Home / ComeDonChisciotte / GREXIT CON ODIO

GREXIT CON ODIO

DI URIEL FANELLI

wolfstep.cc

La vicenda del grexit sta raggiungendo ormai proporzioni preoccupanti, nella misura in cui sino a un anno fa la stampa tedesca aveva sempre evitato di scaldare gli animi e si era sempre posizionata in modo da evitare che l’odio antitedesco arrivasse sino alla popolazione.

La politica della stampa tedesca pero’ e’ cambiata, come ho gia’ detto, e dei greci si sta facendo vedere ogni singolo gesto antitedesco, amplificando ogni minaccia ed ogni dichiarazione – la Bild pubblica le dichiarazioni di un oscuro funzionario di partito marxista – sino a creare nella popolazione un fastidio che sta diventando palpabile.

Che cosa intendo per palpabile?

Per fare un esempio, puo’ succedere che un ristorante greco a Düsseldorf riceva lettere come queste (leggi la notiza in inglese qui, ndr):

Timeo Danaos

Come potete leggere sui commenti su Facebook la popolazione di Düsseldorf non e’ d’accordo , ma il fatto che succeda una cosa simile in una delle citta’ piu’ internazionali di Germania fa capire che qualcosa sta cambiando nell’ umore della popolazione.

Qualcuno mi dira’ che una rondine non fa primavera, ma ho gia’ scritto della questione delle elezioni ad Amburgo: AfD ha raggiunto la soglia di eleggibilita’, e continua a strizzare l’occhio a Pegida.

Questo fenomeno ha due aspetti. Il primo e’ legato al fatto che se la Grecia uscisse dall’ Euro, e di conseguenza da Schengen (sicuramente la Germania bloccherebbe i confini in deroga, per evitare la fuga di persone) , i greci si troverebbero a dover chiedere la Blaukarte. Per avere una Blaukarte in Germania dovete per forza guadagnare piu’ di 40.000 euro netti all’anno, perche’ il paese NON vuole avere un certo tipo di immigrazione.

In parole povere, se anche il proprietario del Platon ce la fara’ a tenersi una Blaukarte, i suoi camerieri non potranno. O si accontenta di camerieri locali, o chiude.

Quindi, e’ legato al fatto che Tsipras sta , come tutti i cazzoni arrivati al governo, inficiando prima di tutto la vita dei suoi concittadini emigrati qui.

Ma il problema e’ il cambio radicale di orientamento della stampa tedesca, specialmente di giornali che parlano , per usare un termine italiano, “alla pancia del paese”.

Il giornale che piu’ parla alla pancia del paese (caratteristica misurabile in tette in copertina) e’ il Bild, che ci sta dando dentro da un pochino:

E ci danno dentro da giorni:

Varie&Eventuali

se andate nell’archivio, trovate tutto. Ma se il Bild e’ sempre stato specializzato nel colpire il pubblico alla pancia , il problema sta negli altri giornali, anche quelli normalmente “moderati” e “di sinistra”, che ci stanno dando dentro come dei pazzi.

Il linguaggio e’ molto diverso, ma la morale che si legge sui giornali e’ sempre questa: I greci farebbero bene ad uscire dall’euro.

E’ assolutamente chiaro che ci sia stato un cambiamento radicale nell’atteggiamento della stampa tedesca, e un cambiamento radicale del genere non si spiega senza un cambiamento radicale di rotta ed opinioni da parte delle classi dirigenti tedesche.

Adesso ci sono delle cose che vanno tenute in considerazione. Qualsiasi cifra si intenda dare ai greci, anche se facessero tutto quanto richiesto, andrebbe autorizzata dal parlamento tedesco.

Gia’ per far autorizzare il prolungamento del programma – una cosa che al contribuente tedesco costa esattamente zero – la Merkel ha dovuto ripetere e ripetere e ripetere che non vi erano costi.

Il punto e’ che con questa opinione pubblica, che mette al 52% l’idea che la Grecia debba uscire dall’ euro e un altro 17% dice che dovrebbe uscirne la Germaia, che i greci possano avere altri soldi e’ da escludersi, semplicemente.

Non e’ politicamente possibile. Non importa cosa faccia o non faccia Tsipras. Puo’ anche scorticare bambini greci per venderne la pelle e pagare i debiti, ma non avra’ una lira.

E qui risaliamo all’atteggiamento suicida di Tsipras &co.

Le domande che faccio sono diverse:

  • Usare come arma di ricatto il fatto che in Grecia possa vincere Alba Dorata ha senso se siete pazzi: ma Tsipras sa che se vincesse Alba Dorata lui sarebbe il primo a penzolare da un albero? Ha senso una simile “minaccia”?
  • Usare come arma di ricatto il fatto che in Grecia possa vincere Alba Dorata tiene conto dell’eventualita’ che Alba Dorata vinca in Germania?
  • Minacciare di “mandare in Germania migliaia di immigrati greci” tiene conto del fatto che con la chiusura di Schengen decine di migliaia di Greci verrebbero esplulsi perche’ privi di Blaukarte?
  • Prima di fare campagne di odio, i greci si stanno chiedendo cosa succede se ANCHE dall’altro lato si da’ fiato alle trombe?

E’ successo. I giornali tedeschi stanno mandando giornalisti in giro per l’europa a cercare tracce di odio antitedesco, e lo stanno facendo per spingere la popolazione a ricambiarlo.

Non so quanto tempo impiegheranno per scoprire La Repubblica e La Stampa, e quanto impiegheranno per capire la strategia con la quale hanno seminato odio antitedesco. Non per quanto il Dibba, Salvini&co non diventeranno un caso diplomatico pesante.

Secondo me, manca poco.

Uriel Fanelli

Fonte: http://www.wolfstep.cc/

16.03.2015

Pubblicato da Davide