Home / ComeDonChisciotte / GOVERNO RENZI, SELFIE COL MANGANELLO
13948-thumb.jpg

GOVERNO RENZI, SELFIE COL MANGANELLO

FONTE: SENZASOSTE.IT

La vicenda delle cariche a Roma contro gli operai Ast, di per sè, potrebbe anche essere considerata come un episodio comunque inaccettabile ma magari minore. Si tratta invece di un episodio, dal punto di vista simbolico, molto significativo. Perchè ha coinvolto, nella piena consapevolezza del governo, il segretario della Fiom Landini. E perchè, sia prima che dopo la carica, il tutto si accompagna ad episodi di denigrazione nei confronti della Cgil. Un decina di mesi fa lo dicevano, non appena Renzi fu eletto segretario del PD, che riconoscevamo l’emergere di uno stile di comunicazione modaiolo e squadrista. Prevalentemente modaiolo, specie in materia di feticismo delle merci digitali, ma con qualche venatura di atteggiamenti squadristici che Renzi non poteva aver preso dalla originaria matrice culturale democristiana

Ora, dopo la sfida lanciata in modo aperto alla Cgil e alla “sinistra” del suo partito, Renzi fa capire di non temere l’eventuale rigonfiarsi della piazza. Se gli scioperi si faranno più fitti non c’è timore, fa intendere il governo, fino all’uso della forza se necessario. E lo capire manganellando anche Landini, il tipo di segretario sindacale al quale storicamente va l’immunità durante gli scontri di piazza. Quel “non abbiamo paura”, che dalla Leopolda risuonava rivolto gli avversari politici, grazie alla carica contro gli operai di Terni lo si può intendere nella sua più piena estensione di signicato. Quello che vuole il governo Renzi disposto a tutto pur di raggiungere i propri obiettivi. Che, in fondo, non sono così roboanti. Galleggiare politicamente da sgravi in materia di Irap a Roma, e maggiori tagli per far contenta Bruxelles, è qualcosa non all’altezza delle ambizioni. Anzi ricorda, quello si, la pratica democristiana del piccolo cabotaggio. Intanto però, anche per pochi obiettivi maledetti e subito,il governo Renzi fa capire di essere disposto a tutto.

Il selfie col manganello scattato assieme agli operai di Terni farà precedente. Non c’è da dubitarne.

Fonte: www.senzasoste.it

Link: http://www.senzasoste.it/nazionale/governo-renzi-selfie-col-manganello

29.10.2014

Pubblicato da Davide

  • Tetris1917

    E’ scontro di classe. Puro, pulito, ottocentesco, scontro di classe. Mai come ora, il volto reale del potere mostra quello che aspetta chiunque reclami qualcosa di maltolto. Dal 2001 in poi, dalla diaz in poi……..

  • s_riccardo

    Se seguiamo gli interventi del Matteo e delle sue ancelle che popolano leggiadre la tv italiana che parlano e rispondono agli interlocutori sempre – sorridendo a bocca aperta e con i denti curati in bella vista – in maniera antipatica (mettono in ballo sempre gli 80 euro), ci accorgiamo che se abbiamo votato Renzi abbiamo votato la DESTRA.

    Io non ho votato ma la prossima volta, se ci saranno sempre le elezioni, saprò chi non votare. C’è rimasto qualcuno di sinistra? 
  • albsorio

    Ercole dove sei? 

    🙂 vota PD vota PD 🙂
  • Jor-el

    Qualche manganellata ai sindacalisti (non agli operai, ovviamente) gliela avrei data anch’io, così almeno saremmo pari 😉

    Speriamo che non tutto il male venga per nuocere, speriamo che quelle botte convincano chi le ha prese a non votar più Pd.
  • Ercole

    Landini scopre il manganello dell’amico del P.D. Renzi.

    Caro Landini troppo comodo chiedere le scuse del governo .
    Troppo comodo fingere che la polizia non abbia seguito dei precisi ordini sugli operai .
    Caro Landini se sei coerente non si minaccia di fare l’occupazione delle fabbriche e poi tutto finisce lì certe azioni si fanno e basta.
    Diglielo pure alla Camusso che dichiara Renzi "eletto dai poteri forti "a maggir ragione a buon inteditore poche parole.
    Le forze dell’ordine (borghese )del governo Renzi le avevamo gia viste all’opera in altre occasioni contro gli operai soprattutto nella logistica  (cooperative  ) ecc..ecc.. ma evidentemente Landini era distratto.
    Tutti dicono che il mondo è cambiato , ma i metodi per reprimere gli operai sono sempre gli stessi .
    Operai mai fidarsi dei gangster del P.D. organizziamo il nostro esercito e chiediamo conto ai padroni.
  • Galactus

    Chiediamo conto al 40 e rotti per cento che hanno votato Pittibimbo, come lo chiama Dago. Qualcuno li aveva avvertiti quelli del 40 e rotti per cento. Non c’e’ piu’ tempo defono andare a casa se possibile democraticamente. Se no.. Chi sta decidendo per noi in europa ed in italia e’ bene ricordarlo, non e’ stato eletto democraticamente. L’Italia agli Italiani, di destra, centro e sinistra. Da nord al centro ed al sud. Mandiamo a casa questi decerebrati.

  • cardisem

    Esercito? Quale? Quello della gladio?

  • gobborosso

    "Il governo è passato dalle parole ai fatti. L’attacco frontale ai diritti del lavoro si salda all’aggressione contro chi li difende. Altro che governo “amico del popolo” come recita lo spartito della Leopolda. Siamo in presenza di un corso politico reazionario che non esita a ricorrere alla forza per difendere l’ordine dello sfruttamento e dei licenziamenti contro i lavoratori e lo stesso sindacato: l’ordine difeso dal finanziere Serra e dai capitalisti rampanti della corte Renzi, fra brindisi e champagne…. La CGIL non può limitarsi a condannare il governo, come giustamente ha fatto". 
    La piazza del 25 ottobre a Roma ha evidenziato ancora una volta l’enorme potenziale di lotta a disposizione delle forze della sinistra politica e sindacale.
    E’ l’ora che tutte quelle forze passino dalle parole ai fatti. A partire dalla CGIL che "ha il dovere di promuovere e organizzare, senza rinvii, uno sciopero generale vero, legato a una mobilitazione prolungata e all’occupazione generale delle fabbriche che licenziano". 
    Alle cannonate (per ora solo metaforiche) di Renzi & C. non si può ancora continuare a rispondere con il fair play nei luoghi di lavoro e nelle piazze. Alla radicalità degli attacchi è doveroso rispondere con un’altrettanta radicalità di massa non solo nella difesa ma con il rovesciamento del fronte.

  • Tao

     

  • giannis

    sveglia , le votazioni sono truccate e la politica non serve a niente

  • giannis

    visto che si va verso la poverta’ e la disoccupazione di massa le forze dell ordine dovranno scegliere se stare con i politici o con la gente

  • mago

    Purtroppo non si hanno colonnelli o tenenti vecchio stampo con il senso della patria e del poco onore rimasto,li hanno comperati tutti…le maserati lo stanno a dimostrare…mi fa piangere vedere le adunate di alpini e militi in congedo piu`occupati a riempirsi di vino che a cercare di dare una scossa.

    No siamo rimasti soli….non verrà nessuno ad aiutarci…

  • Hamelin

    Storicamente stanno con chi li paga meglio .

    Quindi dubito che si mettano dalla parte di un popolo si straccioni e pezzenti .

  • sickboy

    Ma se provassimo a definire once and for all, almeno nella "comunità" di CDC la destra e la sinistra? A me san tanto di ridicolo quelli che dicono che Renzi è di destra. Per me Renzi invece incarna la tipica sinistra fabiana, elitaria ed ipocrita. Ma sono aperto a posizioni diverse. E la destra non è quella fascista (che, a mio modesto parere, è una variante del socialismo e quindi sempre dalla sinistra viene) ma quella conservatrice. Parliamone.

    P.s. devo dire che se fino a qualche tempo fa una minima speranza ce l’avevo ("magari questo è un pazzo che vuole passare alla storia", mi dicevo), ora comincia a farmi leggermente paura.
  • mago

    Lo stereotipo del militare italiano è questo,servi e mercenari al soldo dei potenti..ma se il popolo si incazzasse sul serio vorrei vedere dopo quanto buttano lle divise..la sindrome del 8 settembre è dura a morire…

  • mago

    si tratta solo di guerra fra bande…non esiste destra e sinistra..non esistono cristiani e musulmani…esistono gli uomini in quanto entità…e loro vogliono cancellare ..pensa a quanti hanno votato pd o fi o che ne so convinti e ora si trovano tutti ammucchiati in un amplesso fatale.

    Ps vogliono togliere anche quello che ci ha regalato madre natura..il sesso a poco uomo o donna saranno  la stessa cosa…senza identità non sei nessuno…..

  • sickboy

    Capisco le tue suggestioni Mago ma non credo sia opportuno lasciarsi andare ad esse. Vorrei riuscire a stare sul piano della logica e degli argomenti. O che siano almeno chiare le ipotesi indimostrabili di fondo.

  • RicardoDenner

    Ma quale politica..!

    Gli operai volevano andare in stazione a bloccare i treni..la polizia ha solo difeso il diritto della gente a viaggiare..
    Se gli operai volevano la rivoluzione potevano andare direttamente in Parlamento..ma ovviamente hanno scelto la soluzione più comoda..per loro..ma non per noi viaggiatori..
    Insomma..qui si vuole produrre acciaio..CO2..inquinamento..in un’ottica di sviluppo demenziale che ci presenterà il conto tra breve..
    La soluzione non è Renzi e neppure Landini..ma la Stabilizzazione con stipendi dimezzati..intervento dello Stato nell’edilizia popolare..abbassamento dei prezzi..e contentarsi di poco ma buono..
    Finché questo non entrerà in testa alla gente ..le soluzioni sono solo vicoli ciechi pieni di gas e spazzatura.. 
  • makkia

    Once and for all… ma mi pare che delimiti il campo in modo abbastanza orientato: il comunismo è fascismo di sinistra; il fascismo è fascismo (brutto!) e comunque sotto-sotto è sinistra pure lui; Renzie è di sinistra e quindi fascista e quindi di sinistra.
    Cosa rimane?
    Rimangono i "buoni".
    I cari, vecchi, bonari, conservatori coi baffi a manubrio sono la destra: brave persone ma un po’ miopi, che non sanno vedere oltre a Dio, Patria, Famiglia.
    E i giovani e svegli anarchici, purché del tipo che hanno capito che l’anarco-comunismo è una fòla ma sono sempre convinti che lo Stato "ha da morì"… ecco: quelli sono la sinistra.

    La mia prospettiva è invece che se vedi due grossi che se la pigliano con un piccoletto e intervieni a difesa del piccoletto sei di sinistra, punto. E tutto il resto sono guerre fra bande (ovvero "competizione feroce fra interessi contrastanti").
    In questa prospettiva, qualsiasi difesa del privilegio è di destra: primo fra tutti il privilegio derivante dal potere che ti viene dall’accumulo di ricchezze (privato dell’obbligo almeno morale di redistribuzione).
    Ah, già: lo stato è solo un arbitro. E come tale può fare bene il suo lavoro.
    Anche se più spesso lo fa male, perché è appunto ricattabile da chi detiene ricchezza/potere e non ha altri vincoli se non accrescere detto potere/ricchezza.
    Solo un sistema/meccanismo di valori e garanzie, non negoziabili, condivisi e fatti rispettare (chiamiamolo: stato, corpus giuridico, cultura, società, nazione, popolo, patria… il nome non è dirimente) ha la potenzialità di far convivere forti e deboli, affinché si facciano le rispettive vite in santa pace, senza scannarsi, sfruttarsi o invidiarsi a vicenda. Chi è d’accordo è di sinistra, chi no è di destra.

    Come vedi non è facile trovare un terreno comune 😉

  • amaryllide

    "atteggiamenti squadristici che Renzi non poteva aver preso dalla originaria matrice culturale democristiana"
    eh? Ma i signor di Senza Soste di che DC parlano? Di quella di Scelba che in 5 anani ha messo in galera più compagni del fascismo in 20 anni? Delle stragi di stato? Di Kossiga che mandava in piazza gli agenti provocatori con la ’38 spianata? MA DI CHE C…. DI DC STATE PARLANDO? Non è che se siete orfani di Berlinguer vi potete inventare una DC "buona" (quella del compromesso storico) opposta a quella cattiva renziana!