Home / ComeDonChisciotte / GEORGE SOROS: LA TERZA GUERRA MONDIALE NON E' UN' ESAGERAZIONE
14925-thumb.jpg

GEORGE SOROS: LA TERZA GUERRA MONDIALE NON E' UN' ESAGERAZIONE

FONTE: RT.COM

Il miliardario George Soros ha dato un severo avvertimento che ha implicazioni per tutto il mondo. L’imprenditore afferma che non vi è quasi più tempo per la cooperazione tra Stati Uniti e la Cina nella sfera politica e finanziaria. In caso contrario, sostiene, porterà certamente ad una conflagrazione generale entro un decennio.

Secondo l’articolo di George Soros pubblicato sul ‘The New York Review of Books’, Stati Uniti e Cina sono interconnessi e devono giungere a un accordo per evitare la terza guerra mondiale. Inoltre, la cooperazione tra la Cina e la Russia aggraverebbe la rivalità tra gli Stati Uniti e la Cina e provocherebbe una divisione del mondo in due metà, dice Soros.

“Se il conflitto si trasforma in un confronto militare con un alleato degli Stati Uniti come il Giappone, non è esagerato dire che si starebbe sulla soglia della Terza Guerra Mondiale”, afferma Soros. E aggiunge che questo potrebbe essere causato perché la Cina e la Russia si considerano vittime “dell’aspirazione degli Stati Uniti a dominare il mondo”.

Per evitare conflitti, gli Stati Uniti hanno proposto un aiuto per la Cina in campo economico per consentire lo yuan di diventare un potenziale rivale del dollaro. Soros ritiene che gli Stati Uniti e la Cina hanno un interesse vitale per arrivare ad un accordo, perché l’alternativa sarebbe molto sgradevole.

Fonte: http://actualidad.rt.com/

Link: http://actualidad.rt.com/economia/178115-terceraguerramundial-eeuu-china-soros

20.06.2015

Traduzione dallo spagnolo per www.comedonchisciotte.org a cura di TORITO

Pubblicato da Davide

  • SanPap

    Speriamo che deflagri lui con tutti i suoi compari.

    Proprio ieri, parlando con mia moglie, le ho raccontato di quando, alle elementari, ci dicevano di accovacciarci sotto i banchi in caso di un attacco nucleare; da ridere, si certo, ma come non rimpiangere quei tempi: allora i banchi c’erano, neri di solido legno, oggi i banchi sono poco più che tavolini da picnic, e i soffitti non hanno bisogno di bombe per cadere.

    Soros sta sereno e pensa a deflagrare.

  • s_riccardo

    Ma il vecchiaccio  lo sa che i cinesi si possono permettere 250.000.000 di morti in caso di guerra? Questo dovrebbe mettere a tacere tanti guerrafondai.

  • Ossimoro

    "Per evitare conflitti, gli Stati Uniti hanno proposto un aiuto per la Cina in campo economico per consentire lo yuan di diventare un potenziale rivale del dollaro"


    Questo non mi è proprio ben chiaro…
    Pensavo fosse interesse USA evitare che lo yuan divenisse rivale del $ (soprattutto alla luce della de-dollarizzazione in corso)
    Se qualcuno potesse fornire chiarimenti sarebbe molto ben accetto.
    Grazie
  • uomospeciale

    Cosa succederà tra un decennio?
    Ma di che si preoccupa?, Che gli frega?
    Io se avessi già superato da un pezzo i 70 anni non farei progetti lunga scadenza, e non prenderei
    neppure in consideratone tutto quello che va oltre i sei otto mesi.
    Soros credo  ne abbia più di 85 ormai……. Basta guardarlo in faccia.
    E pensa ancora ai prossimi 10 anni?
    Piuttosto farebbe bene a pensare se, e in quali condizioni, sarà ancora vivo lui tra un decennio
    visto gli anni che si ritrova sul groppone.

     

  • GioCo

    A parte che guardando il multimiliardario viene a mente l’icona sexy di Lo Pan, maledetto dal dio Ching Dai in "Grosso guaio a Chinatown" di Carpenter, e per tanti motivi.
    Il punto è però che almeno lui non nasconde l’aspetto. Forse perché ha più di mille anni, chissà.

    Ma la questione per lui (e per noi) verte sullo spauracchio della terza guerra, o quello di un accordo tra USA e Cina? Perchè in effetti non so stabilire in coscienza cos’è peggio.
    Messo e non concesso che gli accordi tra Cina e Russia siano in qualche modo interrompibili dalla decrepita e farraginosa economia USA&Jetta, con la mediazione di fanghi catramosi e perforazioni che rendono instabile la crosta planetaria su cui siamo allegramente seduti, messo e non concesso che vi siano contanier di merce invenduta (alias pattume semidesiderabile) che rende problematica la speculazione cinese dei pochissimi eletti cinesi, sulla miserabile e ignorantissima marea cinese, cumulata sulle banchine dei cicopici porti cinesi, la questione rimane una: ma cos’ha in testa la sparuta minoranza elitaria dei super-privilegiati?
    Beh, innanzi tutto inizia (credo) a subdorare che la sicura sicurezza su cui vantava di contare, poggia su ferme radici di carta velina che veleggia su un mare di magma solare. Cioè meno del nulla cosmico.
    Dalla compianta scomparsa del nostro buon Ben Rich [presenze-aliene.blogspot.it] (che Dio lo benedica, che già gli USA credo lo abbiano già fatto) ciò che sappiamo delle nuove tecnologie gestite dai pochi ed eletti, non solo sfiora il ridicolo ma sprofonda nettamente nel giurassico dell’era cavernicola.
    Chiaro che i cavernicoli (cioè noi) poi non possano che ridursi a blaterare fesserie, ma essere sicuri che i pochi ed eletti si siano così assicurati l’olimpo è come dire che Topolino sia l’investigatore che paperone vorrebbe per scoprire i delitti della megera amelia invidiosa della numero uno.
    Vediamo subito che nemmeno nel mondo Disney funziona troppo bene.

  • FBF

    Questo che sta avvenendo e questa minaccia, è solo il seguito e cioè il perfezionamento della globalizzazione. Il cosiddetto "Palazzo". Per cui se ci sono delle élite che pensavano di fare i giochi, si sono sbagliate. Sono state soppiantate ergo cavalcate. 

    Per cui o accettano di conciliarsi con la realtà o potrebbero perdere tutto, popoli che le mantengono inclusi.
  • FBF
    L’oro non piace all’America, né ai mercati dell’occidente, ma ha un acquirente che, come mai prima d’ora, sta per segnare un nuovo inizio: apre a Shanghai il Free-Trade Zone. FTZ
    Forse questo il motivo?
  • marcoferro

    il tipico americano compiaciuto, stupido e arrogante. gente troppo cieca per vedere un pericolo nella russia e nella cina. non lo hanno capito che loro sono al tramonto, mentre l’asia è il centro del mondo.

  • Aironeblu

    Prima li deridi, poi li combatti, e infine cerchi di farteli amici. Troppo tardi, Giorgio, inutile sputare minacce su un domani a cui nessuna cabala ti aiuterà ad arrivare.

  • lanzo

    @GioCo

    Un po’ criptico mi pari – l’accenno alla fattucchiera napoletana Amelia… rivela conoscenza di Carl Barks, Amalia   voleva impadronirsi del primo penny guadagnato  da Scrooge Mc Duck –  che secondo lei aveva proprieta’ magiche.
    Viva Carl Barks, che disegni perfetti, che humour  – sempre politicamente corretto per gli anni 50/60 – oggi sarebbe un reazionario.  Grande artista.
     
  • lanzo

    @ SanPap – Purtroppo questi – altro che banchi di scuola – hanno a disposizione rifugi antiatomici dove potranno gozzovigliare a Dom Perignon e caviale  per almeno mezzo secolo e godersi lo spettacolo.

    Gli Stati uniti hanno una rete sotterranea di rifugi antiatomici di migliaia di miglia.  I poveracci si dovranno accontentare delle metropolitane.