Home / Notizie dal Mondo / Il genio nordico e il teoema del riscaldamento centralizzato
sumeri

Il genio nordico e il teoema del riscaldamento centralizzato

 

DI FRED REED

fredoneverything.org

Oggi vi spiegherò come è avvenuta la civiltà, nella misura in cui c’è stata una civiltà, o che possa essere spiegata, e da dove siano venute le cose, e chi abbia fatto cosa e perché. Dopo non ci sarà più nulla da dire al riguardo. In tutto il paese si sentiranno sbattere porte e chiuderanno molte facoltà universitarie.

Dunque, la storia è zeppa fino all’inverosimile di letteratura, arte ed invenzioni, come le gomme da masticare sotto le poltrone dei teatri. Le invenzioni sono piuttosto importanti per la civiltà. Da dove provengono queste invenzioni? Beh, c’è un folto gruppo di persone che ingombrano il web dicendo che vengono tutte dal nordeuropa. Eh sì, vedete, è una questione di genetica. Quelle pallide persone avrebbero inventato tutto. Nessun altro ha fatto lo stesso, soprattutto i latini. Perché i nordici posseggono una creatività come nessun altro. I cinesi? Bravissimi a copiare di tutto e fanno dei belli ombrellini per drink costosi, ma non sanno inventare. I Latini? Impossibile. Solo i nordeuropei sanno inventare.

Sembra essere un puro auto-compiacimento, dal momento che, curiosamente, la maggior parte di quelli che lo pensano sono nordeuropei. Sarà senz’altro una pura coincidenza. In ogni caso, essendo io per mia natura uno strenuo difensore di qualunque cosa abbia a che fare con il mondo latino, e stufo di sentire delle simili idiozie sulla questione, ho deciso di indagare. Possibile che nessun’altro ha mai contribuito al mondo della mente? Neanche un latino?

No.

Dopo mesi e mesi di approfondite ricerche ho dovuto ammetterlo: dannazione! Era vero! I nordeuropei davvero detengono tutta la storia intellettuale. Nessuno ha mai eguagliato la loro creatività. E’ un fatto innegabile. E la cosa risale a molto, molto tempo fa.

Verso la metà del IV millennio a.C., dei nordeuropei della Sumeria – ritenuti da molti i Finnici, anche se non confermato da alcuna prova – inventarono la scrittura. Sì, più tardi fu inventata in modo indipendente da altri nordeuropei, in particolare Cinesi ed Indiani Mesoamericani.

I popoli latini, in particolare, non hanno creatività. Ci sono prove storiche: quattromila anni dopo i finnici della Sumeria, intorno al 750 AD, i popoli latini della Danimarca riuscirono finalmente a scrivere Beowulf (vero nome: Beowulf Gonzalez) anche se in linguaggio rozzo e con l’utilizzo di caratteri rubati ai Fenici nordeuropei. Così sono i latini.

Nel quinto secolo a.C. dei nordeuropei di Atene produssero Archimede Jones e Aristotele Schwartz. E questa fioritura nordica continuò. Dei nordeuropei dell’Impero Romano inventarono l’ingegneria o perlomeno migliorarono notevolmente quello che i finnici della Sumeria avevano fatto prima di loro. Dopo, nordeuropei italici produssero il Rinascimento. I popoli latini non avrebbero mai potuto farlo poiché mancano di creatività.

Non c’é bisogno di ricordare le opere intellettuali dei noti Michelangelo Hofstedter, Da Vinci Frankfurter e Benvenuto Cellini Thor.

Il Perseo, del noto Cellini Thor, un nordeuropeo fiorentino nato nel 1500 e apparentemente misogino. Il genio nordico è più che evidente nella…nella (lasciamolo all’immaginazione del lettore).

 Ora, chiediamoci, come ha fatto il Nord Europa a produrre dei geni teutonici come Galileo Schwartz? Cosa fa fiorire una civiltà mentre un’altra resta sepolta sotto la neve? Dopo profonde riflessioni, ho concluso che per avere una civiltà c’è bisogno soprattutto di calore e di umidità. Questo vale anche per le splendide piante tropicali, come le orchidee.

Consideriamo questo: i Sumeri sono stati avanti a tutti perché vivevano in un clima fortemente torrido tra due fiumi, il Tigri e l’Eufrate. Non dovevano sprecare tutto il loro tempo a procurarsi legna da ardere e a spalare neve. Confrontiamoli con, ad esempio, la Norvegia. Mentre i nordeuropei dell’umida e piovosa India scrivevano il Gita, i norvegesi si raccoglievano intorno a un fuoco e tremavano di freddo.

Si può dimostrare che, a mano a mano che si va verso nord in Europa, le conquiste intellettuali vanno a pari passo con la diffusione del riscaldamento centralizzato. Questo è appunto il Teorema del Riscaldamento Centralizzato (da non confondere con il Teorema del Limite Centrale, che credo dica che se si lanciano tante monete per tante volte, il grafico a barre converge verso una Gaussiana. Ma forse dice un’altra cosa…)

Un dogma di fede tra i fan del Nord Europa è che i popoli dai climi più freddi sono più intelligenti di quelli dei climi più caldi, poiché, vedete, hanno dovuto evolversi più in fretta per capire che in inverno faceva freddo e che bisogna mettere da parte il cibo. (Ho il sospetto che anche un cocker spaniel lo abbia fatto, ma non importa.) In ogni caso, quelli più stupidi congelarono perché non si ricordarono di mettersi al riparo quando faceva freddo. Gli altri divennero intelligenti, perché non c’era niente altro da fare.

Un altro modo di osservare la questione é che chiunque sia abbastanza stupido da vivere dove nevica indicherebbe un deficit di IQ dal quale dovrebbe evolvere.

In realtà, osserviamo che l’evoluzione umana segue il Teorema del Calore Centralizzato. Gli eschimesi, tutti bravi asiatici, avevano acqua che potevano far sciogliere, ma non calore, e non hanno mai sviluppato una civiltà. Gli indiani americani di luoghi come il Montana avevano acqua e un po’ di calore in estate, ma in inverno morivano dal freddo e ciò li scoraggiò molto – la cosa avrebbe scoraggiato anche me. Gli indiani dei deserti meridionali avevano il calore, ma non l’acqua. Non ne derivò alcuna civiltà.

Invece, gli Indiani mesoamericani, che avevano calore e umidità, svilupparono una vera civiltà, inventarono la scrittura e un sistema numerico. Vedete? Proprio come le orchidee in botanica.

Dopo il Rinascimento dell’Italia nordeuropea, la civiltà europea si trasferì in Francia. (Possiamo affermare che la Francia é una cultura nordeuropea, non una latina, poiché vi si parla il tedesco).

A questo punto, entra in scena il Nord Europa di oggi, praticamente Germania e Gran Bretagna. Alla fine, questi due paesi, insieme agli Stati Uniti, hanno prodotto una grande civiltà, sviluppato la maggior parte della matematica e della letteratura, della musica commerciale – anche se non sanno ballare – fino a diventare dei leader del mondo moderno. Meglio tardi che mai. Molto è dovuto a quei famosi matematici nordici come Fibonacci, Galois, Laplace, Lagrange e Fermat.

So che se avessi detto che i Latini hanno contribuito in qualcosa alle arti e alle scienze, sarei stato considerato un folle, un razzista o un razzista al contrario, o uno che non capisce niente di genetica, o qualcosa del genere. Per carità. (Dal Dizionario Merriam-Fredster: “razzista”:.. persona rispettosa, sincera, caratterizzata dalla ragione). Tuttavia, anche se le prove sono contro di me – e i grandi scrittori germanici come Virgilio, Dante, Machiavelli, Giovenale e lo stesso Cellini Thor stesso non possono essere negati – insisto ostinatamente sul fatto che il latini hanno contribuito in qualcosa alla civiltà. Anche se solo per l’ablativo assoluto e per la salsa di pomodoro.

 

Fred è raggiungibile a: jetpossum-readers@yahoo.com. Se scrivete “pdq” nell’oggetto, la vostra mail sarà eliminata senza alcuna pietà. La mancanza di una risposta non è dovuta a maleducazione ma a mancanza di tempo per il numero elevato di mail ricevute.

Fonte: http://fredoneverything.org

Link: http://fredoneverything.org/nordic-genius-and-the-central-heat-theorem-adventures-in-genetics/

3.11.2016

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SKONCERTATA63

 

 

Pubblicato da Davide

  • PersicusMagus

    E non dimentichiamo Guglielmo Scrollalanza.

    • Primadellesabbie

      Questo articolo era già stato segnalato da qualcuno, o sbaglio?

      • PersicusMagus

        Ma anche Giovanni Sebastiano Ruscelli

        • Primadellesabbie

          É singolare, ruscello, plurale bäche.

  • Humanae Libertas

    fermi – majorana ? comunque non ho mai sentito dire che i nordici abbiano inventato tutto…nel senso che se tu non avessi scritto questo articolo nemmeno mi sarei mai posto il problema..
    no-sense

  • vocenellanotte

    Carino. Qualunque cosa volesse dire.

  • natascia

    Madame de Stael tra gli altri, affibbiano al clima la presupposta mancanza di pragmatismo dei latini. Ma….con il risparmio e i fondi centralizzati hedge, ai altri sottaciuti effetti benefici si sopperisce e si cambia perfino la storia. Con il denaro si sporca anche la bellezza.

    • Roberto Giuffrè

      Non è vero i meridionali sono dei fancazzisti. Chi ha voglia di lavorare dove batte il sole 300 giorni l’anno?
      (prima che qualcuno si incazzi questo è commento ironico)

    • natascia

      Post illeggibile se potessi lo rifarei. Stavo partendo.

    • Sergio Tomasi

      ‘Con il denaro si sporca anche la bellezza’. Una delle più belle sintesi di tutto il panorama mondiale attuale in otto parole. Grazie.

  • Primadellesabbie

    “…In ogni caso, quelli più stupidi congelarono perché non si ricordarono di mettersi al riparo quando faceva freddo. Gli altri divennero intelligenti, perché non c’era niente altro da fare….”

    E questo, qualcuno lo avrà pensato quando i mammut gironzolavano sulle sponde del Mediterraneo?:

    http://www.alamy.com/stock-photo/hypocaust-britain.html

    o ci avrà pensato un antenato di queste…da cui poi, evidentemente, discesero i romani:

    http://www.snowjapan.com/japan-daily-snow-weather-reports/webcam-the-snow-monkeys-of-jigokudani-yaen-koen-nagano

  • ga950

    Come presa per il ku..lo è particolarmente esilarante.

  • luca

    I soliti calimerismi pizzemandolineschi. Maledetto ladro di bestiame con la camicia rossa, massoni e sabaudi che han creato questo nuovo popolo lamentoso, ignorante e complessato … E’ incredibile il danno fatto alle popolazioni della penisola

    • Roberto Giuffrè

      Se non fosse stato per gli inglesi in combutta con Cavour il Regno delle due Sicilie avrebbe creato una delle aree più prospere del pianeta. Eravamo a ridosso del canale di suez, il centro dei traffici tra Oriente ed Europa.

      • Primadellesabbie

        Sì, conosco la vulgata, le casse stracolme, la Corte illuminata, ma ci penserei un po’ prima di fare affermazioni di questo genere.

        Le condizioni di vita del popolo, da quelle parti, pare fossero sotto il livello di tolleranza anche per quei tempi.

  • Roberto Giuffrè

    Ma dai Linus Torvlds finlandese ha inventato Linux su cui oggi si regge praticamente tutta l’infrastruttura internet di rete e servizi. Compresi i cellulari Android e tutti i modem router che abbiamo a casa e ci permettono di scrivere strunzate su Internet.

  • Teopratico

    C’è un limite alla retorica, questo ha esagerato con l’ironia, col suo bel nome latino poi…

  • Apollonio

    Penso che non vi siano dubbi e sia indiscutibile che l’ era moderna e tutto quello che utilizziamo oggi per il nostro benessere derivi da scoperte di menti mittleuropee e del nord europa, non dai Latini se non in modo marginale

    La scuola di Copenaghen…è stato il fulcro ma anche prima, da Newton in poi non vi sono nomi latini . qualche rarità..

    • Teopratico

      Non ho mai detto questo, non attribuirmi concetti che non ho espresso. Grazie.

  • Adriano Pilotto

    la foto che introduce “Unione europea” rappresenta per l’appunto due varianti del genio nordico.

    • Apollonio

      Adriano Pilotto confondi ..! quelli rappresentano il volto perdente del genio nordico il falimento di questa Eu.. verrà un’ altra Eu., nuova, rappresentata dal genio nordico probablimente con i Latini Pigs, relegati ad un ruolo marginale.