Home / ComeDonChisciotte / I MERCATI PARLANO CHIARO: BERLUSCONI E’ STATO MANDATO IN PENSIONE. LUI, NON HA ANCORA CAPITO CHE COSA STA ACCADENDO

I MERCATI PARLANO CHIARO: BERLUSCONI E’ STATO MANDATO IN PENSIONE. LUI, NON HA ANCORA CAPITO CHE COSA STA ACCADENDO

“L’Italia è l’unica nazione capitalista al mondo, in cui il comunismo non mai caduto”.
Indro Montanelli. Ottobre 1999

Primo post di una serie di 2.
Geopolitica e trattativa stato-mafia.

Silvio Berlusconi è un leader politicamente finito.

Lo sa lui, lo sanno i suoi, lo sanno tutti.

Tutto sta a vedere –questa è l’unica risposta ancora da decifrare- se finirà nei guai anche economicamente, finendo sul lastrico, trascinandosi appresso tutte le sue aziende, ma proprio tutte, nessuna esclusa. Il che, non è probabile, ma è ampiamente possibile.

Dipende da lui salvare la sua ricca baracca o meno.

Sempre che, nel suo personale e comprensibile delirio di onnipotenza -per quanto pragmatico, cinico e realista- non sia stato preso anche lui da un attacco di mitomania e abbia finito per credere, pensare, e addirittura convincere i suoi, che lui è uno di quelli che davvero contano. Sarebbe davvero doloroso, oltre che per se stesso, i suoi familiari, i suoi seguaci, i suoi dipendenti e tutte le sue clientele di miserabili straccioni appresso, anche e soprattutto per l’economia nazionale e la salvaguardia dell’intero paese.

Chi dovesse pensare, in questo momento, che Berlusconi è finito nei guai per via della condanna della Cassazione, si sbaglia di grosso: ha preso un tragico abbaglio.

Vuol dire che non è informato su ciò che è accaduto in Italia (e nel mondo) negli ultimi 20 anni, non ha capito ciò che è accaduto negli ultimi due anni, e soprattutto ciò che sta accadendo in Egitto, in Usa, e nell’economia italiana. Ma soprattutto vuol dire che è caduto nella trappola della comunicazione berlusconiana, tutta protesa a far credere proprio questo di lui: una vittima della magistratura italiana.

E’ esattamente il contrario.

La magistratura italiana non è poi così tanto libera, né indipendente, né tantomeno coraggiosa (come vogliono farci credere) da andare a impelagarsi per davvero con uno che conta. Non lo ha mai fatto in Italia, se non in brevissimi tratti della Storia di un passato, ahimè, davvero molto remoto, quasi antico. Altrimenti, a quest’ora, nelle patrie galere, in una oscura cella in qualche sotterraneo bunker, languirebbero nel dimenticatoio gli assassini di tanta brava gente innocente, i nostri tanti (troppi troppi troppi) compianti cittadini, uccisi come animali, nelle varie stragi operate dallo Stato, dalla bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura a Piazza Fontana, il 12 dicembre 1969 a Milano, al massacro di civili a Piazza della Loggia a Brescia; dalle bombe sul treno Italicus alla strage nella stazione di Bologna. Passando per l’assassinio dei giornalisti Mauro De Mauro, Mauro Volterra, Mauro Rostagno, Ilaria Alpi, Giovanni Falcone, paolo Borsellino, ai quali vanno aggiunte diverse altre centinaia di persone assassinate, le quali, essendo anonime e poco famose, non ne è stata data notizia pubblica. Per non parlare delle migliaia e migliaia di aziende mandate in fallimento da mafiosi, ‘ndranghetisti e camorristi, con la rovina esistenziale delle vite di centinaia di migliaia di onesti cittadini italiani, senza che lo Stato abbia mai fatto sentire la propria presenza ed esistenza sul territorio. La magistratura italiana è, per l’appunto, italiana. E’ composta da ottimi professionisti, che sono prima di tutto italiani in carriera, e non baldi eroi donchisciotteschi. Nesuna persona importante in campo politico ha mai pagato il suo conto con la magistratura nel nostro paese. Mai. A meno che non abbia fatto il riottoso, il ribelle, il mitomane, l’onnipotente. Come nel caso di Bettino Craxi.

E quando accade, allora si fa di necessità virtù.

Quando al senatore Giulio Andreotti –uomo davvero intelligente e molto pragmatico- hanno spiegato e comunicato che il suo turno era finito e lui era licenziato per sempre, non si è affatto scomposto. Ne ha preso atto, ha ringraziato per il sollazzo ottenuto in quei decenni e si è ritirato a vita privata scomparendo nel nulla. E’ morto di vecchiaia venti anni dopo, allietato dall’affetto dei suoi cari.

Mi auguro sinceramente per Berlusconi (non voglio, per principio, mai il male di nessuno) che sia in grado di far prevalere l’intelligenza sull’ansia di vendetta, il pragmatismo sull’irreale delirio di onnipotenza. Gente ben più importante di lui e 100 mila volte più ricco e potente, da Chang Kaishek a Gheddafi, da Saddam Hussein a Somoza, quando gli è stato presentato il benservito, compresa lauta liquidazione, pensione dorata e magari anche un anticipo miliardario per un libro di memorie, hanno scelto di dire mai nella vita pensando di essere persone che contavano in maniera autonoma. Si erano dimenticati di essere solo e soltanto degli impiegati utili, chiamati a interpretare sullo scenario della vita politica internazionale la parte di quelli che contano per davvero, da bravi attori consumati. Hanno finito per identificarsi con la parte, tragico errore che nessun grande professionista commette mai.

Berlusconi è finito nell’agosto del 2011 e, come al solito, ci ha tenuto a fare lo spiritoso. Quando le sue aziende, il 30 ottobre di quell’anno, sono arrivate “ufficialmente” alla canna del gas, ha prevalso il senso pratico del businessman e si è ritirato. Non era certo contento e soddisfatto. Ma in un mondo realista, sarebbe riuscito addirittura ad ottenere dei crediti di stima da parte di chi contava per la sua capacità, diciamo sportiva, di prendere atto della situazione e finire, perché no, come Andreotti. In perenne ritiro spirituale. Invece no. Dal suo punto di vista ha anche ragione, è comprensibile, dato che il suo comportamento denota una personalità infantile regredita. Ha detto: “allora, se le cose stanno così, ce ne andiamo a casa tutti” come Beppe Grillo augurava e, se ben ricordate, consigliava addirittura con generosa bonomia. Ma gli hanno risposto: “nient’affatto, a casa ci vai soltanto te”. I compagni di cordata pensavano di essere più furbi di lui ma dopo qualche mesetto si sono accorti che la faccenda si stava invece complicando alla grande. Perché in verità, se fossero andati tutti a casa nell’ottobre del 2011 -ma allora, ahimè, non c’erano le condizioni- l’Italia, a quest’ora, navigava nella complessa e multiforme gestione della ripresa post-recessione e il peggio ce lo avevamo ormai alle spalle, soprattutto in campo economico.

Invece, sta precipitando sotto gli occhi di tutti. Oops! Volevo dire, sotto gli occhi di chi vuole, può e sa vedere.

Gli amici di merenda e scorribande gli hanno detto: “ok facciamo un altro giro” pensando così di averla fatta franca. Anche loro erano convinti di essere gente che conta, da Mario Monti a Enrico Letta, da Massimo D’Alema a Pierluigi Bersani. Non sono individui con il senso dello Stato, dotati di lungimiranza e ampie vedute. Si sono messi di buzzo buono e gli hanno salvato le aziende (in cambio di un velo pietoso su tutte le squallide vicende di Mps, della Banca della Marche, della Banca Carige, della Banca Popolare di Emilia Romagna, della Fondazione San Paolo, ecc. senza che la magistratura –e il Tesoro- “osassero” dire neppure una parola, neanche un intervento, neppure un paio di manette importanti) consentendogli una ricapitalizzazione in borsa di ben 4 miliardi di euro e mettendo il nostre prode cavaliere nella felice e invidiabile condizione di andare a trattare a Londra con Rupert Murdoch da una posizione di forza, senza buttarsi per terra chiedendo pietà. Un record borsistico europeo: dal 25 febbraio 2013 al 10 agosto un balzo di ben 156%.

I nostri ottusi piccolo-borghesi, però, avrebbero dovuto già cogliere proprio i segnali londinesi. Già da lì era chiaro come si stava mettendo la faccenda. Rupert Murdoch, il più abile squalo predone nel campo mediatico planetario, infatti, è uomo che quando si siede a un tavolo per trattare un affare non si alza finchè non ha ottenuto ciò che vuole, ed è noto per la sua velocità di esecuzione. Se fiuta l’affare, firma immediatamente. Invece, con scuse varie, ha cominciato a prendere tempo facendo sapere a The Economist, al Financial Times, al Wall Street Journal che non era poi “tanto convinto” dei rapporti presentati dai consulenti di Ubs (colosso finanziario svizzero che spingeva all’acquisto di Mediaset in borsa) e aveva bisogno di tempo per riflettere. I nostri baldi impiegati, invece, non si erano accorti che, nel frattempo, le condizioni internazionali stavano mutando a un ritmo impressionante. Eppure gli era stato spiegato. Ma loro, prima di ogni altra cosa, sono italiani, quindi si considerano abilitati a comportarsi seguendo regole di ambiguità, di menzogna, soprattutto doppiogiochismo, e invece di applicare complesse e vincenti strategie a lungo termine, badano al sodo: pochi, maledetti e subito. Proprio come nei western di Sergio Leone. In fondo, l’Italia è diventata proprio il set di uno spaghetti western, dove la cittadinanza sopravvive alla meglio facendo la comparsa, nella speranza di non beccarsi una pallottola vagante.

Le alleanze politiche internazionali che erano in piedi nel settembre del 2011, non esistono più. Checchè ne pensino i complottisti d’accatto e quelli che non vedono al di là del proprio naso, il mondo, oggi, è completamente diverso dal punto di vista economico, politico, sociale, da quello che esisteva nell’agosto del 2011. Essendo l’Italia un paese ingessato e congelato nel Tempo, è difficile da noi cogliere le modificazioni, i cambiamenti, gli slittamenti progressivi, perché noi viviamo sotto una cappa virtuale che impedisce di leggere la realtà internazionale. Stando in Italia, è impossibile sapere come va il mondo. Ad agosto del 2011, la Cina andava alla grande, e la Germania la seguiva a ruota, il Sudamerica era finito sotto la scure del Fondo Monetario Internazionale, il Giappone, la Francia e gli Usa soffrivano sull’orlo di un gigantesco disastro annunciato, con enorme felicità della Russia che aveva accelerato la sua alleanza con i cinesi prendendo possesso di tutto ciò che poteva, sia in Africa che in Europa, sorretti entrambi da un accordo di ferro con le due più importanti economie asiatiche e occidentali, troppo prese dalla risoluzione dei propri problemi interni per occuparsi sempre del resto del mondo.

24 mesi dopo la situazione internazionale è completamente diversa. La Cina ha iniziato a frenare e già intravede spaventosi guai all’orizzonte (loro sono una etnia con lo sguardo lungo) e trema alla grande, la Germania comincia –con autentico malcelato terrore- ad accorgersi che, forse, la sua idea della gestione dell’euro e del continente finirà –come sempre è accaduto in Europa- per trasformarsi in un gigantesco boomerang. In compenso, la Francia si sta lentamente ma certamente avviando a sostituire l’Italia come seconda economia in Europa acquistando a man bassa aziende decotte nostrane, mentre il Sudamerica ha trovato un inatteso appoggio all’Onu e alla Banca Mondiale da parte degli Usa. Il Giappone è ripartito alla grande e si sta riprendendo tutto il mercato del sudest asiatico strappandolo ai cinesi, che glie lo avevano soffiato a metà degli anni’90. Gli Usa stanno già marciando alla grande a un ritmo economico da vertigine, al punto tale da aver scelto di frenare in alcuni comparti della propria economia. Da notare la diffusione di annunci mediatici di fondamentale importanza, di cui in Italia non è stata fatta neppure menzione. Il Wall Street Journal ha pubblicato un esaustivo pezzo, poi commentato dal presidente in persona in una conversazione televisiva, nel quale (due giorni fa) gli Usa hanno annunciato di essere la prima nazione al mondo che può “permettersi il lusso di potersi definire totalmente autosufficiente al 100% nel campo energetico, alimentare, dei servizi, e dell’alta tecnologia elettronica”. Non devono acquistrare nessuna di queste merci da nessuno, quindi non sono ricattabili. Hanno scelto di mandare definitivamente in pensione il carbone, riuscendo a battere la potentisima lobby dell’industria estrattiva che la sosteneva, ormai arresa all’evoluzione dei tempi. Si sono già riconvertiti alle energie eco-sostenibili alternative per un 25% e contano per il 2017 (cioè dopodomani) di raggiungere il 50%. Calcolano che nel 2055 non consumeranno più neppure una goccia di petrolio. Hanno convinto le grandi multinazionali petrolifere texane e californiane ad iniziare un gigantesco piano di riconversione industriale, considerato molto meno costoso per l’amministrazione statale che non andare in giro per il mondo a fare guerre inutili e criminali per dei pozzi di petrolio. Ed è molto più profittevole per quelle industrie. Il più importante sostenitore finanziario, in Usa, oggi, dell’energia eolica e solare è formato da un consorzio i cui principali azionisti sono la Federal Reserve, Il Ministero dell’Industria, la Mobiloil e la Texaco. Com’era da noi l’Iri nel 1970. Idem per il Giappone. La Cina, dal canto suo, ha aumentato del 156% la produzione di carbone altamente inquinante ed è diventato il primo acquirente di carbone dalla Russia che vendeva agli Usa per un controvalore annuo (2005) di ben 25 miliardi di euro all’anno, cifra che nel 2013 è stata ridotta a zero. Se vanno avanti così, i cinesi finiranno per suicidarsi tutti morendo dentro una gigantesca camera a gas a cielo aperto, che si stanno costruendo da soli.

Tutto ciò ha modificato completamente gli equilibri planetari perché ha lanciato il concetto di “glocal” come nuovo modello di crescita mondiale, una buona sintesi armonica tra protezionismo necessario e abbattimento delle frontiere.

L’Italia, che seguita a essere importante dal punto di vista strategico, è finita, in virtù del proprio immobilismo, al palo.

E poiché si è in guerra e a dettar legge, in questo momento –nel senso di quelli che davvero contano- sono gli Usa, Giappone e Sud America da una parte e Cina-Russia dall’altra, i giochetti all’italiana, per l’Italia, non vanno più bene.

Così come la musica era cambiata nel 1992, quando la Cia mandò in soffitta la loro criminale politica di gestione degli affari italiani, così oggi l’Italia si trova costretta a prendere atto che si è verificata una nuova gigantesca trasformazione planetaria che impone un totale, nonché definitivo, cambiamento generazionale nella gestione del paese. Vero.
Tradotto, vuol dire che il maquillage non funziona ed è inutile.

Tradotto, vuol dire che l’attuale classe dirigente politica italiana sta interpretando il proprio ruolo considerando se stessi come depositari di una interpretazione economica, sociale, politica e psicologica che è obsoleta, al di fuori della attualità e del mondo reale, e non fa gli interessi dei padroni che li avevano assunti, nei diversi decenni, come deferenti e baldi impiegati al lioro servizio.

Sono diventati inutili.

Ma loro non lo hanno capito.

Oppure, fingono di non averlo capito.

Tant’è che dall’11 agosto è ricominciato il bailamme di Mediaset in borsa. In sole cinque sedute ha perso circa 600 milioni di euro, idem Mondadori e Mediolanum che comincia a scricchiolare di nuovo. Diciamo, per essere franchi, che –per il momento- tutti gli investitori stranieri hanno scelto e deciso di mollare il nostro prode cavaliere. Il segnale è chiaro e forte. Anche dichiarato. In Italia invece si parla di diritti costituzionali e altre dabbenaggini del genere.

Rupert Murdoch mica è scemo. Già oggi paga tutto con un 12% in meno rispetto a dieci giorni fa.

Tutto ciò per spiegare le motivazioni del cosiddetto “rigurgito aggressivo del PDL a sotegno della necessaria agibilità politica del loro leader”: roba da clown di periferia.

Il cavaliere è sato fondamentale per le multinazionali anglo/americane e per la gestione italiana da parte dei colossi finanziari del nostro patrimonio industriale dal 1993 al 2011. Adesso non serve più, è stato già licenziato. La magistratura italiana, sempre ottima, accorta e lungimirante, nel saper leggere chi comanda e chi serve, ha preso atto di uno stato di cose direi, di banale oridnaria amministrazione. Il problema non è più Berlusconi né tantomeno i giannizzeri straccioni del suo seguito di elemosinieri da strapazzo, bensì il management del PD. Sono loro la vera anomalia della nazione. Non possono dichiarare lo stato delle cose, perché così facendo perderebbero le loro clientele alimentate dalla corruttela del patto eterno con il cavaliere.

Ma il grande problema, questo sì fatale, in questo momento di crisi internazionale e di grandi rivolgimenti, ci rende terribilmente fragili: il controllo totale della criminalità organizzata, attraverso la politica, dei gangli vitali della Repubblica, delle Istituzioni, dell’industria, delle banche, dei media, dell’intera economia. La totale presa di possessso del terreno economico nazionale, soprattutto nel settentrione, è l’unico segmento in cui ha trionfato il “glocal all’italiana”. Leader del Made in Italy nel mondo è diventata la criminalità organizzata siciliana, calabrese, napoletana. Lo sanno tutti.

Ma c’è un problema.

Lo stesso identico problema che si era verificato nel 1992.

Di questo ne parliamo nella seconda puntata, domani o dopodomani.

Tutto ciò per condividere, con voi, tutta questa fuffa berlusconiana: è tutto fumo negli occhi. Si arrampicano sugli specchi arraffando nel frattempo ciò che possono.

Sia il PDL che il PD.

I giochi, in questo momento, sono ben altri.

Sergio Di Cori Modigliani
Fonte: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it
Link: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2013/08/i-mercati-parlano-chiaro-berlusconi-e.html
20.08.2013

Pubblicato da Davide

  • tersite

    Un ottimo post, ma sarebbe stato utile ricordare che USA e Giappone stampano moneta.

  • Italiano

    Un leader politico è finito quando non prende più voti. Craxi è finito non per gli avvisi di garanzia o per la condanna, è finito perché aveva perso i voti, non lo votava praticamente più nessuno. Berlusconi invece i voti continua a prenderli, e tanti. Ecco perché non è finito, nonostante una condanna.
    E la prova che non sia finito la stiamo avendo in questi giorni, quando proprio Berlusconi sta decidendo se far cadere il governo. Un leader politico che è finito non avrebbe certo questo potere.
    E il paragone con dittatori come Gheddafi o Saddam Hussein non regge. Berlusconi la sua investitura la riceve in libere elezioni.
    Questo è determinante. Con Berlusconi non possono fare come con Gheddafi o Saddam Hussein. Non possono fare una guerra con il falso obiettivo di riportare (o esportare) la democrazia. Perché Berlusconi sta dove sta grazie a libere elezioni. Berlusconi non ha fatto colpi di stato, non si è autonominato dittatore, non ha soppresso il parlamento, non ha fatto chiudere giornali o tv, non ha incarcerato (o costretto all’esilio) oppositori politici.
    Si presenta davanti agli elettori, in libere elezioni, e chiede il loro voto. E ne prende di voti.
    Per questo usano la magistratura per cercare di farlo fuori. Non possono fare operazioni come quelle contro Gheddafi e Saddam Hussein, perché l’Italia è un paese democratico in cui si svolgono libere elezioni, e Berlusconi prende voti.
    E, dal momento che di solito le elezioni Berlusconi le vince o male che vada le pareggia, non gli resta altro da fare che usare la magistratura.
    Che è quello che stanno facendo da 20 anni.
    Ma anche questo a quanto pare non basta. E infatti, a 20 giorni dalla condanna Berlusconi continua a dettare i tempi, e i temi, della politica e del governo.

  • lucamartinelli

    stampare moneta non porta inflazione? molti economisti dicono che la politica restrittiva della Bce sarà vincente. Aspettiamo questo pomeriggio le decisioni della Fed. Ciao

  • AlbertoConti

    “… non ha fatto chiudere giornali o tv” Ha fatto molto peggio, li ha comprati.

  • vraie

    peggio, per noi

  • vraie

    una volta letto con atenzione l’articolo,
    magari avendolo capito,
    dopo aver tolto le ripetizioni e le digressioni inutili.
    risulterebbe – comunque – che Berluscono sia il MIGLIORE
    (ivi compreso l’eestensore della “sentenza” di morte)

  • Tetris1917

    Berlusconi e’ la pietra nell’ingranaggio. Va coccolato e aizzato. Vai Berlusca falli tremare!

  • Nauseato

    Verrebbe da ridere se non ci fosse da piangere a leggere i suoi pietosi ritornelli. Vero indubbiamente che Berlusconi abbia dalla sua una parte di elettori, circa un quinto scarso degli aventi diritto di voto, nessuno intende negarlo.

    Ma nel ricordarci solertemente quelle che lei chiama “libere elezioni” si dimentica furbescamente di ricordare che il pregiudicato Berlusconi è PADRONE di 3 canali televisivi e direttamente o meno di varie testate giornalistiche, oltre a gestire la vitale pubblicità dei quotidiani. E quando è stato a capo dell’esecutivo, le televisioni che tambureggiavano in mille modi le grancasse propagandistiche del loro padrone erano addirittura il doppio.
    Come si possa blaterare di “libere elezioni” in tali condizioni lo può fare solo chi è in malafede.

    Ed è talmente invasato dai suoi deliri da non aver evidentemente notato il riferimento al sempre rimpianto Indro Montanelli, che di Berlusconi se ne intendeva certamente più dei suoi elettori. Si vada allora a leggere cosa ne pensasse Montanelli del ciarlatano Berlusconi.

  • consulfin

    “L’Italia è l’unica nazione capitalista al mondo, in cui il comunismo non mai caduto”.
    Indro Montanelli. Ottobre 1999
    ” Certo che Montanelli ne ha scritte di cazzate!