Home / ComeDonChisciotte / LA GRECIA E LA NATO
15015-thumb.jpg

LA GRECIA E LA NATO

FONTE: SPUTNIKNEWS.COM

Con la Grecia barcollante sull’orlo di lasciare la zona euro, esperti di tutti i tipi hanno discusso le implicazioni di sicurezza di Grexit, tra cui il rapporto di Atene con la NATO. Mentre oppositori sostengono che la geopolitica dietro Grexit “è in realtà piuttosto un argomento noioso”, altri avvertono che le implicazioni per il blocco potrebbe essere molto più gravi.

Grecia Finita? In Finlandia i Parlamentari vogliono che la Grecia inizi a ritirarsi dalla zona euro.

Nel corso degli ultimi 15 giorni,i media degli Stati Uniti ed europei si sono impegnati a riflettere sulle implicazioni della Grexit per la sicurezza europea, in particolare per quanto riguarda la NATO. A seguito di una sfuriata iniziale di panico e di allarme per la NATO in angoscia di perdere il suo avamposto nel Mediterraneo in direzione di Mosca,e prima di essere inondati da immigrati, il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha esortato alla calma, notando che i Greci “non hanno collegato i problemi interni dell’Unione europea e l’euro con il loro forte impegno per la NATO “, e aggiungendo che Atene resterà” un partner fedele”.

L’influente notiziario USA nonché pubblicazione di analisi geopolitica Foreign Policy ha fatto eco al tono di Stoltenberg, spazzando via i timori sulla sicurezza con una recente notizia in prima dal titolo “La geopolitica di una Grexit è in realtà cosa piuttosto noiosa.” Il pezzo, scritto dall’ex membro dell’European Council on Foreign Relations Senior Policy Dimitar Bechev, sostiene che “quelli angosciati che una partenza greca dalla zona euro scatenerà un’ondata di migranti e spedirà Atene tra le braccia di un Putin in attesa dovrebbero calmarsi,” sottolineando che “niente di tutto questo sta per accadere.”

Bechev afferma che gli argomenti “allarmisti” sulla Grecia hanno trasformato il paese, “un elemento periferico dell’Occidente che rappresenta solo il 3 per cento del Pil della zona euro, in un paese fondamentale.”

Inoltre, respingendo gli argomenti sul pericoloso “flirt con la Russia,” Bechev postula che in realtà, la “mossa russa,” volta a fornire la coalizione di Syriza con “un certo spazio di manovra” in rapporto a Bruxelles e Berlino, ha “omesso di pagare”.

Per quanto riguarda l’ importanza geopolitica della Grecia, Bechev rileva che le considerazioni geopolitiche non hanno realmente dato al paese “un respiro di molti chilometri nei colloqui sul debito”, aggiungendo che “anche se Atene avesse voluto fomentare problemi -e ci sono pochi segni che lo farà – ha davvero poco potere di fare realmente così “.

In definitiva, secondo l’analista, la Grecia è e resterà improbabile affondatore della barca su uno dei principali problemi di sicurezza e di politica estera dell’Europa, dalle sanzioni anti-Russia, per il patto commerciale USA-UE, financo ai controlli sull’immigrazione.

Cavallo di Troia, o piuttosto collegamento più debole?

Ma la calma e logica analisi di Bechev è contraddetta da altri esperti, non meno spassionati e razionali di lui, tra cui compagni collaboratori di FP e l’ex comandante della NATO James Stavridis, che ha notato in un pezzo precedente di Bechev che, anche se la”arrabbiata, ostile e martoriata nazione “rimane un membro della NATO, potrebbe comunque diventare un membro ostruttivo. Questo, nella visione di Stavridis, sarebbe un problema molto serio per quello che è apparentemente un’organizzazione fondata su base del consenso.

Secondo l’ex comandante della Marina, questo ostruzionismo potrebbe venire al pettine quando arriva il momento per l’organizzazione di prendere decisioni contro le minacce percepite, tra cui la Russia. Ciò potrebbe anche portare a problemi spinosi circa l’uso di basi greche nel Mediterraneo, o la partecipazione di Atene alle missioni militari della NATO.

Politico Europa fa eco all’analisi di Stavridis, notando in un recente articolo che con la NATO “che è solita contare sull’approvazione unanime di tutti i 28 membri per tutte le decisioni importanti, la Grecia, in particolare puntellata con biasimo economico della Russia, potrebbe rivelarsi una delle grandi preoccupazioni per le future manovre dell’Alleanza “per contrastare Mosca. Inoltre, la pubblicazione fa notare che “La clausola di unanimità della NATO si applica non solo alla distribuzione di forze militari, ma anche alle funzioni essenziali giorno per giorno dell’Alleanza, come la vendita di armi e le principali decisioni politiche, come invocato dall’articolo 4 o 5 del Trattato di Washington sul consultare e difendere gli altri alleati. “

A sfidare l’argomento di Bechev che la Grecia non poteva mettere una crepa nei piani della NATO ‘anche se lo volesse’, numerosi analisti hanno citato la storia di Atene ‘di ostacolare decisioni quando necessarie della NATO, vedi dal ritiro a titolo definitivo del paese dalla struttura di comando militare dell’organizzazione nel 1970, dopo l’invasione turca di Cipro, o per la sua condanna della campagna del 1999 di bombardamenti NATO della Jugoslavia, o per i recenti sforzi per bloccare la cooperazione NATO-UE sulla controversia Turchia-Cipro.

Inoltre, anche se Stoltenberg è corretto, e una Atene lasciata al suo destino economico continua ad essere “stretto partner”della NATO, il suo stato impoverito potrebbe probabilmente lasciarlo come anello più debole della NATO. Come ha recentemente sottolineato da The Guardian John Hooper, mentre la Grecia è attualmente uno dei pochi membri della NATO che si attieneall’obbligo di spendere almeno il 2 per cento del suo PIL per la difesa, il collasso economico del paese non solo potrà paralizzare la partecipazione del paese alle missioni della NATO, ma sarebbe anche un segnale di indebolimento del fianco sud-est dell’organizzazione,nel contempo scatenando timori di una Russia in cerca di approfittare della situazione militare.

Effetti a catena economici

Anche se gli scettici fossero corretti, e Mosca dimostra che non ha la volontà politica o i mezzi finanziari per tentare di sollevare la Grecia dal caldo abbraccio della NATO, gli analisti non mancano di notare che la crisi greca ha avuto, ed è probabile che continui ad avere, un effetto a catena sulle economie europee.

In un recente editoriale per Indian Express, Università di Cambridge e professore greco dell’ Università di Cambridge e pubblico Membro di Policy Forum Nikitas Konstantinidis ha sostenuto che “la catena partita da Grexit” potrebbe essere “ancora più dolorosa degli eventi nefasti a seguito del fallimento di Lehman Brothers” nel 2008. Come di conseguenza, Politico Europa osserva che se i soci che si dibattono nella recessione dell’UE dovessero incontrare ulteriori shock economici derivanti da Grexit, questo non è “di buon auspicio per le forze armate della NATO,” spostando il”focus” dei membri della NATO più lontano dalla spesa per la difesa. “

Problemi di sicurezza legati alla crisi dei migranti

Con la Grecia che si trasforma in uno dei principali punti di ingresso per decine di migliaia di africani e mediorientali rifugiati in fuga da guerra e instabilità in tutto il Mediterraneo, gli analisti avvertono che Grexit rischia di avere pure un impatto negativo su questo problema urgente. E mentre l’argomento di Bechev che la Grecia è improbabile che”utilizzi i controlli migratori come arma in una guerra di guerriglia contro l’Europa” cosa ovvia, questo non significa che il collasso economico e la conseguente ricaduta politica e sociale avranno un impatto positivo sulla capacità del paese per controllare il flusso di immigrati.

Come sottolinea Politico Europa, la situazione economica peggiorata seguente al Grexit sarà severamente “Un taglio assolutamente necessario ai finanziamenti
per la capacità della Grecia di tenere traccia dei rifugiati e mantenere la sicurezza dei confini”, che a sua volta “rappresenta un reale pericolo per la sicurezza dei membri della NATO, in particolare per i rapporti che cominciano a filtrare di combattenti dello Stato Islamico tendenti a scivolare in Europa frammisti nell’ ondata di profughi”.

300 spartani

In definitiva, mentre alcuni analisti ora tentano di sminuire l’importanza della Grecia ,nello scenario geografico, economico e di sicurezza politica dell’Europa, altri, tra cui Konstantinidis, sostengono che il paese rimane “un membro del nucleo di alcune dei più grandi blocchi regionali di tutto il mondo.” Pertanto, “le ramificazioni di un potenziale Grexit” sono suscettibili di essere altamente “sproporzionate rispetto al paese con la sua dimensione economica e peso geopolitico.”

Per quanto riguarda la sicurezza transatlantica, il pericolo rappresentato dal Grexit non si limita alle questioni che solleva più di adesione alla NATO della Grecia, o gli effetti a catena di sicurezza causati dal crollo dell’economia greca. Il vero pericolo di Grexit risiede nel fatto che esso serve come un simbolo dello storno delle fortune delle istituzioni transatlantiche ‘nei loro tentativi di costruire e mantenere un ordine politico, economico e militare egemonico in Europa.

Fonte: http://sputniknews.com/

Link: http://sputniknews.com/analysis/20150712/1024528793.html

12.07.2015

Traduzione per www.comeoncisciotte.org acura di ROBERTO MAROCCHESI

Pubblicato da Davide