Home / ComeDonChisciotte / GREXIT CON ODIO
14554-thumb.jpg

GREXIT CON ODIO

DI URIEL FANELLI

wolfstep.cc

La vicenda del grexit sta raggiungendo ormai proporzioni preoccupanti, nella misura in cui sino a un anno fa la stampa tedesca aveva sempre evitato di scaldare gli animi e si era sempre posizionata in modo da evitare che l’odio antitedesco arrivasse sino alla popolazione.

La politica della stampa tedesca pero’ e’ cambiata, come ho gia’ detto, e dei greci si sta facendo vedere ogni singolo gesto antitedesco, amplificando ogni minaccia ed ogni dichiarazione – la Bild pubblica le dichiarazioni di un oscuro funzionario di partito marxista – sino a creare nella popolazione un fastidio che sta diventando palpabile.

Che cosa intendo per palpabile?

Per fare un esempio, puo’ succedere che un ristorante greco a Düsseldorf riceva lettere come queste (leggi la notiza in inglese qui, ndr):

Timeo Danaos

Come potete leggere sui commenti su Facebook la popolazione di Düsseldorf non e’ d’accordo , ma il fatto che succeda una cosa simile in una delle citta’ piu’ internazionali di Germania fa capire che qualcosa sta cambiando nell’ umore della popolazione.

Qualcuno mi dira’ che una rondine non fa primavera, ma ho gia’ scritto della questione delle elezioni ad Amburgo: AfD ha raggiunto la soglia di eleggibilita’, e continua a strizzare l’occhio a Pegida.

Questo fenomeno ha due aspetti. Il primo e’ legato al fatto che se la Grecia uscisse dall’ Euro, e di conseguenza da Schengen (sicuramente la Germania bloccherebbe i confini in deroga, per evitare la fuga di persone) , i greci si troverebbero a dover chiedere la Blaukarte. Per avere una Blaukarte in Germania dovete per forza guadagnare piu’ di 40.000 euro netti all’anno, perche’ il paese NON vuole avere un certo tipo di immigrazione.

In parole povere, se anche il proprietario del Platon ce la fara’ a tenersi una Blaukarte, i suoi camerieri non potranno. O si accontenta di camerieri locali, o chiude.

Quindi, e’ legato al fatto che Tsipras sta , come tutti i cazzoni arrivati al governo, inficiando prima di tutto la vita dei suoi concittadini emigrati qui.

Ma il problema e’ il cambio radicale di orientamento della stampa tedesca, specialmente di giornali che parlano , per usare un termine italiano, “alla pancia del paese”.

Il giornale che piu’ parla alla pancia del paese (caratteristica misurabile in tette in copertina) e’ il Bild, che ci sta dando dentro da un pochino:

E ci danno dentro da giorni:

Varie&Eventuali

se andate nell’archivio, trovate tutto. Ma se il Bild e’ sempre stato specializzato nel colpire il pubblico alla pancia , il problema sta negli altri giornali, anche quelli normalmente “moderati” e “di sinistra”, che ci stanno dando dentro come dei pazzi.

Il linguaggio e’ molto diverso, ma la morale che si legge sui giornali e’ sempre questa: I greci farebbero bene ad uscire dall’euro.

E’ assolutamente chiaro che ci sia stato un cambiamento radicale nell’atteggiamento della stampa tedesca, e un cambiamento radicale del genere non si spiega senza un cambiamento radicale di rotta ed opinioni da parte delle classi dirigenti tedesche.

Adesso ci sono delle cose che vanno tenute in considerazione. Qualsiasi cifra si intenda dare ai greci, anche se facessero tutto quanto richiesto, andrebbe autorizzata dal parlamento tedesco.

Gia’ per far autorizzare il prolungamento del programma – una cosa che al contribuente tedesco costa esattamente zero – la Merkel ha dovuto ripetere e ripetere e ripetere che non vi erano costi.

Il punto e’ che con questa opinione pubblica, che mette al 52% l’idea che la Grecia debba uscire dall’ euro e un altro 17% dice che dovrebbe uscirne la Germaia, che i greci possano avere altri soldi e’ da escludersi, semplicemente.

Non e’ politicamente possibile. Non importa cosa faccia o non faccia Tsipras. Puo’ anche scorticare bambini greci per venderne la pelle e pagare i debiti, ma non avra’ una lira.

E qui risaliamo all’atteggiamento suicida di Tsipras &co.

Le domande che faccio sono diverse:

  • Usare come arma di ricatto il fatto che in Grecia possa vincere Alba Dorata ha senso se siete pazzi: ma Tsipras sa che se vincesse Alba Dorata lui sarebbe il primo a penzolare da un albero? Ha senso una simile “minaccia”?
  • Usare come arma di ricatto il fatto che in Grecia possa vincere Alba Dorata tiene conto dell’eventualita’ che Alba Dorata vinca in Germania?
  • Minacciare di “mandare in Germania migliaia di immigrati greci” tiene conto del fatto che con la chiusura di Schengen decine di migliaia di Greci verrebbero esplulsi perche’ privi di Blaukarte?
  • Prima di fare campagne di odio, i greci si stanno chiedendo cosa succede se ANCHE dall’altro lato si da’ fiato alle trombe?

E’ successo. I giornali tedeschi stanno mandando giornalisti in giro per l’europa a cercare tracce di odio antitedesco, e lo stanno facendo per spingere la popolazione a ricambiarlo.

Non so quanto tempo impiegheranno per scoprire La Repubblica e La Stampa, e quanto impiegheranno per capire la strategia con la quale hanno seminato odio antitedesco. Non per quanto il Dibba, Salvini&co non diventeranno un caso diplomatico pesante.

Secondo me, manca poco.

Uriel Fanelli

Fonte: http://www.wolfstep.cc/

16.03.2015

Pubblicato da Davide

  • Neriana

    Non capisco il problema dei tedeschi…e nemmeno quello dei Greci. Se la Grecia non potendo pagare, dovesse fallire , il debito Greco è garantito dai CDS (Credit default swaps ) che è un prodotto finanziario assicurativo non europeo, e quindi a pagare il debto greco dovrebbe essere questa assicurazione e non i tedeschi o gli europei. Quindi è nell’interesse degli europei, annullare il debito greco attraverso il fallimento greco , visto che comunque ci sono i cds che assicurano gli investitori.

  • Saysana

    Chi, i tedeschi? Quel popolo che 70 anni fa ha massacrato milioni di persone perche’ non le andavano a genio?

    Ahh… si, proprio quel tipo di gente li.
  • gimo

    Gli USA hanno sterminato milioni di persone direttament o indirettamente.

    La francia ha sterminato milioni di persone in Africa e in oriente direttamente e indirettamente.
    Gli inglesi hanno sterminato milioni di persone in giro per il mondo, l’ultimo grande Impero.
    I tedeschi hanno sterminato milioni di persone.
    I russi hanno sterminato milioni di persone in patria e fuori direttamente e indirettamente.
    Gli italiano forse un po di meno…ma solo se ci riferiamo agli ultimi secoli….
    Anche i cinesi hanno sterminato milioni di individui, in patria e fuori.
    E dimentico sicurament qualche altro grosso gruppo di assassini….
  • albsorio

    Il problema greco e simile a quello italiano, la mancanza di coraggio nei confronti della moneta privata garantita da debito pubblico chiamata euro.

     
    Alcune considerazioni sulla Grecia.
    La Grecia ha giacimenti di petrolio già scoperti per un valore doppio del debito.
    La Grecia usa l’euro, potrebbe azzerare il suo debito ed emettere la dracma2, DEL POPOLO e SENZA DEBITO, usando i suoi euro.
    Ora se la Grecia saldasse il suo debito con gli euro greci e si mettesse ad estrarre (la Grecia non altri) il petrolio e il metano, sarebbe il Paese europeo con maggiori probalita di benessere nei prossimi anni.
    Purtroppo i popoli no devono avere strane idee di coesione territoriale tali da pensare di godere delle proprie risorse naturali, che siano petrolio, acqua o quant’altro.
    Questo sacrificio "globale" non è per la condivisione agli altri intesi come 99% ma per il dominio esclusivo dell’1%, forse meno.
  • makkia

    Mah, vedo tante cose che Tsipras non dovrebbe fare, ma non vedo il suggerimento del buon Uriel su cosa dovrebbe invece fare Tsipras.
    Sospetto che secondo lui dovrebbe accettare tutte le condizioni troikane e continuare a massacrare la sua popolazione, così da salvare quei quattro gatti greci che sono emigrati nella Krante Cermania della sua amata Kancelliera.

    E se invece fosse proprio quello che vuole Tsipras? Una grexit imposta dagli altri, così poi si può dire: "OK, liberi tutti, adesso facciamo come vogliamo noi".

    Se ne vedrebbero delle belle…
    (e delle brutte, non c’è dubbio, ma a questo punto gli rimane ben poco da perdere)

  • brezzarossa

    Resta per il resto della tua "particolare" vita la dove, sei romanziere dei miei stivali. Ogni tanto però è utile alla mia peristalsi leggere le tue strabiche minchiate.

    P.S. Che i tedeschi siano assai bravi a a odiare in questo secolo non ne abbiamo ancora traccia, nel secolo scorso invece almeno due volte.
    Che siano cambiati? (ma vai cacare…)
  • brezzarossa
    Resta per il resto della tua "particolare" vita la dove sei, romanziere dei miei stivali. Ogni tanto però è utile alla mia peristalsi leggere le tue strabiche minchiate.
    P.S. Che i tedeschi siano assai bravi a a odiare in questo secolo non ne abbiamo ancora traccia, nel secolo scorso invece almeno due volte.
    Che siano cambiati? (ma vai a cacare…)
  • makkia

    Tutti colpevoli, nessun colpevole… bella scusa.

    Però, al di là del tuo tentativo di nullificazione, i tedeschi sono e rimangono su un ben misero pulpito dal quale fare lezioncine agli altri, quantunque misero sia il pulpito altrui.
    E non solo per il nazismo (dopo il quale hanno usufruito di un generoso condono dei debiti e di un piano Marshall) ma per la macelleria sociale che hanno fatto prima alla loro stessa gente dell’est e poi al resto d’Europa.

    Adesso è la Grecia che chiede non la cancellazione tout court ma un po’ di pietà, la loro risposta è…?

    E comunque i greci possono lamentarsi anche secondo la tua strana logica per cui non si può parlare se non si hanno le "carte in regola" … perché in quella lista, poveracci, non ci entrano dai tempi di Alessandro Magno.
    (Ah, già, anche loro sono fra i "colpevoli": da 23 secoli)

    Il punto reale è che al momento sono i tedeschi che s’incazzano contro chi subisce la loro aggressione politico-economica, non sono le vittime di una "campagna diffamataoria e razzista" contro di loro.

    Stanno usando il metodo israeliano: scatenare il "giusto odio" contro degli "iniqui aggressori" (che in realtà stanno massacrando).

    Ma non c’è nessuna capriola dialettica per cui si possa dire che i tedeschi sono le vittime

    QUESTO è il punto.

  • makkia

    E basta con ‘sti giacimenti dell’Egeo!
    la Turchia ha minacciato che se cominciano le perforazioni verrà considerato "atto di guerra".
    Te l’immagini fare guerra al 5° esercito del pianeta?

    Intanto si annuncia un’esercitazione russo-cipriota nel mediterraneo… coi russi di mezzo si può ragionare persino coi turchi, ma non è una cosa dall’oggi al domani, come la fai sembrare.

    C’è un MOTIVO per cui non hanno cominciato nessuna azione estrattiva.

    Anzi, molti motivi. Fra i quali che il FMI vorrebbe che vendessero le concessioni (e i porti) per pagare i debiti, invece di investire parecchi miliardi in off-shore prima di vedere anche un solo barile.
    Altro motivo è che la Grecia non ha MAI disegnato la propria EEZ (Exclusive Economical Zone) marittima, prima perché non sapeva di averne bisogno, poi perché i Quisling al governo ‘se ne sono dimenticati’. Lasciando aperta la questione anche giuridica sul possesso di quei giacimenti. Senza contare che la Turchia non ha sottoscritto il trattato internazionale sulle EEZ.

    Insomma è un casino infernale. Altro che soluzione cotta e mangiata.

  • albsorio

    Scommetto che se per un tozzo di pane cedono i diritti di estrazione tutti i problemi svaniscono, magari l’accanimento terapeutico/economico per "salvare" la Grecia mira proprio alle risorse di idrocarburi.

  • sickboy

    Inseriamo la Russia nell’equazione e vediamo se la Grecia è così folle: Tsipras può tenere duro, i tedeschi anche e si arriva alla frattura. A quel punto (se le cose restano così), la Grecia i soldi li può chiedere alla Russia e alla Germania resterebbe la responsabilità storica e politica del disfacimento dell’UE e della NATO. Che a me, ai greci e credo anche ai tedeschi vada benissimo; un po’ meno bene agli yankee e ai loro camerieri (i politici europei).

    Uriel è un genio, mica è infallibile. Anzi, è un genio ma a livello previsionale di solito non ne azzecca una. Ma rimane un genio.
  • mincuo

    No. La quota dei Sovereign garantiti è piccola. E per lo più a breve. Forse non ti è chiaro il meccanismo dei CDS, specie a 5 anni, ma sono calcolati sulle probabilità di default. Per spiegare semplicemente tu paghi ogni anno un tot e se alla fine non c’è default (cioè hai sbagliato a coprirti) hai in realtà pagato pressapoco l’intero nominale.
    La quantità in essere è sempre aperta e chiusa in realtà. Cioè compri CDS e li rivendi ecc… 

  • gimo

    Vedo che ora interpreti cio che gli altri scrivono……

    Tutti colpevoli -nessun colpevole lo stai scrivendo tu.
    Per me tutti assassini – tutti assassini,
    Neanche mezza giustificazione.
    Non si può parlare se non si hanno le carte in regola lo stai scrivendo sempre tu.
    Il mio era un elenco che illustra banalmente come tutto o quasi, il mondo civilizzato, ha sulla coscienza milioni di individui.
    La giustificazione per la Germania te la sei sognata tu.
  • pippo74

    Posso chiedere perché il mio commento è stato cancellato?

  • AlbertoConti

    Il marketing politico è più pericoloso della bomba atomica, anzi i due pericoli
    si moltiplicano tra di loro. Purtroppo noi siamo vittime da molto più tempo
    dello stesso virus, e i risultati si vedono. Ma questo è marketing di guerra, il
    peggio del peggio. L’intelligenza umana è ancora troppo debole, e questo non è
    all’altezza dei tempi. Brutta faccenda.

  • patmar111

    Forse non ho capito bene tutto l’ambaradan sui finanziamenti alle nazioni membro peró com’è che un eventuale nuovo prestito alla Grecia dovrebbe essere autorizzato dal Parlamento tedesco? 

    E dal parlamento italiano, francese, danese ecc. ecc. no?
    E com’è che la Bundesbank ci mette sempre il becco? 
    Europa o Stati Uniti di Germania?
    Scusate l’ignoranza. 
  • roberto4321

    A volte Wolfstep (alias Uriel Fanelli) ci regala sublimi considerazioni, ma quando si parla dei suoi compatrioti tedeschi allora gli si offusca un po’ il cervello.
    Il problema è molto più complesso di quello che lui crede, e coinvolge l’intero assetto geo-strategico dell’Europa.
    E’ vero che probabilmente la Grecia non riceverà un Euro dalla Germania, ma è altrettanto vero che la Russia (che ha circa 280 mld $ di riserve) non avrebbe problemi a prestargliene una decina in cambio di qualche base nel Mediterraneo (estromettendo dalla Grecia le basi Nato of course).
    E come credete che reagirebbero a questa prospettiva gli Stati Uniti? Non credete che la crisi Ucraina non possa riesplodere se la Germania non fa quello che deve (cioè dare tanti bei soldini alla Grecia)?
    E mettiamo anche che la Grecia esca dall Euro e che faccia default, non credete che sarebbe interesse di tutti (degli USA in primis) tenerla ben stretta all’interno dell’Europa? L’emigrato greco in Germania può stare ben tranquillo.
    Altra cosa, lo sa il nostro Wolfstep cosa succederebbe il giorno dopo che la Grecia dovesse uscire dall’Euro? Succederebbe che i mercati direbbero "oh ma allora l’Euro non è indissolubile" e comincerebbero a chiedersi chi sarà il prossimo.
    A quel punto l’Euro imploderebbe nel giro di poco, e voglio proprio vedere cosa fa la Germania se si ritrova in una moneta rivalutata del 50% sulla nostra (suoi diretti concorrenti)  mi sa che anche il nostro Wolfstep avrà qualche bel problemino a restare a lavorare in Germania. Fossi in lui comincerei a preoccuparmi…

  • makkia

    La costituzione tedesca è federale, per cui alcuni meccanismi decisionali, che negli stati che hai detto tu sono competenza esclusiva del governo, in Germania sono "da concordare" nel parlamento, che è l’espressione delle volontà della federazione.

    Ovviamente questo è anche un bel trucchetto per fare o non fare certe cose di cui ufficialmente il governo non si prende la responsabilità. In realtà sono robustamente concordi e che le volontà federate cassino una volontà governativa VERA è storicamente rarissimo.

    La Bundesbank è un altro trucco, ma contabile, oltre che politico: ufficialmente non ha altro ruolo che eseguire le direttive BCE, come le altre banche nazionali. In realtà è sia il socio di maggioranza della BCE che un’entità che interviene eccome nella finanza interna.
    Anche qui ci sono una serie di banche "private" (in realtà sotto il ferreo controllo statale e sotto coordinamento Bundesbank) che presiedono le economie dei singoli länder.
    Molto comodo, perché queste non partecipano al bilancio generale della Germania: quindi possono nascondere debito (ma sono i Greci che truccano i conti!), comprare titoli di stato invenduti (vietatissimo a noi e a tutti gli altri), ricevere aiuti interbancari quando si sono dissanguate per attuare le politiche economiche nazionali (noi per salvare MPS dobbiamo istituire tasse).
    Sono in pratica una "camera di compensazione" delle politiche nazionali, meccanismo che a tutti gli altri è precluso.
    Ovviamente il tutto è nei trattati, quindi è pseudo-legittimo. Infatti i trattati sono misurati per tenere conto delle specificità costituzionali e strutturali tedesche. Dico "pseudo-legittimo" nel senso che anche se possono comprtarsi così, in realtà non dovrebbero perché di fatto aggirano lo spirito dei trattati… ma CHI gli và a contestare la cosa? In qualunque sede giuridica o arbitrale la Germania avrebbe una posizione preminente come giudice… di sé stessa.

    Se preferisci una spiegazione più semplificata: il rapporto fra Bundesbank e le altre banche nazionali è come un torneo in cui uno dei partecipanti pratica full-contact mentre gli altri devono rispettare le regole della boxe. E agli arbitri sta bene così. Per giunta il tizio del full-contact è il più grosso dei contendenti. E, cigliegina, non ti puoi ritirare dal torneo; per cui, per quanto tu sia bravo a vincere coi tuoi avversari, la finalissima la farai comunque col bestione.

  • pippo74

    Questo Uriel Fanelli farnetica quando parla di economia, è semplice, non serve aggiungere molto altro.

    Ah, a proposito, le riserve Russe di dollari sono circa 356 mld ad oggi! Comunque se si arrivasse seriamente al fatto che la Russia finanzi la Grecia dopo il Grexit, significherebbe uno stravolgimento geo politico a cui non credo arriveremo mai.

    Ecco uno degli altri motivi delle farneticazioni del nostro Fanelli; la Germania non può permettersi uno scenario in cui ci sia la Grecia che esce dall’euro, ecco perché son così nervosi a Berlino, a cominciare dal dottor Strange Schauble https://twitter.com/74_pippo/status/576804331388858370 

  • AlbertoConti

    Bella spiegazione, complimenti. Meriterebbe un approfondimento, magari con un
    articolo dedicato.

  • roberto4321

    già, nei post di Uriel Fanelli si intravede tutta l’inquietudine tedesca di fronte alla prospettiva che la Grecia (e l’Italia) non obbedisca più ai suoi ordini…
    Sarà ma io non credo che Wolfstep sia quello che dice (un esperto di networking), ma mi pare piuttosto uno di che di professione sparge paura per far sì che nessuno si sottragga al giogo tedesco… guarda caso lavora in Germania e parla fluentemente tedesco, che coincidenza.