Home / ComeDonChisciotte / IL MINISTRO DELLE EQUAZIONI (NEL GOVERNO DI PEPPA PIG)
12901-thumb.jpg

IL MINISTRO DELLE EQUAZIONI (NEL GOVERNO DI PEPPA PIG)

DI CLAUDIO MARTINI
il-main-stream.blogspot.it

La composizione del nuovo governo non ha suscitato grandi entusiasmi, neanche tra i renzini più affezionati. È di tutta evidenza che si tratta di un’accozzaglia di “mezze figure”, alcune delle quali della statura necessaria per far parte di un Governo; ed è altrettanto evidente che lo scarso peso dei “nomi” ministeriali fa da pendant alla centralità assoluta e preponderante del premier, sulle cui esili spalle graverà tutto il peso dell’azione dell’esecutivo.

La complessiva marginalità delle figure che guidano i dicasteri è inoltre confermata da un dettaglio: il governo è stato formato trascurando qualsiasi criterio di rappresentanza dei territori.

In un consesso di diciotto poltrone siedono cinque emiliani e due liguri, ma nessun veneto, o piemontese, o campano, o pugliese. Se queste persone contassero davvero qualcosa non sarebbe così.

Vorrei richiamare l’attenzione su un aspetto, che forse non tutti hanno notato, ma che pure è rivelatore. Uno dei due ministri liguri è lo spezzino Orlando, che è appena passato dall’Ambiente alla Giustizia. Il punto è che Orlando ha, come unico titolo di studio, la maturità scientifica. Per il resto ha sempre e solo fatto politica; la sua professione risulta essere quella di “dirigente di partito”. Ricordiamo, di passata, che il Ministro della Giustizia è l’unico membro del Governo, a parte il Presidente del Consiglio, a venire menzionato in Costituzione. Questo per dire della importanza cardinale di questo ruolo. Si tratta, palesemente, di un ruolo di enorme responsabilità, che presuppone un alto livello di competenza. Se non altro, per permettere al Guardasigilli di valutare la bontà delle varie soluzioni, dei vari progetti di riforma.
Un discorso abbastanza simile, peraltro, lo si potrebbe fare per Beatrice Lorenzin, confermata al Ministero della Salute… con la maturità classica. E così come Orlando non potrebbe fare il cancelliere di tribunale (se non per le mansioni più semplici), Lorenzin non potrebbe fare l’infermiera.
Mi si risponderà: il capo di un dicastero non deve essere uno scienziato o un intellettuale. Deve essere in grado di dirigere una macchina burocratica; e nulla più dell’esperienza di partito è formativo in questo senso. E poi attorno ai ministri ci sono fior di capi di gabinetto, alti funzionari, consiglieri di ogni sorta, ecc. Io stesso sono personalmente a conoscenza delle persone che, dall’alto delle loro cattedre universitarie, “scrivono i testi” di Orlando. Dunque le competenze, negli uffici del Ministro, in un modo o nell’altro ci sono.
Ma ora facciamo un esperimento mentale. Immaginiamo che al Ministero dell’Economia fosse andato, non un super-tecnico FMI-OCSE-ISTAT come Pier Carlo Padoan, ma un soggetto con un diploma di ragioneria. Cosa sarebbe accaduto? È facile immaginarlo: sgomento e terrore si sarebbero impadroniti delle redazioni dei giornali e telegiornali, nazionali ed esteri. Alla Giustizia può andare uno con il CV (e la faccia) di Orlando, ma l’Economia non può certo essere gestita da chi non ha gestito almeno una docenza in atenei internazionali.

padoanQuesto fatto è talmente ovvio da risultare stupefacente. E costringe e tornare con la memoria al passato, scoprendo che per trovare gli ultimi ministri “politici” all’Economia e affini (Tesoro, Finanze, Bilancio), se si esclude l’ibrida figura di Tremonti, bisogna risalire ai tempi di Rino Formica e Giovanni Goria. Come mai?

Ritengo che le ragioni siano due, entrambe piuttosto importanti, ma la seconda di più

1. l’Economia è al centro della nostra società; o meglio non l’economia, ma un suo aspetto, e cioè la crescita. La crescita è considerata dalle classi dominanti (e quindi dall’intera società) il valore più importante; anzi la premessa e il presupposto di tutti i valori. Per essere chiari, le garanzie e i diritti di cui godiamo in quanto cittadini sono variabili dipendenti della crescita del PIL: devono esserle sacrificati quando è necessario, e possono essere riconosciuti solo a condizione che l’economia e la produzione si espandano. Se così stanno le cose, allora le figure veramente decisive nel Governo sono solo quelle del premier e quello del Ministro dell’Economia. Gli altri personaggi che vi gravitano attorno sono, appunto, solo dei personaggi. Non è indispensabile che siano così competenti.

2. A guidare ministeri come Salute e Giustizia possono andare dei politici “puri”. Ma a quello dell’Economia devono esserci dei tecnici. Questo è un punto essenziale. Se presso i media mainstream (ma non solo) è completamente assurdo pensare a un non economista in quel dicastero è perché quella economica viene considerata una scienza esatta. In un simile ambito la discrezionalità politica è ridotta al minimo, così come lo sarebbe in una operazione chirurgica: non saranno certo le scelte politico-ideologiche del medico a determinare l’esito dell’operazione. E così anche le scelte di politica economica sono frutto di valutazioni scientifiche obiettive; anzi a ben guardare non sono nemmeno delle vere e proprie scelte, dato che sono determinate dalla necessità della scienza. Dunque a sorvegliarne l’esecuzione non possono che essere degli scienziati, dei tecnici: Dini Ciampi Siniscalco Grilli Saccomanni Padoa Schioppa… Anzi, dato che l’economia determina tutto il resto (vedi punto 1), è sensato che siano degli economisti a ricoprire direttamente l’ufficio del Primo Ministro, come nel caso di Monti.

Insomma, Pier Carlo Padoan è un soggetto iper-competente, padrone di una scienza esatta quanto la matematica: è il Ministro delle Equazioni. Risolvere le equazioni non è questione di opzioni politiche, ma di competenza tecnica. La soluzione dei problemi è unica, è quella esatta. È evidente, è necessario, che si privatizzi, che si licenzi, che si tagli lo stato sociale. Lo dice la scienza. Non ci sono alternative.

Claudio Martini

Fonte: http://il-main-stream.blogspot.it

Link: http://il-main-stream.blogspot.it/2014/02/il-ministro-delle-equazioni-nel-governo.html

24.02.2014

Pubblicato da Davide

  • Stopgun

    Probabilmente è pronto un piano di distruzione di molti posti di lavoro nel pubblico: questo piano sarà attuato nei prossimi 100 giorni quando la delega di ministro della P.A. tornerà a Renzi a causa del l’astensione obbligatoria dal lavoro da parte della Madia.

    Mannaggia la Peppa!
  • Tao
    Ora la lista la conosciamo si può fare qualche previsione. Il primo 50% dei ministeri è “senza portafoglio”, così come il restante 50%. Il portafoglio ce l’ha solo chi comanda, ovvero Piercarlo “il dolore è efficace” Padoan, che non ha neanche giurato subito assieme agli altri ministri. È rimasto in Australia [www.corriere.it], dove stava lavorando al G20 per l’OCSE, caso mai qualcuno non avesse chiaro quali siano le priorità. Giurerà più tardi con comodo, quando deciderà lui. Comunque tutto questo è coreografia, quello che conta è che Padoan è lì per fare quello che lui sa che deve esser fatto [www.ansa.it], come dicono anche Rehn  e Visco (e Draghi).

    Cosa accadrà ora?
    La pressione fiscale probabilmente è arrivata al limite, non si può spremere oltre. Certamente c’è da mettere in conto che preparino una qualche forma di patrimoniale [www.repubblica.it], ma il bersaglio grosso ora dovrebbe essere la legislazione del lavoro. Questo è un punto fondamentale, perchè disarticolare completamente i brandelli di diritto del lavoro residui realizzerà uno scenario che anche nel caso di evoluzioni future ora imprevedibili renderà disponibili per molti anni grossi volumi di mano d’opera a buon mercato utilizzabile quasi senza vincoli, con dei costi molto più convenienti anche rispetto alla schiavitù, come spiegava qui [www.cobraf.com] GZ qualche giorno fa.

    C’è da aspettarsi qualcosa di simile a un blitz, un po’ come hanno fatto per l’operazione BdI. Renzi non ha nemici interni e ha le spalle coperte dalla cosca finanziaria internazionale e dai media (ogni giorno intervistano Davide Serra su quotidiani o radio, stamattina su Radio1 alle 7.30, ad esempio). Non appena si è ripreso dal brutto quarto d’ora che ha passato, lo stesso Bersani ha rilasciato un’intervista in cui raccomanda a tutti di votare la fiducia al governo [www.adnkronos.com], per sgombrare il campo da equivoci. Sa che mettersi di traverso è pericoloso, vedendo come “loro” hanno condotto la “guerra dei sei giorni“: hanno fatto a pezzi Letta e messo in un angolo Napolitano (che sembrava un semidio fino a un mese fa) senza il minimo tentennamento. L’ “operazione Friedman” ha come obiettivo dichiarato quello di obbligare l’Italia a “ fare le riforme [www.alanfriedman.it]”, e in Italia si appoggia a grossi pezzi di Confindustria che lavorano per l’export e hanno necessità di poter pagare salari da Cina in modo finalmente legale qui in Italia. Questo distruggerà ancora di più il mercato interno ma è un problema nostro, non loro.

    Nel proteggere l’operazione hanno un ruolo chiave i militanti PD. Quelli rimasti, ormai, sono dei fedelissimi che difendono il Verbo delle riforme strutturali fino alla morte, e come Gondrano [www.uomocomune.org]lavorano sodo per difendere il progetto, contro ogni evidenza di devastazione in corso in Europa e in Italia. Questo non è uno scherzo ma è un sistema ottimamente organizzato che eredita il modello leninista, presidia il territorio con centinaia di sedi in tutta Italia e si mobilita come un piccolo esercito che si muove compatto ed efficace quando necessario. Fingono malessere e scrupoli di coscienza, ogni tanto, ma poi rientrano nei ranghi [www.tgcom24.mediaset.it], e silenzio. Qui è il grande succcesso del principio per cui “il partito epurandosi si rafforza“: quanto minore è la partecipazione complessiva al voto, tanto più aumenta il peso relativo e l’efficacia, sullo scenario, di questa minoranza organizzata.

    Per chi vuole contrastare il progetto totalitario dell’Eurozona c’è molto da imparare di fronte alla disciplina marziale con cui si muovono i pretoriani eurofili; il punto principale è che nel momento cruciale non si scannano tra loro, ma si chiudono come una falange oplitica. Non è politica nè economia: è strategia militare.

    Daniele Basciu

    Fonte:  http://econommt.tk [econommt.tk]

    Link: http://econommt.tk/2014/02/24/il-blitz/ [econommt.tk].

    25.02.2014

  • alfiodiba

    E il ministro delle Finanze DEL TURCO? non mi pare avesse una laurea, eppure no
    ha fatto peggio di megalaureati.

  • helios

    [b]È
    evidente, è necessario, che si privatizzi, che si licenzi, che si tagli
    lo stato sociale. Lo dice la scienza. Non ci sono alternative.[/b]

    lo dirà pure la scienza ma un limone non lo puoi spremere più di tanto. L’alternativa esiste e si chiama ritornare al buon senso, se qualcuno ha ancora idea di che cosa mai sia.

  • Allarmerosso

    eh ma mi sa che non devi dirlo all’articolista … 

  • spadaccinonero

    @helios

    ottimo commento
    dire che siamo in mano a folli è un eufemismo