganda della Russia, il metano non esce dal fondo del mare del nord, il permafrost non si sta sciogliendo, non ci sono 7 miliardi di abitanti, non esiste inquinamento e tutti siamo felici e contenti. La tassa sulla CO2 non è una proposta ma una realtà e come per tutte le tasse ci pensa lo stato.
    Che poi chi si dedica a queste ricerche sia finanziato dallo stato mi pare ovvio chi dovrebbe pagarli, la FIAT ?

  • ilsanto

    Come certamente sai gli animali li alleviamo noi x mangiarli se non li mangiamo non li allevano e a parte la CO2 ed il metano prodotti esiste un problema: per produrre 1 kg di carne servono almeno 10 kg di mais e tantissima acqua leggi qui: http://www.scienzavegetariana.it/news_dett.php?id=472

    Ora se vogliamo c’è una alternativa se non vogliamo rinunciare alla carne smettere di fare figli o fare una bella guerra di sterminio, vedi tu.

  • ilsanto

    Un momento non facciamo confusione esistono due problemi uno è lo strapotere delle multinazionali e quello non lo risolvi mangiando meno carne o comprando un’ibrida risparmiosa o abbassando il riscaldamento.
    Esiste poi il problema demografico ed ecologico quello invece perlomeno si può ritardarlo un filo in attesa che si smetta di fare figli come conigli.
    Ma senza un controllo demografico globale non c’è molto da fare neanche per questo secondo. nel 2012 siamo cresciuti di 70 milioni ! e gia siamo oltre i 7 miliardi e non ci sono più risorse per tutti.

  • MassimoContini

    una notizia che nella vis polemica

    non credo ti sia pervenuta:

    nell’emisfero antartico i ghiacci

    INVECE STANNO AUMENTANDO …

    http://www.meteoweb.eu/2013/03/polo-sud-e-boom-dei-ghiacci-antartici-estensione-da-record-allinizio-dellinverno-australe/193001/