Home / ComeDonChisciotte / LA GUERRA LAMPO DEI FRATELLI RENZI
14784-thumb.jpg

LA GUERRA LAMPO DEI FRATELLI RENZI

DI MARCO TRAVAGLIO

ilfattoquotidiano.it

Nessuno ha il coraggio di dire “guerra”: ma è questo che stiamo per fare in Libia. L’ennesima guerra. Difficile camuffarla da “missione umanitaria”, o da “esportazione della democrazia”, o da “soccorso dei civili” – le supercazzole escogitate per le guerre degli ultimi vent’anni, tutte con esiti catastrofici. Quindi se ne sta cercando un’altra sufficientemente ambigua, per nascondere l’orrore e fregare la gente dei paesi coinvolti. O meglio, dell’unico paese che ha già fatto sapere con certezza che parteciperà: l’Italia. Quanto agli altri, si parla di Gran Bretagna, Francia, Spagna, Malta (mai più senza), ma è tutto da vedere.

Così come un altro trascurabile dettaglio: contro chi la facciamo, questa guerra? Contro la Libia del governo islamico di Tripoli, che nessuno riconosce? Contro la Libia del governo in esilio di Tobruk? Contro qualche tribù sfusa? O contro l’Isis, che in Libia non schiera truppe regolari sul campo, ma solo miliziani libici autoarruolati in franchising e nascosti ciascuno in casa propria? Si vedrà, le nostre volpi del deserto – Renzi, Mogherini, Pinotti e persino Alfano, trust di cervelli mica da ridere – ci faranno sapere. Forse. Intanto la Mogherini è andata all’Onu, molto celebrata dai giornali italiani manco fosse il generale Rommel, e ha chiesto un mandato per destroy: affondare i barconi degli scafisti che traghettano i profughi da un capo all’altro del Mediterraneo. Russi e americani, eccezionalmente compatti di fronte a tanta insipienza, le hanno riso in faccia. Destroy se lo levi dalla testa: la Libia è uno Stato sovrano, anche se momentaneamente dotata di una mezza dozzina di governi, e difficilmente consentirebbe atti di guerra senza reagire. Allora la Mogherini ha spiegato che vuole “destroy the business model”, il modello operativo dei trafficanti. Altre risate rabelaisiane: se non è zuppa è pan bagnato.

Ora si cerca un compromesso sul verbo dispose: genericamente “eliminare” non si sa bene cosa, dove e come. I russi ricordano che nel 2011 la Nato ebbe il mandato di aiutare i civili libici e poi lo usò per rovesciare Gheddafi, con il bel risultato che sappiamo. C’è poi un’altra questioncella: Tobruk non vuole che l’Onu chieda il permesso a Tripoli, altrimenti riconoscerebbe un governo illegittimo; ma senza l’ok di Tripoli non si può fare nulla, a meno di entrare in guerra con la Libia, cioè di autorizzare una missione di terra, con migliaia di uomini e costi miliardari, molto superiori a quelli dell’accoglienza dei profughi.

L’ipotesi è radicalmente esclusa da Russia, Usa e paesi del Golfo Persico. L’ultima trovata è mandare nei porti gli incursori dell’Esercito e della Marina per sforacchiare i barconi degli scafisti, che le nostre volpi del deserto continuano a chiamare “nuovi schiavisti”, incuranti del fatto che gli schiavisti costringevano gli africani a lasciare i loro paesi per imbarcarsi a forza verso l’Europa o le Americhe, mentre gli scafisti trasportano africani e asiatici che vogliono a tutti i costi emigrare in Europa. Dunque, per quanto spregevole, il loro mestiere risponde a una precisa domanda di mercato che, finché esisteranno guerre e carestie che mettono in fuga le popolazioni, qualcuno dovrà soddisfare. Per ogni barcone bucato o distrutto, ne verranno costruiti altri dieci, magari ancor meno sicuri e dunque vieppiù pericolosi. C’è poi un problemuccio pratico che nessuno dei nostri strateghi ha ancora considerato. Fermo restando che, prima di distruggere un barcone, bisogna sincerarsi che sia vuoto per evitare di fare stragi ancor più devastanti di quelle che si dice di voler prevenire, come si fa ad accertare con satelliti e droni di ricognizione che un barcone che dall’alto sembra vuoto non è pieno di migranti nascosti nella stiva? E come si fa a distinguere un barcone di migranti da uno di pescatori, visto che spesso gli scafisti sono pescatori che arrotondano il magro stipendio e usano, per pescare e per trasportare, gli stessi natanti? Resta poi da spiegare come si possa impedire a un profugo in fuga da un paese in guerra, dunque con diritto d’asilo, di imbarcarsi per un Paese che lo conceda secondo tutte le leggi internazionali. Ma questi, com’è noto, sono i sofismi dei soliti gufi che vogliono impedire al Caro Premier di tirare diritto per il Bene della Nazione, anzi dell’Umanità.

Basterà qualche minuscolo accorgimento per sistemare tutto. In luogo degli sgradevoli destroy e dispose, l’Italia potrebbe suggerire all’Onu di usare il verbo riddle: letteralmente “bucherellare”, ma anche “indovinello” e “parlare per enigmi”. Il modello è quello del trattato italo-etiopico siglato nel 1889 a Uccialli dal nostro ambasciatore col negus Menelik, che diceva cose opposte nelle versioni in lingua italiana e in lingua amarica: nella prima l’Etiopia diventava un protettorato italiano e la politica estera del Negus la decideva il nostro governo; nella seconda, Menelik poteva fare di testa sua quando pareva a lui. Una furbata che consentiva a entrambi i governi di presentarsi come vincitori agli occhi dei rispettivi popoli. Poi – sfumato l’effetto annuncio – fra Roma e Addis Abeba riesplose la guerra. Ma i nostri strateghi sembrano ispirarsi anche al film La guerra lampo dei fratelli Marx, con Groucho protagonista nei panni del capo del governo di Freedonia, Rufus T. Firefly, un dittatorello pazzo, arrogante e anarchico che, dopo aver imposto una serie di leggi demenziali, fa scoppiare un conflitto con la vicina Sylvania. Celebre e attualissima la battuta: “Può essere che Chicolini parli come un idiota e abbia una faccia da idiota. Ma non lasciatevi ingannare: è veramente un idiota”.

Marco Travaglio

Fonte: www.ilfattoquotidiano.it

16.05.2015

Pubblicato da Davide

  • Servus

    Per la prima volta sono d’accordo con Travaglio, ma diciamolo ancora più chiaro:

    Può essere che Renzi parli come un idiota e abbia una faccia da idiota. Ma non lasciatevi ingannare: è veramente un idiota.

    Può essere che la Mogherini parli come una idiota e abbia una faccia da idiota. Ma non lasciatevi ingannare: è veramente una idiota.

    Può essere che Alfano parli come un idiota e abbia una faccia da idiota. Ma non lasciatevi ingannare: è veramente un idiota

    E di seguito per tutto il governo e tutti i PDioti.
  • RicardoDenner

    Il problema è di facile soluzione ma di difficile applicazione..

    Se i migranti non si vogliono andrebbero respinti senza tante delicatezze…
    Se invece vogliamo coniugare sicurezza e diritti umanitari saremo semplicemente trasformati in territorio di scontri tra bande ..che anelano al potere che noi abbiamo gettato via..
    Non credo che esista soluzione oltre la prima che ho detto per evitare l’invasione..per cui prepariamoci a lunghi anni di scontri e lotte modello caduta dell’Impero Romano..
    Poi..alla fine qualcuno tornerà al comando..e la legge verrà ristabilita..una legge..ma quale che sia..non è dato saperlo..per ora..
  • kefos93

    @ Servus

    @  RicardoDenner

    Sono più di trenta anni che chiediamo una legge che dica che chi cerchi di entrare in Italia, senza visto, sarà abbattuto !

    State tranquilli,,,,, il Vaticano ( e vedrai che  lo impediranno, Cardinali, vescovi, preti, monache e diaconi e diaconesche ) !!!

    Perchè non vadano dai due Papi ?

    Perchè pensate che non leggano Internet ?
    Mi vien da ridere !

  • FlavioBosio

    "Fermo restando che, prima di distruggere un barcone, bisogna sincerarsi che sia vuoto per evitare di fare stragi ancor più devastanti di quelle che si dice di voler prevenire, come si fa ad accertare con satelliti e droni di ricognizione che un barcone che dall’alto sembra vuoto non è pieno di migranti nascosti nella stiva?"


    Premesso che droni e satelliti sono anche dotati di infrarossi e che dei corpi ammassati emettono una gran quantità di calore (finché respirano), molto banalmente si possono confrontare due o più fotografie riprese dal porto per valutare la linea di galleggiamento ed il pescaggio, e dato  che oggi qualsiasi smart phone é dotato di fotocamera non serve molta intelligence per acquisire le suddette informazioni a differenza del secolo scorso, esistono anche microfoni e georadar ad immersione..

  • cavalea

    "Destroy se lo levi dalla testa: la Libia è uno Stato sovrano, anche se momentaneamente dotata di una mezza dozzina di governi, e difficilmente consentirebbe atti di guerra senza reagire".


    Bene, la Libia è uno stato sovrano; ma lo era anche quando governava Gheddafi, e sembra non si siano fatti troppi scrupoli gli esportatori di democrazia quando hanno deciso di abbattere il regime.

    Quindi la sovranità emerge ora, giusto per ostacolare lo stop all’invasione che ha assunto caratteri apocalittici.


  • 1Al

    Spezzeremo le reni alla Libia.

    Un’accozzaglia di dementi alla corte del supercazzolaro. 
  • Evitamina

    Il perché non lo so, ma ci sono nomi che contano di più.

    Questo è uno di quelli 
    Come Don Chisciotte – "LEGALIZZARE L’IMMIGRAZIONE", LO ORDINANO I ROTHSCHILD