Home / ComeDonChisciotte / I TEST SUI TOPI SONO INATTENDIBILI PER LE MALATTIE MORTALI DELL’UOMO
11504-thumb.jpg

I TEST SUI TOPI SONO INATTENDIBILI PER LE MALATTIE MORTALI DELL’UOMO

DI GINA KOLATA

The New York Times

Per decenni i topi sono stati le specie di elezione nello studio di malattie umane. Ma ora i ricercatori mostrano l’evidenza che, per almeno tre cause di morte primarie – sepsi, ustioni e traumi, il modello dei topi è stato totalmente fuorviante. Come conseguenza, anni e milioni di dollari sono stati sprecati seguendo queste false tracce, essi sostengono.

I risultati dello studio non significano che i topi sono modelli inutili per tutte le malattie umane. Ma, dicono i suoi autori, essi effettivamente pongono preoccupanti domande riguardo a malattie come quelle degli studi che coinvolgono il sistema immunitario, incluso il cancro e le malattie del cuore.
“Il nostro articolo pone quantomeno la possibilità che possa essere presente una situazione parallela”, ha detto il Dottore H. Shaw Warren, ricercatore sulla sepsi al Massachusetts General Hospital e autore di punta del nuovo studio.

Il documento, pubblicato lunedì in Proceedings of the National Academy of Sciences*, aiuta a spiegare perché ognuno di quasi 150 farmaci testati a costo elevatissimo nei pazienti con sepsi è fallito. I test del farmaco erano tutti basati su studi con i topi. E i topi, si scopre, possono avere qualcosa che sembra sepsi negli umani, ma è molto diversa dalle condizioni negli umani.

Esperti medici non associati allo studio hanno detto che i risultati dovrebbero cambiare il corso della ricerca in tutto il mondo verso una condizione frustrante e mortale. La sepsi, una potenziale reazione mortale che avviene quando il corpo prova a combattere un’infezione, affligge 750.000 pazienti all’anno negli Stati Uniti, uccide da un quarto a metà di loro, e costa alla nazione 17 milioni di dollari l’anno. È la causa principale di morte nelle unità di terapia intensiva.

“Questo è un punto di svolta” ha detto del nuovo studio il Dottor Mirchell Fink, esperto di sepsi all’Università della California, Los Angeles.

“È sorprendente” ha sostenuto il Dottor Richard Wenzel, ex presidente del dipartimento di medicina interna alla Virginia Commonwealth University e precedente editore del New England Journal of Medicine. “Essi sono assolutamente validi”.

Le risposte potenzialmente mortali avvengono quando il sistema immunitario di una persona reagisce in maniera eccessiva a ciò che egli percepisce come segnali di pericolo, incluse molecole tossiche di batteri, virus, funghi, o proteine rilasciate da cellule danneggiate da traumi o scottature, ha detto il Dottor Clifford S. Deutschman, che dirige le ricerche sulla sepsi all’ Università della Pennsylvania e non ha preso parte allo studio.

Il sistema immunitario accelerato rilascia le sue proprie proteine in quantità così schiaccianti che i capillari iniziano a avere delle perdite. La fuoriuscita diventa eccessiva, e il siero gocciola fuori dai sottili vasi sanguigni. La pressione sanguigna scende, e gli organi vitali non ricevono sufficiente sangue. Nonostante gli sforzi, dottori e infermieri nell’unità di terapia intensiva o al pronto soccorso potrebbero essere incapaci di contenere le fuoriuscite, fermare l’infezione o interrompere il danneggiamento del tessuto. Gli organi vitali alla fine vengono meno.

Il nuovo studio, che è durato 10 anni e ha coinvolto 39 ricercatori da tutta la nazione, è iniziato studiando le cellule dei globuli bianchi di centinaia di pazienti con gravi scottature, traumi o sepsi per vedere quali geni erano stati usati dalle cellule dei globuli bianchi quando rispondevano a questi segnali di pericolo.

I ricercatori hanno trovato alcuni schemi interessanti e hanno accumulato un set di dati ampi e rigorosamente raccolti che dovrebbero aiutare a far progredire il campo, ha detto Ronald W. Davis, un esperto di genomica alla Stanford University e autore al comando del nuovo documento. Alcuni schemi sembravano predire chi sarebbe sopravvissuto e chi sarebbe finito in terapia intensiva, aggrappandosi alla vita e, spesso, morendo.

Il gruppo ha provato a pubblicare le sue scoperte in diversi giornali. Un’obiezione, ha detto il Dottor Davis, era che i ricercatori non avevano mostrato che la stessa risposta del gene era accaduta nei topi.

“Essi erano così abituati a compiere studi sui topi che pensavano che fossero il modo per validare le cose”, ha detto. “Essi sono così radicati nel provare a curare topi che dimenticano che stiamo provando a curare gli umani”.

“Ciò ha iniziato a farci pensare”, ha continuato. “È lo stesso o no nei topi?”
Il gruppo ha deciso di vedere, aspettandosi di trovare alcune somiglianze. Ma quando i dati vennero analizzati, non ce n’erano per niente.
“Fummo piuttosto colpiti” ha detto il Dottor Davis.

I fallimenti dei farmaci divennero chiari. Per esempio, nei topi, spesso un gene sarebbe usato, mentre negli umani il gene comparabile verrebbe represso. Un farmaco che ha funzionato nei topi disabilitando quel gene potrebbe rendere la risposta ancora più mortale negli umani.

Ancor più sorprendentemente, ha detto il Dottor Warren, era che condizioni differenti nei topi -scottature, traumi, sepsi- non rientravano nello stesso schema. Ogni condizione utilizzava diversi gruppi di geni. Negli umani, tuttavia, venivano usati geni simili in tutte e tre le condizioni. Questo significa, ha detto il Dottor Warren, che se i ricercatori riescono a trovare un farmaco che funziona per una di queste tre condizioni nelle persone, potrebbe funzionare per tutte e tre.

I ricercatori dello studio hanno provato per più di un anno a pubblicare il loro documento, che mostrava che non c’era una relazione fra le risposte genetiche dei topi e quelle degli umani. Essi l’hanno proposto alle pubblicazioni Science e Nature, sperando di raggiungere un pubblico ampio. È stato rifiutato da entrambi.

Science e Nature hanno detto che era loro politica non commentare sul destino di un documento rifiutato, o se era stato addirittura presentato a loro. Ma, ha detto Ginger Pinholster di Science, il giornale accetta solo il 7% circa di quasi 13.000 documenti presentati ogni anno, quindi non è insolito per un documento fare il giro.

Eppure, ha detto il Dottor Davis, i critici non hanno messo in evidenza errori specifici. Al contrario, ha affermato, “la risposta più comune è stata ‘deve essere sbagliato. Non so perché è sbagliato, ma deve essere sbagliato'”.

I ricercatori si rivolsero a Proceedings of the National Academy of Sciences. In qualità di membro dell’Accademia, il Dottor Davis poteva suggerire critiche per questo documento, e propose ricercatori che pensava potessero dare al lavoro una giusta occasione per farsi ascoltare. “Se a loro non piace, voglio sapere il perché”, ha detto. Essi raccomandarono la pubblicazione e il consiglio di redazione del giornale, che valuta indipendentemente i documenti, ha accettato.

Alcuni ricercatori, leggendo il documento adesso, sostengono che sono meravigliati come lo erano i ricercatori quando hanno visto i dati.

“Quando ho letto il documento, ero sbalordito da quanto sono negativi i dati dei topi”, ha detto il Dottor Fink. “È veramente sorprendente – non esiste nessuna correlazione. Questi dati sono così persuasivi e così robusti che penso che le agenzie di finanziamento prenderanno nota”. Fino ad ora, ha detto “per ottenere un finanziamento, dovevi proporre esperimenti usando il modello dei topi”.
Eppure c’era sempre una maggiore idea che i topi non potevano realmente mimare gli umani in questo aspetto: è molto difficile uccidere un topo con un’infezione batterica. I topi hanno bisogno di un milione di volte più batteri nel loro sangue di quelli che ucciderebbero una persona.

“I topi possono mangiare immondizia e cibo che è sparso per terra e che è imputridito” ha detto il dottor Davis. “Gli umani non possono farlo. Siamo troppo sensibili”.
I ricercatori hanno detto che se potessero scoprire perché i topi sono così resistenti, sarebbero capaci di usare quella scoperta per trovare qualcosa che renda le persone resistenti.

“Questo è un documento molto importante” ha detto il dottor Richard Hotchkiss, ricercatore sulla sepsi all’Università di Washington che non era coinvolto nello studio. “Argomenta in modo forte – va verso i pazienti. Ottiene le loro cellule. Ottiene i loro tessuti quando può. Ottiene le cellule dalle vie respiratorie”.

“Per comprendere la sepsi, devi andare dai pazienti” ha detto.

Gina Kolata

Fonte: www.nytimes.com
Link: http://www.nytimes.com/2013/02/12/science/testing-of-some-deadly-diseases-on-mice-mislead-report-says.html?_r=0

11.02.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ILARIA GROPPI

* Proceedings of the National Academy of Sciences: letteralmente Azioni dell’Accademia Nazionale delle Scienze, è una rivista che pubblica articoli di ricerca scientifica

Pubblicato da Truman

  • jarilo

    Lo scoprono ORA???!!!
    Dai, siate seri per favore.
    Anche i sassi sanno che la sperimentazione animale è solo un altra brutale branca multimiliardaria di quel colosso genocida delle case farmaceutiche. Il giornalaio in questione o è stupido o è male informato (cioè stupido)

  • esca

    I ricercatori invidiano i topi perchè sono così forti e robusti da poter mangiare immondizia e schifezze putride senza ammalarsi? ma arrendetevi a Gesù….

  • fusillo

    La realtà e’ che prima li facevano su Capezzone con risultati ben piu’ incerti.
    Hanno ripiegato sui topi per non rischiare Brunetta.