Home / ComeDonChisciotte / FONDAMENTALE: GEORGE SOROS VOMITA TUTTO IL SUO ODIO, E INTANTO GLI USA, EHM GLI UCRAINI, LO METTONO TRA I CANDIDATI ALLA GUIDA DELLA BANCA CENTRALE DI KIEV
14215-thumb.jpg

FONDAMENTALE: GEORGE SOROS VOMITA TUTTO IL SUO ODIO, E INTANTO GLI USA, EHM GLI UCRAINI, LO METTONO TRA I CANDIDATI ALLA GUIDA DELLA BANCA CENTRALE DI KIEV

FONTE: LIBERTICIDA (BLOG)

Articolo importantissimo, questo, che è uscito su La Stampa del 29 dicembre.

George Soros, il chiacchieratissimo magnate e speculatore, un baldo 84enne che è stato al centro di praticamente tutti gli scandali della finanza mondiale degli ultimi decenni esprime pubblicamente il suo pensiero, lo riporto tal quale, permettendomi solo di evidenziare le parti, a mio modesto parere, più significative:

Invadendo l’Ucraina nel 2014, la Russia ha sferrato una sfida epocale ai valori e ai principi dell’Ue e al sistema di regole che ha mantenuto la pace in Europa dal 1945. Né i leader né i cittadini europei sono pienamente consapevoli della portata di questa sfida, tanto meno sanno come affrontarla. Il regime di Putin si fonda sulla forza, che si manifesta nella repressione in patria e nell’aggressione all’estero. Ma è riuscito a ottenere un vantaggio tattico, almeno nel breve periodo, sull’Unione europea e gli Stati Uniti, intenzionati a evitare uno scontro militare diretto. In violazione agli obblighi stabiliti dagli accordi, la Russia ha annesso la Crimea e stabilito enclavi separatiste nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale. Quando, l’estate scorsa, sembrava che il governo ucraino potesse vincere la guerra nel Donbas, Putin ha ordinato l’invasione da parte delle forze armate regolari russe. I preparativi per una seconda fase dell’azione militare sono cominciati a novembre, quando Putin ha inviato ai separatisti un nuovo afflusso di colonne corazzate e uomini. L’Occidente, purtroppo, ha fornito all’Ucraina sotto attacco un supporto solo di facciata. Altrettanto preoccupante è apparsa la continua riluttanza dei leader internazionali a fornire nuovi impegni finanziari per l’Ucraina. Di conseguenza, la semplice minaccia di un’azione militare può essere sufficiente a provocare il collasso economico dell’Ucraina. Putin sembra tenere in serbo la prospettiva di un grande patto, la Russia fa la sua parte nella lotta contro lo Stato islamico – per esempio, non fornendo i missili S300 alla Siria (preservando così il dominio aereo statunitense) – in cambio gli Usa lasciano alla Russia il controllo sul suo cosiddetto «estero dietro casa». Qualora Obama dovesse accettare un tale accordo, l’intera struttura delle relazioni internazionali sarebbe pericolosamente alterata a favore dell’uso della forza. Sarebbe un tragico errore. Il crollo dell’Ucraina sarebbe una perdita enorme per la Nato e, indirettamente, per la Ue e per gli Usa. Una Russia vittoriosa rappresenterebbe una grave minaccia per i Paesi baltici, con le loro numerose popolazioni di etnia russa. Invece di sostenere l’Ucraina, la Nato avrebbe dovuto difendersi sul proprio suolo, esponendo sia Ue e Stati Uniti al pericolo che erano così ansiosi di evitare: il confronto militare diretto con la Russia. La minaccia per la coesione politica della Ue è anche più grave del rischio militare. La crisi dell’euro ha trasformato un’unione sempre più stretta di Stati sovrani uguali in un’associazione di Paesi creditori e debitori, con i debitori che lottano per soddisfare le condizioni poste dai creditori. È questa debolezza interna ad aver permesso alla Russia di emergere come una potente rivale dell’Ue. L’attacco della Russia all’Ucraina è indirettamente un attacco alla Ue e ai suoi principi. E non è opportuno per un Paese, o per un’associazione di Paesi, farsi la guerra per perseguire l’austerità fiscale, come continua a fare l’Unione europea. Tutte le risorse disponibili dovrebbero essere dedicate all’impresa comune, anche se questo dovesse significare chiudere i bilanci in passivo. La fortuna dell’Europa è che il cancelliere tedesco Angela Merkel si sia comportata come una vera europea riguardo alla minaccia rappresentata dalla Russia. Prima sostenitrice delle sanzioni, si è dimostrata la più disponibile a sfidare per questo l’opinione pubblica tedesca e gli interessi commerciali. Ma la Germania è anche il Paese che più di ogni altro sostiene la necessità dell’austerità fiscale, e la Merkel deve capire la contradditorietà di queste posizioni. Le sanzioni contro la Russia sono necessarie, ma non sono senza conseguenze: l’impatto depressivo delle sanzioni aggrava le forze recessive e deflazionistiche già in atto. Al contrario, aiutare l’Ucraina a difendersi contro l’aggressione russa avrebbe un effetto di stimolo sull’Ucraina e sull’Europa. L’Ucraina ha bisogno di un’iniezione di liquidità immediata, diciamo 20 miliardi di euro, con la promessa di averne di più in caso di necessità, così da scongiurare il collasso finanziario. Il Fondo monetario internazionale potrebbe fornire questi fondi, se la Ue promettesse di versare il suo contributo. Le spese reali rimarrebbero sotto il controllo del Fmi e subordinate alla realizzazione di profonde riforme strutturali. In Ucraina, un altro fattore gioca a favore dell’Ue: la nuova leadership del Paese è determinata a cambiare rispetto alla corruzione, alla cattiva amministrazione e agli abusi dei governi precedenti. Infatti, ha già messo a punto una strategia dettagliata per ridurre di oltre la metà i consumi di gas delle famiglie, con l’obiettivo di eliminare il corrotto monopolio di Naftogaz e pore fine alla dipendenza energetica dell’Ucraina dalla Russia. La «nuova Ucraina» è risolutamente pro-europea e pronta a difendere l’Europa difendendo se stessa. Ma i suoi nemici – non solo la Russia putiniana, ma anche la sua burocrazia e la sua oligarchia finanziaria – sono incredibilmente forti, e non può farcela da sola. Sostenere nel 2015 la nuova Ucraina è di gran lunga l’investimento più redditizio che l’Ue possa fare. Potrebbe anche aiutare la Ue a ritrovare lo spirito di unità e di prosperità condivisa che ha portato alla sua creazione. Salvando l’Ucraina, l’Ue potrebbe anche salvare se stessa

Cosa dire?

Leggere questo sproloquio, infarcito da balle colossali porterebbe a fraintendimenti, e sembrerebbe la solita invettiva di un pazzoide sbavante come MacCain e simili.
Invece dietro questo articolo c’è la candidatura di George Soros alla guida della banca centrale ucraina.
Non è il solo, il governo di Kiev lo ha già rinchiuso in una ristretta cerchia di cinque candidati , probabilmente tutti stranieri.
Ancora non ci è stato dato l’elenco si sa solo che, oltre al buon Soros, c’è anche Dominique Strauss Khan, altro personaggio abbastanza noto.
Rileggiamo e condensiamo il pippone di Soros al minimo comune denominatore:

“i russi cattivi invaderanno il mondo se non salviamo l’Ucraina.
Il governo di Kiev ruba tutti i soldi che gli inviate.
Occorre dare il controllo delle finanze del paese ad un vero genio, un uomo capace di spendere i soldi dei contribuenti europei per il bene degli USA, della democrazie e del diritto..IO! “

Malgrado la situazione del paese sia drammatica il piatto è ricco , in fondo il PIL Ucraino è ancora d centinaia di miliardi e molti si auspicano che decine di miliardi di euro alla volta vengano gettati nella voragine senza fondo dei debito pubblico, ovviamente a spese dei contribuenti europei.
Mettere un mascalzone come Soros alla guida di una banca centrale equivarrebbe a mettere una volpe a guardia del pollaio, ma questo lo sapete tutti benissimo.

Viviamo in tempi interessanti.

Fonte: http://liberticida.blogspot.it
Link: http://liberticida.blogspot.it/2014/12/fondamentale-george-soros-vomita-tutto.html
29.12.2014

Pubblicato da Davide

  • luiginox

    ma questo non crepa mai? sta sempre bene?mai un piccolo acciacco?il patto con satana funziona!

  • glab

    dev’essere merda non biodegradabile.

  • uomospeciale

    Credi forse che certa gente abbia l’assistenza sanitaria e i medici che abbiamo noi altri?

    Questi qua dispongono delle migliori cure e dei migliori medici del pianeta e sono
    seguiti da un esercito di medici, dietologi, geriatri, endocrinologi, massaggiatori, cuochi, personal trainer, e chi più ne ha più ne metta…

    Noi se sentiamo un dolorino al petto, prenotiamo una T.A.C. per 8 mesi dopo
    per poi sentirci dire:

    " Mi spiace……. Se veniva qualche mese prima c’erano molte più possibilità…Purtroppo adesso è già in metastasi…"

    Banchieri politici e company invece, hanno sempre accesso al meglio del meglio dei cibi, delle cure mediche e diagnostiche, e del miglior personale sanitario disponibile 24 ore su 24, oltre a screening ed analisi costanti, regolari, ( e molto costose..)………………..Ed è inutile dire che al più piccolo sintomo o malessere si precipitano minimo in 15  a fargli un check up medico  completo, visitandogli anche il culo.

    Lo credo bene che campano minimo 100 anni tutti quanti.
    Hanno delle vere e proprie "squadre di pronto intervento e manutenzione" di altissimo livello professionale, e disponili 24 ore su 24.

  • borat

    purtroppo ho letto  anche io la stampa di ieri con questo articolo disgustoso e perverso e di cui non vale la pena parlare: mi dispiace solo per la stampa che era un giornale decente e che ogni tanto leggevo.

    Pazienza…
  • Servus

    E’ un vero servo di Satana: a guardare la foto si vede proprio un demone sogghignante.

    Non commento poi i suoi sproloqui: tutto liquame di fogna.
  • adriano_53

    più si è ricchi e più si è imbecilli. soros è molto ricco.

  • oriundo2006

    Ho Tempo fa mi stupì l’endorsement di Putin verso gli interessi ebraici, dichiarandosene difensore ‘eterno’ ( staremo sempre dalla vs parte, o giu’ di li’ ). L’occasione era un incontro con eminenti Rav ( tra cui uno italiano ) giunti a convegno in contemporaneità con avvenimenti ‘antsemiti’ occorsi a Kiev. Dunque Soros parla a nome di chi? Penso principalmente pro domo sua, sotto le finte spoglie dell’interesse ‘occidentale’, di cui S. ed altri si fanno paladini intemerati ( ma non erano ‘semiti’ ? Perché non si fanno i fatti loro?…).

  • patrocloo

    Non è un imbecille. Purtroppo. E’ molto peggio (vedi commento di Servus poco qui sopra).

  • AlbertoConti

    "La fortuna dell’Europa è che il cancelliere tedesco Angela Merkel si sia comportata come
    una vera europea riguardo alla minaccia rappresentata dalla Russia."
    (Soros)

    "Non c’è un vero e proprio "governo" a Kiev; chi è in carica è l’ambasciatoreUSA. Unadottrinaanti-Russia è statacovataa Washingtonper fomentarela guerra in Europa, ei politici europeisono i suoicollaboratori. Washingtonvuole una guerrain Europa perchésta perdendola competizionecon la Cina." (Glazyev).

    Dopo il tanfo l’aria
    fresca.

  • Tonguessy

    Durano di più ma non sono eterni. Possiamo quindi organizzare un pellegrinaggio sulla sua tomba per pisciarci sopra, a tempo debito. Anche cagarci sopra fa un certo effetto, più duraturo.
    Sono aperte le prenotazioni.

  • GioCo

    Per stare sulla scia degli altri commenti posso aggiungere che potrebbe essere clonato, magari si chiama Dolly e non lo sappiamo.
    Per essere un po’ controcorrente (come mia abitudine) potrei aggiungere che sapere lui responsabile di un casino che collettivamente tutti contribuiamo a creare, non è per niente responsabile.

    I mostri, come pure le erbe velenose, non crescono dove non riescono, dove l’ambiente è stato reso loro sfavorevole, ma abbondano nel marcio.
    Chiaramente un mostro o un erba cattiva c’è anche nel migliore dei luoghi, infatti non mi professo cristiano perchè mi nausea il concetto di paradiso nella stessa identica misura in cui mi fa repellenza l’eternità infernale. Un luogo altro è comunque uno posto dove ogni opposto possa convivere, nel posto giusto al momento giusto. Il fegato e l’intestino non stanno su venere perché veicolano veleno e merda, ma dentro il corpo assieme al cuore e al cervello a fare un unico insieme di parti miracolosamente bilanciate, tanto spettacolare che un Uomo non può che rimanere affascinato.
    Aggiungo che vagina e bocca sono tra i luoghi noti più ricchi in assoluto di batteri e altri agenti (pericolosi), senza i quali non ci sarebbe vita. Questo dovrebbe spazzare via qualsiasi pensiero igienista che vorrebbe la vita legata solo ai "batteri buoni".
    Non c’è vita senza vita e non c’è umanità senza i Soros: morto uno ce ne sarà sempre un altro! Ma se Soros è quello che è lo deve in quanto specchio del nostro contributo, non perché è un bastardo: la parte più indecente di questo ragionamento è che lui lo sa, chi legge questo post (nella stragrande maggioranza dei casi) no.

  • annibale51

    E’ triste vedere gente come lui (84 anni- straricca) prendersi il diritto di destabilizzare un paese e provocare l’ uccisione di migliaia di persone innocenti. Andrebbe processato e condannato. Buon anno a tutt

  • dancingjulien

    io mi prenoto

  • rebel69

    A guardarlo in quella foto ho quasi la certezza che si nutra di bambini vivi.

  • rebel69

    Creperà pure lui, il brutto è che di sicuro ci sarà già pronto qualche altro demonio pronto a prendere il suo posto.

  • RenatoT

    Orrido e Vomitevole.

  • Hamelin

    Mah Piu’ si è ricchi e piu’ si vuole esserlo .

    In questi anni stanno facendo l’esperimento di comprarsi le bugie e spacciarle per verità .

    Gli sta riuscendo abbastanza bene visto che la maggiornaza delle persone non è piu’ in grado di riconoscere il pisello di un elefante da un palo della luce..

  • bstrnt

    Raggiunti gli 80 anni è assai probabile l’inizio della demenza senile, qui siamo troppo oltre.

    Soros sarebbe un ottimo caso di studio per gli studiosi di discipline miranti a far regredire questi stati confusionali.
    Il dramma è che questi sconclusionati ragionamenti vengano ripresi e siano pubblicizzati dal Ministero della Verità occidentale.
  • bstrnt

    Ma come si può notare queste squadre di pronto intervento possono ben poco contro la demenza senile.

    Comunque, se non altro, Soros è la dimostrazione vivente della legge di Murphy unita alla legge di Palmer.
  • patrocloo

    E i solerti funzionari di quello che tu chiami Ministero della verità occidentale da chi pensi siano pagati?

  • Arcadia

    dio mio…. che essere immondo…
    e poi di quell’altro figlio di cagna di H.Kissinger che dire?
    pari sono in quanto a pratiche disumane!
    Vigliacchi!

  • Arcadia

    straquoto!
    è una riflessione che mi sono fatto anch’io + volte.
    Qst loschi figuri sicuramente dispongono di tt i ritrovati medio-scientifici
    nn ancora a disposizione di noi comuni mortali. Metto la mano sul fuoco
    che cure anti tumorali sono già in loro possesso come almeno il restante 90%
    delle altre malattie mortali cui hanno già brevetti sicuri!
    Speriamo che vengono al + presto investiti da quell’altro 10%.
    Non possono  continuamente essere immuni anche al fato! Ca@@o!