Home / ComeDonChisciotte / IL CIRCOLO VIZIOSO DI MCDONALD'S

IL CIRCOLO VIZIOSO DI MCDONALD'S

DI CARLOS FERMÍN

carlosrupertofermin.wordpress.com

Tutti i giorni si ripete la stessa vergognosa storia di consumismo, di ignoranza e colonizzazione culturale. Migliaia di schiavi affamati accorrono ai ristoranti fast food di McDonald, con l’intento di insozzare la salute dell’organismo attraverso l’acquisto e il consumo di hamburger, e nonostante facciano ammalare la gente con ingredienti chimici nocivi, sono camuffati come alimenti irresistibili per il benessere di tutta la famiglia.

Tra patatine, ketchup, formaggio, maionese, senape e bevande gassate, la combo perfetta che accompagna i tradizionali hamburger di McDonald, che NON hanno alcun valore nutrizionale positivo per la dieta degli Esseri Umani, forniti di una quantità eccessiva di acidi grassi e alti livelli di colesterolo nei cibi, che predispongono all’obesità, ipertensione, insufficienza renale, ipercolesterolemia e problemi cardiovascolari.

Ricordate che il fegato, i reni e il cuore vengono gravemente danneggiati dal consumo di alimenti serviti nei ristoranti fast food McDonald, che tendono a superare le 1000 calorie d’irresponsabilità sociale a danno della salute dei loro fedeli clienti cibo. Vi fanno ammalare e giocano con il vostro organismo, in cambio del denaro ricevuto da voi per i McCombo che acquistate nei loro stabilimenti di genocidio.

E’ ben noto che la transnazionale McDonald impiega una sinistra linea di produzione per ottenere la carne e il pollo che supportano i loro famosi hamburger. La suddetta società statunitense e le sue fattorie fornitrici di cibo, sono state denunciate pubblicamente per gli allevamenti di animali in condizioni antigieniche, che sono soggetti alla tortura del sovraffollamento, a coltellate e pestaggi selvaggi, producendo sofferenza estrema e mancanza di rispetto per i diritti che appartengono ad ogni essere vivente.

Non dimentichiamo che nel 2012, McDonald ha ammesso che si riforniva di carne a Central Valley Meat, un macello situato in California (USA), che è stato temporaneamente chiuso a causa di una serie di tragici video, che mostravano i loro lavoratori torturare brutalmente uccidendo tutti gli animali del luogo.

Neanche le pseudo-insalate al McDonald, si salvano dal causare inconvenienti alla salute del nostro corpo. In esse si nascondono alti livelli di sale e grassi saturi, (provenienti, ndt) dai ben noti condimenti che accompagnano l’orgia di alimenti trasformati. Ora vi chiediamo: perché ai pomodori, cetrioli o alla lattuga McDonald manca un buon sapore e sembrano essere di plastica? Perché la multinazionale non usa verdure fresche per preparare i suoi cibi perversi. Usa additivi chimici che conservano per un lasso di tempo più lungo “la qualità” degli ingredienti, riuscendo così a vendere l’immondizia più immangiabile.

Per quanto riguarda i dolci che McDonald offre ai suoi consumatori, viene propinato lo stesso “affare” basato nel distruggere la salute delle loro vittime innocenti. Tra Sundae e McFlurry con la loro varietà di sapori e guarnizioni, si riempie di zucchero lo stomaco dei commensali, che prima o poi verrà pagato con l’arrivo dell’iperglicemia, malattie degenerative come il diabete, e la comparsa di carie a causa del persistente deterioramento dello smalto dei denti. A bambini e adolescenti spetta ‘la fetta’ peggiore della torta di McDonald, visto che il suo gelato crea dipendenza nei più piccoli, i quali ignorano totalmente il consumo di dolci naturali a base di avena, guava, miele, banana, papaia, di frumento o di mango .

Nel 2015, sono stati rinvenuti resti di plastica nei nuggets di pollo e un dente umano nelle patatine commercializzate in un McDonald in Giappone. In realtà, è stata trovata anche la coda di un ratto, pezzettini di mucca e anche marijuana, all’interno della pericolosa composizione che ostenta l’ hamburger nordamericano in tutto il mondo. A sua volta, nel 2014 è stato rivelato che la carne del McDonald veniva venduta in uno stato di putrefazione ai loro clienti, perché il loro fornitore in Cina chiamato “Shanghai Husi”, era dedito a falsificare la data di scadenza degli alimenti, approfittando del fatto che McDonald non ha rigorosi controlli di qualità per garantire la freschezza dei suoi prodotti.

Recentemente, si è riscontrato che la multinazionale usava l’idrossido di ammonio per convertire il grasso in eccesso dalla carne in ripieno per i loro hamburger. Questa soluzione chimica avviene attraverso un agente antimicrobico inadatto per il consumo umano, che viene utilizzato come fertilizzante, detersivo, pulitore di mattoni ed esplosivo casalingo. Anche se McDonald è stata costretta a ritirare l’ammoniaca acquosa dai suoi mostri ruminanti, ha comunque lasciato chiaro che non si cura affatto della salute dei suoi ciechi commensali.

Né è interessata a proteggere l’ambiente, in quanto ogni anno si perdono milioni di ettari di boschi e foreste pluviali, per l’espansione della frontiera agricola che permetterà a McDonald di continuare a coltivare la soia, mentre disbosca l’Amazzonia e aggrava il macabro ecocidio su scala globale. Sorprendentemente, McDonald NON ha vere politiche di riciclaggio che consolidino lo sviluppo ecologicamente sostenibile del pianeta. Nei nostri feudi latinoamericani, vediamo che i sacchetti di carta, bicchieri di cartone, cannucce, tovaglioli e imballaggi in plastica utilizzato dai loro consumatori apatici, finiscono nella discarica a cielo aperto, dove tutti i rifiuti accumulati vengono bruciati nelle città che ospitano.

Questa spiacevole situazione rafforza l’inquinamento ambientale dovuto al massiccio impiego di contenitori sprecati dalla transnazionale per confezionare e distribuire i suoi prodotti. Nel 2010, McDonald ha dovuto ritirare oltre 12 milioni di bicchieri che alludevano al film “Shrek Forever After”, per gli alti livelli di cadmio nei loro disegni colorati, essendo un metallo potenzialmente cancerogeno che rovina gli organi interni, il sistema respiratorio e le ossa degli esseri umani, e che, in termini ambientali, ha una tossicità elevata in grado di degradare la purezza dell’aria, dell’acqua e del suolo, a causa dell’intensa l’attività industriale che colpisce le risorse naturali della Terra.

Tuttavia, le grandi domande a cui rispondere in questo parere sono: Perché la gente continua a mangiare hamburger di McDonald, sapendo che influenzano negativamente la salute? E’ possibile che la costante campagna pubblicitaria McDonald arrivi a distruggere il pensiero critico dei loro amati clienti? Will McDonald è colpevole di brutalizzare la consapevolezza della cittadinanza globale?

Quando i bambini, i giovani e gli adulti cominciano a vedere da lontano, la gigantesca ‘M’ gialla che illumina con forza l’orizzonte consumista, comincia a generarsi una grande ansia in commensali futuri, che calpestano al massimo l’acceleratore, per gustare in fretta il sangue versato dal massacro mortale. Sia in attesa di fronte allo sportello degli McDrive o visitando i locali confortevoli, non c’è dubbio che le persone glorifichino il soggiorno in un McDonald, perché si tratta del momento in cui far emergere l’istinto cannibale che è in loro.

E’ la magica scena Yankee a rispondere alle esigenze culinarie della folla. L’odore di frittura miscelato con l’aria condizionata, le buffonate che decorano le calde pareti, i pettegolezzi che si sentono tra i tavoli dei commensali, l’accogliente illuminazione che invita a godersi la serata, e i ricercati giochi infantili che robotizzano il comportamento dei bambini. Tutto cospira a favore del desiderio di chiedere un magnifico Big Mac, Quarter Pounder con formaggio, un delizioso Mc Reale Bacon o un divertente Happy Meal, pagabile in contanti o con carta di credito.

Il dito capitalista dello Zio Sam, vende sempre spazzatura prefabbricata nelle sue roccaforti McDonald, perché conosce le aspirazioni gastronomiche richieste dalle sue vittime. E’ un terribile circolo vizioso propinato dal resto delle mostruosità aziendali americani come Coca-Cola, Burger King, Kentucky Fried Chicken, Wendy, Taco Bell e Pizza Hut. Tutti si dedicano ad aumentare l’offerta e la domanda dei loro prodotti mediante l’ipnosi provocata dai messaggi subliminali veicolati in spot televisivi, musichette alla radio, negli attraenti cartelli per le strade, in contesti visivi filmati e campagne di marketing caricate a Internet.

La necessità di mangiare un hamburger McDonald rappresenta il classico indottrinamento di massa “Made in USA”, la maggior parte delle persone sono disposte al culto durante la prima colazione, pranzo e cena. Molte persone provano grande soddisfazione personale a mangiare in un McDonald. E’ come un premio assegnato dalla condizione sociale di appartenenza. Ma, in realtà, mostra la sottomissione e l’obbedienza al regime neoliberista impiantato, che aumenta l’egoismo e l’indifferenza tra gli individui.

La cosa più triste è vedere che i genitori portano i loro figli nei ristoranti McDonald fin dalla tenera età, senza considerare il danno prematuro alla crescita dei bambini che gli hamburger producono alla salute. Li si evidenzia la sistematica schiavizzazione morale ed etica evidenziata nella società moderna. I genitori non hanno sufficiente volontà per rifiutare il cibo spazzatura venduto nei locali di McDonald, perché molto probabilmente, durante l’infanzia il loro ambiente familiare è stato responsabile della creazione della cultura del consumo.

Ora, essi stanno trasmettendo di generazione in generazione quelle cattive abitudini alimentari, aggravando così la crisi olistica che si osserva nell’epoca contemporanea.

Questa affermazione viene ratificata con la nuova campagna pubblicitaria di McDonald rivolta ai giovani, che presenta lo slogan: “Se non facesse sorridere tutti i bambini non si chiamerebbe happy meal” in riferimento alla vendita di pane senza glutine nei loro ristoranti in Spagna. Ma, non si può non dire che la transnazionale usa centinaia di giovani asiatici, per la produzione di giocattoli contenuti nell’Happy Meal, attraverso la società “City Toys” che si trova a Shenzhen (Cina). La maggior parte dei lavoratori erano umili ragazzi che non superavano i 14 anni di età, lavoravano per 16 ore al giorno e dormivano in condizioni subumane, per aiutare le loro famiglie che vivono in povertà.

Tuttavia, la disinformazione dei consumatori predispone il cattivo atteggiamento di McDonald . Possiamo sentire frequentemente una serie di frasi senza argomenti solidi per giustificare il consumo dei loro prodotti dalle persone fanatiche dei loro hamburger. Di solito iniziano con: “Se non ti piace quel cibo, non mangiare lì”. Poi dicono: “Sono pure leggende metropolitane”. E infine: “Se mi ammalo è un problema mio, non tuo”. È ovvio che una gran parte della comunità non ha la minima capacità riflessiva per determinare il grado di complicità che assumono, ogni volta che frequentano ristoranti fast food.

L’ignoranza cittadina è la principale arma di attacco usata da McDonald, per evitare discussioni che confondano i commensali e compromettano la vendita della sua deliziosa spazzatura. E’ improbabile che queste persone preferiscano un hamburger con patatine McDonald al posto di piatti locali che abbelliscono la cucina latino-americana. Qui si riflette la mancanza di senso di appartenenza nelle nostre città e la vulnerabilità della sovranità alimentare delle nazioni, il che finisce per innescare la negazione dell’identità culturale che li caratterizza.

Ad esempio, nel gennaio 2015 McDonald eliminò temporaneamente la vendita di patatine fritte in Venezuela, a causa di imprevisti portuali internazionali, estranei agli alti e bassi finanziari vissuti dall’economia venezuelana. Ciò che è più preoccupante è che molti venezuelani si sentirono minacciati e disperati, in vista della possibilità che le patatine non venissero vendute in più di 100 ristoranti che la società americana ha in territorio venezuelano. Attraverso i social network, i seguaci di McDonald hanno espresso insoddisfazione per la tragica notizia, che riflette la composizione delle idiosincrasie e il distacco dai loro costumi.

Inoltre un sacco di clienti hanno rifiutato di consumare arepas e yucca fritte che i McDonald del Venezuela hanno deciso di aggiungere nei loro menù, come alternativa e per sostituire le patatine arrugginite che hanno accompagnato i loro hamburger. Anche se questi alimenti trasformati sono talmente insalubri come il resto del cibo artificiale fornito dalla transnazionale, come sorprendente è stato valutare il condizionamento psicologico che provoca McDonald nei consumatori, che diventano incapaci di discernere e mettere in discussione la monotonia della routine quotidiana.

Abbiamo visto che il concetto di “fast food” va contro la dieta sana ed equilibrata che deve avere un individuo. Il fatto che viviamo in uno stile di vita frenetico che ti costringe a prendere decisioni in fretta, non giustifica l’abbandono della nostra salute fisica, mentale ed emotiva. Il menu offerto nei ristoranti McDonald non è consigliato per il consumo umano, manca il supporto nutritivo per il corpo. Il cibo venduto nei supermercati per alimentare i cani e gatti ha più proteine e vitamine rispetto agli hamburger di McDonald.

Per queste ragioni, ogni 16 ottobre si celebra la “Giornata internazionale contro il McDonald”, in cui migliaia di attivisti pacifici e media alternativi su scala mondiale, scendono in piazza per le persone a riferire le atrocità causate dalla transnazionale americana, a scapito della salute umana, l’ambiente e l’infanzia. Questa data coincide con la “Giornata Mondiale”, per cui è l’occasione per riflettere sui nostri modelli di consumo, che dovrebbero essere reindirizzati a una potenza moderata che ha come priorità l’esercizio del corpo e la pratica dello sport.

Se non disponi del tempo sufficiente rispettare l’ora destinata ai pasti, è meglio mangiare frutta, yogurt, cereali integrali o cracker, accompagnati con molta acqua per mantenersi idratati e attivi durante le attività quotidiane. Cancelliamo il vizio consumista ereditato dal passato. Il cambiamento dipende da voi. E’ ora di aprire gli occhi di fronte alla verità, e capire che il cibo spazzatura rende la gente spazzatura.

Carlos Fermin

Fonte: https://carlosrupertofermin.wordpress.com

Link

14.01.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di TORITO

Pubblicato da Truman