Home / ComeDonChisciotte / IL REFERENDUM DI DAVID CAMERON NON SERVIR MAI

IL REFERENDUM DI DAVID CAMERON NON SERVIR MAI

Image at www.ImageShack.us

DI AMBROSE EVANS PRITCHARD
blogs.telegraph.co.uk

La promessa di David Cameron per un referendum “dentro -o-fuori” dall’Europa sarà superata dagli eventi interni molto prima del  2017. Il voto potrebbe non essere necessario. Anche se Cameron ha tutto il diritto di prendere tempo. Il disallineamento della zona euro tra Nord e Sud non è stato risolto. Il blocco del Club Med sta ancora scivolando in una profonda depressione. La crisi finanziaria – che era solo il sintomo – si è aggravata trasformandosi in una crisi economica e sociale più intrattabile e quindi politica.Mario Draghi, della BCE, si è assunto il rischio di scongiurare un default sovrano in Spagna e in Italia, ma non ha restituito a questi paesi una redditività economica vicina a quella delle monete del blocco del D-Mark, e non può farlo.

Prendetevi un momento per leggere la crisi dell’Eurozona : non è ancora finita del professor Paolo Manasse dell’Università di Bologna, pubblicato su VOX – UE.

Guardate, nel grafico sotto, al gap tra Germania e Italia. Le due economie avevano il 14% di differenza nel PIL nel 2006, e lo scostamento certamente continuerà ad aumentare quest’anno, l’anno prossimo, e l’anno dopo :

Free Image Hosting at www.ImageShack.us Mentre la crisi del 2008-2009 è stata uno “shock transitorio” per gli Stati Uniti, si è trasformata in uno  “shock quasi-permanente” per l’Europa, simile agli effetti della crisi petrolifera del 1973.  Il Prof. Willem Buiter di Citigroup usa  più o meno gli stessi argomenti:

Il termine in voga è “isteresi” (1). Se le persone restano senza lavoro per un tempo abbastanza lungo, il danno alla loro professionalità e al loro capitale umano diventa una perdita permanente. Il potenziale di crescita dei fondamentali dell’economia resta danneggiato per anni. Questo è quanto stiamo vedendo in mezza Europa in questo momento.  “Non si dovrebbe far passare nessuna illusione che la tempesta sia prossima alla sua fine. Anzi, è possibile che siamo proprio nell’occhio del ciclone. Le prospettive a lungo termine per la sopravvivenza dell’euro non solo non stanno migliorando, ma vanno, in realtà, sempre peggio”, conclude il Prof. Buiter.

I dati pubblicati questa mattina dimostrano che l’economia spagnola ha continuato a contrarsi ad un ritmo accelerato nel 4 ° trimestre. Non c’è luce alla fine del tunnel, e dato che la disoccupazione rallenta il PIL, il tasso di disoccupazione probabilmente continuerà a crescere oltre il 26.6% e resterà a livelli stratosferici ancora a lungo.

L’aumento delle esportazioni che Madrid aveva previsto è in gran parte svanito e le esportazioni sono aumentate solo 4% nel 2012.

Gli scettici sostengono che il miracolo delle esportazioni spagnole del 2010-2011 era essenzialmente un interruttore,  acceso per spedire su mercati esteri quell’eccesso di produzione già esistente e consentire alle imprese di rispondere, sfuggendo al collasso della domanda interna. Molto di questo miracolo si è già consumato. Non ci sono stati abbastanza nuovi investimenti per sostenere un boom dell’esportazione. Consulenti di mercato SFD affermano che gli investimenti esteri in Spagna sono diminuiti del 12% nei primi nove mesi del 2012, rispetto ad un anno prima.

Date uno sguardo anche ai dati sul debito diffusi oggi da Eurostat.

La cosa che colpisce subito è l’incredibile salto del debito in rapporto al PIL negli ultimi dodici mesi in una serie di paesi –   13% in Irlanda – 10,7%  in Spagna–9.9 % in Portogallo – 9% in Slovacchia – 7.4% in Italia ( TTL  127,3%).

Questo mostra quanto danno sia stato fatto sull’evoluzione del debito dalla politica della terra bruciata. La contrazione del PIL nominale è un killer. Il dato Eurostat indica per il Regno Unito – tra l’altro – un  aumento del 4%, ma questo conta meno che negli altri paesi, perché noi abbiamo la nostra moneta sovrana e una banca centrale. (Cose che permettono di trasformare il rischio di insolvenza in rischio monetario).

Come andrà a finire nessuno lo sa, ma è difficile credere che potrà andare avanti così per altri cinque anni perché i partiti di governo delle nazioni vittime stanno perdendo legittimità mese per mese. L’indice di gradimento Mariano Rajoy in Spagna è già sceso al 15%, il suo gradimento di un anno fa è ormai un lontano ricordo.

Ma lo status quo non è sostenibile nemmeno al Nord, dove gli sforzi per i salvataggi si stanno trasformando in qualcosa di più profondo. Il Partito della Libertà in Olanda sta già chiedendo un referendum, e il premier Mark Rutte ha di fronte un elettorato euroscettico, non tanto diverso dagli elettori britannici in questi giorni.

Un sondaggio di Die Zeit mostra che il 60% dei tedeschi ora si oppongono al trasferimento di altri poteri a Bruxelles. La Cancelliera Angela Merkel dei cristiano-democratici potrebbe tranquillamente controfirmare gran parte del discorso di David Cameron.

I tedeschi vogliono anche un diverso tipo di UE, e certamente uno che eviti qualsiasi tipo di condivisione del debito – e questo a sua volta significa ripensare le ipotesi di una integrazione sempre più stretta. Da qui l’asse emergente “anglo-tedesca” di cui adesso si scrive tanto sulla stampa francese, spagnola e italiana.

La Tribune ha pubblicato stamattina un pezzo affascinante che ha descritto il discorso di Cameron come una specie di dialogo con Berlino su come riformare l’Unione europea, quasi una minaccia di ritirarsi dalla UE: “Cameron : la tentation de redessiner l’Europe avec… Berlin”.

La Tribune ha ragione. Le cose non stanno esattamente come sembra. Loro non sono mai stati in Europa.

La domanda interessante è se la Gran Bretagna dovrebbe lasciarsi attrarre ancora in un’altra guerra civile europea – questa volta, per lo meno pacifica – da parte delle potenze continentali che hanno bisogno di una forza per riequilibrarsi.

La Germania e altri paesi possono desiderare di farci entrare, ma dovremo ascoltare queste sirene?

Ambrose Evans Pritchard
Fonte: http://blogs.telegraph.co.uk

Link: http://blogs.telegraph.co.uk/finance/ambroseevans-pritchard/100022429/david-camerons-referendum-may-never-be-necessary/

23.01.2013

Traduzione per ComeDonChisciotte a cura di BOSQUE PRIMARIO

Note :

1. Isteresi è la dipendenza di un sistema non solo dall’ambiente in cui si realizza, ma anche dal retaggio dell’ambiente in cui si è sviluppato e di cui conserva, nel suo profondo, tutte le caratteristiche.

Pubblicato da Bosque Primario

  • Ercole

    La crisi economica sia europea che mondiale rimane in caduta libera, con o senza la Gran Bretagna ,oramai l’unica cosa che cresce e la precarieta , la disoccupazione , e la miseria: cosa dobbiamo aspettare?

  • yago

    Questa Europa è fallita e tenerla in piedi è accanimento terapeuitico.
    Continuare ad illuderci che nascano gli stati uniti d’Europa è utopia pura, non si mettono insieme lingue , culture , origini diverse per legge.
    In 150 anni non siamo riusciti a fare l’Italia e si pretende di uscire dalla crisi facendo l’Europa. Bisogna prenderne atto e farlo capire ai nostri politici che, tranne rarissime eccezioni, continuano a parlare di europeismo convinto. Peraltro questo è un tema completamente sganciato da ideologie di destra o sinistra. Pensare ad una moneta unica per stati diversi è stata una pericolosa ed insensata avventura, priva di qualsiasi riferimento storico e fondata sulla pazza idea che la moneta avrebbe potuto fare da precursore ad uno stato. Se non si esce subito da questo inciucio si rischia una catastrofe sociale ed economica dai risvolti imprevedibili.

  • ericvonmaan

    Sono solo tattiche per fare pesare di più sulla bilancia le loro richieste… i giochi “seri” le fanno in privato non ce li vengono a raccontare

  • nigel

    Quando l’Europa e la sua ridicola moneta imploderanno, qualcuno dovrà in qualche modo pagare, anche perché chi perde, alla fine della fiera, ha sempre torto. Personalmente auspico una nuova Norimberga, voi non so…