Home / ComeDonChisciotte / IL GRANDE DISASTRO STA ARRIVANDO ? I SEGNI DI UNA NUOVA CRISI DEI DERIVATI SONO CHIARI
15361-thumb.jpg

IL GRANDE DISASTRO STA ARRIVANDO ? I SEGNI DI UNA NUOVA CRISI DEI DERIVATI SONO CHIARI

DI MICHAEL SNYDER

theeconomiccollapseblog.com

Warren Buffett una volta ha denominato gli strumenti derivati ​​“armi finanziarie di distruzione di massa“, ed era inevitabile che avrebbero iniziato a devastare il nostro sistema finanziario a un certo punto. Mentre le cose possono sembrare un po’ calme a Wall Street, al momento, la verità è che una grande quantità di problemi sta bollendo appena sotto la superficie. Come si vedrà in seguito, è successo qualcosa a metà settembre che ha richiesto un aumento senza precedenti di 405 miliardi di dollari del Tesoro come garanzie nel mercato dei pronti contro termine.

So che suona molto complicato, quindi cercherò di scomporlo più semplicemente per voi. Sembra che alcune istituzioni finanziarie abbiano cominciato a entrare in una quantità significativa di difficoltà a causa di tutte le scommesse temerarie che stanno facendo. Questo è qualcosa che ho avvertito sarebbe accaduto più e più volte. In realtà, ho scritto su di esse così tanto che i miei lettori abituali sono probabilmente stanchi di sentirne parlare. Ma questo è ciò che sta per provocare il crollo del nostro sistema finanziario.

Molti là fuori si risentono quando paragono l’intermediazione dei derivati ​​al gioco d’azzardo, e forse sarebbe più esatto descrivere la maggior parte dei derivati ​​come una forma di assicurazione. Le grandi istituzioni finanziarie ci assicurano che essi hanno passato fuori la maggior parte del rischio su questi contratti ad altri e quindi non c’è motivo di preoccuparsi secondo loro.

Beh, personalmente io non mi fido delle loro spiegazioni, e un sacco di altre persone sono allineate con me. A un livello primitivo molto di base, i derivati ​​di negoziazione sono uguali al gioco d’azzardo. Questo è un punto che Jeff Nielson ha reso eloquente in un pezzo che ha recentemente pubblicato

Nessuno “capisce” i derivati. Quante volte i lettori hanno sentito quest’espressione (si prega di limitarsi agli ultimi mesi)? Perché nessuno capisce i derivati? Per molti la risposta a questa domanda sarebbe troppo difficile. Per gli altri, la miglior risposta è non rispondere affatto.

I derivati sono scommesse. Questa non è una metafora, o analogia, o generalizzazione. I derivati sono scommesse. Stop. Questo è tutto ciò che vediamo nel passato. Questo è tutto quello che vedremo nel futuro.

Un’istituzione finanziaria molto grande che sembra essere in guai seri con queste armi finanziarie di distruzione di massa è Glencore. Un tempo Glencore era considerata come la decima più grande azienda su tutto il pianeta, ma ora sembra essere venuta a pezzi, e una grande quantità di loro problemi sembra essere legata ai derivati. Di seguito cito Zero Hedge

Di particolare interesse, hanno detto, è stato l’uso di Glencore di strumenti finanziari come i derivati ​​di copertura dello scambi di beni fisici contro oscillazioni di prezzo. La società aveva $ 9,8 miliardi in derivati ​​lordi nel giugno del 2015 – alla fine del 2014 la stessa cifra ammontava a 19 miliardi – causando agli investitori interrogativi circa lo stato di salute dell’azienda.

Glencore ha detto agli investitori il numero è andato giù così drasticamente a causa delle variazioni di volatilità del mercato di quest’anno, in base alle persone informato dalla Glencore. Quando i prezzi variano in modo significativo, può aumentare il valore delle posizioni di copertura.

L’anno scorso, ci sono stati movimenti di prezzo estreme, in particolare nel mercato del greggio, che scivolavano da circa 114 $ al barile nel mese di giugno a meno di $ 60 al barile entro la fine di dicembre.

Quella risposta non è stata soddisfacente, ha detto Michael Leithead, un gestore di fondo obbligazionario presso EFG Asset Management, che gestisce 12 miliardi di dollari e ha investito in debito di Glencore.

Secondo Bank of America, il sistema finanziario globale ha circa 100 miliardi di dollari di esposizione complessiva verso Glencore. Quindi, se Glencore fallisse ci sarebbe un disastro. A questo punto, Glencore è probabilmente il candidato più probabile per essere “la prossima Lehman Brothers”.

E non è solo Glencore che è nei guai. Altri giganti finanziari come Trafigura sono in profonda angoscia. Collettivamente, il sistema finanziario globale ha circa mezzo trilione di dollari di esposizione a queste imprese …

Peggio ancora, dal momento che non è solo verso Glencore che le banche sono esposte; se si conteggia il settore delle materie prime, la loro esposizione lorda sale fino a un numero semplicemente mozzafiato:
Per le banche, naturalmente, Glencore potrebbe non essere l’unica esposizione nel campo del commercio di materie prime. Riteniamo che altri veicoli come Trafigura, Vitol e la Gunvor possano manifestarsi nei bilanci delle banche ($ 100 miliardi x 4?)

Stimateli come mezzo trilione di dollari in esposizione altamente rischiosa alle materie prime: una classe di attività che è stata schiacciata nel corso dell’anno passato.

I media mainstream non parla molto di tutto questo, ciò è probabilmente una buona cosa. Ma dietro le quinte, mosse senza precedenti sono già in atto.

Quando mi sono imbattuto nelle informazioni che sto per condividere con voi, sono rimasto assolutamente sbalordito. Viene da Investment Research Dynamics, e si vede molto chiaramente che non tutto “va bene” nel mondo finanziario …

Qualcosa si è verificato nel sistema bancario nel mese di settembre che ha richiesto una massiccia operazione di reverse repo al fine di costringere la più grande iniezione di garanzie nel mercato dei pronti contro termine. Normalmente la Fed potrebbe impegnarsi in reverse repo di routine come strumento di gestione del tasso sui fed funds. Tuttavia, come si può vedere dal grafico qui sotto, ci sono stati picchi improvvisi che tendono a corrispondere con i tempi di crisi- la più ovvia è il crollo de facto del sistema finanziario nel 2008:

Reverse Repo Operation

Che cosa nel mondo potrebbe causare un picco di tale entità?

Beh, questo stesso articolo che ho appena citato collega i problemi alla Glencore con questo intervento senza precedenti …

La cosa ancora più interessante è che il picco in reverse repo si è verificato nello stesso tempo – 16 Settembre – in cui il mercato azionario ha intrapreso un piccolo crollo di 8 giorni, con l’indice S & P 500 che cade del 6% in quel periodo di tempo. Noterete che questo è all’incirca lo stesso tempo in cui sono iniziati i malanni Glencore. È stato suggerito dagli analisti che un default su Glencore di enti finanziari che utilizzano derivati ​​per scommettere contro tale evento sarebbe analogo al “Lehman moment” che ha scatenato il crollo del 2008.

La colpa del piccolo crollo azionario è stato addebitato all’incapacità della Fed di alzare i tassi di interesse. Tuttavia, ciò sembra essere niente di più che una storia di copertura intelligente per qualcosa di molto più catastrofico che ha cominciato a sviluppare problemi nelle funzioni di liquidità generali del sistema bancario mondiale.

Già nel 2008, Lehman Brothers andava benissimo un giorno e poi improvvisamente crollò il giorno dopo. C’erano grandi problemi che ribollivano sotto la superficie.

Beh, la stessa cosa sta accadendo ora a colossi bancari come Deutsche Bank, , e alle imprese commercio di materie prime come la Glencore, Trafigura e il Gruppo Noble.

E, naturalmente, un sacco di pesci più piccoli stanno iniziando ad implodere pure. Ho trovato questo esempio pubblicato su Business Insider di oggi

In data 11 settembre, Abete Alpha, un piccolo hedge fund che fa parte di un gruppo di investimento più grande, ha inviato una breve relazione per gli investitori.

La lettera diceva che il fondo da 80 miliardi di dollari aveva perso il 48% in un mese, secondo il rapporto fornito da Business Insider.

Non c’era commento incluso nella nota. Nessuna spiegazione. Solo numeri duri freddi.

Wow – come si fa a perdere forse 48 per cento in un solo mese?

Sarebbe difficile farlo, anche se sono stati effettivamente cercando di perdere soldi di proposito.

Purtroppo, questo tipo di scenario sta per essere ripetuta più e più volte, come abbiamo più ancora di più nella crisi.

Nel frattempo, i nostri “leader” continuano a dirci che non c’è nulla di cui preoccuparsi. Ad esempio, basti pensare che l’ex presidente della Fed, Ben Bernanke, sta dicendo

L’ex presidente della Federal Reserve Ben Bernanke non vede tutte le bolle in formazione sui mercati globali

Ma non credo che si dovrebbe prendere sul serio la sua parola.

E anche se lo prendeste sul serio, lui stesso vi sconsiglia.

Parlando ad un evento organizzato dal Wall Street Journal il Mercoledì mattina, Bernanke ha detto, “Io non vedo grandi mispricing evidenti. Nulla di ciò che si presenta somiglia alla bolla immobiliare prima della crisi, per esempio. Ma non dovresti fidarvi di me. “

Sono certamente d’accordo con l’ultima frase. Bernanke era quello che ci diceva che non ci sarebbe stata una recessione nel 2008, anche dopo che era iniziata. Lui era davvero incapace allora e lui è all’oscuro di tutto oggi.

La maggior parte dei nostri “leader” è sinceramente ignorante o mente sapendo di mentire.
Quindi questo significa che dobbiamo cercare di capire le cose da soli il meglio che possiamo. E in questo momento ci sono segni tutto intorno a noi che un’altra crisi ha avuto inizio.

Personalmente, spero che ci saranno molti più giorni come oggi, quando i mercati sono relativamente tranquilli e i licenziamenti contenuti.

Purtroppo per tutti noi, questi giorni di relativa pace e tranquillità stanno per arrivare ad una conclusione molto brusca.

Michael Snyder

Fonte: http://theeconomiccollapseblog.com

Link: http://theeconomiccollapseblog.com/archives/global-financial-meltdown-coming-signs-that-the-great-derivatives-crisis-has-now-begun

7.10.2015

Traduzione per www.comedonchisciiotte.org a cura del BUCANIERE

Pubblicato da Davide