Home / ComeDonChisciotte / IL MITO DELL'EROICO DOTTOR EBOLA
13782-thumb.jpg

IL MITO DELL'EROICO DOTTOR EBOLA

DI JON RAPPOPORT

NoMoreFakeNews.com

Ogni psyop ha bisogno di eroi così come di cattivi.

Le cosiddette epidemie vengono fuori da veri e propri piani strategici politico-commerciali.

La strategia sembra essere partorita dalla CIA.

Di seguito alcune mie note che vi racconteranno la storia.

Uno: Come è costruita la Medical Matrix: “Gli eroi vengono a salvarci.” I dottori allestiscono cliniche nel mezzo delle epidemie e salvano vite umane. Fanno miracoli.

Due: Gli eroi richiedono più cliniche, più centri medici, più ospedali. “La soluzione completa.”

Tre: C’è una grande disparità nelle cure mediche tra ricchi e poveri. Questa disparità deve essere superata. Questa è la missione.

Quattro: Queste sono tutte bugie.

Cinque: Molti dottori, operatori medici, manager farmaceutici, ricercatori e ONG sanno che sono bugie.

Sei: Nessuna epidemia da batterio/virus può essere risolta con interventi medici perché queste epidemie non sono causate da germi. Le cause sono dovute a sistemi immunitari deboli e indifesi che non riescono a contrastare i germi.

Sette: Non molto tempo dopo che un’epidemia abbia concluso il suo corso, una nuova si diffonde nello stesso territorio.

Otto: Tutto dipende dal territorio nel quale i sistemi immunitari debilitati sono condizione costante.

Nove: Qualsiasi vecchio germe che sfugge da questi territori, finisce per mietere molte vittime.

Dieci: Il diffondersi di sistemi immunitari debilitati non è causata da fattori medici e sono questi fattori che vanno eliminati.

Undici: I veri fattori che riducono le difese del sistema immunitario includono: forte malnutrizione, fame, guerra, acqua inquinata, mancanza del rispetto di norme igieniche basilari, terre fertili rubate alla popolazione, rifiuti industriali e pesticidi, farmaci tossici e vaccini che finiscono per influire ulteriormente in modo negativo sui sistemi immunitari.

Dodici: L’immagine del dottore-eroe è una sorta di diversificazione, una storia di copertura, un modo di cancellare le vere cause delle malattie e un modo di evitare che si risolvano le vere cause.

Tredici: Una popolazione distrutta e debilitata non ha le capacità per resistere alla conquista delle loro terre e delle loro risorse.

Quattordici: Se il tasso di distruzione/mortalità non è abbastanza alto da soddisfare le aspettative dei depopolazionisti, si possono introdurre più vaccini tossici. Si possono aggiungere ulteriori elementi tossici ai vaccini. Si possono somministrare altre medicine tossiche e diffondere più pesticidi. Si può dare il via a una nuova guerra.

Se volete un perfetto esempio di storia di copertura (Cover Story) leggete l’intervista dell’episodio “Democracy Now!“ “Dr. Paul Farmer on African Ebola Outbreak: Growing Inequality in Global Healthcare at Root of Crisis.”

Il dottor Farmer è il co-fondatore di una ONG di Harward, Partners in Health (twitter: @PIH) (see also @lastmilehealth and @WellbodySL). Inoltre, è professore ad Harward e special advisor alla ONU. Ha la fama del dottore-eroe.

Dr. Paul FarmerDr. Paul Farmer

Farmer: “Penso che la cosa da capire è che tutto questo (diffusione dell’Ebola) è il risultato di durature e crescenti disuguaglianze nell’accesso ai sistemi sanitari e ciò include sia gli operatori, sia le strumentazioni, sia i sistemi stessi.”

Non una volta, nella lunga intervista vengono menzionate le vere cause alla base della diffusione dell’epidemia.

Invece, il tema è: disuguaglianza nel sistema sanitario.

Questo è un diversivo.

Quando parliamo di epidemie, questa è una grande bugia.

Costruiamo più cliniche mediche per i più poveri e la vita cambierà.

Certo che cambierà. Prendiamo una persona che soffre di una malattia gastrointestinale mortale perché beve abitualmente acqua di fogna pompata nelle reti idriche, e diamogli antibiotici. Fantastico. Grazie dottore.

Prendiamo una persona che a stento riesce a stare in piedi perché pieno di vaccini tossici – oltre ad un sistema immunitario già gravemente compromesso – e diamogli… cosa? Un anti-depressivo? AZT (Azidotimidina)?

Risolviamo milioni di casi di fame nel mondo con medicinali?

La verità è chiara.

“La tua casa sta bruciando. Tre delle otto stanze sono a fuoco. Sai perché? Perché c’è bisogno di una nuova tinteggiata alle pareti. Guarda l’imbianchino-eroe. E’ sulla scala a tinteggiare le pareti esterne. Diamogli il Premio Nobel”.

Sapete, ci sono molte persone che vogliono essere associate a “cause umanitarie.” Vogliono sentirsi meglio.

Così scelgono un simbolo – un dottore-eroe, un politico, un’organizzazione medica – e dicono: “Questa è bontà d’animo. I miei esempi sono ottimi. Io sono buono. Tutto quello che sta accadendo non è tragico? Dobbiamo aiutare. Dobbiamo rimediare alla “diseguaglianza del sistema sanitario”.

Quanti zimbelli possono “ballare sulla capocchia di uno spillo”? Apparentemente non c’è limite.

Jon Rappoport, autore di THE MATRIX REVEALED, EXIT FROM THE MATRIX, e POWER OUTSIDE THE MATRIX, Jon è stato candidato per un seggio al Congresso USA nel ventinovesimo Distretto della California. Continua con consulenze a clienti privati, il cui obiettivo è espandere il suo personale potere creativo. Nominato per un Premo Pulizer, ha lavorato come reporter investigativo per 30 anni, scrivendo articoli su politica, medicina e salute per CBS Healthwatch, LA Weekly, Spin Magazine, Stern e altri giornali e periodici in USA ed Europa. Ha svolto lezioni e seminari su politiche globali, salute e potere creativo in giro per il mondo. Potete iscrivervi alla sua newsletter al sito www.nomorefakenews.com

Fonte: http://jonrappoport.wordpress.com

Link: http://jonrappoport.wordpress.com/2014/09/17/exposed-the-heroic-ebola-doctor-myth/

17.09.2014

Traduzione di TDIPALMA per www.comedonchisciotte.org

Pubblicato da Davide

  • RenatoT

    allora non sono il solo a pensarlo

  • alverman
    La mia vita di ogni giorno
    è preoccuparmi di ciò che ho intorno
    sono sensibile ed umano
    probabilmente sono il più buono
    ho dentro il cuore un affetto vero
    per i bambini del mondo intero
    ogni tragedia nazionale
    è il mio terreno naturale
    perché dovunque c’è sofferenza
    sento la voce della mia coscienza.

    Penso ad un popolo multirazziale
    ad uno stato molto solidale
    che stanzi fondi in abbondanza
    perché il mio motto è l’accoglienza
    penso al disagio degli albanesi
    dei marocchini, dei senegalesi
    bisogna dare appartamenti
    ai clandestini e anche ai parenti
    e per gli zingari degli albergoni
    coi frigobar e le televisioni.

    È il potere dei più buoni
    è il potere dei più buoni
    son già iscritto a più di mille associazioni
    è il potere dei più buoni
    e organizzo dovunque manifestazioni.

    È il potere dei più buoni
    è il potere dei più buoni
    è il potere… dei più buoni…

    La mia vita di ogni giorno
    è preoccuparmi per ciò che ho intorno
    ho una passione travolgente
    per gli animali e per l’ambiente
    penso alle vipere sempre più rare
    e anche al rispetto per le zanzare
    in questi tempi così immorali
    io penso agli habitat naturali
    penso alla cosa più importante
    che è abbracciare le piante.

    Penso al recupero dei criminali
    delle puttane e dei transessuali
    penso ai giovani emarginati (1)
    al tempo libero dei carcerati
    penso alle nuove povertà
    che danno molta visibilità
    penso che è bello sentirsi buoni
    usando i soldi degli italiani.

    È il potere dei più buoni
    è il potere dei più buoni
    costruito sulle tragedie e sulle frustrazioni
    è il potere dei più buoni
    che un domani può venir buono
    per le elezioni.
    È il potere dei più buoni
    è il potere dei più buoni
    è il potere… dei più buoni…

    di Giorgio Gaber  dall’album : Un ‘idiozia conquistata a fatica

  • Zret

    E già… 

  • Zret

    Anche la scuola oggi è… buona. 

  • Mattanza

    Sarà in declino il buisness HIV (ormai non ci crede quasi più nessuno dopo milioni di morti avvelenati), e adesso tornano alla carica con qualcosa di più tangibile.

  • catzuFelics

    Scusate, forse non ho capito a fondo l’articolo.

    Ma io ho sempre apprezzato molto questo sito anche perché – a differenza di altri siti similari come Disinformazione.it, StampaLibera o InformareXResistere – non ha mai ceduto troppo alle bufale mediche pseudoscentifiche stile Hamer, Stamina o antivaccinisti, e anzi avevate pubblicato articoli come questo:
    Qui – accanto ad alcune considerazioni giuste sul saccheggio dell’Africa, sulle pessime condizioni di vita etc. – mi sembra che si stia abbracciando un certo "complottismo" (scusate se uso questo termine, che non amo, essendo un po’ "complottista" anch’io) paranoide e ossessionato secondo cui aprire cliniche in Africa non serva a niente, che le epidemie siano pianificate per ammazzare un po’ di gente e che i vaccini servano ad avvelenare la gente.
  • esca
    Ottimo rappoport, Jon!