Home / ComeDonChisciotte / IL COLLASSO DELLA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE
16398-thumb.jpg

IL COLLASSO DELLA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE

DI PAUL CRAIG ROBERTS

informationclearinghouse.info



La democrazia non esiste più in Occidente. Nei potenti gruppi di interesse privati degli USA, come il complesso militare e della sicurezza, Wall Street, la lobby israeliana, l’agro-alimentare e le industrie che si occupano di estrazione di energia, l’industria del legno e quella mineraria, hanno a lungo esercitato un controllo sul governo maggiore rispetto ai cittadini. Ma ora anche questa parvenza di democrazia è stata abbandonata.

 Negli Stati Uniti Donald Trump ha vinto la nomination presidenziale repubblicana.

Tuttavia, i delegati della convention repubblicana stanno complottando per negare a Trump la nomina ottenuta con il voto popolare. L’establishment politico repubblicano sta mostrando riluttanza ad accettare i risultati democratici.
 Le persone hanno scelto, ma la loro scelta è inaccettabile per l’istituzione che intende sostituire la sua scelta alla scelta del popolo.


 Vi ricordate di Dominic Strauss-Kahn? Strauss-Kahn è il francese una volta a capo del Fondo monetario internazionale e, secondo i sondaggi dell’epoca, il probabile futuro presidente della Francia. Disse qualcosa che suonava troppo favorevole nei confronti del popolo greco.

I potenti gruppi di interesse bancari, preoccupati, si allarmarono al pensiero che avrebbe potuto mettersi in mezzo al loro saccheggio della Grecia, del Portogallo, della Spagna e dell’Italia. Apparve una cameriera d’hotel che lo accusò di stupro. Venne arrestato e trattenuto senza cauzione. Dopo che la polizia e i pubblici ministeri realizzarono che si erano presi in giro da soli, venne liberato e tutte le accuse decaddero. Ma l’obiettivo era stato raggiunto. Strauss-Kahn dovette dimettersi da direttore del FMI e disse addio alla sua occasione di diventare presidente francese.

 Curioso, non è vero, che ora appaia una donna che sostiene che Trump l’abbia violentata quando aveva 13 anni.

 Considerate la risposta dell’establishment politico al voto sulla Brexit.

I membri del Parlamento stanno dicendo che il voto è inaccettabile e che il Parlamento ha il diritto e la responsabilità di ignorare la voce del popolo.

 Il punto di vista che si è ora stabilito in Occidente è che le persone non sono qualificate per prendere decisioni politiche. La posizione degli avversari della Brexit è chiara: semplicemente non è una questione che riguarda il popolo britannico se la sua sovranità viene regalata a un’inspiegabile commissione a Bruxelles.

 Martin Schultz, presidente del Parlamento Ue, dice chiaramente: «Non è concepibile all’interno della filosofia dell’unione europea, che la folla possa decidere del suo destino”

.

Anche i media occidentali hanno messo in chiaro che non accettano la decisione del popolo. Si è detto che la votazione è “razzista” e quindi può essere ignorata in quanto illegittima.

 Washington non ha alcuna intenzione di permettere agli inglesi di uscire dall’unione europea. Washington non ha lavorato per 60 anni con lo scopo di mettere tutta l’Europa nel sacco dell’UE (che Washington può controllare) solo per lasciare che la democrazia annulli questa conquista.

 La Federal Reserve, i suoi alleati di Wall Street, la (sua) Banca del Giappone e i vassalli della banca centrale europea venderanno allo scoperto sterline e azioni del Regno Unito, e le prostitute della stampa (presstitute) spiegheranno il declino del loro valore come la dichiarazione “del mercato” che il voto britannico è stato un errore.

Se alla Gran Bretagna verrà permesso di lasciare, le trattative che dureranno due anni verranno utilizzate per legare gli inglesi all’UE così fermamente che l’uscita della Gran Bretagna avrà valore solo nominale.

 Nessuno con un minimo di cervello crede che gli europei siano contenti che Washington e la NATO li stiano guidando verso un conflitto con la Russia. Eppure le loro proteste non hanno alcun effetto sui loro governi.

 Considerate le proteste francesi nei confronti di ciò che il governo neoliberista francese, mascherato da socialista, chiama “riforme del diritto del lavoro.”

Quello che fa la “riforma” è eliminare le riforme che il popolo francese ha ottenuto in decenni di lotta. I francesi hanno reso i posti di lavoro più stabili e meno incerti, riducendo così lo stress e contribuendo alla felicità della vita. Ma le multinazionali vogliono più profitti e considerano i regolamenti e le leggi, che avvantaggiano le persone, delle barriere che impediscono un maggior guadagno. Economisti neoliberisti hanno sostenuto il ritiro dei diritti dei lavoratori francesi con la falsa tesi che una società umana provoca disoccupazione. Gli economisti neoliberisti lo chiamano “liberare il mercato del lavoro” dalle riforme ottenute dal popolo francese.

 Il governo francese, ovviamente, rappresenta le imprese, non il popolo francese.



Gli economisti neoliberisti ed i politici non esitano a sacrificare la qualità della vita dei francesi, al fine di spianare la strada ai profitti delle aziende globali. Qual è il valore nel “mercato globale” quando il risultato è quello di peggiorare il destino delle persone?



Considerate i tedeschi. Vengono invasi dai rifugiati delle guerre di Washington, guerre che lo stupido governo tedesco ha avvallato. Il popolo tedesco sta sperimentando l’aumento della criminalità e le aggressioni a sfondo sessuale. Protestano, ma il loro governo non li sente. Il governo tedesco è più preoccupato per i rifugiati che per il suo popolo.



Considerate i greci e i portoghesi costretti dai loro governi ad accettare la rovina finanziaria personale al fine di potenziare i profitti delle banche estere. Questi governi rappresentano i banchieri stranieri, e non il popolo greco e portoghese.

 Uno si domanda quanto tempo ci vorrà prima che tutti i popoli occidentali realizzino che solo una rivoluzione francese completa di ghigliottina può liberarli.



Potenti gruppi di interesse hanno vinto sullo stato di diritto.



Questo da un lettore:


“E’ stato riferito questa mattina che, recentemente, il jet che ospitava il procuratore generale Loretta Lynch si trovava sulla stessa rampa di quello che trasportava Bill Clinton.


“E in qualche modo sembra che ciascuno sapesse della presenza dell’altro.


“Ed erano talmente vicini che Bill e Loretta si sono incontrati privatamente in uno dei jet”.


“L’FBI (un dipartimento sotto il comando del procuratore generale) sta indagando sulle email di Hillary, viste come una violazione penale dell’espionage act e sul finanziamento della Fondazione Clinton da parte di lobby straniere.


“Mi sembra che questa sia più di una coincidenza ed è altamente irregolare, per un funzionario che ha il compito di perseguire un potenziale imputato, incontrarlo privatamente, o incontrare suo marito.


“Mi chiedo, di chi è il jet su cui si sono incontrati? Il procuratore generale è salito su quello di Bill? Non sarebbe particolarmente insolito? E’ stato Bill a salire su quello del procuratore generale, e se sì, perché il procuratore avrebbe partecipato a un tale conflitto di interessi?”



Ecco la conferma che si è verificato questo incontro:



C’è stato un incontro di mezz’ora sull’aereo del procuratore generale. Guarda il video della notizia da ABC 15:



http://www.thegatewaypundit.com/2016/06/ag-loretta-lynch-half-hour-meeting-bill-clinton-airplane-says-talked-grandchildren-video/



http://www.abc15.com/news/region-phoenix-metro/central-phoenix/loretta-lynch-bill-clinton-meet-privately-in-phoenix


Dr. Paul Craig Roberts è stato Assistente Segretario del Tesoro per la politica economica e editore associato del Wall Street Journal. E’ stato editorialista di Business Week, Scripps Howard News Service, e Creators Syndicate. Ha ricoperto molti incarichi universitari. Le sue colonne su internet hanno attirato follower da tutto il mondo. Gli ultimi libri di Roberts sono: The Failure of Laissez Faire Capitalism and Economic Dissolution of the West, How America Was Lost, and The Neoconservative Threat to World

Fonte: www.informationclearinghouse.info

Link: http://www.informationclearinghouse.info/article45000.htm

30.06.2016

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org a cura di DESASTRADO

Pubblicato da Davide

  • gaia

    Mi piacerebbe sapere quando è esistita la democrazia? Grazie.

  • idea3online
    23 Giugno Brexit
    1. 29 Giugno Attentato Istanbul
    2. 01 Luglio Attentato Bangladesh
    3. ?
    4. ?
    5. ?
    Il 23 Giugno è stata chiusa una porta ed è stata aperta l’altra…..o meglio hanno autorizzato l’apertura del Vaso di Pandora…..
    L’Occidente non può collassare, ha creato una struttura che con il suo collasso crollerebbe il mondo intero. Potrà solo accettare che dovrà condividere il potere con l’Oriente. Ma prima che accetti  questa amara verità, verrà messa tanta carne al fuoco, come hanno sempre fatto gli imperi del passato.
  • lanzo

    Non c’e’ dubbio che ci hanno intortati alla grande (nonno Ciampi e quell’altro) Andreatta almeno spero stia all’inferno.

  • Fischio

    La democrazia rappresentativa è un imbroglio perchè l’uguaglianza giuridica e politica che la democrazia pretende di affermare, altro non è che una maschera che nasconde le profonde e radicali disparità di reddito e di accesso al potere. Così pure la libertà è pura apparenza, che si dissolve nella contraddizione tra il padrone che è libero di determinare i rapporti di lavoro e l’operaio che è libero di scegliere tra la schiavitù nella subordinazione al sistema produttivo capitalistico e la prospettiva di morire di ‘fame’.
    Al modello di democrazia formale, funzionale agli interessi della borghesia capitalistica, bisogna allora sostituire, per via rivoluzionaria, una forma di democrazia popolare, che comporta l’uguaglianza economica e sociale. (K.Marx)

  • AlbertoConti

    "Uno si domanda quanto tempo ci vorrà prima che tutti i popoli
    occidentali realizzino che solo una rivoluzione francese completa di
    ghigliottina può liberarli.

"

    Speriamo poco, pochissimo. La ghigliottina, in senso vero o figurato, sembra una brutta cosa, ma è niente rispetto ad un olocausto generalizzato al plutonio.
    Non stiamo parlando di pochi "cattivi" contro tanti "buoni", o di nobiltà e borghesia, o poteri forti contro popoli, stiamo parlando di un sistema economico disumano che non è l’unico possibile, non è onnipotente al di là delle apparenze, e non è certo "naturale" alla faccia della "logica dei mercati". E’ un sistema irriformabile che va abbattuto con la forza dei popoli, che nonostante tutto non è ancora stata definitivamente domata. Alons enfants de la Patrie"

  • IVANOE

    Stupendo gaia !

    Infatti la democrazia non c’è mai stata… perchè se ci fosse la democrazia come farebbero gli sfurttatori a sfruttare gli sfurttati ?
    Purtroppo chi ha il potere la prima preoccupazione che viene prima del loro respiro è controllare i media costruendoli con elementi di loro famiglia e comunque appartenenti alla stessa cupola…
    Questi stanno dicendo bugie sui fatti del bangladesh ma non dicono che è stato un regolamento di conti… per la gestione economica delle imprese di quel paese…perchè ovviamente qui in italia adesso non conviene più produrre e allora per fare profitto se ne vanno in bsngladesh, oppure in india ecc. ecc. e li mica sono micchi gli imprenditori locali… li alla fine si fanno rispettare… e i nostri giornali di regime che dicono ? dicono che è stato il solito attentato dell’isis….bugie su bugie…