Home / ComeDonChisciotte / GANGSTER DI STATO VENDITE SPECIALI NEL MERCATO DELL'ORO
11783-thumb.jpg

GANGSTER DI STATO VENDITE SPECIALI NEL MERCATO DELL'ORO

DI PAUL CRAIG ROBERTS
globalresearch.ca

Ci sono molti segnali di gangster di stato in America. Uno di questi è la collusione tra autorità federali e bankster in una cospirazione criminale per manipolare il mercato dell’oro e dell’argento.

La mia spiegazione è che l’improvvisa messa in vendita a breve della bellezza di 400 tonnellate d’oro in Comex lo scorso mese di aprile è stata una manipolazione progettata per proteggere il dollaro dalla politica di QE della Federal Reserve ed ha trovato consenso tra chi investe in oro e chi gestisce gli hedge fund.

La vendita è stata naked short: Chi vendeva non aveva nessun oro da vendere. La COMEX ha dichiarato che nei suoi depositi c’era solo la metà dell’oro messo in vendita a breve, e una buona parte non era nemmeno disponibile per la consegna. Nessun’altro se non la Federal Reserve avrebbe potuto fare un’operazione di questa portata, e l’ordine è venuto proprio da una delle banche milionarie della FED, una di quelle “troppo grandi per fallire.”

Bill Kaye del Greater Asian Hedge Fund di Hong Kong e Dave Kranzler di Golden Returns Capital hanno messo in fila i dettagli di come è stata fatta la manipolazione. Kaye e Kranzler sono persone che, dall’alto della loro esperienza pluriennale, capiscono bene come la stampa finanziaria riesca a raccontare solo le storie che è autorizzata a far filtrare, perché siano funzionali alla riuscita del gioco che si sta mettendo in atto.
Gli investitori istituzionali che hanno in portafoglio lingotti d’oro vogliono spendere in tutta sicurezza, senza correre nessun rischio. Invece adesso stanno comprando dei fondi (Exchange Traded Funds – ETF) per avere i loro lingotti nella forma di un credito cartaceo. Il fondo più importante, lo SPDR Gold Trust o GLD, è quotato alla Borsa di New York. Il fiduciario e depositario di questo fondo è un bankster, e solo altri bankster sono in grado di riconvertire gli investimenti da titoli in lingotti fisici. Solo le azioni da 100.000 dollari possono essere scambiate con lingotti d’ oro.

Il prezzo del metallo prezioso non è stabilito nel mercato reale, dove le persone fisiche possono comprare i lingotti d’oro.


Il prezzo viene stabilito nel mercato dei future, dove le vendite allo scoperto possono far scendere il prezzo, anche se la domanda di acquisto di oro fisico è in aumento.

Il mercato dell’oro-di-carta è anche il mercato dove si può speculare e sfruttare la posizione dominante, fare ordini per evitare le perdite, e dare spazio alle margin calls (1).

Quando la COMEX vede arrivare queste enormi quantità di ordini allo scoperto e a breve, butta sul mercato altri ordini per ridurre le perdite, ma così facendo aumenta ancora il volume delle vendite e i prezzi scendono ancora.
Tutti gli investitori che non fanno parte della cricca che mette in piedi questa manipolazione perdono un sacco di soldi.

Le vendite di azioni GLD vengono accumulate dai bankster a lotti da 100.000 dollari e quindi possono riscattare in oro luccicante i titoli GLD, acquistati ad un prezzo che loro stessi hanno guidato al ribasso.

La vendita allo scoperto serve a chi manipola gli ordini per bloccare le perdite e a chi usa le “margin calls” per spremere maggiori profitti, conoscendo prima degli altri come si muoveranno le banche. I bankster poi guadagnano ancora di più, perché rivendono l’oro (quello che si fanno consegnare contro i titoli di carta) nel mercato fisico, soprattutto lo vendono in Asia, dove la domanda è stata stimolata dal forte calo del prezzo dell’oro e dalla perdita di fiducia nella moneta fiat. I prezzi in Asia arrivano di solito ad un premio più alto dei prezzi spot di New York o di Londra.

Alcuni lettori hanno detto “Non bisogna mai scommettere contro la Federal Reserve, la manipolazione potrebbe continuare per sempre.” Ma dobbiamo crederci?
Sia gli ETF che i GLD non rappresentano oro-reale e la loro capacità di rispettare gli obblighi che hanno assunto con gli investitori diminuisce sempre più. A mio parere, questi ETF sono come il sistema bancario a riserva frazionaria. I crediti emessi sull’oro superano enormemente la quantità di oro che le stesse banche hanno in affidamento. Se i bankster saccheggiano l’oro degli ETF, il prezzo dell’oro dovrà esplodere, perché la domanda di oro fisico supererà ampiamente l’offerta.

Kranzler dice che i contratti futures di giugno prossimo corrispondono a 12,5 volte la quantità di oro disponibile. Se solo l’8% di questi titoli dovesse chiedere la consegna di oro fisico, la COMEX andrebbe in DEFAULT. Il fatto che un frangente di questa specie sia una possibilità indica un totale fallimento della regolamentazione finanziaria federale.

Quello che ha fatto la FED per mantenere la sua politica di breve periodo e proteggere le “banche troppo grandi per fallire” è stato solo rendere l’inevitabile resa dei conti più costosa per l’economia americana.

Un altro paradosso è chi sta veramento godendo dei vantaggi della vendita di oro fisico che i bankster si sono aggiudicati facendosi cambiare gli ETF. L’Asia è il beneficiario, in particolare India e Cina.
L’ “uscire fuori dalla gold line”, come spiega la stampa finanziaria USA, consente alla Cina di disfarsi del suo eccesso di dollari, accumulati con gli affari dell’economia off-shore degli Stati Uniti, comprando oro-vero sul mercato ad un prezzo “scontato”.

Kranzler fa notare che non è solo la manipolazione della Fed che ha permesso all’Asia di sbarazzarsi dei suoi dollari per comprare l’oro a prezzi bassi, ma è anche l’evidente mancanza di fiducia nel dollaro che, come ha dimostrato la manipolazione, ha fatto venire in mente alle ricche famiglie europee di chiedere la riconsegna delle loro riserve auree alle “banche dei lingotti” (le bullion bank sono essenzialmente le “banche troppo grandi per fallire”).

Kranzler dice ancora che dal 1° gennaio, più di 400 tonnellate di oro sono state prosciugate dalla Comex e dal Portafoglio ETF oro, per soddisfare la domanda mondiale di possesso dei lingotti.
Ancora una volta vediamo che le istituzioni del governo degli Stati Uniti si stanno muovendo rigorosamente contro gli interessi dei cittadini USA.

Ma chi è che deve rappresentare il governo degli Stati Uniti ?

Paul Craig Roberts
Fonte: www.globalresearch.ca

Link: www.globalresearch.ca/gangster-state-america-naked-short-in-the-gold-market/5334950
13.05.2013

Traduzione per ComeDonChisciotte a cura di BOSQUE PRIMARIO

NdT :

1. ”Margin call” si ha quando qualcuno ci informa che il mercato non andrà come vorremmo e che il nostro margine di guadagno potrebbe essere inferiore alle nostre attese.
Il nome “margin call” deriva dal fatto che il trader originariamente avvertiva per telefono, ma oggi molti broker, invece di contattare il cliente ed informarlo escono direttamente dalle negoziazioni. La pratica sarebbe vero “fiuto commerciale”, se fosse dettata da intuizioni del broker, ma in genere è da considerarsi anti-etica perché il broker agisce solo dopo aver ricevuto una soffiata per uscire o entrare in una negoziazione, prima di tutti quelli che non fanno parte della cricca di chi manipola il mercato.

Pubblicato da Bosque Primario

  • Aloisio

    Lapalissiano !

  • ROE

    L’ultima indagine sull’oro di carta dice che complessivamente sono stati emessi certificati auriferi pari a 120 grammi per ogni grammo d’oro fisico detenuto da chi li ha emessi. Più o meno lo stesso è per l’argento. Prima o poi crollerà tutto.

  • Servus

    Ma che strana coincidenza, hanno venduto 400 tonnellate di oro-carta, mentre dall’altra parte Cipro è stata costretta a vendere il proprio oro pari appunto a 400 tonnellate.

  • FreeDo

    Le riserve auree di Cipro ammontano a meno di 14 tonnellate (forse fai confusione con i 400 milioni che ricaverebbero dalla vendita di quasi tutta la riserva).

  • mazzam

    Questa é bella!