Home / ComeDonChisciotte / LA CRISI D’EUROPA IN 80 SLIDES
11914-thumb.jpg

LA CRISI D’EUROPA IN 80 SLIDES

DI MAURIZIO BLONDET

effedieffe.com

Tra i «think-tank» fasulli e «fondazioni culturali» senza idee, che non hanno dato segno di attività intellettuale ancorché ampiamente irrorate di denaro pubblico (tipo «ItalianiEuropei» di D’Alema, o la fantomatica «FareFuturo» dello scomparso Gianfranco Fini), abbiamo il piacere di presentare il solo vero think-tank italiano: «Scenari Economici». Conosco personalmente il ristretto gruppo di lavoro che la compone, ne ammiro la competenza, l’onestà intellettuale e il realismo: sono, del resto, tutti dirigenti innovativi che operano nell’economia reale, facendo onore al nome italiano all’estero.«Scenari Economici» intende fare ciò che fanno i «serbatoi di cervelli» nei paesi dominatori: elaborare pensiero originale, e fondato su dati concreti, da offrire al ceto politico e agli uomini di governo, senza distinzione di schieramento, per cambiare la situazione corrente. La situazione corrente italiana è evidente a tutti: una crisi gravissima, epocale, in cui «la politica» non sa dare risposta alcuna. La «politica» italiana è essenzialmente decerebrata, ideologicamente dipendente dal «pensiero unico» elaborato a Washington e Bruxelles, troppo occupata da interessi minimi immediati, ed esclusivamente intesa alla propria sopravvivenza. «Scenari Economici» prova ad alzare il livello della proposta politica.

Per esempio, lavorando un anno intero, ha identificato con un’elaborata analisi, una per una, le voci di spesa pubblica concretamente da tagliare. Un’altra paradossale proposta del Think Tank: cassare l’intera, furbesca, mostruosamente proliferante legislazione italiana, e sostituirla integralmente con la legislazione del vicino Canton Ticino: cosa che si può fare immediatamente, dato che i testi sono già nella nostra lingua. Sarebbe il «passaggio-lampo» nel regno del diritto, da cui ci siamo del tutto allontanati in questi decenni.

«Scenari Economici» ritiene necessario ed urgente recuperare la sovranità monetaria, ed è in grado di offrire il progetto per l’uscita ordinata dall’euro, e la contestuale ristrutturazione del debito. Un vero programma di governo, severo ma che fornisce prospettive reali per uscire dalla depressione economica (e mentale) e ritrovare la strada perduta. Personalmente, io sarei ben lieto se gli operatori del Think-tank diventassero ministri con l’incarico di attuare il programma di «Scenari Economici». Mi sentirei in buone mani.

Maurizio Blondet
Fonte: www.effedieffe.com
Link: http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=258558:la-crisi-deuropa-in-80-slides&catid=83:free&Itemid=100021
27.06.2013

Slide2 Slide3 Slide4 Slide5

Slide6 Slide7 Slide8 Slide9 Slide10 Slide11 Slide12 Slide13 Slide14 Slide15 Slide16 Slide17 Slide18 Slide19 Slide20 Slide21 Slide22 Slide23 Slide24 Slide25 Slide26 Slide27 Slide28 Slide29 Slide30 Slide31 Slide32 Slide33 Slide34 Slide35 Slide36 Slide37 Slide38 Slide39 Slide40 Slide41 Slide42 Slide43 Slide44 Slide45 Slide46 Slide47 Slide48 Slide49 Slide50 Slide51 Slide52 Slide53 Slide54 Slide55 Slide56 Slide57 Slide58 Slide59 Slide60 Slide61 Slide62 Slide63 Slide64 Slide65 Slide66 Slide67 Slide68 Slide69 Slide70

Slide71 Slide72 Slide73 Slide74 Slide75 Slide76 Slide77 Slide78 Slide79

Fonte > Scenari Economici

Pubblicato da Truman

  • albsorio

    Per la moneta, qualunque essa sia, deve essere emessa dallo Stato, senza debito, attraverso una BC statale, va anche abolita la riserva frazionaria per le banche. —- Dove trovare i soldi per lo Stato/investimenti, prima di fare altri debiti direi di provare a recuperare i soldi della elusione fiscale delle slot machine oppure evitare di comprare dei cessi di aerei intercettori, non ultimo recuperare sia il senso di “la legge è uguale per tutti” assieme ai 545 miliardi che Equitalia sembra non poter o dover riscuotere:—-> http://www.articolotre.com/2013/06/equitalia-non-riscuote-545-miliardi-evasi-da-contribuenti-top-secret/183067

  • siletti86

    Spero vivamente che qualcuno riesca a coinvolgere Bagnai!

  • Noumeno

    tuto sto casino per dire di mettere una patrimoniale sullo stato ? questi lo dicono pure i liberisti, se la crisi e ‘ stata creata dai privati che la paghino i privati

  • yago

    La burocrazia è diventata un mostro che distrugge tutto. Se non si butta al mare la marea di regole assurde e gli stupidi ostacoli che bisogna superare per fare qualsiasi cosa , nessuno farà piu’ niente.
    Il mostro è diventato invincibile e tentare di combatterlo è un’impresa persa in partenza , conviene quindi arrendersi e farsi passare ogni voglia di fare. I politici non fanno nulla, tranne chiacchere, e non si renderanno mai conto di come la burocrazia riesca a scoraggiare qualsiasi iniziativa. Gli uffici complicazioni affari semplici si sono moltiplicati a dismisura e tutti vogliono la loro parte.
    Se non fosse uno scenario tragico, sarebbe ridicolo.

  • Tetris1917

    Uscire dall’euro allo stato attuale, significa collassare al 101%. Chi predica il contrario non e’ un’economista serio.

  • Shivadas

    vergognati e informati

  • nigel

    Rimanere nell’Euro significa però morire. Scegli

  • castigo

    dopo l’evidenza dei grafici riportati sopra credi ancora al terrorismo mediatico fatto da quegli asini dei nostri politicanti da strapazzo e dei loro economisti cialtroni, gli stessi che incidentalmente ci hanno ficcato in questa merda???
    i casi sono due: o sei irrecuperabile o sei in malafede, e personalmente propendo per la seconda che ho scritto……

  • Gariznator

    Molto interessante questa serie di slides, ma c’è un punto che mi suona male: la patrimoniale sullo stato e le dismissioni. Ora immagino che chi ha fatto questo studio abbia un’idea precisa di cosa sia una dismissione e di cosa andrebbe dismesso; tuttavia, visti i precedenti io preferirei considerare le dismissioni come una soluzione estrema e da evitare in tutti i modi. Anzi credo che il recupero di alcune ricchezze precedentemente dismesse e un vero controllo sulla qualità dei dirigenti e addetti potrebbe essere un modo per creare lavoro e ricchezza. Penso anche che andrebbe considerato il problema della crescita impossibile in questo sistema e, sarò drastico, penso andrebbe rivisto tutto il concetto di iniziativa privata: ci sono alcuni settori in cui il privato è dannoso e ancora: il privato dovrebbe agire sempre di concerto col pubblico. Ovvero pianificare la produzione e soprattutto fare in modo da limitare il cancro del consumismo. Ad esempio costruire una lavatrice che dura 25 / 30 anni invece che una che dopo 6 / 7 è distrutta dalla ruggine. Così per tutti i beni di consumo che possono essere resi più duraturi. E non mi si dia del complottista se parlo di obsolescenza programmata: é evidente a chiunque abbia occhi per vedere. Insomma alla fine della fiera c’è da cambiare proprio la mentalità e il modello di sviluppo.

  • ilsanto

    sei fortunato la mia lavatrice ( una candy ) si è rotta dopo 2 mesi ma era in garanzia, poi una seconda volta dopo 2 anni ovviamente era scaduta la garanzia, in entrambi i casi la stessa piccola scheda elettrica costo 150,00 euro. Come sai una lavatrice nuova ne costa 250,00. Il tecnico è venuto con la scheda in mano sapeva perfettamente che era quella che si rompeva e guarda caso si cambia in 1 minuto, basta sfilarla dal connettore, così cambiando una scheda da 4 soldi guadagnano piu che a vendere la lavatrice intera e credo proprio che prima di due anni si romperà di nuovo. la lavatrice di mia mamma invece non si è mai rotta ma l’obsolescenza programmata non sapevano ancora cosa fosse.

  • Nauseato

    Perché invece sarebbe serio predicare quello che sostiene Tetris1917 ?..
    Suvvia, un po’ di serietà.

  • nuovaera23

    Articolo tra i più interessanti letti su CDC, da salvare!!