Home / ComeDonChisciotte / I PROF DI ECONOMIA E I FORESTALI DELLA CALABRIA

I PROF DI ECONOMIA E I FORESTALI DELLA CALABRIA


Die Welt

DI GZ

cobraf.com

Immagina che il Corriere della Sera pubblichi un editoriale che inizi con “…per l’Italia non c’è ragione di rimanere nell’euro…“. In Germania appare su Die Welt, che è l’equivalente della Stampa o del Corriere della Sera. Sui maggiori quotidiani tedeschi appaiono ora regolarmente commenti che spiegano che per l’Italia sarebbe meglio uscire dall’Euro ( “..Für Italien gibt es keine tragfähigen Gründe, in der Währungsunion zu bleiben..” ) e si domandano anche perchè gli italiani non lo capiscano.

Quello che leggi invece sul Sole24ore e nella stampa finanziaria italiana è che la BCE rimetterà in sesto la situazione appena comincia a comprare debito pubblico. E gli economisti della Bocconi o della Luiss si sprecano a inventarsi formule sempre nuove su come far avvenire il miracolo di Gesù, il mitico acquisto di bond da parte della BCE.

(dal Sole24 ore di martedì, prof. Carlo Bastasin…):

“….Una proposta della School of European Political Economy (Sep-Luiss) sulla natura dell’intervento della Bce potrebbe rappresentare una svolta forse decisiva per la crisi europea, rendendo gli interventi di acquisto di titoli sovrani efficaci e non distorsivi, e al tempo stesso creando condizioni di stabilità e di crescita dell’euro area. La proposta prevede che al varo del programma di acquisto di titoli pubblici europei la Bce annunci la propria disponibilità ad acquistare da banche ed istituzioni finanziarie un nuovo titolo (un Asset backed security) rappresentativo proprio dei titoli pubblici dei singoli Paesi in proporzioni fisse. …”

Sui nostri giornali, incluso il Fatto Quotidiano che è quello nuovo e indipendente (non ha dietro gruppi finanziari come Repubblica, Corriere, Stampa, Messaggero…), NON appaiono invece commenti che spieghino che conviene uscire dall’Euro.

C’è invece un abbondanza di commenti maligni, beffardi e arroganti che deridono l’ignoranza di chi è contro l’euro: “I TRE ERRORI DEI NUOVI NO-EURO” di Ronny Mazzocchi 13 novembre 2014 (professore universitario di economia area PD…)….
“…Basterebbero le analisi di molti economisti sugli effetti devastanti di una scelta di questo tipo per archiviare la questione come una boutade autunnale….”

Non solo in America e Inghilterra (dove quasi tutti i commenti concordano che l’Italia dovrebbe uscire), ma persino in Germania si discute tranquillamente del fatto che a noi converrebbe, in Italia invece il conformismo è tale che fino a quando i poteri forti (PD, Berlusconi, Confindustria, Banche, Sindacato) non diano via libera non c’è nemmeno il dibattito. Praticamente c’è Salvini che gira per i talk show a parlare di Lira e di solito è uno contro tutti, per cui fa bella figura solo per questo (il M5S ancora deve decidersi a trovare qualcuno capace di parlarne, per cui in TV non lo senti).

Stamattina mi hanno intervistato su Class-CNBC e parlavano di interventi della BCE e Quantitative Easing in arrivo da parte di Draghi come se fosse sicuro e solo una questione se la salvezza arriverà per natale o si deve aspettare fino a gennaio. Ho detto la mia e cioè che non ci sarà niente del genere, ma anche tra gli analisti di borsa italiani è l’opinione minoritaria. Poi apri il Financial Times, Barron’s e anche i giornali tedeschi e la maggioranza dei commenti che leggi parla del fatto che all’Italia converrebbe uscire dall’euro e date le regole di bilancio anche il QE non servirebbe a molto…

Dicono che esiste la libertà di opinione e di stampa e con internet e il resto c’è la circolazione delle idee senza barriere, ma non è mica vero.

…di questi prof. Carlo Bastasin e prof. Ronny Mazzocchi che con “l’intervento della BCE” si fanno delle seghe tutti i giorni bisogna ricordarsene…. quando l’Italia per stare nell’euro darà default e poi taglierà davvero la spesa pubblica le loro belle cattedre andranno tagliate come prima cosa… altro che i forestali della Calabria.

GZ

Fonte: www.cobraf.com

20.11.2014

Pubblicato da Davide

  • albsorio

    Per uscire dall’euro dobbiamo usare i nostri sudati euro.

    L’euro viene emesso da BCE su richiesta degli Stati membri, i quali danno a BCE debito pubblico.
    Ora Draghi dice che all’atto della emissione l’euro è di BCE, non risponde su chi sia il "proprietario" una volta versata la contropartita di debito pubblico.
    Ora ammesso che sia nostro lo si dovrebbe usare per ricomprare il debito pubblico italiano per poi emettere come popolo, attraverso una banca centrale del popolo la nuova moneta fiat italiana, SENZA DEBITO A GARANZIA, la funzione di garanzia va svolta dall’oro italiano.
    Inflazione, quello che genera inflazione è la riserva frazionaria unita alla differenza tra il tasso dare e avere dei depositi e dei prestiti.
    Per le borse eliminare HFT.
  • AlbertoConti

    Questo è il cobraf che mi piace, non quello dei CCF.

  • lucamartinelli

    L’Argentina ci ha insegnato che la nuova moneta sarebbe accompagnata da una svalutazione feroce….(altrimenti perchè cambiare?). Quindi per il popolo bue sarebbero comunque lacrime e sangue. Infine, la nuova moneta come la vogliono? A debito o sovrana?

  • Simec

    …ma i cervelli fatti poltiglia subumana da TV e giornali padronali degli italioti piddini e italoforzuti sono ancora + morti e quindi impossibilitati a capire la realtà della DITTATURA in cui vivono.
    Disobbedienza civile ORA!
    L’euro è morto, come l’ancien regime che ci comanda e che presto o tardi saranno travolti dalla Storia.
    Ma quando i sudditi apriranno mai gli occhi?
    Loro sono in piedi solo grazie a noi che ci prostriamo.
    mandiamoli affanculo!, loro, le loro elezioni, le loro estorsioni, i loro giornali bugiardi! Ora!
    http://www.ilcambiamento.it/lontano_riflettori/islanda_rivoluzione_silenziosa.html

  • spadaccinonero

    bisognerebbe spiegare a crucchi e angli che NOI SIAMO OBBLIGATI a stare nell’eu dalla loro stessa classe dirigente…