Home / ComeDonChisciotte / FEUDALESIMO ALL'AMERICANA : OBAMA SI PORTA 900 PERSONE AL SEGUITO

FEUDALESIMO ALL'AMERICANA : OBAMA SI PORTA 900 PERSONE AL SEGUITO

Free Image Hosting at www.ImageShack.usDI MICHAEL KRIEGER

libertyblitzkrieg.com

All’inizio di questa settimana, il Presidente americano Barack Obama è arrivato a Bruxelles per il vertice europeo, ma non era solo. In effetti era accompagnato da 900 (novecento) persone, cosa che lascia qualche perplessità sui costi di viaggio che vengono addebitati ai contribuenti americani.

Ma a Bruxelles si può assegnare anche un premio speciale, come città dove si sono spesi oltre dieci milioni di dollari per la sicurezza, rispetto alla solita spesa che non supera mai i 700 mila dollari per le riunioni degli altri summit europei.

Naturalmente questo tipo di viaggi feudali non sono cosa nuova per i presidenti americani del 21° secolo. Come osserva il Washington Post, George W. Bush si portò 700 persone, al seguito del suo viaggio a Londra del 2003.

Oh, ma non vi venga in mente che questi viaggi siano costati troppo, non dimentichiamo che per il viaggio della famiglia Obama nell’Africa sub-sahariana la spesa prevista dal governo USA andava da 60 a 100 milioni di dollari.

Da The Washington Post:

Il Presidente Obama e il suo entourage – che The Guardian ha stimato in 900 persone – sono arrivati a Bruxelles per il summit UE di Martedì scorso e la capitale belga ha dovuto rinforzare significativamente le sue spese per ospitarlo.

Il Sindaco di Bruxelles, Yvan Mayeur ha detto al Guardian che la sua città spenderà 10,4 milioni di dollari per garantire la sicurezza di Obama durante la sua visita presidenziale di 24 ore. Ospitare un summit della E.U. costa, di solito, alla città circa € 500.000 scrivono i giornali. «Ma questa volta, si può moltiplicare questa cifra per 20», ha detto Mayeur.

Le esigenze di sicurezza di Obama non sono singolari, anche quando il suo predecessore, il Presidente George W. Bush, viaggiava all’estero, non ci andava leggero. A novembre 2003, pochi mesi dopo l’invasione americana dell’Iraq, Bush si portò dietro 700 persone in visita a LondraThe Guardian, all’epoca descrisse il momento come “degno del viaggio di un monarca medievale“. Il governo britannico mise in conto una spesa extra di circa 5 milioni di sterline per proteggere Bush durante i suoi quattro giorni di soggiorno a Londra.

Questi viaggi non solo fanno sborsare cifre esorbitanti alle città ospitanti, ma gravano anche in modo estremamente pesante sulle spalle dei contribuenti americani. Il Washington Post ha riferito che a giugno 2013, quando la famiglia Obama fece un viaggio nell’Africa sub-sahariana il governo degli Stati Uniti stimò di dover spendere in tutto una cifra tra i 60 milioni ed i 100 milioni di dollari.


Nel frattempo, di queste voci non arriva nulla alle orecchie dell’uomo della strada, nemmeno ai più attenti che, a malapena, riescirebbero a sentire qualche bip.

Qui si può leggere l’artico intero.

Liberty,
Michael Krieger

Fonte :http://libertyblitzkrieg.com

29.03.2014
Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario.

Pubblicato da Bosque Primario

  • uomospeciale

    io dico che il livello di costi per la sicurezza di un capo di stato  quando esso si muove in patria o all’estero, dia ormai l’esatta misura del reale livello di democrazia del  paese di provenienza del capo di stato stesso.

    Più in paese è antidemocratico, aggressivo, guerrafondaio, e profondamente diviso tra ricchi e poveri e più il suo capo di stato deve essere protetto con ampio spiegamento di uomini e mezzi.
     E non solo quando è in visita all’estero, ma pure in patria.

    Alla fine se troppi uomini devono proteggerti 24 ore su 24 pure mentre vai a cagacare, significa solo che sei molto odiato, da parecchie persone e quasi sempre a ragione, visto che sono un po’ troppi per avere torto tutti insieme.

    Le "misure di sicurezza"
    Sono spesso se non sempre, solo la misura dell’odio.

  • oriundo2006

    Gli Usa, con questo ‘personalismo’ indecente, mediatizzato all’inverosimile, quasi ‘persona sovrumana’, del loro Presidente, con le loro differenze abissali di ricchezza e potere sociale, con il disprezzo totale di chi non la pensa come loro, con la scomparsa della middle class ( un tempo wasp oggi non più ), con l’ignoranza crassa sulle cose del mondo esterno, mi paiono molto simili ad un’emirato orientale. Lo sono già quanto a legislazione speciale con connessa pena di morte ‘ad libitum’: l’Emiro Obama I ha già provveduto per tempo, tanto per non restare indietro rispetto ai suoi confratelli. Manca solo un piccolo e trascurabile passo: il cambio di religione. Vedrete che fra poco sanciranno questa loro mutazione genetica anche con questo. Si scopriranno unici adepti di un ‘dio’ a loro misura, che li confermerà ( ‘annuit coeptis’ ) come suoi ‘figli prediletti’. Occorrerà allora prosternarsi e genuflettersi di fronte ad essi come già gli infelici italiani fanno oggi, portandosi avanti come sempre ?. I segni ci sono già tutti. Primo fra tutti l’imporre regole a proprio piacimento come se fossero per mandato divino diretto e la cui trasgressione ha da essere severamente sanzionata come appunto ‘bestemmia’ verso un ordine teologico. Il resto lo si vedrà fra poco, con il diritto di vita e morte sugli abitanti del pianeta per via militare. Che fine orribile e triste per un Paese che comunque ha dato tanto allo sviluppo umano. Peccato che fosse nella direzione sbagliata.

  • Keope

    Obama era accompagnato da 900 persone ma noi a Roma ci abbiamo messo del nostro, organizzando per lui un corteo di cinquanta auto…..

  • bstrnt

    Non devono necessariamente cambiar religione, hanno già la più becera e la seguono con fervente fondamentalismo!

  • bstrnt

    Lasciamo perdere che quanto a leccaculo i nostri politici sia di destra, che di "sinistra" non sono secondi ad alcuno.

    Confidiamo nel M5S unici che per ora si sono dimostrati coerenti, speriamo ci portino verso l’uscita dalla NATO, primo passo per acquisire un minimo di dignità!
  • MrStewie

    Molti nemici, molto onore, insomma. Curioso. Ricordo di aver visto spesso Renzi a Firenze quando era solo sindaco. Era sempre solo, non aveva mai guardie del corpo. Mai. Anche quando era in mezzo alla folla. C’era solo lui. Una volta l’ho visto al cellulare alla stazione con un trolley. Potevo essere io. Pensai che fosse strano e me lo spiegai dicendomi che forse, semplicemente, non se lo cagava nessuno. Era solo "un tizio". Ed ora è presidente. secondo me ora la scorta ce l’ha. però non se lo caga nessuno lo stesso. E’ sempre solo "un tizio".

  • Cataldo

    Tranquillo, quando il popolo capira anche un 1% di quanto sta realmente facendo, in modo cosciente o meno, il tizio non potrà uscire da solo mai più 😉