Home / ComeDonChisciotte / IL DILEMMA DELL'OCCIDENTE DOPO DEBALTSEVE: COSA FARE CON POROSHENKO ?
14449-thumb.jpg

IL DILEMMA DELL'OCCIDENTE DOPO DEBALTSEVE: COSA FARE CON POROSHENKO ?

FONTE: MOON OF ALABAMA

L’imperatore Hirohito riconoscendo la sconfitta del Giappone dichiarò:

“Nonostante tutti abbiano fatto del proprio meglio – nonostante la lotta coraggiosa delle forze militari e navali, la diligenza ed assiduità dei nostri servitori dello Stato, e l’assistenza devota di cento milioni di persone tra i nostri – la situazione della guerra si è sviluppata non necessariamente a vantaggio del Giappone, mentre le tendenze generali del mondo si sono rivolte tutte contro il suo interesse. “

Il presidente fantoccio ucraino Poroshenko avrebbe pronunciato un discorso simile. Infatti la situazione bellica in Ucraina si è sviluppata non necessariamente a vantaggio del suo governo. Ma il discorso di Proshenko (vedi sotto) è stato ancora più delirante di quello già travisante di Hirohito.

Da sei giorni fa diverse migliaia di truppe governative ucraine erano state circondate nell’assedio di Debaltseve. L’unica strada verso linee amiche era stata minata e posta sotto il fuoco nemico diretto e indiretto. Diversi tentativi di sfondare le linee dell’ assedio sono stati respinti con un sacco di perdite umane e materiali.

Da ieri, e dopo gravi preventivi colpi d’artiglieria, le truppe federaliste stanno bersagliando la città. Essi sostengono che lì circa 3.000 soldati delle truppe governative sono morti e circa 1.000 si sono arresi (video) e fatti prigionieri. Poche centinaia di loro sono riusciti a scappare, di nascosto, di notte e per lo più a piedi e oggi hanno raggiunto la città di Artemivsk, circa 30 chilometri a nord di Debaltseve, controllata dal governo. Altri sono fuggiti a sud al di fuori delle proprie linee e spingendosi più profondamente nello stesso assedio. Saranno rastrellati a tempo debito. Enormi quantità di armi e munizioni sono state abbandonate a vantaggio dei federalisti. I giornalisti ad Artemivsk hanno visto arrivare circa 40-50 morti e circa 200 feriti. Questi erano, hanno detto i giornalisti, per lo più vittime della fuga, non delle battaglie precedenti a Debaltseve. Coloro che sono riusciti ad uscirne vivi sono parecchio arrabbiati nei confronti dei loro superiori.

Il meeting Minsk-2 è stato organizzato d’urgenza dal cancelliere tedesco Merkel quando la situazione dell’assedio a Debaltseve si è deteriorata. Ma nel corso dei negoziati di Minsk, Poroshenko ha insistito che non c’erano problemi e che le sue truppe erano in totale controllo della situazione. Il presidente francese Hollande ha cercato di spiegargli la situazione reale, ma senza alcun risultato.

E’ stato concordato Il cessate il fuoco, ma l’assedio di Debaltseve non è stato menzionato nei protocolli. I federalisti ragionevolmente concluso che l’assedio era all’interno delle loro stesse linee e avrebbe potuto essere terminato senza rompere il concordato cessate il fuoco generale. Negli ultimi giorni abbiamo sentito molto poco la protesta contro questo movimento dal lato “occidentale”. C’era un tacito accordo per costringere Poroshenko ad ignorare il problema come il suo nuovo consulente Saakashvili fece già una volta ?

Ora quanto sopra è la realtà. Ed ecco la versione delirante di Proshenko espressa nel discorso di oggi:

“Posso comunicare ora che questa mattina le Forze Armate dell’Ucraina, insieme alla Guardia Nazionale ha completato l’operazione sul ritiro pianificato e organizzato di una parte delle unità da Debaltseve. Possiamo dire che l’80% delle truppe è stato già ritirato. Siamo in attesa di ulteriori due colonne. I combattenti della brigata 128, parte dell’unità della 30a brigata, il resto dei battaglioni 25° e 40 °, forze speciali, la Guardia Nazionale e la polizia hanno già abbandonato l’assedio.

Lo avevamo affermato nonchè dimostrato: Debaltseve era sotto il nostro controllo, non c’era assedio, e le nostre truppe lasciato l’area in modo pianificato e organizzato con tutte le armi pesanti: carri armati, veicoli di trasporto truppe, artiglieria semovente e veicoli.

Si tratta di una forte evidenza di prontezza al combattimento delle Forze Armate e dell’efficienza del comando militare. Posso dire che, nonostante l’artiglieria pesante, i bombardamenti da parte dei lanciarazzi multipli, secondo i dati più recenti, abbiamo 30 feriti su oltre 2.000 soldati”.

Molti giornalisti “occidentali” a Debaltseve non hanno accesso alla rete e presto riferiranno sul vero disastro e sulle perdite reali lì sofferte dalle truppe del governo ucraino. Saranno difficili da nascondere.

Sarà quindi difficile per l’”occidente” continuare a lavorare con Poroshenko. Ora, ha dimostrato di vivere completamente fuori della realtà. Non può più essere venduto al pubblico come il portatore della verità, il cavaliere bianco sincero contro le forze oscure della Russia.

Come l’ “occidentale”, Obama e il suo Dipartimento di Stato “Neocon” reagiranno a tutto ciò? Saranno in grado di preparare un colpo di stato contro Poroshenko o hanno altri mezzi per sbarazzarsi di loro fantoccio inutile o per salvare la situazione?

Fonte: http://www.moonofalabama.org

Link

20.02.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di IAN CURTIS

Pubblicato da Davide

  • rebel69

    Poro shenko…ma più che altro poveri soldati,non so quanti di loro lo facciano per convinzione(contractors,mercenari) o per la pagnotta(ragazzi comuni vittime di propaganda).Comunque non solo Poroshenko vive al di fuori dell realtà,ma anche buona parte delle popolazioni occidentali.

  • clausneghe

    Poroshemo ha mandato moglie e figli al riparo, dalla sua amica Angelona.

    Si ricorda la fine che fece Yanukovic e comincia a guardarsi le spalle.
    Io lo butterei nella spazzatura, assieme ai suoi camerati nazifascisti.
  • Iside

    Poroshenko é stato accolto da fischi in piazza maidan alla celebrazione del colpo di stato.

  • albsorio

    Spero solo che tra gli eliminati vi siano i mercenari stranieri e i nazisti ucraini.

  • albsorio
  • albsorio

    http://italian.ruvr.ru/news/2015_02_21/Ex-dirigenti-Nato-avvertono-la-Russia-9230/ 

    Come in Siria questi cretini non capiscono quando è ora di smetterla.