Home / ComeDonChisciotte / GAS IN SIRIA ? E' DEGLI OBAMA'S BOYS
11724-thumb.jpg

GAS IN SIRIA ? E' DEGLI OBAMA'S BOYS

DI PIERO LA PORTA
pierolaporta.it

Carla Del Ponte: «Ad utilizzare armi chimiche in Siria sono gli insorti, non gli uomini fedeli al regime di Bashar al Assad»
«Abbiamo le prove» Così Carla Del Ponte, ai microfoni della Radio Svizzera Italiana [ qui puoi leggere ed ascoltare] ha demolito il castello di bugie col quale si stava seppellendo la verità sulla guerra in Siria.

Carla Del Ponte, membro della Commissione ONU che indaga sui crimini di guerra, ribalta le insinuazioni lanciate prima dagli inglesi e poi da Hussein Barak Obama, in prima persona.
Giovedì 25 aprile le agenzie britanniche avevano battuto incessantemente: “La Gran Bretagna dispone d’informazioni convincenti, seppur limitate, sull’uso di armi chimiche, compreso il famigerato gas sarin, da parte del regime siriano, che pure così cerca di mettere a tacere la ribellione”.

Con la consueta tecnica, ben sperimentata nel caso della Libia, le bugie emesse da Londra sono state immediatamente rilanciate dalla Casa Bianca. L’occasione è stata offerta dall’incontro del premio ignobel per la pace, Obama, con Abdallah, re di Giordania. [ qui puoi leggere e ascoltare].

E’ la medesima tecnica utilizzata in Egitto e in Libia, oltre che in tutta la fascia settentrionale africana, investita dalla “primavera mussulmana”.

Fase UNO. Innanzi tutto vengono infiltrati gruppi di terroristi, presentati come “combattenti della libertà”.

Fase DUE. I terroristi seminano il caos e gettano nel panico la popolazione civile con attacchi micidiali e indiscriminati: mediante armi tradizionali, bombe al plastico e, come ci dice Carla Del Ponte, con armi chimiche.

Fase TRE. Dopo queste nefandezze il duo UK-USA lancia sui circuiti internazionali le bugie più miserevoli per addebitare al governo legittimo che essi vogliono abbattere, tutta la responsabilità dei loro atti terroristici.

Fatto questo, si passa alla Fase QUATTRO. Londra e Washington premono per l’intervento armato della NATO, naturalmente per “restituire la libertà al popolo siriano”.

Mentre la Siria era sotto l’attacco mediatico angloamericano, nella notte fra sabato e domenica ha subito un raid aereo israeliano. Se fra i due eventi vi fosse un nesso, ciò non farebbe onore agli israeliani.

“Le nostre inchieste dovranno essere ulteriormente approfondite, verificate e accertate attraverso nuove testimonianze ma, per quanto abbiamo potuto stabilire, al momento sono solo gli oppositori al regime ad aver usato il gas sarin” ha sottolineato Carla Del Ponte, stando alla quale solo le indagini, ancora in corso, potranno stabilire se anche il Governo di Damasco abbia, o meno, utilizzato questo tipo di armi. La dichiarazione chiarificatrice della Del Ponte è giunta puntuale a smontare la tensione, innalzata artificiosamente allo scopo di portare gli aerei della NATO sul cielo siriano, incuranti di macchiare ulteriormente la bandiera atlantica.

Piero La Porta
Fonte: www.pierolaporta.it
Link: http://www.pierolaporta.it/il-gas-in-siria-e-degli-amici-di-obama/
6.05.2013

Pubblicato da Davide

  • marcopa

    Domani sarà la settima volta dopo le elezioni del 24-25 febbraio che il governo italiano discute di Siria in incontri internazionali. I neo eletti nel parlamento mai hanno sentito una parola su questo tema in aula e le commissioni si sono insediate oggi………………………Cina, Turchia, Iran e Egitto hanno condannato il bombardamento israeliano, il governo italiano non ha detto una parola nè di condanna nè di giustificazione…….Nessun politico o giornalista ha chiesto a governanti o politici un giudizio, una presa di posizione su una azione di un paese che definiamo sempre nostro amico ed alleato…….Il più grosso successo a favore della pace in Italia sarebbe che si discutesse di guerra nelle aule parlamentari…..

  • qasiqasi

    la bandiera atlantica della nato è gia macchiata, anzi è incrostata di sangue.l’unica speranza è che l’imperatore sia dissuaso a muovere guerra dagli altri imperatori d’oriente.solo così il braccio armato dei vassalli europei non interverrà.non illudiamoci di avere alcuna sovranità.se dovessimo rifiutare il nostro aiuto militare ove richiesto,la fellonia ci costerebbe molto cara.

  • mediterraneo

    Resisti Siria Resisti ,contro il terr0rismo ,i pedofili ,i tagliagole , i talebani ,appoggiati anche dal pd=pdl di quelle merdine di gargamella e del silviaccio. Anche se i grillini sempre muti sono !!

    Dove c’e’ da succhiare risorse questi diventano micidiali , ma la russia e la cina che fanno?

  • eresiarca

    aspetta e spera che poi s’avvera…

  • AlbertoConti

    “La Gran Bretagna dispone d’informazioni convincenti…” Ahahahahahahahahahahahahahaha! Mi hanno convinto, sono uno stato bugiardo e canaglia!

  • AlbertoConti

    http://www.youtube.com/watch?v=kh453Ilh19Q – Giuda, chi era costui? Lo stesso che si opponeva all’entrata nell’euro? Lo stesso che ha imposto prima Monti e poi Letta-Bonino contro la volontà degli elettori? Ascoltare per credere, si consiglia di premunirsi di apposito recipiente per vomitarci dentro.

  • mediterraneo

    … mi ricorda il baciamano del silviccio con gheddafi , siamo proprio un paese di giuda . Ma da uno che il giorno prima era fascio e il giorno dopo divento’ compagno col grembiulino solo il peggio posso aspettarmi . ..