Home / ComeDonChisciotte / IL MISTERO DELLE MIGLIAIA DI CAMIONETTE TOYOTA DELL'ISIS
15395-thumb.jpg

IL MISTERO DELLE MIGLIAIA DI CAMIONETTE TOYOTA DELL'ISIS

DI VALENTIN VASILESCU

reseauinternational.net

Le squadre di combattimento dell’ISIS sono difficili da colpire a causa della loro mobilità, assicurata da migliaia di camionette (pick-up) Toyota, sui pianali delle quali sono montate delle mitragliatrici.
Tra il momento in cui i bombardieri russi decollano dalla base di Lattaki e quello in cui arrivano sopra gli obbiettivi nel centro e nell’Est della Siria, passano da 10 a 15 minuti. Durante questo lasso di tempo i guerriglieri del ISIS possono essersi spostati con i loro pick-up Toyota di 3 o di 5 km rispetto alle coordinate GPS che sono state comunicate ai piloti russi ed ai meccanismi di guida delle bombe trasportate dagli aerei.

E’ questo il motivo per cui la maggior parte degli attacchi aerei dell’aviazione russa si dirigevano su bersagli fissi, come i depositi di munizioni, i centri di comando e di comunicazione, i centri di fabbricazione di esplosivi.

La Russia ha modificato la sua strategia in Siria

Sulla base delle informazioni raccolte dai suoi droni di ricognizione, la Russia ha stimato che l’ISIS dovrebbe essere dotato di un parco di circa diecimila Toyota Hilux e Toyota Tacoma. Comunque i giapponesi di Toyota hanno la chiara prova che è stata vietata la vendita a gruppi di terroristi, delle vetture nuove fabbricate in Giappone e nella Corea del Sud. Toyota ha fatto sapere che nella sua banca dati sono registrate diverse centinaia di Toyota Hilux vendute in Irak e delle quali potrebbe essersi impadronito l’ISIS.

2009_Toyota_Tacoma

Altri 43 Pick-up Toyota Tacoma, fabbricati nel 2014, sono stati affidati ai ribelli “moderati” della Siria dal Ministero degli Esteri statunitense. Toyota ha dei sospetti circa un lotto di 800 mezzi venduti in Australia negli anni 2014 e 2015, che da lì sono stati inviati in Medio Oriente. Nondimeno l’Australia partecipa ai bombardamenti contro l’ISIS in Irak ed in Siria con i suoi aerei F18, nel quadro della coalizione diretta dagli Stati Uniti.

Toyota-1

Il più grosso contingente di camionette Toyota Hilux e Toyota Tacoma (circa 20.000 pezzi) è posseduto dall’Esercito degli Stati Uniti. I Pick-Up Toyota sono stati modificati secondo le norme dell’ U.S. Army per essere utilizzati in missioni di pattugliamento. Gli elementi più significativi che sono stati aggiunti sono una piastra metallica saldata sul pianale e una seconda applicata alla porta destra, pensate in special modo per montare delle mitragliatrici.

Toyota-Isis

Migliaia di Toyota Tacoma sono state vendute durante l’occupazione militare dell’Irak alle forze americane che hanno ricevuto quei veicoli per fornirli ai gruppi paramilitari sciti creati dagli stati Uniti in Irak per il mantenimento dell’ordine. Successivamente le squadre per le operazioni speciali in Afganistan sono state equipaggiate con questo tipo di camionetta perché è più silenziosa e più pronta delle Humvee.

Toyota-camuflaj

In forza della collaborazione tra General Motors e Toyota, circa un milione di veicoli Toyota Hilux, Toyota Tacoma , e Toyota fuoristrrada Land Cruiser sono stati costruiti nelle officine degli stati del Mississippi e del Texas. Nel 2010 tutta la produzione di Toyota Tacoma è stata affidata al nuovo stabilimento di San Antonio in Texas. Con il ritiro dei soldati americani dall’Irak e dall’Afganistan, i pick-up Toyota in dotazione all’esercito americano sono stati riportati negli USA, riverniciati di bianco e mandati a deposito.

Valentin Vasilescu, pilota di Aviazione, ex comandante in seconda delle forze militari dell’aeroporto di OTOPENI, diplomato in scienze militari presso l’Accademia di studi militari a Bucarest nel 1992.

Fonte: http://reseauinternational.net/

Link http://reseauinternational.net/le-mystere-des-milliers-de-camionnettes-toyota-de-lei/

9.10.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di GIAKKI49

Pubblicato da Davide

  • Aironeblu

    Un mistero che non ha molti misteri… Tra gli USA e la loro colonia nipponica non sarà staro difficile rifornire i "combattenti per la libertà" a stelle e strisce di armi e automezzi. 

    Possano tutti bruciare sotto il fuoco russo.
  • yakoviev

    E’ il segreto di Pulcinella: li hanno riforniti i loro alleati (USA, Qatar, Sauditi, Erdogan e merda varia) per tramite della Turchia, come sempre. A meno che non si voglia credere che i jihadisti siano andati da un concessionario e le abbiano ordinate loro. Non credo che alla Toyota non sappiano chi ha fatto ordini di centinaia di auto tutte insieme, sarebbe una presa di culo. Ora cascano tutti dal pero e fanno la commedia, addirittura fanno finta di essere indignati e "aprono inchieste". Che buffonata. 

  • Borokrom

    Decisamente questo articolo non è una banalità. 

    Questa storia dei poco io bianchi va avanti da tempo e ha praticamente visto tutte le primavere arabe. Abbondantemente Libia Iraq Siria etc.
    Veramente sono stati commissionati in tutti i teatri.
    Anche se fosse il segreto di pulcinella in realtà l’approccio di chi scrive è assolutamente corretto, e questo aspetto della logistica è stato fondamentale nel destabilizzare un continente.
    5 tir di kalashnikov li trovi ovunque. 20/30000 pickup praticamente nuovi ci vuole uno sforzo logistico abnorme, sostenibile solo da una Potenza logistico-militare.