Home / ComeDonChisciotte / ISRAELE E’ IL PIU’ IGNOBILE INSULTO ALLA MEMORIA DI SEI MILIONI DI EBREI STERMINATI IN GERMANIA.
13500-thumb.jpg

ISRAELE E’ IL PIU’ IGNOBILE INSULTO ALLA MEMORIA DI SEI MILIONI DI EBREI STERMINATI IN GERMANIA.

DI PAOLO BARNARD

paolobarnard.info

CHAIM WEIZMANN, FUTURO PRESIDENTE D’ISRAELE:

Gli inglesi ci hanno detto che ci sono dei negri in Palestina, gente di nessun valore”. (Nur-eldeen Masalha, Towards the Palestinian refugees, 08/2000)

IL SIONISTA YOSSEF WEITZ AVEVA PREPARATO UNA LISTA DETTAGLIATA DEI VILLAGGI PALESTINESI DA DISTRUGGERE, CON NOMI E COGNOMI DI UOMINI DONNE E BAMBINI DISARMATI, E QUESTO ANNI PRIMA DEI PROTOCOLLI DI WANNESEE COMPILATI DAI NAZISTI PER STERMINARE GLI EBREI IN EUROPA..

Nella foto: Shayma al-Masri, una bambina palestinese di 4 anni ferita in un attacco aereo israeliano che ha ucciso la madre e due fratelli, nell’ospedale di Gaza City. Foto: Mohammed Salem/Reuter

AHARON CIZLING, MINISTRO DEL PRIMO GOVERNO D’ISRAELE NEL 1948:

Adesso anche gli ebrei si sono comportati (contro i palestinesi) come i nazisti, e tutta la mia anima ne è turbata.” (Minutes of Israeli cabinet meeting, 17 nov. 1948, Kibbutz Meuhad Archive, section 9 container 9 file 1)

I PRINCIPI ISPIRATORI DEL SIONISMO CONTRO I PALESTINESI:

C’è bisogno di una reazione brutale. Dobbiamo essere precisi su coloro che colpiamo. Se accusiamo una famiglia palestinese non c’è bisogno di distinguere fra colpevoli e innocenti. Dobbiamo fargli del male senza pietà, altrimenti non sarebbe un’azione efficace”. (Ben Gurion’s Diary, 1 Jan. 1948)

MOSHE DAYAN 1967:

“Dobbiamo dire ai palestinesi dei territori occupati che non esiste soluzione per loro, continueranno a vivere come cani, e se vogliono possono andarsene”. (RAFI secretariat meeting in September of 1967, Yossi Beilin, Mehiro shel Ihud)

Paolo Barnard

Fonte: http://paolobarnard.info

Link: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=886

14.07.2014

____________

Pubblicato da Davide

  • mago

    La pagheranno…nulla su questa terra è rimasto per sempre impunito..chi versa sangue innocente è chiamato a risponderne prima o poi.

  • eresiarca

    Ancora con ‘sti 6 milioni!!??
    Ormai l’hanno capito tutti, tranne Barnard (?), che:
    – NON sono stati 6 milioni
    – erano CAMPI DI LAVORO
    – era (anche) una SELEZIONE INTERNA tra ebrei sionisti e no
    – le autorità NS collaboravano coi sionisti
    – molti ebrei e mezzi ebrei erano negli alti ranghi del NS
    – i "campi di sterminio" finirono tutti al di là della "Cortina di ferro"
    – il "focolare ebraico" in Palestina aveva preso il via già alla fine del XIX sec.
    Eccetera eccetera…
    È stata indubbiamente una tragedia per chi c’è finito dentro. Ma come tante altre tragedie della storia contemporanea.
    Però, con tutto quello che ormai è saltato fuori, non è serio avallare ancora l’immagine che lo Stato sionista diffonde di sé. Cioè quella dello "Stato degli ebrei", che riscuote credito morale in quanto "rifugio degli scampati all’Olocausto".

  • Kovacs

    Concordo, voler comprendere quello che capita ora e che sta capitando ormai da anni in Palestina, senza provare a mettere in discussione ciò che ci hanno inculcato in anni ed anni di propaganda sterminazionista non porterà da nessuna parte….. 

  • pierodeola

    Sei mln.oppure quanti?

    The Changing Jewish Deaths (per Auschwitz)
The more you study these numbers, the less you will know…
The fact is, no one knows the figures, except how rapidly they are declining…
    Dec. 31, 1945

    French Research Dept. for Nuremberg War Crimes Tribunal
    8,000,000
    April 20, 1978
    Le Monde (One of Frances largest newspapers)
    5,000,000
    Jan. 23, 1995
    Die Welt (One of Germanys largest newspapers)
    5,000,000
    April 20, 1989
    Kogon, Der-SS-Staat (Expert on III Reich)
    4,500,000
    Oct. 1, 1946
    International Military Tribunal at Nuremberg document number 008-USSR
    4,000,000
    Nov. 24, 1989
    Chief Prosecutor Majorowsky, Wuppertal File No. (12 js 1037/89)
    4,000,000
    July 26, 1990
    Germany’s largest Jewish Weekly, "Allgemeine Jüdische Wochenzeitung"
    4,000,000
    Dec. 08, 1993
    ZDF, Germany’s second largest T.V. network
    4,000,000
    Jan. 25, 1995
    German paper "Wetzlaer Neue Zeitung"
    4,000,000
    Oct. 1, 1946
    International Military Tribunal at Nuremberg document number 3868-PS
    3,000,000
    Jan. 1, 1995
    German magazine "Damals" (Magazine about history)
    3,000,000
    July 18, 1990
    The Peninsula Times Tribune, San Fransisco (USA)
    2,000,000
    July 25, 1990
    German newspaper Hamburger Adendblatt
    2,000,000
    Jan. 27, 1995
    German newspaper "Die Welt"
    2,000,000
    June 11, 1992
    Germany’s largest Jewish Weekly, "Allgemeine Jüdische Wochenzeitung"
    1,500,000
    Oct. 8, 1993
    ZDF, Germany’s second largest T.V. network
    1,500,000
    Jan. 23, 1995
    German newspaper "Die Welt"
    1,500,000
    Sept. 1, 1989
    French newspaper "Le Monde"
    1,433,000
    Feb. 2, 1995
    Large German weekly magazine "Bunte"
    1,400,000
    Jan. 22, 1995
    German newspaper "Welt am Sonntag"
    1,200,000
    Jan. 27, 1995
    German newspaper "Die Welt"
    1,100,000
    Dec. 21, 1994
    Institute for Contempory History, Semi-official organ of the German State
    1,000,000
    Dec. 31, 1989
    Jean-Claude Pressac’s book "Auschwitz: Technique and Operation of the Gas Chamber"
    928,000
    Sept. 27, 1993
    German newspaper "Die Welt"
    800,000
    Jan. 22, 1995
    German newspaper "Welt am Sonntag"
    750,000
    May 1, 1994
    Focus newsmagazine. Over 2 million circulation
    700,000
    Jan. 23, 1995
    German newspaper "Die Welt"
    700,000
    Jan. 31, 1994
    Jean-Claude Pressac’s book "The Auschwitz Crematorium"
    470,000
    Jan. 8, 1948
    Allied censored post-war German News Reels (Wochenschau Nr. 137) Auschwitz only
    300,000
    Jan. 6, 1990
    Frankfurter Rundschau
    74,000
    May 31, 1995
    Former Director of the Institute for Military History at Freiburg, Hoffmann in his book "Stalins war of Destruction"–74,000 PEOPLE, of whom "many were Jews"
    74,000
    Jan. 10, 2002
    Pre-WWII vs post-WWII Almanacs: an worldwide increase of 584,549 Jews
    -584,549

  • haward

    Quando tu credi, fermamente, di essere il popolo eletto da Dio e di avere in
    eredità una terra promessa, se questa terra è disabitata non ci saranno
    problemi, ma se c’è qualcun altro che la "usurpa" ti comporterai come hanno
    fatto gli ebrei in Israele ed i calvinisti nel Nord America con i Palestinesi ed
    i Nativi. Il numero magico cabalistico dei "sei" milioni (come la guerra dei
    "sei" giorni e la stella a "sei" punte) è stato trasfuso nelle nostre menti e
    ben difficilmente si potrà modificare 

  • helios

    ISRAELE E’ IL PIU’ IGNOBILE INSULTO ALLA MEMORIA DI SEI MILIONI DI EBREI STERMINATI IN GERMANIA.

    l’insulto alla memoria sono le frasi riportate da quelli che hanno fondato lo stato di Israele. Se gente simile ha fondato uno stato per gli ebrei vuole dire che lo stato si fonda su degli ottusi con l’animo di assassini e di questo gli ebrei avrebbero dovuto tenerne conto.

    E questo è anche un insulto ai palestinesi di Sabra e Chatila e a tutti quelli morti adesso in Palestina.

    L’ONU ha sulle spalle tutti questi morti perchè lo sapeva e che cosa andava incontro la Palestina e tutto il medioriente nel fondare lo stato di Israele.

  • atanasiuskircher

    Parole al vento, purtroppo: dopo decenni di continua e martellante propaganda olocaustica la masse hanno interiorizzato il concetto che le Eterne Vittime possono concedersi tutto ed è severamente vietata qualsiasi critica.

  • s_riccardo

    In un modo o in un altro cercheranno di eliminare tutti i palestinesi. Ci riusciranno non ora ma tra qualche anno con bombe sporche o con virus od altro, complice  gli altri paesi non arabi che non dicono e non fanno niente.Quando saranno rimasti poche migliaia di esseri umani gli israeliani e la comunità internazionale dirà: perchè avere uno stato palestinese, anche no. Faranno fare ai nostri fratelli palestinesi la fine dei pellerossa americani. Li faranno viverte in riserve privati di tutto e costretti all’accattonaggio. Che qualcuno li difenda seriamente, che i Russi intervengano!

  • Gil_Grissom

    Mi fa un paio di nomi, visto che lei ha scritto molti, di ebrei che ricoprivano alti ranghi nel partito nazista? Per alti ranghi intendo non uscieri, autisti, o centralinisti, parlo di gente che avesse reale potere decisionale. La ringrazio in anticipo per l’eventuale cortesia.

  • Gil_Grissom

    Scusate ma quale inglese ha pronunciato la frase:"Ci sono dei negri in palestina, gente di nessun valore". Perché e’ molto differente se a pronunciarla e’ stato un diplomatico o un hooligan in un pub dopo la decima birra. Certe frasi vanno contestualizzate un po’ meglio e non buttate li’ sic et simpliciter.

  • haward
    Certo, certo. Perchè gli Inglesi, si sa, si sono sempre comportati da
    gentlemann nei confronti delle popolazioni delle loro colonie. Gli uomini
    politici, gli alti ufficiali e gli incaricati per gli affari britannici si sono
    sempre distinti per i loro ideali umanitari ed etici che hanno sempre
    cercato di realizzare ovunque abbiano governato, dall’India al Sudafrica. E poi,
    chi l’ha detto che ce l’avessero (solo) con i negri? Pensiamo a come sono
    stati trattati i Boeri olandesi, bianchi, bianchissimi.  

  • Zret

    Sei milioni??? 

  • Zret

    Ashkenaziti contro Sefarditi e Semiti (Arabi-Palestinesi). Uno stato di Israele ferocemente antisemita.