Home / ComeDonChisciotte / GUIDA PRATICA ALLA LEGGE BAVAGLIO: CIO' CHE NON SI PUO' FARE IN SPAGNA DAL 1 LUGLIO 2015
15052-thumb.jpg

GUIDA PRATICA ALLA LEGGE BAVAGLIO: CIO' CHE NON SI PUO' FARE IN SPAGNA DAL 1 LUGLIO 2015


FONTE: RT.COM

Dal tweettare su una protesta al fotografare un ufficiale di polizia, dalle concentrazioni davanti al parlamento o impedire uno sfratto. Questo è ciò che gli spagnoli non potranno più fare liberamente da mercoledì, giorno dell’entrata in vigore della controversa legge sulla sicurezza pubblica, soprannominata ‘legge bavaglio’.

Questa guida sulla controversa legge è stata preparata dal quotidiano digitale ‘El Plural’, con l’obiettivo di far sapere agli spagnoli cosa possono fare da questo mercoledì 1° luglio, o almeno quello che potrebbe costare loro delle multe se lo fanno. Come osserva il portale, questo “linguaggio contorto e criptico” della legge “permetterà all’Amministrazione di sanzionare senza permesso giudiziario per ragioni che non sono chiare nel testo.”

1. Manifestare in una “infrastruttura che fornisce servizi di base per la comunità”

Che cosa intende?

Nella redazione calzano a pennello i tipici atti di protesta di Greenpeace, che spesso includono la scalata di una centrale nucleare e il dispiegamento di uno striscione, una concentrazione in un aeroporto o anche una protesta durante una trasmissione di notizie un’emittente pubblica, come nel caso del canale 9.

Come sarà sanzionato?

Tutte queste azioni ora sono considerate infrazioni molto gravi che possono essere sanzionate con cifre comprese tra 30.001 e 600.000 €.

2. Diffondere in rete messaggi riguardanti una protesta o manifestazione a venire

Azioni contemplate?

Secondo l’articolo 30.3, si considerano “organizzatori o promotori” chi “di fatto presieda, diriga o eserciti atti simili, o chi attraverso pubblicazioni o dichiarazioni di convocazione delle medesime, da dichiarazioni orali o scritte se in esse sono presenti, slogan o altri segni che possano ragionevolmente essere definiti direttori delle stesse”. Ciò significa che possono essere puniti allo stesso modo coloro che hanno organizzato una protesta senza permesso e chi trasmette i messaggi sui social network riguardo manifestazioni, anche se poi non partecipa e non conosce i dettagli della manifestazione.

Come si punirà?

Le multe vanno da 30.001 a 600.000 euro.

3. Caricare Film sul Web

Che cosa intende?

Il nuovo articolo 270 del codice penale, che ha già portato alla chiusura del sito Subtitulos.es, pretende di punire chi con “lo scopo di ottenere un vantaggio economico diretto o indiretto a danno di altri, riproduca, plagi, distribuisca, comunichi pubblicamente o sfrutti economicamente in altro modo, in tutto o in parte, un’opera o una prestazione letteraria, artistica o scientifica”.

Come si punirà?

Con la reclusione da sei mesi a quattro anni e con la multa da 12 a 24 mesi. (Questo punto appare poco chiaro nell’originale spagnolo, nota CdC).

4. Consumo di droghe o alcol in pubblico

Azioni contemplate

Consumare alcool e droghe per strada, o semplicemente portare addosso una sostanza stupefacente, a partire da mercoledì verrà punito con multe. Il governo in questo modo può anche multare a chi fa il ‘botellòn’, qualcosa che prima era limitata all’ordinanza municipale.

Quale sarà la pena?

Le multe vanno da 601 € a 30.000 € per le droghe, e da 100 a 600 euro se si tratta di alcol.

5. Manifestare davanti al Parlamento

Azioni contemplate

Le manifestazioni come quelle celebrate dai greci davanti al Parlamento in piazza Syntagma, oppure concentrazioni “rodea el congreso” in Spagna, dal 1 ° luglio saranno punite con multe.

Quale sarà la pena?

Multe da 601 a 30.000 €.

6. Scattare foto agli agenti di polizia

Azioni contemplate

Non si potranno scattare foto agli agenti di polizia se esse rappresentano “una minaccia per la loro sicurezza personale o familiare”, ha detto l’editoriale, non è chiaro cosa esattamente significhi.

Quale sarà la pena?

Le multe vanno da 601 a 30.000 euro.

7. L’interruzione di un incontro o di una manifestazione pacifica

Azioni contemplate

La legge qualifica come un grave reato “perturbare il regolare svolgimento di una riunione o dimostrazione, se non costituisce un reato penale”. Tuttavia, esso non specifica il tipo di disturbo, che possono includere cambiare l’itinerario di una dimostrazione o l’uso di striscioni e slogan che potrebbero essere considerati criminali.

Come sarà punito?

Rientra nella categoria di colpa grave e, di conseguenza, è punito con multe tra 601 e 30.000 €.

8. Bloccare uno sfratto

Che cosa si intende?

La legge perseguita chi “ostacola l’autorità nell’esecuzione di decisioni amministrative o giudiziarie.” Cioè, sono incluse le famose mobilitazioni cittadine per impedire alle banche di espellere dalle loro case chi non riesce a pagare il mutuo.

Come sarà punito?

Multe da 601 a 30.000 euro.

9. Occupazione di immobili

Che cosa si intende?

La legge punisce coloro che occupano una proprietà, ma anche quelli che rimangono in essa “contro la volontà del suo proprietario, affittuario o titolare di un altro diritto su di esso, anche quando non costituiscono un reato”, il che comprende non solo le azioni del movimento “okupa”, ma anche le ‘sedute’ dei lavoratori davanti una scuola o un ambulatorio minacciato di chiusura.

Come sarà punito?

Con multe vanno da 100 a 600 euro.

10. ‘Bonus’ per gli immigrati

Lo Stato spagnolo può espellere gli immigrati che varcano il confine a Ceuta e Melilla di nuovo al paese confinante attraverso una porta sul retro, qualcosa che è stato già fatto prima, ma ora è stato legalizzato nonostante il rifiuto internazionale. Nel mese di dicembre il Congresso spagnolo ha approvato una legge promossa dal governo di Mariano Rajoy e, nonostante l’indignazione da gruppi per i diritti umani e le Nazioni Unite, a marzo il Senato ha dato il via libera al testo.

Fonte: http://actualidad.rt.com

Link: http://actualidad.rt.com/actualidad/179025-guia-ley-mordaza-espana-protestas

1.07.2015

Traduzione dallo spagnolo per www.comedonchisciotte.org a cura di TORITO

Pubblicato da Davide

  • mago

    Si sono dimenticati un punto cruciale della legge..reintrodurre la garrota,da oggi in poi risulta meno rischiosa una vacanza in Korea del Nord.

  • salvio92

    A momenti peggio che al tempo di Francisco Franco 

  • sotis

    presto queste norme le avremo anche in italia…se no che europa dei miei c…. sarebbe?

  • cap1971

    IN SPAGNA TORNA PREPOTENTEMENTE IL RATO DI OPINIONE A QUANDO IL REATO DI LIBERO PENSIERO? MI CHIEDO SE IN ITALIA SUCCEDERA’

  • CitizenFour

    …Ricordate la storiella della rana nell’acqua che piano piano diventa bollente???….

    Ecco, "noi" siamo nell’acqua tiepida e sguazziamo allegri… 😉

  • iVi

    La plutocrazia di mostra per quello che è.

    Ma voi continuate pure a chiamarli fascistiiiii.

    La spagna è piena di disoccupati che se fregano di queste leggi quindi prepariamoci al peggio.

    N.B.: esattamente come in Italia i plutocrati spagnoli cercano di garantire l’ anonimato dei balordi in divisa. Vietano di fotografarli soprattutto dopo il caso di qualche anno fa quando i manifestanti avevano denunciato alcuni plutosbirri di cui avevano preso i numeri di matricola. Per coprire quei delinquenti in divisa si disse che quei numeri di matricola appartenevano ad agenti fuori servizio. Vietando di fotografare i celerini il governo spagnolo palesa cosi la sua intenzione di coprire tutti gli abusi.