Home / ComeDonChisciotte / IL MARCIO DIETRO AL CRIMINE
11259-thumb.jpg

IL MARCIO DIETRO AL CRIMINE

DI GEORGE MONBIOT

monbiot.com

Una spiegazione incredibile per l’aumento e la diminuzione del crimine può essere corretta?

All’inizio, sembrava assurdo. Era un’ipotesi così strana che mi sono messo a ridere. L’ascesa e la caduta dei crimini violenti nella seconda metà del 20° secolo e nei primi anni del 21° sono state causate, secondo la teoria, non dai cambiamenti nella vigilanza o nell’incarcerazione, dai genitori unici, dalla recessione, dal crack o dalla legalizzazione dell’aborto, ma principalmente… dal piombo.

Non dico stronzate. Le ondate di crimine che hanno afflitto gran parte del mondo e che dopo, contro ogni previsione, sono crollate, come descritto in un articolo pubblicato da Mother Jones (1) la scorsa settimana, a causa dell’aumento e la seguente diminuzione dell’uso di vernici a base di piombo e di piombo tetraetile.È ridicolo – finché non vedi le prove. Alcuni studi fra varie città, stati e nazioni dimostrano che questa oscillazione nel crimine segue, con circa 20 anni di scarto, l’oscillazione dell’esposizione dei bambini a quantità minime di piombo (2,3,4). Ma tutto ciò che ci fornisce è una correlazione, un’associazione che potrebbe essere una coincidenza. Il pezzo del Mother Jones (1), basato su diversi articoli scientifici, parla di relazione causale.

Ho incominciato con il leggere gli articoli. Dicono quanto dichiara il pezzo? Si. Poi ho dato un’occhiata alle citazioni: la discussione degli articoli nella letteratura scientifica. I tre di cui ho controllato le citazioni sono stati menzionati, nell’insieme, 301 volte. Ho letto tutti questi documenti (tranne qualcuno in altre lingue) oltre a dozzine di altri. Con mia grande sorpresa, ho scoperto che solo uno attaccava la tesi e che era sostenuto dalla Ethyl Corporation, che si dà il caso sia stata uno dei maggiori produttori di additivo per petrolio a base di piombo tetraetile. Ho trovato più articoli a favore della tesi. Per quanto suoni folle, sembra davvero che l’avvelenamento da piombo possa essere stata la causa principale dell’ascesa e della caduta dei crimini violenti.

La curva segue lo stesso andamento in tutti i Paesi analizzati da questi articoli. Il piombo è stato tolto prima dalle vernici e poi dalla benzina in momenti diversi ed in posti diversi (cominciando con gli Usa negli anni ’70 per quanto riguarda la benzina, seguiti dall’Europa negli anni ’90). Tuttavia, nonostante le circostanze fossero diverse, il modello rimane lo stesso: i casi di crimini violenti raggiungono l’apice circa 20 anni dopo il picco dell’inquinamento da piombo. I tassi di criminalità nelle città d’America piccole e grandi, un tempo enormemente diversi, stanno gradualmente convergendo dopo altri 20 anni circa (10).

Non c’è altro che sembra spiegare queste tendenze. I ricercatori se la sono vista dura nella correzione delle variabili ovviamente complesse: fattori sociali, economici e legali. Dopo aver preso in considerazione 15 diverse variabili, uno studio ha scoperto un aumento di quattro volte negli omicidi negli Stati americani con i più alti livelli di inquinamento da piombo (11). Un altro ha scoperto che i livelli di piombo sembravano spiegare il 90% della differenza nei tassi di casi di aggressione tra le città americane (12).

Uno studio fatto a Cincinnati ha scoperto che i giovani perseguitati per delinquenza hanno una probabilità quattro volte maggiore rispetto alla normale popolazione di avere alti livelli di piombo nelle ossa (13). Una meta-analisi (uno studio degli studi) di 19 degli articoli non ha trovato nessuna prova di altri fattori che possano spiegare la correlazione tra l’esposizione al piombo ed i problemi di comportamento tra la popolazione giovane (14).

È davvero così sorprendente che una tossina altamente potente possa causare una cambiamento comportamentale? Gli impatti devastanti e permanenti di livelli minimi di piombo su quoziente intellettivo sono noti da anni. Gli effetti sul comportamento sono stati documentati per la prima volta nel 1943: è stato scoperto che alcuni bambini che avevano masticato la vernice delle ringhiere dei loro lettini, anni dopo essere stati ricoverati per avvelenamento acuto, siano diventati altamente inclini alla violenza e all’aggressione (15).

L’avvelenamento da piombo nell’infanzia, anche a livelli molto bassi, compromette lo sviluppo di quelle parti del cervello (la corteccia cingolata anteriore e la corteccia prefrontale) che regolano il comportamento e lo stato d’animo (16). L’effetto è più forte nei maschi che nelle femmine. L’avvelenamento da piombo è associato con sindrome da deficit di attenzione (17,18), impulsività, aggressione e, secondo un articolo, psicopatie (19). Il piombo è così tossico che non è sicuro a nessun livello (21,22).

Gli afro-americani, dal momento che era più probabile vivessero in città interne in case non ristrutturate vicino a strade trafficate e con la vernice che si staccava dalle pareti, sono stati soggetti a livelli medi di intossicazione da piombo molto più alti rispetto agli americani bianchi. Uno studio, pubblicato nel 1986, ha scoperto che il 52% dei bambini di colore negli USA, contro il 18% di bambini bianchi, avevano oltre 20 milligrammi per decilitro di piombo nel sangue (23); un altro ha scoperto che, tra il 1976 ed il 1980, i bambini neri avevano una probabilità di otto volte maggiore di avere una quantità di 40 mg/dl (24), un peso orrendo. Secondo altri due articoli, questo potrebbe spiegare la differenza nei tassi di criminalità tra i bianchi e i neri d’America (25) e la ipotetica differenza di quoziente intellettivo divulgata dal libro The Bell Curve (26).

È rimasto un solo produttore di piombo tetraetile sulla terra. Si trova ad Ellesmere Port in Inghilterra e si chiama Innospec. Il prodotto è stato da tempo bandito dalla vendita nel Regno Unito, ma la compagnia afferma, sul suo sito web, che sta ancora vendendo questo veleno ad altri Paesi (27). La Innospec si è rifiutata di parlare con me, ma altri rapporti dichiarano che il piombo tetraetile viene esportato in Afghanistan, Algeria, Birmania, Iraq, Corea del Nord, Sierra Leone e Yemen (28,29), Paesi segnati dal caos, con governi a cui non frega niente della loro popolazione.

Nel 2010 la compagnia ha ammesso che, sotto il nome di Associated Octel, aveva pagato milioni di dollari per corrompere funzionari in Iraq ed Indonesia per poter continuare, con immense profitto, a vendere piombo tetraetile (30). Tramite un accordo con le corti americana e inglese, la Innospec è stata prosciolta in maniera così lieve che il Lord John Thomas si è lamentato del fatto che “nessun altro accordo del genere deve essere più fatto” (31). Solo Dio sa quante vite abbia rovinato questa compagnia.

Il governo inglese mi dice che dal momento che il piombo tetraetile non si trova sulla lista europea delle esportazioni controllate, non c’è nulla che impedisca alla Innospec di venderlo a chi voglia. C’è un termine per questo: razzismo ambientale.

Se è vero che l’inquinamento da piombo, i cui impatti più ampi sono stati riconosciuti per anni, ha portato all’oscillazione dei casi di violenza, allora è lì, dietro ai crimini che hanno distrutto così tante vite e riempito così tante carceri, che giace un crimine ancora più grande.

George Monbiot

Fonte: www.monbiot.com

Link: http://www.monbiot.com/2013/01/07/the-grime-behind-the-crime/

07.01.2013

Traduzione per comedonchisciotte.org a cura di ROBERTA PAPALEO

FONTI

1. http://www.motherjones.com/environment/2013/01/lead-crime-link-gasoline

2. Rick Nevin, May 2000. How Lead Exposure Relates to Temporal Changes in IQ, Violent Crime, and Unwed Pregnancy. Environmental Research, Vol.83, Issue 1, pp1–22. http://dx.doi.org/10.1006/enrs.1999.4045

3. Rick Nevin, 2007. Understanding international crime trends: the legacy of preschool lead exposure. Environmental Research Vol. 104, pp315–336.
doi:10.1016/j.envres.2007.02.008

4. Jessica Wolpaw Reyes, May 2007. Environmental Policy as Social Policy? The Impact of Childhood Lead Exposure on Crime. National Bureau of Economic Research Working Paper 13097. http://www.nber.org/papers/w13097

5. The three papers whose citations I checked were Rick Nevin, May 2000, as above;
Rick Nevin, 2007, as above and Jessica Wolpaw Reyes, May 2007, as above.

6. Patricia L. McCalla and Kenneth C. Land, 2004. Trends in environmental lead exposure and troubled youth, 1960–1995: an age-period-cohort-characteristic analysis. Social Science Research Vol.33, pp339–359.

7. PB Stretesky and MJ Lynch, May 2001. The relationship between lead exposure and homicide. Archives of Pediatrics and Adolescent Medicine, vol.155, no.5, pp579-82.

8. Paul B. Stretesky and Michael J. Lynch, June 2004. The Relationship between Lead and Crime.Journal of Health and Social Behavior, Vol.45, no.2, pp214-229. doi: 10.1177/002214650404500207

9. Howard W. Mielke and Sammy Zahran, 2012. The urban rise and fall of air lead (Pb) and the latent surge and retreat of societal violence. Environment International Vol. 43, pp 48–55. doi:10.1016/j.envint.2012.03.005

10. Bureau of Justice, no date given. Homicide Trends in the U.S. http://bjs.ojp.usdoj.gov/content/homicide/city.cfm

11. PB Stretesky and MJ Lynch, May 2001, as above.

12. Howard W. Mielke and Sammy Zahran, 2012, as above.

13. Herbert L. Needleman et al, 2002. Bone lead levels in adjudicated delinquents: a case control study. Neurotoxicology and Teratology, Vol. 24, pp711 –717.

14. David K. Marcus, Jessica J. Fulton and Erin J. Clarke, 2010. Lead and Conduct Problems: a Meta-Analysis. Journal of Clinical Child and Adolescent Psychology, vol.39, no.2, pp234-241. http://dx.doi.org/10.1080/15374411003591455

15. R.K. Byers and E.E. Lord, 1943. Late effects of lead poisoning on mental development, American Journal of Diseases of Children, Vol. 66, pp. 471– 483.

16. Kim M Cecil et al, 2008. Decreased Brain Volume in Adults with Childhood Lead Exposure. Decreased Brain Volume in Adults with Childhood Lead Exposure. PLoS Medicine, vol. 5, no. 5. doi:10.1371/journal.pmed.0050112

17. Joel T. Nigg et al, January 2010. Confirmation and Extension of Association of Blood Lead with Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder (ADHD) and ADHD
Symptom Domains at Population-Typical Exposure Levels. J Child Psychol Psychiatry. Vol. 51, no.1, pp.58–65. doi:10.1111/j.1469-7610.2009.02135.x.

18. Joe M. Braun et al, 2006. Exposures to Environmental Toxicants and Attention Deficit Hyperactivity Disorder in U.S. Children. Environmental Health Perspectives vol. 114, pp.1904–1909. doi:10.1289/ehp.9478

19. John Paul Wright, Danielle Boisvert and Jamie Vaske. July 2009. Blood Lead Levels in Early Childhood Predict Adulthood Psychopathy. Youth Violence and Juvenile Justice, vol.7, no.3, pp.208-222. doi: 10.1177/1541204009333827

20. Rick Nevin, 2007, as above, reports that “there is no lower blood lead threshold for IQ losses”.

21. David Bellinger concludes that “No level of lead exposure appears to be ‘safe’ and even the current ‘low’ levels of exposure in children are associated with neurodevelopmental deficits.”. April 2008. Very low lead exposures and children’s neurodevelopment. Current Opinion in Pediatrics, Vol.20, no.2, pp172-177. doi: 10.1097/MOP.0b013e3282f4f97b

23. Royal Society of Canada, 1986. Lead in the Canadian Environment. Science and Regulation. Cited by Rick Nevin, 2007, as above.

24. Agency for Toxic Substances and Disease Registry, 1988. The Nature and Extent of Lead Poisoning in Children in the United States. US Department of Health and Human Services. Cited by Rick Nevin, 2007, as above.

25. Rick Nevin, 2007, as above.

26. Rick Nevin, February 2012. Lead Poisoning and The Bell Curve. Munich Personal RePEc Archive MPRA Paper No. 36569. http://mpra.ub.uni-muenchen.de/36569/

27. http://www.innospecinc.com/octane-additives.html

28. http://www.economist.com/news/21566385-lead-tantalisingly-close-death-2013-world-meant-stop-using-leaded-petrol-toxin

29. Anne Roberts and Elizabeth O’Brien, 2011. Supply Chain for the Lead in Leaded Petrol. LEAD Action News, vol.11, no.4.

30. http://www.guardian.co.uk/uk/2010/mar/18/firm-bribes-banned-chemical-tetraethyl

31. http://www.guardian.co.uk/business/2010/jun/30/octel-petrol-iraq-lead

32. I was passed by Defra to the Department for Transport, then by the DfT to the Department for Business, which told me it was all down to the European list. It was clear that none of them were remotely interested in the issue, or had considered it before.

Pubblicato da Truman

  • surfgigi

    interessante.si potrebbe dimostrare anche che l’incremento della lunghezza media delle anguille è correlato al diffondersi delle cinture di sicurezza sulle autovetture oppure che il prurito anale dei maschi adulti benestanti è andato diffondendosi a causa della crisi dell’editoria. ma va là..

  • furia

    Molto interessante,allora che dire della pasta di piombo impiegata negli interventi di otturazione dentale che ancora oggi nonostante esistano delle nuove tecniche e materiali viene ancora impiegata, quindi una dose di potenziale follia la si possiede in grande massa, dolenti o nolenti la radice di quel famoso molare o premolare a qualche centro nervoso deve pur essere connesso, dobbiamo attendere il fattore scatenante perche’ venga fuori o forse é meglio farsene una ragione e far proprio il concetto di ” PPD -potenziale personale distruttivo “.
    Pensando agli anni di studio all’università sulle teorie di conservazione della’energia mi viene in mente un concetto allora astrato e invece oggi concreto nel quale viviamo, “entropia crescente” nel quale metalli estratti dal profondo crescente della crosta sono entrati sotto forma di surrogati di vario genere nel nostro circuito connettivo creando variazioni a breve e lungo tempo periodo di ricaduta sulla nostra forma di vita.
    Se l’acqua bolle,bolle anche la terra e l’uomo si gonfia!

  • Tonguessy

    Leggevo su “annual of improbable reseach” che esiste una correlazione molto forte tra l’aumento dell’inquinamento e la scomparsa dei pirati. Ah, non mi sto inventando nulla…tutto vero, eh?

  • Jor-el

    Naah: è tutta colpa della spread!

  • paulo

    Che il piombo faccia male non c’è dubbio, specialmente se viene sparato contro il corpo ad alta velocità da un fucile. Che l’aumento della criminalità sia correlato a qualcosa anche non si può negare, altrimenti dobbiamo negare anche il rapporto di causa e effetto. Questi ricercatori hanno trovato UNA correlazione, ma per fare scienza bisogna trovare il legame causale tramite una chiara teoria e/o sperimentazione.

    In altre parole, come accennato nei commenti, con un po’ di pazienza si può correlare cose senza aver bisogno di un meccanismo casuale.

    Per completezza direi che esiste anche il libero arbitrio e se uno fa delle scelte, queste possono anche venire da luoghi così profondi che nessuna correlazione potrà mai rilevare.

  • RicBo

    A me, me pare ‘na strun…ta.
    Chiunque abbia un minimo livello di istruzione sa che qualsiasi dato può essere correlato con altri per dimostrare quello che si vuole.
    Seguendo questo ragionamento, quindi, gli antichi Romani, che costruivano le tubature dell’acqua potabile in piombo puro, si sarebbero estinti per la violenza autodistruttiva intrinseca dovuta ad avvelenamento da piombo.
    Ditemi voi se è plausibile.

  • gnorans

    Fu il piombo a far crollare l’Impero Romano?

    http://galilei2d.altervista.org/wordpress/?p=4474

  • Santos-Dumont

    La fluorazione dell’acqua come misura preventiva alla diffusione del vampirismo? 🙂

  • Santos-Dumont

    Approvato dal FSM. 🙂