Home / ComeDonChisciotte / GLI OMOSESSUALI, UNA MINORANZA PROTETTA MA INTOLLERANTE

GLI OMOSESSUALI, UNA MINORANZA PROTETTA MA INTOLLERANTE

DI MASSIMO FINI
ilgazzettino.it

Gli omosessuali stanno diventando una minoranza – sempre che in questa società sia ancora tale -estremamente intollerante. Discriminati da sempre, oggi non lo sono più, occupano posizioni di potere in ogni settore e di alcuni, come quello della moda, hanno il monopolio. In Parlamento si discute se varare una legge che consenta loro di sposarsi. Com’è giusto che sia. Se due persone dello stesso sesso sono legate affettivamente o comunque convivono perchè non devono poter rendere giuridica la loro situazione? (Anche se una linea del genere, bisogna saperlo, puo’ portare molto lontano. Esistono, come nell’anticipatore e splendido film di Truffaut, ‘Jules et Jim’, anche i ‘triangoli’ dove due uomini convivono con la stessa donna, la amano, ne sono riamati, mentre fra loro esiste una profonda amicizia. Perchè anche questa situazione, se i protagonisti lo desiderano, non dovrebbe essere regolata giuridicamente? Assisteremo quindi, in futuro, a matrimoni collettivi, fra eterosessuali, omosessuali, bisessuali, transessuali legati fra loro da amorosi sensi?).

Gli omosessuali sono quindi cittadini a pari diritti, questo è pacifico. Ma non possono pretendere di averne più degli altri. Giorni fa Guido Barilla, patron dell’omonima azienda (quella, per intenderci, del ‘Mulino Bianco’) ha dichiarato in un’intervista che per lanciare i suoi prodotti non farà mai «uno spot con una famiglia gay, non per mancanza di rispetto ma perchè non la penso come loro». Apriti cielo. Sono insorti i gruppi omosessuali, Dario Fo, Claudio Magris. Ma qui il sessismo non c’entra nulla, è una questione commerciale.

Il target del ‘Mulino Bianco’ è la famigliola tradizionale, pulitina, ordinatina, perfettina che tante volte è stata presa in giro per la sua banalità («cose da ‘Mulino Bianco’»). Ma anche la banalità della normalità ha diritto di esistere, non meno dell’omosessualità, della bisessualità, della transessualità. Mi pare che Fulvio Scaglione di Famiglia Cristiana abbia centrato il punto: «La legge sull’omofobia è diventata, nella pratica e nella mente di molti, una legge contro l’eterofilia. C’è un industriale che a quanto pare non puo’ fare pubblicità come vuole e per chi vuole».

L’intolleranza degli omosessuali nei confronti di chiunque non li condivida si aggancia infatti anche alla recente legge sull’omofobia che si inserisce nella più ampia legge Mancino che punisce l’istigazione all’odio razziale, l’antisemitismo, la xenofobia. L’omofobia viene definita «come condotta basata sul pregiudizio e l’avversione nei confronti delle persone omosessuali, analoghe al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo che si manifestano nella sfera pubblica e privata in forme diverse quali discorsi intrisi di odio». L’odio, come l’amore, la gelosia, l’invidia (motore quest’ultima, sia detto per incidens, del consumismo e quindi alla base del sistema liberista) è un sentimento e quindi, come tale, incomprimibile. Nessun regime, neanche il più totalitario, si era mai spinto fino a questo punto: a mettere le manette ai sentimenti (alle azioni e alle idee ovviamente, ma non ai sentimenti).

In democrazia dovrebbero essere penalmente perseguite solo le azioni. Io ho il diritto di odiare chi mi pare. Ma se gli torco anche solo un capello devo finire dritto e di filato al gabbio. Se andiamo avanti di questo passo sul piano del ‘politically correct’ finirà che non potremo più dir nulla, solo parafrasare la Gazzetta Ufficiale.

In ogni caso se oggi uno non appartiene a qualche minoranza protetta ma fa parte di quei quattro gatti della maggioranza è spacciato.

Massimo Fini
Fonte: www.ilgazzettino.it
4.10.2013

Pubblicato da Davide