Home / ComeDonChisciotte / I MILIARDARI TRAMONTANO A OVEST, MA NON SORGONO SOLO DA EST
12409-thumb.jpg

I MILIARDARI TRAMONTANO A OVEST, MA NON SORGONO SOLO DA EST

DI ROBIN BROAD E JOHN CAVANAGH
informationclearinghouse.info

Sono finiti i giorni in cui negli Stati Uniti c’erano oltre il 40% dei miliardari e la maggior parte degli altri stava in Europa occidentale e in Giappone.

Il 29 Ottobre 2013 “Information Clearing House” – insieme alla rivista Forbes – e ad altri studiosi dell’
Institute for Policy Studies hanno tracciato un monitoraggio dei miliardari e dell’evoluzione della crescente disuguaglianza sociale rilevata in tutto il mondo in diversi decenni. Proprio come una goccia d’acqua può spiegare la composizione chimica del mare, una indagine su questi miliardari offre affascinanti indizi su come sta spostandosi il potere del mondo e sulle disuguaglianze della società.Dopo essere rimasti a bocca aperta nel vedere la stravaganza in questa nuova lista dei
1.426 miliardari di quest’anno , abbiamo guardato meglio. Questo elenco dimostra come si sta muovendo il potere nel mondo di oggi, dimostra il declino dell’Occidente e l’ascesa del resto del mondo. Sono finiti i giorni che negli Stati Uniti c’erano oltre il 40% dei miliardari e la maggior parte degli altri stava in Europa occidentale e in Giappone. Oggi, nella regione Asia-Pacifico ci sono 386 miliardari, 20 in più rispetto all’Europa e alla Russia messe insieme.

Nel 2013 , dei nove paesi con più di 30 miliardari, solo tre sono quelli tradizionalmente definiti “paesi sviluppati” : gli Stati Uniti , la Germania e il Regno Unito.

Chi c’è oggi dietro agli Stati Uniti, con i suoi 442 miliardari? La Cina, con 122 miliardari ( nel 1995 era a quota ZERO), e il terzo posto va alla Russia con 110. I miliardari cinesi hanno fatto i soldi in tutti i modi possibili. Pensiamo che l’uomo più ricco del paese , Zong Qinghou , ha fatto i suoi 11,6 miliardi di dollari perché è il più grande produttore di bevande del paese. La lunga lista miliardaria della Russia è guidata da uomini che hanno mietuto miliardi nei vasti campi di petrolio, di gas e delle ricchezze minerarie del paese, senza preoccuparsi delle conseguenze devastanti per l’ambiente.
La Germania è il quarto paese della lista con 58 miliardari, seguita da India (55) , Brasile (46) , Turchia (43) , Hong Kong (39) , e Regno Unito (38) . Sì, la Turchia ha più miliardari di qualsiasi altro paese in Europa, a parte la Germania.

Dopo questi primi nove paesi, Taiwan ha più miliardari della Francia.
L’Indonesia ha più miliardari dell’Italia o della Spagna.
La Corea del Sud ha ora più miliardari del Giappone o dell’Australia.

L’impennata di questo elenco di miliardari è un gentile omaggio della
disuguaglianza che sta aumentando in quasi tutte le nazioni della terra . L’ uomo più ricco del mondo , per esempio, è Carlos Slim , un messicano il cui patrimonio netto – 73 miliardi di dollari – corrisponde ad un incredbile 6,2% del
PIL del Messico. La terza persona più ricca del mondo è il re dei negozi di Spagna , Amancio Ortega, che ha accumulato un patrimonio netto di 57 miliardi di dollari, in un paese dove più di un quarto delle persone è disoccupata .

I miliardari americani dominano ancora . I 442 miliardari USA sono ancora il 31 % del totale . Bill Gates e Warren Buffett rimangono numeri due e quattro, e sono nomi familiari a tutti , visto il loro modo di fare che somma alla loro ricchezza , la filantropia , e l’ uso del loro potere per influenzare e convincere altri miliardari a fare beneficenza.

Ma , tra i 12 miliardari americani che troviamo nella lista dei top 20 più ricchi del mondo ci sono anche due famiglie che hanno usato la loro enorme ricchezza, con tutto il potere che ne consegue, per corrompere la politica.
Charles e David Koch sono i numeri sei e sette nel mondo , ed hanno usato una buona parte dei loro 68 miliardi di dollari per finanziare non solo i candidati di estrema destra , ma anche le campagne politiche contro le normative e i vincoli ambientali . Così come anche i quattro della famiglia Walton che spiccano nella TOP 20 , con un patrimonio complessivo di 107,3 miliardi di dollari e sono schizzati alle stelle grazie ai crescenti profitti di Walmart , ottenuti
facendo pressioni sulle autorità locali per opporsi a portare i salari dei loro dipendenti a livelli di sopravvivenza.

Ma come si sono evoluti questi numeri nel corso degli anni? Facciamo tornare l’orologio indietro, al 1995, quando la ricchezza cominciò ad aumentare proprio insieme all’avvento della deregulation, sotto l’amministrazione Clinton negli Stati Uniti , e alla pressione capillare in tutto il resto del mondo dove si chiedeva di deregolamentare, liberalizzare e privatizzare i mercati .

Nel numero del
1995 di Forbes

Furono censiti 376 miliardari nel mondo . Di questi , 129 ( il 30 % ) erano negli Stati Uniti. Il fatto che il numero dei miliardari americani sia salito a 442 nei 18 anni successivi, mentre la percentuale dei miliardari americani è scesa solo dal 34% al 31% del totale mondiale è una chiara testimonianza di come l’aria della deregulation e il taglio alle imposte USA, volute da Clinton e Bush si sia dimostrata molto salutare per i super-ricchi.

In questi ultimi 18 anni il cosiddetto mondo sviluppato è stato eclissato dal cosiddetto mondo in via di sviluppo . Nel 1995 , le case miliardarie erano in USA ( 129 ) , in Germania ( 47) , e in Giappone ( 35 ) . Solo questi tre paesi raggruppavano il 56% di tutti i miliardari del mondo . Nessun altro paese si avvicinava, poi c’erano Francia , Hong Kong e Thailandia al quarto posto , con 12 miliardari ciascuno.In Russia e Cina non c’era nemmeno un miliardario nel 1995 , anche se per la Russia, Forbes ammise che dopo la caduta del Muro di Berlino le informazioni finanziarie in arrivo erano discutibili . Nel 1995 , il Brasile aveva solo otto miliardari e l’India solo due.

Oggi, questi quattro paesi ( Russia, Cina , Brasile e India) hanno 333 dei 1.426 al mondo di miliardari – il 23 % del totale. E in Giappone il numero di miliardari è diminuito, negli ultimi 18 anni , da 35 a 22.

Queste cifre mostrano una istantanea drammatica del declino degli Stati Uniti , dell’Europa e del Giappone degli ultimi due decenni e la straordinaria ascesa di Brasile, Russia , India e Cina , così come il resto dell’Asia . Ma mettono anche in evidenza che nei paesi in cui il reddito è rimasto pressappoco uguale a venti anni fa , come in Cina e in Russia , la diseguaglianza è aumentata ancora di più.

La rapida ascesa dei miliardari in decine di paesi di tutto il mondo (con eccezione del Giappone ) è la testimonianza di come il clima creato dalla deregolamentazione di questi ultimi due decenni abbia accelerato l’ascesa del super-ricchi , mentre i sindacati hanno mantenuto i
salari dei lavoratori sostanzialmente fermi.

Basti dire che alle società più avanzate, per la loro equità e sanità sociale, si sta chiedendo un approccio molto diverso nella
politica sociale, come ha ben spiegato su IPS
Sam Pizzigati che afferma che furono le tasse eque che crearono una larga classe media negli Stati Uniti tra gli anni 1940 e 1960. Le politiche fiscali eque
sono necessarie oggi in tutto il mondo , se si vuole ridurre e non aumentare il divario tra i super- ricchi e i non abbienti.

Robin Broad e John Cavanagh è il direttore dell’Istituto di studi politici di Washington , DC.

Fonte: http://www. informationclearinghouse.info

Link: http://www.informationclearinghouse.info/article36686.htm

31.10.2013

Traduzione per ComeDonChisciotte.org a cura di Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • neutrino

    Tasse alte e progressive in tutti i paesi in modo concertato e coerente, oppure esproprio dei patrimoni miliardari oltre un certo limite e costituzione di trusts pubblici che distribuiscano i profitti di loro competenza come reddito minimo garantito a tutti.

  • Skaff

    Chiaro che bisognava fare entrare qualche indigeno nel Club, no?