Home / ComeDonChisciotte / LA MORALE DEI SIGNORI … DA CICERONE A MATTARELLA
16555-thumb.jpg

LA MORALE DEI SIGNORI … DA CICERONE A MATTARELLA

DI ROSANNA SPADINI

comedonchisciotte.org

Friedrich Nietzsche: “Il concetto di bene e di male ha una duplice preistoria: da un lato, nell’animo delle stirpi e caste dominanti. Chi ha il potere di contraccambiare, bene con bene, male con male, ed esercita anche realmente questo contraccambio, ovverossia la vendetta e la riconoscenza, viene detto buono; chi non è potente e non può ricambiare, passa per cattivo. Come buono si appartiene ai «buoni», a una comunità che possiede il sentimento di essere tale in quanto gli individui sono reciprocamente collegati dal senso del contraccambio. Come cattivi si appartiene ai «cattivi», una massa di uomini subordinati, impotenti, che non possiedono alcun sentimento di essere una comunità. I buoni sono una casta, i cattivi una massa, come polvere. Per un certo periodo buono e cattivo equivalgono a nobile e umile, a signore e schiavo. Di contro, il nemico non è considerato cattivo in quanto può rivalersi. In Omero, il troiano e il greco sono entrambi buoni.

Nella comunità dei buoni, il bene è ereditario; è impossibile che da un terreno così buono possa nascere un cattivo. Se tuttavia uno dei buoni compie qualcosa di indegno, si ricorre a delle scappatoie: per esempio se ne attribuisce la colpa a un dio, dicendo che avrebbe colpito il buono rendendolo cieco e folle. … I segni della bontà, della misericordia, della compassione vengono angosciosamente recepiti come un’insidia, come un preludio a una tremenda conclusione, come stordimento e raggiri, insomma come raffinata malvagità. Tale essendo lo stato d’animo dell’individuo, difficilmente può sorgere una comunità, ma tutt’al più la forma più primitiva di essa: cosicché ovunque predomini questa concezione del bene e del male, è vicino il tramonto degli individui, delle loro stirpi e razze. La nostra moralità odierna è sorta sul terreno delle stirpi e caste dominanti.” (Friedrich Nietzsche, Umano troppo umano)

Questa è stata la “falsa morale” prevalente per secoli in occidente, a partire dagli “Optimates” di Cicerone, e questa la “falsa morale” che ritorna a dominare anche oggi, dopo una pausa di apparente “potere del popolo”. Ma chi decide se una morale è vera o falsa, se non il potere dominante ?

I poteri forti mistificano sull’immigrazione, la mostrano come un rimedio alla disgraziata denatalità da cui è stato colpito l’occidente, in realtà tutta la cultura occidentale ha congiurato per rinnegare la natalità come un ostacolo all’edonismo imperante, giovani generazioni destinate al precariato esistenziale, indotte subdolamente alla ricerca ossessiva del piacere, e proiettate in una dimensione virtuale che le distrae e le rende sempre più pokemon dipendenti.

Sono gli stessi poteri forti che determinano i flussi migratori, innescati dalle guerre Nato in Medio Oriente e Africa, e poi ci mostrano poveri bimbi offesi, sanguinanti o morti sulle spiagge di approdo, come il bimbo siriano Omran, simile ad una maschera di fango, ripreso mentre guarda attonito gli astanti … o Aylan Kurdi, che venne ripreso mentre giaceva senza vita a faccia in giù, tra la schiuma delle onde turche, fasciato dalla sua t-shirt rossa … troppo rossa e troppo pulita. La guerra e la morte sui nostri teleschermi sono solo un video game che ci attrae per le inedite immagini horror e ci rassicura insieme, perché poi infine noi restiamo nel privilegio della nostra “finta pace”. Secondo l’ultimo rapporto Unicef un bambino su 10 vive in zone di guerra, e nel corso del 2016 in Yemen sono morti 466 bambini … nessuna delle loro foto è diventata virale su internet.

Il traffico indotto dei migranti sottrae notevoli risorse economiche, a favore di Cooperative, Vaticano, Regioni, altrimenti spendibili per sostenere l’occupazione e gli investimenti … e che inoltre comporta problemi di criminalità, di sicurezza del territorio e di malattie importate. Negli ultimi 14 anni l’Italia ha versato all’Europa 213 miliardi di euro e ne ha incassati 141, con un disavanzo di 72 miliardi … per di più il divario aumenta ogni anno … il business viene gestito da corporation criminali, dotate di enormi disponibilità finanziarie, competenze logistiche e controllo del territorio. L’organizzazione mondiale dei migranti ha calcolato che ogni anno il trasporto dei clandestini attraverso il Mediterraneo vale circa 10 miliardi all’anno. Ormai per la criminalità è la seconda industria, dopo il commercio delle droghe e prima della vendita delle armi. Infatti un “biglietto” per i viaggi della speranza costa tra i 3 mila e i 4 mila euro.

Per arrivare poi agli “Optimates” odierni … che il Presidente della Repubblica non fosse “super partes” lo avevamo già capito con Napolitano, ma sostituire Formigoni, plurindagato per corruzione e associazione a delinquere, alla festa di Comunione e Fatturazione … beh, ci è sembrato più l’esercizio di un remake orroroso: “La notte dei morti viventi”.

Il suo forte richiamo all’unità e all’europeismo ha pervaso il tempio del neocapitalismo ed è rimbalzato sui numerosi tg del Paese, rimarcando le parole della neolingua quali libertà, amicizia, responsabilità che dovrebbero garantire l’obbedienza alla destabilizzazione sociale imposta dal capitale. Un messaggio farcito di squallida retorica, che affida l’innovazione e la trasformazione del paese alle giovani generazioni condannate ad un precariato esistenziale.

Mattarella parla di dialogo tra le religioni quando dice che “Il dialogo tra le fedi è oggi una necessità storica, è una condizione per conquistare la pace. Il dialogo tra le fedi è un atto di umiltà, che può riconciliarci con la storia dell’uomo” … oppure cerca di rassicurare le ansie sociali aggiungendo che
“Non ci difenderemo alzando muri verso l’esterno, o creando barriere divisorie al nostro interno. Al contrario”. Insomma una condizione sociale che Mattarella vede oggi realmente provocata dai nuovi fenomeni globali della mobilità dei popoli, delle migrazioni, rispetto ai quali è naturalmente necessario assumere un atteggiamento di integrazione, di moderazione, di umiltà … uniche possibili risposte del nostro modello di convivenza civile.

Ma il Presidente “super partes”, che invece di tenere un discorso a tutto il popolo italiano dal suo seggio quirinalizio, e si rivolge invece solo ad una parte elitaria, quella borghesia catto-capitalista che ama frequentare associazioni massoniche clientelari, sembra essere ignaro che il sistema “emergenza immigrati” è studiato appositamente per far arrivare i soldi pubblici alle associazioni “che si dividono il mercato“ … il mercato dei fondi statali per i centri di accoglienza è enorme … gli stessi inquirenti parlano della “possibilità di trarre profitti illeciti immensi … paragonabili a quelli di altri settori criminali come lo smercio di stupefacenti. Ricordiamo l’intercettazione di Salvatore Buzzi, numero uno della cooperativa “29 giugno” e braccio operativo di “Mafia Capitale”: «Tu c’hai idea quanto ce guadagno sugli immigrati? Il traffico di droga rende meno».

Per la “cupola” di Roma gli inquirenti lo chiamavano “Sistema moltiplica immigrati “: «La gestione dell’emergenza immigrati è stato un ulteriore terreno, istituzionale ed economico, nel quale il gruppo riconducibile a Buzzi si è insinuato con metodo eminentemente corruttivo, alterando per un verso i processi decisionali dei decisori pubblici, per altro verso i meccanismi fisiologici dell’allocazione delle risorse economiche gestite dalla P.A.».

Quindi le oligarchie euro-atlantiche producono denatalità, indotta da recessione e disoccupazione, poi intervengono ad alimentare i flussi migratori con la continua destabilizzazione imperialistico militare, scaricandone i costi sull’Europa ed operando una vera mutazione etnica, per cui i cittadini abituati alla tutela dei loro diritti sociali e civili, conquistati col sudore della fronte e con il proprio dna storico, verranno sistematicamente sostituiti dai nuovi sudditi, migranti disperati ed assuefatti ad ogni sorta di sfruttamento.

Intanto con gli impulsi depistanti delle varie agenzie d’influenza ci vogliono convincere a sedare i sintomi senza curare le cause, dato che la loro funzione non è minimamente quella di informare sulla verità dei fatti, ma naturalmente come pitbull bene addestrati, tutelare con le loro fandonie il mantenimento dell’establishment al potere. Quindi il gossip deve sostituire l’indagine oggettiva, e la vicenda del burkini, dei corpi fasciati delle donne islamiche contro i corpi nudi delle donne occidentali sarebbe il vero problema. Non certo quello dell’alienazione sistematica dei diritti e dell’assoluto asservimento del tessuto sociale al volere dispotico del capitalismo contemporaneo.

Quale morale dunque nell’attuale società liquida, se non la morale dei signori contro la morale degli schiavi? Friedrich Nietzsche dice ancora in “Al di là del bene e del male”: “Vagabondando tra le molte morali, più raffinate e più rozze, che hanno dominato fino a oggi o dominano ancora sulla terra, ho rinvenuto certi tratti caratteristici, periodicamente ricorrenti e collegati tra loro: cosicché mi si sono finalmente rivelati due tipi fondamentali e ne è balzata fuori una radicale differenza.

Esiste una “morale dei signori” e una“morale degli schiavi” – mi affretto ad aggiungere che in tutte le civiltà superiori e più ibride risultano evidenti anche tentativi di mediazione tra queste due morali e, ancor più frequentemente, la confusione dell’una nell’altra, nonché un fraintendimento reciproco, anzi talora il loro aspro confronto persino nello stesso uomo, dentro “la stessa” anima. Le differenziazioni morali di valore sono sorte o in mezzo a una stirpe dominante, che con un senso di benessere acquistava coscienza della propria distinzione da quella dominata – oppure in mezzo ai dominati, gli schiavi e i subordinati di ogni grado. Nel primo caso, quando sono i dominatori a determinare la nozione di«buono», sono gli stati di elevazione e di fierezza dell’anima che vengono avvertiti come il tratto distintivo e qualificante della gerarchia.”

Naturalmente Nietzsche stava dalla parte dei signori e non certo da quella degli schiavi …

Rosanna Spadini

Fonte: www.comedonchiosciotte.org

21.08.2016

Pubblicato da Davide

  • PietroGE

    Idealmente il superamento della dicotomia : morale dei signori e morale degli schiavi si può ottenere con la Legge Morale di origine divina, ma questo non può essere il caso di Nietzsche, per il quale Dio è morto, o il caso di una società secolarizzata; oppure in uno stato ideale con l’applicazione dello ‘stato di diritto’ secondo il quale tutti gli uomini sono uguali di fronte alla legge, anche se questo concerne solo la morale scritta. Questo però presuppone uno stato non corrotto e mafioso come quello italiano oppure non dominato dalle lobby come è oggi il tipico stato europeo più gli USA.

    Aggiungo solo all’articolo che condivido :

    – La responsabilità gravissima della chiesa (cattolica e non) in questa invasione che sta sconvolgendo l’Europa e che metterà a rischio non solo la sua influenza nella società, ma la sua stessa esistenza.
    -La responsabilità di una classe intellettuale accecata di ideologia che non riesce più a distinguere il reale dalle sue patologiche fantasie.
    -La responsabilità dei media che si fanno servi delle lobby al potere.

  • 1Al

    Secondo me Nietzsche non stava né dalla parte dei signori (intesi come classe dirigente ricco borghese), Né dalla parte degli schiavi. La sua presumibile Elite, sarebbe composta dai superuomini per intelletto e morale (eroica). Chiusa la premessa, quello a cui stiamo assistendo oggi, non ha niente a che vedere con religione, morale o intelletto, ma è solo un immenso turbinio di fantocci al servizio del grande progetto. Ormai la storia è finita, quel che resta è solo un mondo alienato dal suo stesso nichilismo cosmico. 

  • Rosanna

    Hai ragione 1Al … infatti ho semplificato il tutto, anche per non rendere moralistico né il pensiero di Nietzsche, che è lontano anni luce da un’analisi moralistica dell’umanità, né la mia tesi, che appunto non vuol demonizzare gli artefici del disastro odierno, ma vuol solo riflettere sugli eventi.


    In realtà mi ha sempre colpito questa perfetta coincidenza che Nietzsche fa tra il concetto di "buono" e quello di "signore", inteso certo come ubermensch (oltreuomo), energico, capace, superiore, diverso, altro … colui che va oltre le consuete relazioni antropologiche ed è in grado di rinnovare i valori e la stessa morale umana. 

    Così come i «cattivi» apparterrebbero ad "una massa di uomini subordinati, impotenti, che non possiedono alcun sentimento di essere una comunità. I buoni sono una casta, i cattivi una massa, come polvere." 

    Il pensiero di Nietzsche quindi va oltre le comuni concezioni di "buono" e "cattivo", è un pensiero potente, forte, vigoroso … che stravolge il comune sentire. Per di più critica aspramente il Cristianesimo per aver indebolito l’umanità, rendendola troppo umile e succube nei confronti delle sfide etiche da affrontare ed esalta la volontà di potenza. 

    Una bella conferenza di Marco Guzzi 

  • Rosanna

    Sono d’accordo … le responsabilità sono tante, e tanti sono i soggetti implicati:

    – lo stesso Presidente della Repubblica che è diventato il rappresentante non tanto del popolo italiano e della Costituzione, quanto delle lobby affaristiche
    – la Chiesa che si è ridotta a svolgere la funzione di un migrantificio, dato che ne ricava  enormi risorse 
    – la casta politica corrotta e mafiosa, che si è lasciata dominare dal volere imperiale degli Usa, senza mai opporre un minimo scatto di orgoglio nazionale
    – gli organi di informazione, completamente asserviti ai potentati d’interesse 
    – le istituzioni repubblicane, che hanno smesso di difendere gli interessi di uno stato fantasma, ormai quasi completamente dissoltosi nel disordine del mercato
  • mago

    E`in atto il genocidio del popolo italiano su commissione,le conseguenze saranno devastanti fra max 10 anni se ci saremo ancora per vedere,la colpa è anche nostra.

  • gix

    Il problema della morale, ammesso che esista una cosa con le caratteristiche che noi attribuiamo a questo concetto, è che è soggettiva; ognuno ha la morale del proprio punto di vista. Quindi in realtà non esiste un giusto e sbagliato in assoluto, se non quello di Dio, per chi lo vuole, esiste solo una continua lotta e susseguente patteggiamento tra punti di vista e concezioni differenti della vita. Di conseguenza, mi chiedo anche se sta storia del libero arbitrio abbia poi il valore che le viene attribuito, e non sia in realtà sopravvalutata. Le regole che noi accettiamo per vivere in questo sistema non sono giuste o sbagliate, sono patteggiamenti tra varie manifestazioni di libero arbitrio, che non si sa bene in cosa poi consistano e che scopo abbiano. I potenti che manovrano il sistema se ne fregano di queste cose, lo hanno ampiamente dimostrato nei secoli, e  lasciano questi contorcimenti mentali sulla morale e sul bene e male a noi poveri che ci crediamo. Ci sarebbe da chiedersi se non sia il caso di cominciare a ragionare cercando la vera libertà, quella che il colonnello Kurtz definiva libertà anche dalle proprie opinioni, ma l’orrore di una scelta veramente libera sarebbe troppo grande in una società buonista e "bonificata" come la nostra occidentale.  

  • gaia
    Come può una simpatizzante del M5* prodursi in simili esternazioni?
    Lo stesso movimento che politiche adotta per ovviare a dette azioni?
    Potrà anche non rispondermi, dal momento che rientra nella sua libertà, ma ci vuole un minimo di coerenza, cosa che non ritrovo minimamente nei cri cri, non si può predicare una cosa e farne un’altra. Tale operato non distingue da coloro che si critica.
  • gaia
    Siamo alle solite!!!!!!!
    Ma il singolo cittadino cosa può fare?
    Per quel che mi riguarda ho la coscienza in pace.
  • gix

    Cara Gaia, non so cosa ne pensa la Rosanna, ma intanto una domanda è d’obbligo: quale è il senso del tuo commento e su cosa si basa? Ti risulta che il M5S sia implicato in questioni inerenti alle malefatte finora gestite dai centri di potere sopra indicati? Per quanto riguarda la coerenza spesso nemmeno il padre eterno ne dimostra abbastanza a questo mondo, o meglio siamo noi che non riusciamo a comprenderla, per cui mi sorprenderebbe se il M5S si dimostrasse assolutamente coerente su qualunque argomento, sarebbe una cosa innaturale.

  • giannis

    Sono almeno 60 anni che il popolo italiano non prova  sofferenza , poverta’ e guerra ……ci sta che arrivera’ cosi’ ci svegliamo e torniamo con  i piedi per terra

  • clausneghe

    Ecco, i 466 bambini morti dilaniati dai pezzi di ferro che dice la Spadini sono responsabilità diretta di Renzi e del suo governo di manigoldi che non esita a spacciare bombe made in Italy ai barbari Sauditi che poi le riversano su tutto quel che si muove in Yemen.

    Il Paese più povero del vicino Oriente, non dimentichiamolo.
    Questi dannati infernali ipocriti, nel mentre mettono in galera chi spaccia droga o coltiva piante di canapa, attività senza dubbio meno cruente dei bombardamenti demon-cratici,
    vendono impunemente per quattro soldi ordigni di morte ai trogloditi con la tovaglia da pic-nic in testa, che loro, i barbari Arabi, non saprebbero nemmeno costruire, non sanno fare un cazpo, senza l’aiuto interessato dei criminali d’occidente, tipo il nostro Renzi o il transalpino Hollande o la crucca Merkel…
    Sono loro, i personaggi che vediamo in TV osannati, riveriti e adulati dai prostituti del mainstream, i veri responsabili dei macelli di donne e bambini.
    Invito a riflettere su come le armi, sempre più spaventosamente tecnologiche e costosissime alla fine ottengano dei risultati miserabili e vergognosi, come le morie di civili e animali totalmente innocenti, sappiatelo.
    Vergogna per i politici ma anche per i militari, veri parassiti idioti dannosi e sanguinari.
  • Rosanna

    Mi dispiace gaia ma la tua logica e la tua coerenza dialettica non corrispondono  minimamente alla mia, né a quella del programma dei 5 stelle, quindi non credo che potremo intenderci ….

    sono proprio due logiche antitetiche e opposte, ed equivalgono alla dicotomia esistente tra la logica del comune sentire e quella proposta dall’ubermensch di Nietzsche …
  • Rosanna

    Hai ragione gix sul libero arbitrio … anch’io non credo che abbia molto potere nella vita di ognuno di noi, così come ci è stato tramandato dalla nostra cultura occidentale, anzi credo che al contrario la vita corrisponda ad una serie di casualità dettate da diversi agenti pienamente interessati a condizionarci: educazione familiare, formazione scolastica, cultura della tradizione, condizionamenti culturali, politici e  religiosi  …  


    alla fine al libero arbitrio cosa resta ??


  • Rosanna

    clausneghe hai detto tutto quello che serviva … non posso che condividere !!

  • gaia
    Vede gtx io sono anziana e quindi ho vissuto la storia di questo scassatissimo paese dal secondo dopo guerra fino ad oggi e le assicuro che tutti, e sottolineo tutti,  i simpatizzanti e votanti il M5* non sono alieni ma italiani.
    Quindi, a meno di prove tangibili contrarie, sono responsabili in toto del degrado sociale, morale, politico, economico e quant’altro ed a nulla vale cambiare il nome della formazione politica a cui s’intende partecipare se prima non si fa chiarezza nel proprio intimo, Nietzsche o non Nietzsche,
    Solo dopo una catarsi in tal senso, cosa che non ha fatto Grillo ne Roberto Casaleggio, addirittura il primo aveva dichiarato di essere "stanchino" e di "far un passo laterale perché i ragazzi devono camminare da soli", dicevo, solo dopo ci si può proporre come guida di una nazione, ma a quel punto si è trasparenti come acqua di sorgente, io invece vedo solo inchiostro e di ciò che affermo ne ho prove materiali.
    Fermo restando che condivido la teoria di valori che Rosanna ha esposto nel commento che ci ospita.
    Spero di essere stata esaustiva e rimango comunque a disposizione per ogni altra ed eventuale.
    Ringrazio Rosanna per la risposta, non importa il tono che veicola ma se si pretende rispetto bisogna prima darlo.  
  • gaia
    Pur se è mancato di tatto nei miei confronti mi sento l’obbligo di contro-commentare.
    Lei è stato molto più cruento della sottoscritta nei confronti di Rosanna perché  questa non ha ancora consapevolizzato che tanto è responsabile il ladro, chi tiene il sacco e chi fa il palo, quindi se il governo si è sporcato le mani del sangue di bambini, per antonomasia innocenti, lo stesso gronda anche da quelle di coloro che li permettono di azionare le leve del potere.
    Alla luce mi chiedo la Nostra è ingenua od inconsapevole? Eventualmente c’è differenza tra i due stati d’animo? A cosa le serve tutta la nozionistica che continuamente sfoggia in questo forum?
    Non basta! Si meraviglia che ci siano individui che contestano e prendano le distanze dal M5*. 
  • mago

    Gaia..si prepari..la storia insegna e questi non hanno mai fatto tesoro di quanto in passato sbagliammo e facemmo cose assurde ed orribili.

  • gix

    Vede Gaia, anche io è un pò che sto sulla piazza e qualche cosa, anche non volendo, ho visto e, forse, imparato. Se la mette sul piano che come italiani siamo tutti colpevoli, allora le potrei dire che come esseri umani siamo tutti colpevoli di quello che accade a questo mondo, se non altro perché abbiamo tutti un peccato originale da scontare. Ma non mi sembra che siano da condividere certe affermazioni strumentali basate solo su impressioni e sul sentito dire. Se ha una certa esperienza di mondo, come me, mi permetto di suggerirle di verificare direttamente le prove materiali che lei sostiene di avere, non fermarsi ad una valutazione magari anche giusta, ma superficiale. Se c’e una cosa che con l’età si impara, penso proprio che si possa individuare nella mancanza di coerenza del genere umano. Basterebbe che la gente del M5S avesse un po’ di buon senso, sarebbe già più che sufficiente, mi creda   

  • giannis

    Esatto

  • gaia
    Il buon senso è materia esaurita.
    L’ho scritto più di una volta in questa sede che le prove dell’insussistenza della buona fede e dello spessore morale degli appartenenti al Movimento sono in mio possesso.
    Quanto ad Adamo ed Eva è partito troppo lontano!
    Sono l’unica, a quel che mi risulta, che ha attinto i massimi rappresentanti delle istituzioni con mails di dissenso, s’immagina se altrettanto, compreso lei e la signora Rosanna, lo avessero inverato anche i 50 mil. di cittadini italiani maggiorenni?
    Cosa sarebbe successo se i 160 esponenti parlamentari dei cri cri appena eletti si fossero schierati davanti all’ingresso di Montecitorio impedendo l’ingresso a chicchessia? Gli avrebbero forse arrestati?
    gix, se si hanno intenzioni serie strumenti per arrivare al risultato ce ne sono a iosa, innanzi tutto servono le @@. 
    A rileggerla.
  • egenna

    Condivido e quoto Gaia.

    Cordiali saluti
  • egenna

    Pensa veramente ci sia bisogno di sofferenza!?,il "buon senso" espresso qualche post sopra da Gaia non sarebbe sufficente?

    Cordiali saluti
  • egenna

    Pensa veramente ci sia bisogno di sofferenza!?,il "buon senso" espresso qualche post sopra da Gaia non sarebbe sufficente?

    Cordiali saluti