Home / Cinema / LA FEROCIA LIBERATORIA DE IL CAPITALE UMANO DI PAOLO VIRZI'
12720-thumb.jpg

LA FEROCIA LIBERATORIA DE IL CAPITALE UMANO DI PAOLO VIRZI'

DI CHRISTIAN RAIMO
nazioneindiana.com

Negli anni della sedicente rinascita della commedia (i Brizzi, i Genovese, i Miniero, i Bruno), finalmente un film italiano riprende lo spirito originario della commedia all’italiana – quella ferocia autodiretta e quella disperazione che segnarono (con Il sorpasso e Io la conoscevo bene da una parte dello spettro temporale, e Un borghese piccolo piccolo e La terrazza dall’altra) una specie di controstoria morale del nostro Paese: un’Italia che si disfece del fascismo solo di facciata per reindossarlo immediatamente sotto la maschera della Democrazia Cristiana, diede vita a una borghesia immorale e moralista, si fece vanto del peggior familismo premoderno, e in nome dell’illusione perenne di diventare una nazione adulta si tramutò invece nella patria di un rovinoso infantilismo. Un Paese che uccise i più giovani e i più innocenti – una Adriana Astarelli di Io la conoscevo bene o un Roberto Mariani del Sorpasso – e lasciò sopravvivere chi aveva perduto qualsiasi anima.

Nel Capitale umano di Paolo Virzì la vittima sacrificale è un cameriere che tornando in bici su una strada notturna dopo un ricevimento viene investito da un fuoristrada guidato da non si sa chi. Da qui parte un thriller lento, semplice ma senza sbavature, che racconta le due famiglie di una Brianza immaginaria da cui la sera dopo l’incidente la polizia busserà alla porta per capire cosa è successo: quella dei ricchissimi Giovanni (Fabrizio Gifuni) e Carla (Valeria Bruni Tedeschi) Bernaschi e di loro figlio Massimiliano (Guglielmo Pinelli); e quella medioborghese dell’immobiliarista parvenu Dino Ossola (Fabrizio Bentivoglio) della sua compagna psicologa Roberta Morelli (Valeria Golino) e della figlia di lui, Serena (Matilde Gioli).

Tenuto su da una regia mai leziosa nonostante un uso continuo di dolly e carrelli e di un montaggio quasi a incastro perché funzionale a una sceneggiatura in quattro capitoli di cui i primi tre raccontano, con sovrapposizioni e giochi di specchio, la storia da tre punti di vista diversi (quello di Dino, quello di Carla e quello di Serena), Il capitale umano sembra veramente un film alla lettera eccezionale, un film non italiano verrebbe da dire, o anti-italiano; complice forse la fotografia cupissima dei francesi Jérôme Alméras e Simon Beuflis, e la possibilità data agli attori di recitare secondo una tecnica e uno scopo e non secondo una maniera: Gifuni tira fuori il suo mestiere teatrale (gli accenti gaddiani rimodulati in un ominicchio brianzolo, le mosse elettriche di una psiche implosa) nel dar vita al glaciale Bernaschi, Bentivoglio dà sfogo alla sua vena comica sordiana senza tema di dover dare una tridimensionalità inutile a uno zanni meschinissimo, Bruni Tedeschi usa una specie di understatement inquietante con cui può permettersi di scivolare su qualunque emozione, e Golino è straordinaria nel far leva, unica del gruppo, su un codice naturalistico, proprio per dar corpo al solo personaggio adulto ancora dotato di un cuore. (Meno efficace, ma perché più abbozzato il personaggio, la recitazione di Luigi Lo Cascio, amante intellettuale della signora Bernaschi).

Il ritratto generazionale che Virzì tratteggia di queste due coppie è finalmente impietoso. Feroce e per questo liberatorio. Dopo aver visto per anni film che traboccavano di indulgenza per questa generazione nata tra i ’50 e ’60 (compresi quelli di Bruni o di Virzì stesso), figlia minore di una fierezza politica che s’illuse di cambiare l’Italia e per campare si trovò a ereditare titoli di stato gonfiati e case cadenti da affittare, e finì per darsi in pasto ai Berlusconi, ai suoi epigoni più deprimenti (il leghismo delle fabricchette), o a un postcomunismo che del Pci conservò solo l’ipocrisia. Gente che aveva sbagliato tutto e si faceva scudo però di un’innocenza preventiva; che rimpiangeva un’età dell’oro della contestazione e non sapeva dare uno straccio di educazione ai figli; arricchiti senza merito, traditori se non idioti: per tutti questi Virzì finalmente ha trovato, con l’aiuto di un clinico e luminoso romanzo americano (Il capitale umano di Stephen Amidon rimodellato per i nostri schermi con Francesco Bruni e Francesco Piccolo) le parole per indicare le responsabilità della rovina di un Paese. Quando alla fine Carla Bernaschi guarda in macchina attraverso lo specchio e sentenzia: “Avete scommesso sulla rovina del nostro paese e avete vinto”, suo marito Giovanni giustamente la corregge, ed è come se indicasse direttamente noi spettatori: “Abbiamo vinto, ci sei anche tu”, le (e ci) dice. Nessuno è innocente, cara.
Mentre vedevo il film e pensavo alle demenziali polemiche sulla Brianza, presuntamente dileggiata da Virzì, mi venivano in mente due cose.
La prima, la Cognizione del dolore di Carlo Emilio Gadda. Ecco qual è l’unico paesaggio che può raccontare il disastro spirituale di un’epoca lunghissima come quella di un’Italia sempiternamente fascista: la Brianza messicana di Gadda. Le sue ville, i suoi ricevimenti, le sue fintissime lacrime e falsissime gioie. Virzì avrà pensato, piuttosto che a dileggiare, a trovare come Gadda un détournement degli industrialotti vacui, dei mobilifici Aiazzone. Come è metafisica la Brianza della Cognizione del dolore, anche qui l’astrattezza del luogo è data dal semplice motivo che la crisi globalizzata e la finanziarizzazione dell’economia ha trasformato anche le case, i focolari domestici, in non-luoghi.
La seconda cosa che mi è venuta in mente sono alcune foto del progetto Corpi di reato di Alessandro Imbriaco, Tommaso Bonaventura e Fabio Severo, alcune foto tipo questa:

bonaventura

Questa è un’immagine (*) scattata in uno dei paesini della Lombardia dove i consigli comunali sono stati indagati per infiltrazioni camorristiche e ndraghetiste. Sotto le fondamenta di queste case, sotto questo pratino curato come in una foto di un rendering, le organizzazioni criminali hanno sversato quintali di rifiuti tossici. Ecco la sensazione che si prova vedendo Il capitale umano è la stessa. Che ci sia stata una generazione, vestita bene, che gioca a tennis tutti i venerdì mattina, che è stata complice – se non collusa, silente – con il disastro di una nazione. E che di fronte a certe responsabilità sociali, ora non le si concede altro scampo che la pietà umana o la pena. Incapaci di fare i genitori, perché competitivi contro i propri figli, inetti a dare testimonianza o passare un’eredità morale, edonisti senza libertà, la sola speranza che hanno lasciato è che questi figli siano il più presto possibile in grado di sbarazzarsi dei padri (ucciderli o quantomeno renderli innocui), di diventare orfani, per poter assumersi il compito che la generazione precedente non è nemmeno stata capace di riconoscere come proprio.

Christian Raimo

Fonte: www.minimaetmoralia.it

Link: http://www.minimaetmoralia.it/wp/la-ferocia-liberatoria-de-il-capitale-umano-di-paolo-virzi/

11.01.2014

Precisazione dell’utente “mapi” estrapolata dai commenti all’articolo “Buccinasco, dove è stata scattata la fotografia, conta circa ventiseimila abitanti. Non lo definirei “paesino”. La caratteristica delle infiltrazioni mafiose in Lombardia, le stesse che hanno permesso a molti imprenditori edili e non edili, sindaci e funzionari pubblici, di arricchirsi illegalmente, è che hanno interessato e interessano tutt’ora comuni di ampie dimensioni, con posizioni strategiche nell’Hinterland milanese”.

Pubblicato da Davide

  • tersite

    Speriamo bene! Poche cose incidono, cararatterizzano e alfabetizzano come il cinema. Sono sopravvissuto, senza vederne un solo fotogramma, a tutti i Pieraccioni, i Vanzina e i Zalone di questi anni, mi auguro che ciò sia valso a qualcosa.

  • lucamartinelli

    Le polemiche sono appena iniziate. Staremo a vedere, soprattutto dopo avere visto il film. Ma, a pelle, penso che la descrizione del regista sia molto vicina alla realtà. Le caratteristiche dei brianzoli, ma soprattutto dei comaschi sono già ampiamente emerse in libri scritti dal dopoguerra ad oggi che hanno raccontato e indagato gli ultimi giorni di Mussolini. Questa gente non ne esce proprio bene. Anche la giudice Boccassini ha denunciato la incredibile omertà dei "lumbard" di fronte alla criminalità organizzata, soprattutto calabrese. Non è un mistero che detta criminalità abbia messo radici profondissime in Lombardia e la colpa non è del solo Maroni, che da ministro dell’Interno ha chiuso tutti e due gli occhi. Il fenomeno data dal dopoguerra, col disonesto metodo fascista del soggiorno obbligato. Così i politici di allora hanno dato la possibilità ai loro amici mafiosi di prendersi anche il nord. Consiglio il libro  "Metastasi" di Nuzzi.

  • consulfin

    racchiudendo il marcio in recinti geografici non ne usciamo fuori. Questi "mostri" si ritrovano dappertutto. Nella fattispecie, l’articolo mi fa venire in mente, non so perché, la terra cosiddetta dei fuochi.
    L’arrichimento personale è un cromosoma fondamentale del capitalismo (lo sapeva bene "persino" Adamo Smith): gli da la forma e ne regola il funzionamento. E lo sfilacciamento del tessuto sociale, che porta all’"ognuno per se" è una logica conseguenza della tendenza all’arricchimento personale.
    O combattiamo per uscire dal sistema o è inutile fare le verginelle scandalizzate.