Home / Intervista / GRILLO, CASALEGGIO E IL PROGETTO GAIA…
11800-thumb.jpg

GRILLO, CASALEGGIO E IL PROGETTO GAIA…

DI GIOVANNA CANZANO
mirorenzaglia.org

Il progetto “Gaia” ha messo Beppe Grillo tra le pedine per governare il mondo. Quello che non ha detto il progetto Gaia è chi comanderà il mondo.
Io mi do una risposta: sono le stesse multinazionali che hanno nominato Monti e che fanno capo a David Rockfeller, padrone di J.P.Morgan Chase, Exxon, General Electric.

Marco Bava

Canzano- Grillo e i retroscena dei soldi della politica.

Bava – Il servizio di Report della scorsa domenica, ha fatto notare che i partiti hanno intestato gli immobili come il PCI che sono spariti nelle fondazioni dove vediamo che i componenti ai vertici di destra e sinistra sono intestatari della stessa fondazione. Poi c’è il fenomeno Grillo. Grillo è un grosso catalizzatore di voti, è molto convincente.
In passato lei ha collaborato con Grillo?

Infatti, io per dieci anni ho fatto per Grillo le analisi sulla Fiat. Ci eravamo conosciuti ad una assemblea della STET lui parlava dell’auto ecologica, quella ad idrogeno ed io ottenni da Romiti, l’autorizzazione di portare Grillo del centro di ricerche FIAT per diventare testimonial delle vetture ecologiche, poi questo progetto non andò avanti per alcuni ostacoli. Lui mi chiese comunque di continuare a fare per lui le analisi su Fiat e io gliele feci. Infatti, tutto quello che lui diceva sulla Fiat, erano cose che io gli comunicavo telefonicamente oppure quando veniva a Torino, si svegliava a mezzogiorno e poi faceva un briefing con le persone che avevano da dire qualcosa sulla città di Torino. Io ero con lui a questi incontri, e, notavo che aveva una capacità di assimilazione favolosa lui sentiva queste persone che erano i referenti della città che per i temi gli interessava sviluppare durante il suo spettacolo lui assimilava tutto quello che sentiva, e, la sera durante lo spettacolo ripeteva tutto anche senza avere preso appunti di quanto gli avevano detto in precedente, cioè Grillo ha una memoria incredibile, è un grande attore capacissimo. Dopo lo spettacolo si andava a cena insieme, anche con persone importanti di Torino. Durante la cena commentavamo lo spettacolo, dove, potevo dire quello che volevo commentando ciò che era stato detto e lui aveva una buona capacità di discussione e, l’ha dimostrato anche recentemente. Il suo problema è che lui fa parte del progetto Gaia.

Ho visto il video e sono spaventata.

Anche io vedendolo, mi ha fatto riflettere. Ho avuto due occasioni di incontrare Casaleggio telefonicamente quando Grillo voleva fare la raccolta deleghe per Telecom io gli dicevo che si poteva fare attraverso la raccolta come cerco di fare io con i miei siti che sono www.marcobava.it e www.marcobava.eu. Durante la telefonata con Casaleggio, capì che non gli interessava fare questa cosa poi Grillo andò in assemblea, ma non fece niente per cui le deleghe erano inutilizzabili. La stessa cosa farà adesso dei voti che ha ricevuto alle recenti elezioni non saprà come utilizzarli. Il progetto Gaia ha messo Beppe Grillo tra le pedine per governare il mondo quello che non ha detto il progetto Gaia è chi comanderà il mondo. Io mi do una risposta, sono le stesse multinazionali che hanno nominato Monti e che fanno capo a David ROCKFELLER, padrone di J.P.Morgan Chase, Exxon, General Electric.

Il Bilderberg in qualche modo?

Bilderberg, Trilaterale, Petrolieri USA. Non a caso l’ambasciatore americano è stato uno dei pochi che si è espresso a favore di Grillo, poi è vero che lo hanno sostituito dopo poche settimane, ma l’ha fatto. Stiamo parlando di un ambasciatore professionista. Chiaramente Beppe Grillo è un catalizzatore di voti, per vanificarli . Quando stava entrando in politica ho tentato di parlargli per dirgli guarda se vuoi farlo, fallo da solo non farlo con Casaleggio perché tu rischi di illudere delle persone che secondo me la cosa più grave che una persona possa fare. Lui invece evitò di parlarmi, lo chiamai anche a casa e, mi faceva rispondere dalla domestica dicendomi che non era a casa. Successivamente ho rivisto Casaleggio quando è venuto a Torino, gli ho parlato del mio progetto di un nuovo modello di sviluppo energia rinnovabile detassata, quella che non consuma sul territorio, fotovoltaica. Casaleggio ha preso nota e mi ha data l’impressione di non essere il burattinaio. Siamo di fronte ad una serie di burattini anche Letta è un burattino attenzione lo è Alfano, lo è Berlusconi sotto certi aspetti. I burattinai sono sempre i soliti.

Gli stessi burattinai di cui parla Gelli?

Sì, ma anche Gelli non è un burattinaio, ma un burattino. Io ho seguito l ’Avvocato Agnelli per circa una decina di anni, nel periodo intorno al 1992, dove Gianluigi Gabetti, mi disse che l’avvocato vedeva più me che lui. Se c’era un appuntamento, a cui lui non poteva mancare che era in ottobre della Chase Manhattan Bank, (che nel 2000 l’azienda si è fusa con la J.P. Morgan & Co. dando vita alla JP Morgan Chase) e, ho capito da solo che il grande capo di Agnelli era David Rockfeller la cinghia di trasmissione era Kissinger. Una volta, mentre discutevamo, gli suggerì alcune cose e, lui disse, mica posso dire che siete i miei consulenti (Eduardo ed io) consulenti non siete Kissinger, riferendosi ad Eduardo per quando riguardava la politica internazionale e riferendosi a me e a Jacocca. Questo ci fa capire quali erano i parametri, che poi, sono rimasti ancora così. Adesso c’è stato un tentativo da parte di Montezemolo di accreditarsi al posto dell’Avvocato, e, secondo me avrebbe potuto farlo in un altro modo, ma lui preferisce accreditarsi in un altro modo. Marchionne invece, è il vero rappresentante in Italia degli USA, non lo è né Letta né Berlusconi, quindi siamo davanti ad un sistema che si perpetua peggiorando la situazione per i più poveri a vantaggio dei potenti magari eletti dai poveri.

Ritornando al fenomeno Grillo, anche lui fa parte del ‘giro’ dei potenti, se nò, non gli avrebbero permesso di creare un movimento così vasto?

Grillo lo ha anche dichiarato che i poteri forti dietro di lui sono la massoneria, le multinazionali, il Bilderberg. Tutti quelli arrabbiati che fino ad ieri pagavano per vedere i suoi spettacoli, adesso vanno a vedere i suoi spettacoli gratis dove paga qualcun altro e loro pagano con il voto. I ‘votanti’ pensano che hanno trovato qualcuno su cui sfogarsi, pensando che li rappresenti li faccia trionfare credendo di trovarsi con Robin Hood, ma Grillo è un Robin Hood all’incontrario, perché Grillo viene pagato attraverso la pubblicità. Casaleggio è un personaggio che rappresenta un ordine mondiale, queste cose non le troviamo scritte, ma le percepiamo. Noi dovremmo essere la nuova Cina. La globalizzazione è uno spostamento di reddito tra i vari paesi. Adesso noi stiamo spostando il nostro reddito dalla Cina, cioè, stiamo dando i soldi ai cinesi, a questo punto loro saranno più ricchi e noi sempre più poveri, a questo punto loro cominceranno a chiedere salari più alti mentre noi diventeremo poveri e guadagneremo sempre di meno e cominceremo a produrre a prezzo dei cinesi per i cinesi. A questo punto potremmo essere un po’ più ricchi, ma non ricchi come oggi. Io credo che è talmente folle come disegno che non può riuscire.

Link video – https://www.youtube.com/watch?v=YCRO4pEnYok

Giovanna Canzano (www.giovannacanzano.it)
Fonte: www.mirorenzaglia.org
Link: http://www.mirorenzaglia.org/2013/05/grillo-casaleggio-e-il-progetto-gaia/
27.05.2013

Pubblicato da Davide

  • nigel

    Credo che tra non molto ci incazzeremo

  • Tauk

    Verificare sempre le fonti e la fondatezza delle informazione please!!!

  • Meury79

    Signori miei, questo non è giornalismo.

    Avrete notato come si comportano i media verso Grillo ed il M5S, ora ne uscite fuori con la massoneria e balle varie? E basta…Critichiamo quello che c’è da criticare, non facciamo articoli sullo stile del giornale

  • pantos

    lasciare al caso certe asserzioni come “Grillo lo ha anche dichiarato che i poteri forti dietro di lui sono la massoneria, le multinazionali, il Bilderberg.” è da paura.
    la sig. ra Canzano avrebbe quanto meno pretendere di farsi dire quando e dove grillo avrebbe dichiarato questa cosa.

  • mincuo

    Rockefeller non è il padrone di J.P.Morgan Chase. E’ un socio. Importante, per carità.

  • Georgejefferson

    L’elite non e’ una

  • Aironeblu

    Il vero burattinaio non è casaleggio, non era Gelli e non è Berlusconi… Non era Agnelli e non è Marchionne; non sono nemmeno Kissinger e Rockfeller …. È Giovanna Canzano, che tutto vede e tutto sa!

  • nodo

    Vabbè, a parte la discutibilità dell’ articolo e balle varie.
    Ma la punteggiatura ??!!!
    Ho capito la fretta di postare la trascrizione di un video (a quanto ho capito, non ho guardato il video linkato), ma cazzo la grammatica ha la sua importanza !
    Già ci stiamo rincoglionendo abbastanza con le chat e i messaggi scritti in fretta e male (non mi riferisco a Cdc)…almeno sugli articoli in home un minimo d’ attenzione non guasta.
    Cioè rispettiamoci un pò !

  • antomicla

    brutti forte Grillo e Casaleggio !!

  • Marcusdardi

    allora ho ragione a cantare la Piramide del Potere così: http://www.youtube.com/watch?v=gpuPkcmygR8

  • bstrnt

    Rockefeller e Kissinger hanno veramente poco tempo per comandare (diciamo non più di 24 mesi?), ammesso che il loro cervello, attualmente, sia ancora in grado di intendere e volere … quindi sarei un po’ scettico in una loro parte attiva nel progetto Gaia (ammesso che esista).

  • pantos

    per la cronaca, ho chiesto via email all’avv. Marco Bava di circostanziare presunta dichiarazione di grillo (riportata nell’intervista) di appartenenza a bildeber, CIA, e trilateral.
    mi ha risposto dicendo che grillo ha fatto del male a montanari (famosa storia del microscopio elettronico. ok. condivido. ma che cazzo c’entra!!). ho richiesto. attendo risposta.

  • pantos

    per la cronaca il dott. Bava mi ha risposto indirizzandomi a un link del dott. Montanari http://www.stefanomontanari.net/sito/images/pdf/grillo_microscopio.pdf, in cui, però, ancora nessuna ombra sulla presunta dichiarazione di grillo di appartenenza a bilderberg.