Home / ComeDonChisciotte / IL MEA CULPA DEI CARNEFICI
11847-thumb.jpg

IL MEA CULPA DEI CARNEFICI

DI GIORGIO
comedonchisciotte.org

La Grecia sta per esplodere. Ormai è questione di mesi. Il boato si sentirà forte in tutto il mondo. L’unica incognita sta nel chiedersi se l’esplosione distruggerà il popolo greco, oppure se sarà un segnale di rinascita per tutti i popoli europei.

L’odio fa a gara con la rabbia. La disperazione con la ragione. Un dato su tutti: durante gli ultimi due anni il tasso di mortalità è maggiore di quello delle nascite. E’ la prima volta dopo la 2a Guerra Mondiale. Si può parlare di genocidio o no? Per il resto, il reddito è giù del 25% e la disoccupazione vola al 27%, non parliamo di quella dei giovani. Tra poco salterà il sistema pensionistico e quello della Previdenza Sociale in generale.
In questo contesto da incubo arriva il rapporto interno “strettamente confidenziale” del FMI (cr13156.pdf ) a dire ciò che viene sintetizzato nel titolo dell’articolo del Telegraph ma che ogni persona di buon senso conosceva già:

http://www.telegraph.co.uk/finance/financialcrisis/10101660/EU-put-eurozone-safety-before-Greece-during-bailout-IMF-report-claims.html

“L’Unione Europea ha messo il salvataggio dell’eurozona prima della Grecia”. Vale a dire il salvataggio dell’euro prima della vita degli umani.

Una descrizione meno impegnativa si può trovare qui:

http://keynesblog.com/2013/06/07/il-fantasma-di-keynes-turba-i-sonni-del-fmi-ma-non-della-bce/

Nel suo rapporto il FMI corregge le sue stime per il 2012 come segue: il PIL da -6% a -6,4%, gli investimenti da -14,4% a -19,2%, la produzione da -7% a -7,7%. E c’è da credere che, data la dimostrata incapacità nell’amministrare la crisi greca, le stime siano ancora ottimistiche.

Dal rapporto risulta che “hanno sbagliato gli indici”, che “non hanno previsto una contrazione cosi forte”, che “non si aspettavano un tasso di disoccupazione così alto”, perfino che “non si immaginavano il sorgere di partiti neonazisti”. Insomma, loro avevano tutte le buone intenzioni ma, si sa, l’economia, dal momento che non è più una scienza ma un credo fondamentalista, è diventata una brutta bestia. Come la scultura del toro vicino a Wall Street.

Viene per la prima volta ammesso che i due anni di ritardo della ristrutturazione del debito sono serviti a trasferire il peso dalle banche private ai governi europei e al FMI stesso. E che la collaborazione del FMI con la Commissione Europea non era delle più brillanti. Tra l’altro si dice che il FMI non poteva consultarsi con il governo greco ma solo con la commissione. Certo, perché quello “greco” solo governo non era. Una sgangherata (miracolosamente però sempre in piedi) combriccola di personaggi che hanno le mani sporche e l’anima nera.

Ma, cosa più importante, e anche per essere onesti, bisogna aggiungere che il FMI sostiene che la sua prima proposta al governo greco era la ristrutturazione immediata del debito (con il relativo hair-cut) sul modello seguito in Uruguay nel 2004 e in Giamaica nel 2011. Questa proposta però fu tolta dal tavolo dei negoziati perché considerata dal governo “greco” “una… linea rossa non oltrepassabile”! Quindi il ragionamento del FMI è che siccome non era stata seguita la regola fondamentale in casi del genere, è logico che in seguito siano stati commessi degli errori. Infatti, nel rapporto si legge: “Dal momento che questa possibilità era stata esclusa, la Grecia aveva due scelte:
1) “il default” (che nel gergo mediatico è stato battezzato “fallimento disordinato” il che non è affatto vero, per l’economia default significa “cessazione dei pagamenti verso il creditore”), oppure
“2) seguire un programma FINGENDO che con questo programma il debito possa diventare sostenibile. Perché questo era l’unico modo per salvare le banche e l’economia europea”. Inutile dire quale soluzione si adottò.

Che cosa dice in pratica il FMI? Dice che il governo “greco” (sotto il diktat europeo) ha preferito la svalutazione interna per salvare le banche private d’Europa e l’euro. E, si sa, l’ha fatto con il massimo rumore possibile per facilitare loschi affari di speculazione, mentre, in sintonia con i media e i giornali di regime di tutta Europa, bollava il popolo greco di epiteti tipo “lazzaroni” e “ladri”. “Sono il premier di un popolo di corrotti” è la frase usata dall’allora primo ministro George Papandreou (in Grecia detto “GAP” dato il nome Andreas del padre) in una conferenza all’estero.

Constatata dunque l’inutile cura da cavallo imposta sui greci per amor dell’euro (quindi delle banche) si è acceso il “dibattito” delle solite chiacchiere: Dalle analisi “obbiettive” come questa

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-06-05/ammette-sono-stati-commessi-183544.shtml?uuid=AbgxaT2H

fino a quelle “redentrici” del popolino che si prende la sua rivincita, mentre vengono presentati come dei profeti non ascoltati tutti coloro che la cura da cavallo l’hanno imposta da veri sadici ma che ora si sentono “rivendicati”.

http://www.forexinfo.it/La-Grecia-non-perdona-il-mea-culpa

Senza dimenticare la morale però: “Le misure greche? Ancora valide”

http://www.formiche.net/2013/06/06/grecia-troika-austerity-fmi-rehn-draghi/

Forse ci sarà qualcuno che penserà “certo, una cosa brutta, ma almeno l’euro e l’Europa sono salvi”. Gli ricorderò una sola cosa: Quando nel 2011 si facevano questi ragionamenti la Germania cresceva del 4 o 5%. Oggi, l’Europa è sotto zero e la Germania vanta la vertiginosa crescita del 0,1%.

L’euro è la tomba dei popoli indipendentemente da longitudini o latitudini.

Giorgio
Fonte: www.comedonchisciotte.org
9.06.2013

Pubblicato da Davide

  • brezzarossa

    L’Economia non è mai stata una scienza.

  • ireneo

    molleranno al popolo greco qualche elemosina per evitare il crollo dell’europa, per questi fanatici l’europa unita è un mostro satanico a cui fare sacrifici umani.

  • Georgejefferson

    Non e’ mai stata una scienza esatta.Ma sociale,come quelle anche chiamate scienze umane.La sua rovina e’ stata ergerla a dogma come scienza esatta.

  • nigel

    Infatti. Il problema è costituito dal numero di variabili fuori controllo, che nel caso dell’economia sono alquanto elevate. La stessa esistenza di “teorie” contrapposte evidenzia quanto l’economia possa troppe volte essere, più che una scienza, un’opinione. Per fare un esempio, la “Curva di Laffer”, demolita da Stiglitz e da altri autorevoli economisti, sembra aver avuto conferma con il Governo Monti (esiste un limite oltre il quale l’incremento della pressione fiscale determina una riduzione delle entrate)

  • nigel

    Il mito europeo è ora soltanto un paravento che nasconde intenti di rapina. Si cercherà di prendere tutto ciò che è possibile, poi strofinandosi gli occhi con le cipolle, si abbandonerà il “grande sogno” alle ortiche. Il piano riuscirà, perchè la maggioranza è composta da poveri idioti, che avrebbero potuto limitare i danni mandando al diavolo per tempo gli eurocrati e magare impiccare i loro corifei

  • TarasBulba

    Qualche volta penso che sia meglio la Triade Cinese ( che certamente avrà mantenuto in sé qualche elemento dell’antico spirito confuciano e taoista) che questi eurocrati con i loro servi (i cannibali nostrani e quelli greci)…..

  • FreeDo

    Ieri fra i pochi commenti di questo articolo avevo aggiunto una riga:”CHI E’ MAX STIRNER”? E’ stata tolta, direi anche giustamente, perche’ senza senso, del tutto fuori contesto. Credo di dovere qualche spiegazione a chi ha eliminato quella riga. E’ successo questo : ho letto l’articolo, ho pensato alle condizioni in cui si trova una buona parte del Popolo Greco e al modo in cui vi e’ stato costretto. A chi possiede un minimo di sensibilita’ certe cose provocano quel bruciore allo stomaco che e’ sintomo di rabbia, di impotenza, di desiderio di riscatto che rimarra’ probabilmente irrealizzato.
    E poi mi e’ tornato in mente l’articolo precedente, quello di max stirner che avevo da poco letto. Il contrasto e’ enorme: da un lato la tragedia di un popolo, dall’altro l’articolo di un paranoico che non meritava altro che di essere ignorato e che invece ha dato il via, cosa secondo me abbastanza deprimente, ad un accapigliarsi tra donnicciole degno dei peggiori programmi di cui le nostre tv sono capaci (e vedo fra l’altro che la cosa continua). Il senso di quelle quattro parole voleva essere questo: ci stanno portando alla fame e noi ce ne diciamo di tutti i colori chiedendoci chi sia max stirner? Cancellare cio’ che se non spiegato rimane senza senso va benissimo, ma e’ l’indecenza della discussione nata attorno a qualcosa che e’ piu’ un delirio che un articolo che credo non faccia bene a Comedonchisciotte.

  • alvise

    Io analizzo la questione in modo semplice.Non è mai stata una scienza esatta ma questo non vuol dire che si doveva lasciar fare ai mercati tutto quello che interessava agli speculatori.Il meccanismo dei Derivati, dei Cds,ecc, sono i principali artefici del progrom finanziario, e questo per colpa della politica corrotta.Nel contempo il problema si assomma allo scoppio della bolla speculativa dei sub prime americani che hanno impestato di carta straccia le banche europee.

    Il retaggio dello scandalo della “banca romana” del 1892, ce lo stiamo portando dietro da allora, ed i socialisti, ma non solo loro, c’erano dentro fino al collo, non c’è niente da fare, quando c’è odore di soldi arriva l’inciucio.Ha ragione Grillo quando dice che il debito va ristrutturato, come è successo in passato per altri paesi, solo che Grillo è inascoltato perchè è un “buffone”, un ignorante.Quando si arriva a produrre il programma HFT usato nelle borse per fare migliaia di transazioni in pochi secondi, e lasciar correre come se niente fosse, siamo un paese già morto.Ragazzi, quì se non si fa la voce grossa nel far rivedere il debito, altro che Grecia, è solo questione di poco tempo, e chi ne sa più di me sa che è così