Home / ComeDonChisciotte / IN CHE MODO SI PUO' AIUTARE IL NEPAL ? CANCELLANDO IL DEBITO
14725-thumb.jpg

IN CHE MODO SI PUO' AIUTARE IL NEPAL ? CANCELLANDO IL DEBITO

DI KANYA D’ALMEIDA

ipsnoticias.net

Il numero di morti del terremoto che ha devastato il Nepal Sabato 25 potrebbe superare le 10.000 persone, secondo le stime di primo ministro Sushil Koirala, anche se le cifre ufficiali di vittime si situano ancora a metà e i feriti sono 7.000.

Le operazioni di ricerca e soccorso stanno procedendo questo Martedì 28, mentre il governo e le agenzie umanitarie internazionali hanno cercato di affrontare le conseguenze del terremoto di magnitudo 7,8 che ha colpito il paese del sud asiatico.

Le forti scosse di assestamento tengono nel terrore i 27,8 milioni di abitanti di questo paese senza sbocco al mare. Centinaia di persone sono disperse e si teme che molte altre siano morte, sepolte sotto le macerie.

Con il suo epicentro nel distretto Lamjung, al nord-ovest della capitale, Kathmandu, e a sud del confine con la Cina, il terremoto è stato avvertito in tutto il paese, provocando valanghe nella catena dell’Himalaya, come quella che ha scosso il campo base del monte Everest, a 200 chilometri di distanza, uccidendo e ferendo decine di persone.

Le Nazioni Unite (ONU) riferiscono che le zone più colpite sono Dhading, Gorkha, Rasuwa, Sindhupalchowk, Kavre, Nuwakot, Dolakha, Kathmandu, Lalitpur, Bhaktapur e Ramechhap e si attestano a 1,2 milioni le persone che necessitano di assistenza urgente . In tutto, 35 dei 75 distretti delle regioni occidentali e centrali del paese stanno soffrendo le conseguenze del terremoto e le sue scosse di assestamento.

La domanda che tutti si fanno è come si riprenderà dal disastro, considerato il peggiore del Nepal in più di 80 anni, questo Stato impoverito, che si trova al numero 145 tra i 187 paesi nell’Indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite e uno dei meno sviluppati del mondo.

Una possibile soluzione è stata proposta da USA Jubilee Networks, con sede in quel paese è un’alleanza di oltre 75 organizzazioni e 400 comunità religiose di tutto il mondo, ha detto in un comunicato stampa di Lunedì 27 che il Nepal sarebbe adatto ad una riduzione del debito secondo il nuovo Fondo fiduciario per il recupero ed il contenimento dai disastri (FFACC) del Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Il FMI ha creato la FFACC nel mese di febbraio, col fine di aiutare i paesi più poveri a recuperarsi da disastri naturali o da gravi crisi sanitarie con la concessione di sovvenzioni per la riduzione del rimborso del debito. Il fondo ha già ridotto gli obblighi finanziari dei paesi colpiti da Ebola annullando quasi 100 milioni del suo debito.

“Il Nepal deve 3.800 milioni di dollari ai creditori stranieri …e ha speso $ 217.000.000 in rimborsi del debito nel 2013,” ha dichiarato Giubileo Network, secondo i dati della Banca Mondiale, in un comunicato.

Il Nepal deve circa 1.500 milioni di dollari alla Banca Mondiale, 1.500 milioni alla Banca Asiatica per lo sviluppo, 54 milioni al FMI, al Giappone 133 milioni e 101 milioni alla Cina.

“Per far si che il Nepal riceva il fondo di soccorso dell’FMI, il disastro deve aver distrutto più del 25 per cento della ‘capacitaproduttiva’ del paese, coinvolgere un terzo della sua popolazione o causare un danno maggiore rispetto alla dimensione dell’economia” ha dichiarato Eric LeCompte, direttore del USA Jubilee Network, ha detto all’IPS. “Sembra chiaro che il Nepal sia qualificato a ricevere assistenza immediata del Fondo monetario internazionale”, ha aggiunto.

Secondo la Rete Giubileo, il Nepal ha programmato il pagamento di 10 milioni di dollari nel 2015 e quasi 13 milioni nel 2016 sui prestiti ricevuti dal FMI. La riduzione di questo fardello economico libererebbe fondi preziosi e limitati che possono riorientare i salvataggi e i soccorsi.

È abbastanza energica la risposta all’emergenza ?

“Il tempo è fondamentale per le operazioni di ricerca e soccorso”, ha affermato Lunedi 27 il segretario generale degli affari umanitari e coordinatore dei soccorsi d’urgenza delle Nazioni Unite Valerie Amos.

“Le azioni del governo del Nepal e le stesse comunità locali hanno già salvato molte vite. Squadre provenienti da India, Pakistan, Cina e Israele hanno iniziato il lavoro, e ci sono altri in cammino da Stati Uniti, Gran Bretagna, Singapore, Emirati Arabi Uniti, l’Unione europea e altri “, ha detto.

Domenica 26, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha confermato che aveva mandato un aereo della Air Force in Nepal con 70 truppe e rifornimenti del valore di $ 700.000.

Ma non è chiaro se questa risposta immediata sia sufficiente per affrontare il compito gigantesco che hanno d’avanti.

Il Fondo per l’Infanzia delle Nazioni Unite stima che 940.000 bambini nelle zone più devastate hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria.

Il Programma Mondiale per l’Alimentazione sta distribuendo razioni alimentari di emergenza, mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanitàd ha inviato scorte mediche sufficienti per coprire le esigenze di 40.000 persone colpite. Tuttavia, gli esperti avvertono che sarà necessario molto più aiuto nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

Decine di migliaia di persone stanno dormendo all’aperto in tende di fortuna, e quasi tutti hanno bisogno di una migliore sistemazione, acqua potabile, servizi igienico-sanitari, tende e coperte, e forniture mediche.

Una relazione sullo stato pubblicato Domenica 26 dall’ Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitaris ha descritto la situazione. “Nella valle di Kathmandu, gli ospedali sono sopraffatti, a corto di spazio per accumulare i cadaveri, e con carenza di forniture mediche e di capacità. L’ospedale BIR, “uno dei più grandi del paese,”cura la gente in strada”, ha detto.

Le scene di devastazione in tutto il paese evidenziano la necessità di aiuti di emergenza.

“Gli sforzi di ricostruzione del Nepal impiegheranno anni e la cancellazione del debito è una ricetta per la stabilità finanziaria a lungo termine”, ha detto LeCompte, del Giubileo USA Network.

“Dal momento che il Fondo monetario internazionale ha regole chiare e finanziamenti disponibili nell’ambito del fondo fiduciario, gli aiuti dovrebbero essere relativamente veloci. Purtroppo, come la maggior parte del debito è dovuto alla Banca mondiale e la Banca asiatica per lo sviluppo, le regole per la riduzione del debito non sono così chiare”, ha detto.

“È un peccato che la Banca mondiale, come istituzione di sviluppo, non abbia ancora avviato un piano simile a quello del FMI per una rapida risposta alle crisi umanitarie. A breve termine, la Banca Mondiale dovrà pianificare sovvenzioni per la riduzione del debito “, ha esortato.

“Spero che questa crisi incoraggi anche la Banca mondiale nel diffondere i loro piani per un meccanismo di risposta rapida”, ha concluso LeCompte.

Kanya D’Almeida

Fonte: www.ipsnoticias.net

Link: http://www.ipsnoticias.net/2015/04/como-se-puede-ayudar-a-nepal-cancelando-su-deuda/

28.04.2015

Traduzione per www.comdonchisciotte.org a cura di TORITO

Pubblicato da Davide

  • ilsanto

    Grandi cambiamenti ci aspettano ma il minimo che recitiamo a memoria è proprio "Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori"

  • kefos93

    Penso che cancellerano prima il Nepal.