Home / ComeDonChisciotte / IL “PROBLEMUCCIO” DELL’ ORO DOPO L'APPROVAZIONE DEL DECRETO SU BANKITALIA

IL “PROBLEMUCCIO” DELL’ ORO DOPO L'APPROVAZIONE DEL DECRETO SU BANKITALIA

DI CLAUDIO BORGHI AQUILINI
Il Sussidiario

L’Italia è il terzo possessore di oro nel mondo. È dato in gestione e deposito alla Banca d’Italia. È oro dello Stato, degli italiani che lo hanno messo come in una cassetta di sicurezza. Il problema è che, anche in questo caso, nel completo vuoto legislativo, non è mai stato ben chiarito a che titolo è stato dato in gestione e deposito. Qui non si tratta più di fuffa e robetta, ma di cento miliardi di euro. Al di fuori dell’oro a Bankitalia rimangono qualche riserva, un po’ di valute straniere e i debiti Target2, che tra l’altro non vuole nessuno.

Quindi, il punto, il nocciolo della questione, non è la rivalutazione, ma essere certi che l’oro sia confermato come patrimonio indisponibile e non privatizzato. È chiaro, il punto?

C’è una questione ulteriore da sottolineare a tale proposito: il governo ha bocciato gli ordini del giorno, come quello di Fratelli d’Italia, che chiedevano solo di ribadire che l’oro non è di Bankitalia ma nostro, degli italiani.

Ci manca pure che dopo averci fregato 50 miliardi di MES ci fregano pure 100 miliardi di oro. A quel punto siamo a posto. Con il rischio privatizzazione e l’oro a disposizione.

Estratto da ” I 100 miliardi che gli italiani rischano di perdere” Intervista a Claudio Borghi Aquilini (*) a cura di

Gianluigi da Rold

Fonte: Il Sussidiario

Link: Borghi: i 100 miliardi che gli italiani rischiano di perdere

Professore di Economia degli Intermediari Finanziari all’Università Cattolica.

Pubblicato da Davide