Home / ComeDonChisciotte / GUERRA IN ARRIVO
15136-thumb.jpg

GUERRA IN ARRIVO

DI PIERO LA PORTA

pierolaporta.it

Guerra al di là dell’orizzonte; #guerrainarivo, non si vede, non per questo è più lenta

Quando la guerra si scorgerà, molti s’illuderanno che sia ancora abbastanza lontana e quant’altri, al contrario, mostreranno preoccupazione, saranno investiti dalle rassicurazioni della politica, consapevole e preoccupata a sua volta perché la guerra travolge ogni schema di potere preesistente.

Gli imperi non sono eterni e la loro fine è segnata dalla guerra [ In particolare si veda il capitolo dedicato agli USA da Cesare Marchetti and Jesse H. Ausubel “Quantitative Dynamics of Human Empires]. Non da oggi si prevede una guerra entro la fine di questo decennio. La condotta (apparentemente irresponsabile) di Hussein Barak Obama ha accelerato più che mai le ragioni di una guerra mondiale. Obama non ne vedrà gli esiti da Presidente ma non per questo sarà meno responsabile, anzi. Una responsabilità condivisa coi governanti e i politici europei – quelli italiani in testa – acritici caudatari delle politiche obamiane.

Ne cominciai a scrivere anni fa, connettendo la guerra alla corruzione e alla speculazione finanziaria. L’accumulazione parossistica di ricchezze da parte dei politici non è solo mera avidità; nei più altolocati e informati si somma la maligna volontà di prepararsi al peggio accumulando risorse ridondanti, consapevoli della propria inettitudine, di non essere in grado di scongiurare quel peggio.

D’altronde la condotta dei tre maggiori speculatori europei – Germania, Francia e Gran Bretagna – riflette analoghi scopi originati da analoghe preoccupazioni.

Le spese e gli impegni militari di Francia e Gran Bretagna sono crescenti e del tutto scissi da qualunque progettualità di “difesa comune europea”. La Germania appare meno bellicosa delle altre due? In realtà, come accadde fra le due guerre mondiali, essa ha i numeri per espandere in tempi brevi il suo strumento militare e, per quanto concerne obiettivi strategici e schieramenti, la guerra in Ucraina la dice lunga sui suoi propositi.

Mentre la spinta alla guerra è un dato di fatto, l’alternativa “burro o cannoni” è una costante storica ineludibile. La guerra più che coi soldi si fa col debito, col debito altrui preferibilmente; oggi ancora di più dacché il sistema finanziario mano a mano perfeziona la capacità di gravare col debito su paesi predestinati.

CONTINUA QUI

Pubblicato da Davide

  • giannis

    Lo spero , la societa’ umana moderna tecnologica industriale e’ inutile , stupida , paurosa e dannosa , ha bisogno di essere resettata- distrutta

  • clausneghe

    Mi dispiacerebbe (un po)se le mie peggiori previsioni già esposte http://clausneghe.blogspot.it/2014/12/2015-18-auguri.html qui si dovessero avverare, ma tant’è…

    Fare il Profeta di sventura è difficile, e ingrato.
    Meglio fare come i Renzini…
  • Neriana

    La guerra è già bella che arrivata. Certo, per ora si è concentratati in Siria, in Iraq, in Libia, in Ukraina  in varie parti dell’africa , in vari regime change o "rivoliuzioni sorosiane colorate ", e qui per ora è solo una guerra contro la classe media a suon di delocalizzazione, di tasse, di "riforme del lavoro, e austerità varie, di bail out e bail in. E’ laguerra di pochi ultramiliardari controv il resto del mondo. La svalutazione minima dello yuan ha pero’ fatto capire che la guerra finanziaria la vincerebbe la Cina, semplicemente svalutando e quindi ora si passa alla guerra con le armi quella che poi crea ricostruzione. D’altra parte megio una fine spaventosa che uno spavento senza fine.. 

  • lanzo

    La cosa terrificante – a mio parere – e’ che non si tiene conto che "quelli" che potrebbero scatenare la guerra sono un elite ristretta con a disposizione migliaia di kilometri di rifugi sotterranei antiatomici, provvisti di tutti i confort e da cui potrebbero godersi la morte dei peblei, un po’ di ebrei poveracci tanto per pararsi il culo e piagnere e fottere, come hanno gia’ fatto  ed  altre razze inferiori. 

    Fatevi una ricerchina, gli USA sono intersecati da gallerie sotterranee…
    Magari qualcuno avra’ letto Joe Bageant (RIP)  e de ste cose ne parlava e diceva che l;e case dei miliardari VERI hanno campi di atterraggio e decollo per aerei privati che li portano a punti di raccolta.
  • Neriana

    E va beh.. non trovo niente di eccitante nel vivere come topo sottoterra dopo avere distrutto il pianeta piu bello del sistema solare.  Che vivano…..

  • Gil_Grissom

    Ci avevano detto che ci sarebbe stata certamente una guerra mondiale che sarebbe scaturita dalla questione nucleare Iran e invece tale guerra non c’e’ stata, anche perché nel frattempo il novello Khomeini e’ stata accantonato dal suo stesso popolo. Non ci sara’ nessuna guerra mondiale per il semplice motivo che Putin e’ troppo furbo per lasciarvisi invischiare e una guerra mondiale senza la Russia non e’ piu’ tale.

  • giannis

    Se e’ vero il fatto che putin difendera’ la Siria dall attacco USA vuol dire che Russia e USA si scontrano su due fronti : Ucraina e siria , quindi quello che dici potrebbe essere falso

  • Gil_Grissom

    Putin non si fara’ trascinare nella terza guerra mondiale per la Siria, per l’Ucraina forse si, ma sinora non l’ha fatto nemmeno di fronte all’evidente golpe filo nazista: ci vorrebbe un’operazione Barbarossa del 2000 per trascinare la Russia in guerra e francamente non lo ritengo probabile, ma forse potrebbe essere "falso" come dice lei.