Home / ComeDonChisciotte / IL COLONIALISMO DEL DEBITO E IL VERO TSIPRAS
14366-thumb.jpg

IL COLONIALISMO DEL DEBITO E IL VERO TSIPRAS

Dalle dichiarazione del nuovo governo su Mariupol, si capisce che la Grecia farà leva sulla sua strategica posizione geopolitica, per massimizzare il suo potere contrattuale.

Accanto alle potenze che hanno sempre governato a Bruxelles e a Berlino è sorto un altro movimento, finora debole e incombente, ma senza dubbio un movimento che esiste e sta crescendo: il movimento dei popoli scontenti d’Europa. E in prima linea in questo movimento c’è il governo del Primo Ministro neo-eletto della Grecia, Alexis Tsipras.

La Grecia non permette

Il primo dei molti scontri tra Alexis Tsipras con le potenze dello status quo, non riguarda la ristrutturazione del debito o le riforme strutturali, ma le relazioni tra UE e Russia. Una dichiarazione pubblicata il 27 gennaio 2015, sostiene che tutti i ventotto leader della UE hanno convenuto che la responsabilità per l’attacco missilistico su Mariupol, che ha ucciso trenta persone, è della Russia.

La città ucraina di Mariupol a cui si riferisce la dichiarazione, era in origine un insediamento di rifugiati greci e tatari, che parlavano ortodosso, che furono incoraggiati a stabilirsi in quella zona nel 1778. Questo reinsediamento avrebbe costituito l’asse centrale della politica russa che in seguito avrebbe minato l’economia di quella che – fino al 1783 – era la Crimea Tatara. Ci furono molti morti, ma i discendenti dei coloni fecero fiorire una propria vita culturale che ebbe una vera rinascita nel primo periodo dei tempi sovietici.

Nel 1920, i dialetti locali Greci e Tatari furono promossi e fu creata una rete di scuole di Greco e furono pubblicate opere di letteratura e quotidiani come Kolehtivistis” – «The Collectivist». Questa rinascita finì bruscamente con le deportazioni di Stalin del 1937. Oggi la popolazione che parla greco costituisce solo una minima parte della popolazione della regione, eppure, è proprio in una trentina di questi villaggi dove le popolazioni ortodosse parlano ancora i dialetti greci e tartari si sta combattendo la guerra nel Donbass.

In questo contesto, l’espressione di “malcontento” di Alexis Tsipras per non essere stato consultato potrebbe essere giustificata. “La dichiarazione sopra indicata è stata rilasciata senza rispettare la procedura prescritta per ottenere il consenso degli Stati membri e, in particolare, senza garantirsi il consenso della Grecia – ha dichiarato il governo greco. Vogliamo sottolineare che la Grecia non è d’accordo con questa dichiarazione. Resta ancora poco chiaro se la svista sia stata intenzionale o se la confusione sia derivata dal passaggio di potere avvenuta in Grecia. Quello che però non lascia dubbi è che il nuovo governo della Grecia farà tutte le sue possibili pressioni per riallineare le politiche della UE nei confronti della Russia.

Commercio e aspettative

La Grecia ha molte ragioni per essere insoddisfatta per le politiche della UE nei confronti dell’Ucraina e della Russia.

In parte queste ragioni sono di origine economica. Gli arrivi dei turisti dalla Russia ora competono con quelli in arrivo dal Regno Unito e dalla Germania e il loro numero sta crescendo in modo esponenziale negli ultimi anni. Le esportazioni greche verso la Russia sono aumentate e un certo numero di aziende greche hanno investito in Russia. I risarcimento previsti dalla UE per la riduzione delle esportazioni non hanno adeguatamente compensato la perdita di accesso al mercato e la contrazione della produzione che, inevitabilmente, ha comportato tagli di posti di lavoro.

Per di più, le pressioni della UE ha contribuito al fallimento del processo di privatizzazioni di una delle società energetiche statali greche, parte di un consorzio sostenuto dai russi. Dopo di che le critiche ricevute, secondo le quali l’attività delle privatizzazioni in Grecia non sembrava procedere con la dovuta speditezza, ovviamente sono suonate come una critica inconsistente. Le sanzioni imposte dalla UE alla Russia inoltre hanno inciso direttamente sui pochi segmenti ancora dinamici dell’economia greca e hanno contribuito, sia pure indirettamente, alla vittoria di Syriza alle ultime elezioni.

L’insoddisfazione è anche politica. La deposizione del presidente Viktor Yanukovich è stata vista da molti come un colpo di stato incostituzionale promosso dall’Occidente, in altre parole come un esempio dell’imperialismo che i Greci hanno associato con la storia del loro dopoguerra.

Infine, l’insoddisfazione emotiva. Mentre le élite greca, tradizionalmente ha sempre volto il suo sguardo alla Gran Bretagna e agli Stati Uniti per chiedere appoggio, oggi sta caratterizzando il quadro politico la simpatia che i greci mostrano verso la Russia e verso i russi. Qualcuno ricorda la “Aspettativa russa“, l’ideologia che dominava al tempo delle guerre russoottomane del XVIII e XIX secolo. Altri si rifanno ai valori della Rivoluzione russa. Quindi Manolis Glezos, il combattente delle Resistenza Greca e oggi membro del Parlamento europeo per SYRIZA, ha inviato un appello a Vladimir Putin, chiamandolo “compagno” e chiedendo al presidente russo di riconsiderare la sua decisione di mettere sanzioni contro gli agricoltori greci.

In parte, come conseguenza della fioritura dei legami economici e culturali, l’insegnamento del russo in Grecia si è molto incrementato negli ultimi anni. Gli studenti stanno affollando un nuovo Dipartimento di Stidi Slavi all’Università di Atene. Il Comune di Salonicco offre corsi di russo gratuiti per i disoccupati e per ripetere le parole di uno studente durante un dibattito a Salonicco della settimana passata: “imparare il russo significa ottenere un posto di lavoro“. E trovare lavoro non è facile in Grecia oggi.

Ma non siamo ancora alla fine della storia. E ‘interessante notare che le politiche del nuovo governo greco nei confronti dell’Ucraina lo vedono in disaccordo con la posizione del (primus inter pares) gerarca anziano della Chiesa ortodossa, il patriarca ecumenico di Istanbul.

Le implicazioni per la questione di Cipro, obiettivo primario della politica estera greca di tutto l’ultimo mezzo secolo, sono ancora più significative. Come accadde con l’invasione di Cipro da parte della Turchia, anche l’Ucraina finora ha ricevuto solo un sostegno verbale e legale dalle potenze occidentali. Nel corso degli anni, tuttavia a Cipro l’occupazione è diventata una macina che sta strangolando la Turchia, sia in termini di costi militari che per le sentenze della Corte Europea per i Diritti Umani , sui risarcimenti per le vittime e dei Rifugiati. L’annessione della Crimea, se legalizzata, rappresenterebbe un precedente disastroso per Cipro in se stessa. Eppure, malgrado che Cipro costituisca il parallelo più ovvio con la situazione in Ucraina, deve ancora essere fatto un confronto tra Cipro e l’Ucraina.

Tutto considerato, Alexis Tsipras sbaglia sull’Ucraina. Il fatto che le politiche dell’UE abbiano avuto un effetto destabilizzante sul paese, e che ancora oggi la UE non stia offrendo nessun aiuto adeguato, non è sufficiente per giustificare l’annessione della Crimea da parte della Russia e per giustificare il suo sostegno ai separatisti dell’Est.

Il colonialismo del debito
In un governo composto da personalità con più dottorati di ricerca che una facoltà universitaria, il professor Nikos Kotzias è diventato il Nuovo il Ministro degli Esteri della Grecia. La sua ultima monografia si intitola: La Grecia una Colonia del Debito: L’Impero europeo e il Primato tedesco. Questa è la classica teoria della dipendenza che si ricollega al dibattito in corso su come l’ Europa si stia trasformando in un Impero. I rapporti che si riferiscono a collegamenti con l’ideologo russo Alexander Dugin sono preoccupanti, ma ancora si attendono conferme.

Qualunque sia la propria opinione sulla teoria della dipendenza, dovrebbe essere evidente a tutti che nessun paese democratico può permettersi di mantenere, per decenni, un avanzo primario fino al 5% del PIL, come prevede il protocollo, quando oltre il 25% della sua popolazione è disoccupata, quando la povertà è endemica e quando la base produttiva del paese è stata devastata. Tutto questo mostra delle somiglianze con le condizioni economiche della Grande Depressione e la UE dovrebbe considerare un sollievo che la vittoria sia andata ad un partito democratico, come SYRIZA. Ciononostante, rimane una sorpresa il fatto che la UE non si sia mossa per adeguare la manovra di riduzione del debito alla crescita del PIL fino ad aprile del 2014, in altre parole prima delle ultime elezioni europee, quando con una mossa di questo genere si sarebbe potuto ottenere più facilmente una accelerazione delle riforme strutturali necessarie per rafforzare il settore privato e quello pubblico delle industrie della Grecia.

Le politiche fiscali deflazionistiche della UE servono come miglior giustificazione per le teorie neomarxiste che predicano la necessità di lotta di classe di cui si parla oggi. Al posto del termine classe, c’è da aspettarsi di sentir parlare di lotta dei popoli d’Europa contro la loro élite, discorsi che combinano il nazionalismo con l’internazionalismo e che coincidono con le preoccupazioni di altri partiti populisti sorti in tutta Europa. In questo contesto, il tanto ripetuto mantra “pacta sunt servanda” è controproducente.

Come si può desumere dalla dichiarazione del nuovo governo su Mariupol, la Grecia farà leva sulla sua posizione geopolitica, che ora si trova sulla faglia di giunzione, per massimizzare il suo potere contrattuale. Questo gioco ad alto rischio potrà includere non soltanto l’Ucraina/Russia, ma anche le politiche verso i Balcani e verso il Medio Oriente. Tutto ciò sta già esponendo la Grecia a molte critiche. Ma potrà l’economia della Grecia in particolare il suo settore bancario sopravvivere con questo genere di politica che rischia di perdere pezzi da tutte le parti, anche solo per poco tempo?

Ungheria + ?

Prima di staccare la spina, la UE deve riflettere attentamente su cosa sono stati i precedenti delle rinegoziazioni sul debito, e anche se un altro Stato fallito alla periferia dell’Europa sia un fatto che ci si possa permettere, cioè : una situazione Ungheria +, dove il centrosinistra e il centro-destra sono rimasti emarginati, con una destra-nazionalista in lizza per il potere insieme ai fascisti e con una popolazione impoverita, umiliata e arrabbiata.

Dimentichiamoci delle violazioni dei diritti umani, in uno scenario come questo, sarebbe a rischio addirittura la democrazia parlamentare. E tutto questo accadrebbe a pochi passi di distanza dalla Siria, dall’Egitto, dalla Libia e, naturalmente, dall’Ucraina. Anche in termini monetari un errore come questo sarebbe molto più costoso di una rinegoziatione del debito gestita in forma ufficiale, che possa collegare la quota prevista per il rimborso del debito con la crescita del PIL, che potrebbe avvenire dopo aver effettuato le riforme strutturali.

Takis Pappas ha detto che Alexis Tsipras non ha la stoffa del leader carismatico con la brillantezza intellettuale di un Andreas Papandreou e in effetti esiste un abisso tra le aspettative che Tsipras ha generato e la realtà della condizione economica della Grecia. Questo abisso rende più difficile per l’Unione Europea e per la Grecia arrivare a quel compromesso, a cui devono arrivare.

Una cosa dovrebbe essere comunque sicura. Il nuovo Primo Ministro della Grecia dovrebbe aver letto Lenin. Tsipras sa – di sicuro – che il potere viene prodotto, o piuttosto si mobilita e si amplifica, per mezzo della assimilazione di nuovi gruppi in uno stesso sistema politico. Oggi Alexis Tsipras si trova sulla porta e sta mobilitando il potere. Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane dovrebbero farci comprendere se il Primo Ministro e il suo movimento hanno nelle loro vele il vento sufficiente per resistere alle molte tempeste che si abbatteranno contro di loro.

Fonte: https://www.opendemocracy.net

Link: https://www.opendemocracy.net/can-europe-make-it/iannis-carras/collectivist-debt-colonialism-and-real-alexis-tsipras

29.01.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di BOSQUE PRIMARIO

Pubblicato da Bosque Primario

  • albsorio
  • adriano_53

    openDemocracy è un progetto finanziato da diverse organizzazioni filantropiche, tra le quali la Ford Foundation, la Atlantic Philanthropies, la Rockefeller Brothers Fund, la Joseph Rowntree Charitable Trust e altri finanziatori.

    Collaboratori di primo piano della rivista online sono stati Kofi Annan, George Soros, Ayaan Hirsi Ali, Shirin Ebadi, Sidney Blumenthal, Peter Hain, Pierre Bourdieu, Manuel Castells, Fred Halliday, e David Blunkett.

    Caro ernesto, non hai altre cose da segnalare, magari un filino meno stupide.

  • spadaccinonero

    cito

    Dalle dichiarazione del nuovo governo su Mariupol, si capisce che la Grecia farà leva sulla sua strategica posizione geopolitica, permassimizzare il suo potere contrattuale.

    Accanto alle potenze che hanno sempre governato a Bruxelles e Berlino è sorto un altro movimento, finora debole e incombente, masenza dubbio un movimento che esiste e sta crescendoil movimento dei popoli scontenti d’EuropaE in prima linea in questo movimentoc’è il governo del Primo Ministro neo-eletto della GreciaAlexis Tsipras.


    @adriano


    ho smesso di leggere l’articolo subito dopo quel periodo

  • idea3online

    Sta accadendo qualcosa di strano, l’Europa cerca di fagocitare l’Ucraina, la stessa ha 45.000.000 di abitanti, però la parte più succosa dell’Ucraina è sotto controllo della Russia, nello stesso tempo l’Europa sta perdendo il controllo sulla Grecia, con 10.000.000 di abitanti. Sia a Nord che a Sud come una cerniera, l’Europa non trova il rinforzo per tirare l’Ucraina, nello stesso tempo verso Sud stanno cedendo alcuni denti(nazioni). 

  • Truman

    La segnalazione mi appare ottima per il contenuto, perchè chiarisce il contesto in cui è scritto l’articolo.
    Molto di meno mi convince il tono con cui ti rivolgi a Ernesto.

    Nel merito, la propaganda ha bisogno di essere continuamente sintonizzata sull’immaginario collettivo dei lettori, se vuole agire al meglio. Molto spesso è sufficiente (de)contestualizzarla per neutralizzarla, anzi essa può avere effetto opposto a quello pensato dall’autore se le condizioni in cui si presenta la mettono in ridicolo.
    Non vorrei essere banale, ma un filmato dal vivo di Hitler inserito in un film di Charlo che lo prende in giro, aumenterebbe l’effetto ridicolo.
    Ricordo qualcosa del genere nel film "Una giornata particolare" di Scola, con varie scene abbastanza realistiche del periodo fascista.
    Insomma Soros non va combattuto, va preso per i fondelli.

  • Marian
    Articolo propagandistico scritto da un ‘verde’ greco che, mettendo la propria penna al servizio di ‘open democracy’, una ong ‘filoumanitariambientalistaealtro…’, ha trovato il modo di sbarcare il lunario. Egli scrive che sta crescendo un:
    "…movimento dei popoli scontenti d’Europa". Prima distorsione: non sono ‘scontenti’, bensì ‘sfruttati’ e ‘rapinati‘. Poi la spara ‘grossa’:

    " La deposizione del presidente Viktor Yanukovich è stata vista da molti come un colpo di stato incostituzionale promosso dall’Occidente". C’e’ forse qualcuno che può vedere qualcosa di democratico nella cacciata con minacce a mano armata di un Presidente legittimamente eletto che non voleva, udite udite, basi Nato in Ukraina? Poi prosegue imperterrito:

    – "…Tsipras sbaglia sull’UcrainaIl fatto che le politiche dell’UE abbiano avuto un effetto destabilizzante sul paesee che ancora oggi la UE non stia offrendo nessun aiuto adeguatonon è sufficiente per giustificare l’annessione della Crimea da parte della Russia…" Altra mistificazione: Putin si è mosso nel pieno rispetto del Diritto Internazionale come gli è stato riconosciuto dalla Cina e dai Brics. Potrei proseguire ancora, ma mi fermo qui.
    Vediamo invece cos’e’ ‘openDemocracy‘, il sito per cui scrive il verde Carras. E’ una risorsa digitale finanziata da più di 40 trust, fondazioni o individui dal 2001. Nell’elenco dei finanziatori per il periodo 2013/14 troviamo ad esempio la ‘Rockfeller Brothers Fund’ e la ‘Fondazione Ford’. Quest’ultima viene considerata come ‘il paravento filantropico della Cia’ ed è stata fondata da Henry Ford decorato da Hitler ecc. ecc. se vi interessa approfondire, questo è il link:
    storiasoppressa.over-blog.it/article-la-democrazia-ed-i-suoi-amici-la-fondazione-ford-paravento-filantropico-della-cia-da-reseau-84141453.html
    Ah, dimenticavo… gli elenchi dei finanziatori sopra citati li trovate nel sito di Carras, rettangolo in alto,con la scritta ‘supporters’.
    Poi cercate le Open Society (institute o foundation) nell’elenco degli anni 2012/11/10/9 e scoprirete, oh che sorpresa!, il solito Soros che si sta comprando il mondo. Eccolo qua, il filantropo organizzatore delle rivoluzioni colorate:
     
  • makkia

    Curioso: quello è il momento in cui ho capito COS’ERA l’articolo e da quel punto ho continuato a leggere per sapere cosa, di Tsipras, fa paura a "Essi".

    "Conosci il tuo nemico e metà della guerra è vinta"
    [Sun Tsu]

    Più istruttivo dei deliri di Barnard (oddio! Mi scippano la MIA rivoluzione!). Quelli sì, che basta anche il solo titolo per farmi skippare tutto un articolo (poi faccio un respiro profondo e li leggo lo stesso, ma tanto lo so che arrivo in fondo all’articolo e ancora una volta non mi ha detto niente di significativo).