Home / ComeDonChisciotte / FARSA DEI DUE MAR: COMICA FINALE
11549-thumb.jpg

FARSA DEI DUE MAR: COMICA FINALE

DI ANTONIO DE MARTINI
corrieredellacollera.com

Se fosse vera la voce che attribuisce a Gianfranco Fini la designazione di Giulio Terzi a ministro degli Affari Esteri, allora la trombatura elettorale non è una punizione sufficiente.
Se a questo si aggiunge che anche il dirigente del DIS (coordinamento dell’intelligence interna e estera) Gianpiero Massolo (detto “ferma la volontà, salda la sede” per non essersi mai mosso da Roma dal 1988) è una creazione di Fini, ministro degli esteri, che lo chiamò a capo di Gabinetto dal Servizio del Cerimoniale dove aveva già superato la soglia di competenza, abbiamo fatto pilotto.
Una vicenda internazionale affidata a questi due narcisisti esagerati – che tra l’altro, si detestano – non poteva che finire nel ridicolo e nella umiliazione.

Adesso la magistratura indiana ha come prova ausiliaria l’inchiesta della magistratura italiana che indaga per “omicidio volontario”. I due poveri pacchi postali stanno per ritornare in India – speriamo almeno che li autorizzino a portarsi l’uniforme estiva visto che continua la carnevalata di far vestire in uniforme due imputati di omicidio – e mettersi a disposizione di un’autorità inasprita.

Per salvare l’ipotetico residuo di faccia, hanno spedito davanti alle telecamere un sottosegretario De Mistura finalmente incazzato a dire che si sono fatti assicurare dal governo indiano che in nessun caso sarà applicata la pena di morte. Ma come, la magistratura non è indipendente?
Che c’entra l’Intelligence in questa storia?

Facciamola breve. Durante la vacanza elettorale dei due malcapitati, una fonte confidenziale, apparentemente Israeliana, un paese dove Giulio Terzi è stato a lungo ambasciatore, fa sapere a sua Eccellenza che in India hanno già deciso la sentenza a carico dei Marò : venti anni.

Panico. Consultazioni. Forse una verifica di intelligence (sulla fonte, non in India). Decisione eroica e disperata. Annunzio che i due sergenti non tornano indietro e questa diventa una posizione ufficiale invece che una operazione di intelligence.
Nessuno ha previsto reazioni, pianificato interventi, ottenuto solidarietà, negoziato riservatamente.
In gergo militare un tempo si diceva “raggiunta linea marrone”.

Stasera (ieri sera, ndr): contrordine compagni. I maró, dopo aver incassato un paio di incriminazioni in Patria, torneranno a fine licenza alla gabbia che li aspetta.
Credo proprio che mutatis mutandis persino l’armistizio dell’Otto settembre 1943 è stato gestito meglio di questa grottesca vicenda (almeno salvarono il capo dello Stato e il primo ministro), mentre qui non si è salvato nessuno.

In controluce si intravvedono rivalità personali, ambizioni e calcoli inconfessabili, ambiguità.
Terzi esce distrutto. Con Massolo che doveva guardargli le spalle, la cosa non meraviglia.
Di Paola non può andare più in Finmeccanica dove si era apparecchiato il tavolo a causa delle chiacchiere sulla corruzione.

Gianni De Gennaro – il predecessore di Massolo al DIS che lo ha rimpiazzato per farlo andare al governo – si trova casualmente libero a partire dalla prossima settimana, in quanto il governo Monti dovrebbe andare a casa. Potrà offrire i suoi servigi alla Patria ancora una volta dallo scranno di Finmeccanica.

Degli elicotteri, della figura di violatori delle regole internazionali fatta dall’Italia e dalle sue massime istituzioni, della sorte dei due terroni, del nostro export, non frega più nulla a nessuno.

Adesso L’Italia non venderà più un chiodo per anni in India (col Brasile ci siamo già spubblicati per la vicenda dell’assassino Battisti) e se i due maró si beccano venti anni, dovremo anche ringraziare.

Nota a margine: l’ambasciatore francese in Mali e il responsabile dell’Africa occidentale, oltre ad altri quattro collaboratori dei due, sono stati, oggi, brutalmente avvicendati per non aver prevenuto la crisi.

Da noi niente, vero?

Antonio de Martini
Fonte: http://corrieredellacollera.com
Link: http://corrieredellacollera.com/2013/03/21/farsa-dei-due-maro-comica-finale-di-antonio-de-martini/
21.03.2013

Pubblicato da Davide

  • Tao

    L’ormai nulla politica estera dell’Italia, sacrificata anch’essa sull’altare di euro, BCE, “riforme strutturali” e sacrifici di sangue al dio Europa

    Mezza Italia si scandalizza per la vicenda dei marò ( http://cronacaeattualita.blogosfere.it/2013/03/i-due-maro-tornano-in-india-new-delhi-non-ci-sara-la-pena-di-morte.html) . Invece non dovremmo stupircene, proprio per nulla.
    Il governo che sarà in piedi ancora per poco (salvo prorogatio per la quotidiana amministrazione), era un governo tecnico. Il che non significava, come hanno cercato di farci credere “governo di persone specializzate e competenti ai posti giusti, invece di politici ignoranti”, ma ben altro: significava “governo incaricato esclusivamente di ottemperare alle richieste economico-finanziarie di organismi sovranazionali”. Questo, e basta. Non era un governo che doveva governare: e infatti ha trascurato gli affari interni, le questioni sociali, la sorte di terremotati (http://crisis.blogosfere.it/2012/11/terremoto-emilia-la-pacchia-e-finita-tutti-sotto.html) e suicidi, e per finire non ha avuto alcuna attività in politica estera.

    In pratica, si è completamente disinteressato del Paese e ha ignorato tutti i gravosi compiti che deve affrontare chi lo governa.
    Tra i quali, appunto, esiste l’imprescindibile capacità di gestire con abilità tutte le sottigliezze e le trattative che servono alla nazione per mantenere il suo peso, la sua dignità e la sua affidabilità in campo internazionale. Stiamo parlando di un Paese del G8, non di un’isoletta del Pacifico, ma questo aspetto non è interessato a nessuno per mesi. Qualche dichiarazione di aderenza alle solite amicizie, qualche inchino ai soliti potenti, e null’altro. A Gennaio scorso, in un post titolato “Finisce la politica, e ci lascia soli”, scrivevo:

    Governare significa occuparsi di un Paese, e non solo dei suoi debiti e della finanza. Sembrano una confraternita di asceti dediti solo all’attuazione di un programma già scritto da qualcun altro, che attraversano il momento storico italiano conservando saldi i propri paraocchi.

    Scrive oggi Repubblica (http://www.repubblica.it/esteri/2013/03/22/news/l_onore_perduto_della_democrazia-55094155/):

    In fondo, il caso dei marò è stato l’unico episodio di risonanza mondiale del governo dei tecnici. Ed è stato un episodio in due atti. Primo: darsela a gambe fedifraghe. Secondo: arrendersi senza condizioni al primo “bau”.

    Il caso marò dimostra a che punto è ridotta l’ormai nulla politica estera dell’Italia, sacrificata anch’essa sull’altare di euro, BCE, “riforme strutturali” e sacrifici di sangue al dio Europa. Siamo soli, anche su questo.

    Debora Billi
    Fonte: http://crisis.blogosfere.it
    Link: http://crisis.blogosfere.it/2013/03/maro-anche-la-politica-estera-e-inutile-conta-solo-la-dottrina-economica.html
    22.03.2013

  • IVANOE

    Due palestrati esaltati e sicuramente impotenti con le donne è giusto che si meritino la galera perchè sono due assassini e le istituzioni che hanno messo in piedi questo teatrino i loro complici..peccato che qui in italia non c’ è una magistratura come quella indiana.
    Che non gle nè fregato niente ed è andata avanti da persone serie e fedli alle loro istituzioni.. non mandate i marò perfetto mi tengo il vostro ambasciatore e la sua famiglia !!!
    In un paese dove il modello è fabrizio corona la minetti e tutta la fogna medaitica che vediamo in tv di bicipidi gonfiati, piacioni e labbra e tette di palstica…ma che c…zo volevamo aspettarci ?
    Con gl inidiani è nu fatto meramente culturale.
    Noi mandiamo i nostri figli a fare i palestrati i narcisisisti tatuati gli effimeri sciupafemmine (e poi magari si piaccioni tra maschi…), mentre le nostre figlie le educhiamo ad aprire le gambe solo ai figli facoltosi oppure a credere nella vita lussuosa e festante del successo ( e poi finiscono per sniffare cocaina ed a perdersi sia come donne che come madri…).
    Questa è la cultura che esportiamo in india e infatti siamo ben rappresentati da questi due rambo dei pezzenti che pensano che la vita loro valga di più d iquella di due pescatori indiani che ritenevano diversi perchè di pelle scura…
    Stavolta volevamo fare gli indiani ma sono loro i veri indiani !!!

  • Ezechiele

    Caro amico, diminuisci la dose di coca che è meglio.

  • Ercole

    Gli sgherri al servizio di tutti gli stati borghesi debbono morire in galera :non servono alla causa dei lavoratori , gli operai non hanno patrie da difendere.

  • cirano60

    Li ha già condannati senza che sia iniziato un processo, tanto sono terroni ed è giusto condannarli priori. Mi domando , che ne sappiamo noi di cosa effettivamente successe in quei mari? Non è possibile che gli ultranazionalisti indiani abbiano torto e cerchino un capro espiatorio?

  • oriundo2006

    Si certo, è vero. Non sono riuscito ancora oggi a farmi un’idea chiara della situazione, tranne che due poverissimi pescatori indiani sono morti colpiti da una scarica di mitraglia a grande distanza e con armi da guerra. Questo mi sembra l’unica cosa su cui non ci possa essere disaccordo e su cui si debba giudicare il tuolo del Governo e della Magistratura Militare, che a tutt’oggi non ha provveduto a inquisire come si deve i due maro’ ( la messa in esame di due giorni fa per altri ‘reati’ non mi sembra probante, anzi aggiunge ulteriori perplessità al caso ). Alla fine mi chiedo cosa ci stiano a fare i ‘servizi’ se non a fare ‘intelligence’ su casi come questo: morale come minimo tutta la nostra classe dirigente a livello istituzionale, sia ufficiale sia ‘coperta’, è assolutamente incapace e da rimuovere al piu’ presto. La totale inconsistenza di Monti si appalesa anche su questa questione: è un inetto. Ne ho tratto la conclusione che si tratti tutti di governi e di ministri scelti su base Nato e dunque come ‘yes men’ e basta. Il tentativo di Bersani mi sembra si muova con le stesse caratteristiche dei precedenti e dunque il caso si trascinerà per chissà quanto.

  • cardisem

    Che Terzi fosse una testa … non so come, non so su quale base scientifica, su quale documentazione, ma io l’ho sempre pensato… Sarà stata una intuizione?

  • cardisem

    Una cosa io ho detto: se sono colpevoli, nessuna solidarietà…

  • qasiqasi

    quello che non approvo è la presenza di fucilieri di marina ma bordo di una nave commerciale privata.per proteggere gli interessi dell’armatore, i suoi beni,il suo carico(italiano?),il suo equipaggioi(italiano?),devo pagare io contribuente.assoldi lui a sue spese mercenari blackwater.le spese le detragga dal suo lucro.e poi basta dire marò.questi sono fucilieri di marina .il marò è un marinaio comune non graduato nè specializzato.esempio:marò serpante è quello che a bordo pulisce i cessi

  • xcalibur

    I Marines responsabili della strage del Cernis sono stati processati e assolti in America. I “nostri” Maro’ verranno processati e probabilmente condannati in India… Perche’ l’America e’ l’America e noi non siamo un caxxo, questo significa essere una colonia…

  • ireneo

    Normalmente – con qualche rara eccezione – chi ASCENDE a una qualche carica di un qualche rilievo di AFFARI ESTERI in Italia ci arriva o perchè massone, o perchè atlantista, o perchè filoisraeliano, o ex-ambasciatore italiano a Washington, o presso la Nato, ecc. ecc. ecc.
    OSSIA SOLO E SOLTANTO IN QUANTO FEDELISSIMO E IGNAVO ESECUTORE DI ORDINI alla nostra nazione-zerbino dopo la sconfitta del 1943,
    per cui non mi sorprende affatto che trattasi di gente TOTALMENTE INCOMPETENTE E SENZA ALCUNA CAPACITA’ DI SALVAGUARDARE GLI INTERESSI ITALIANI, non avendolo fatto tutta la vita,
    neppure hanno una minima di idea di quali sarebbero questi interessi,
    mentre quelli nato/usa/israele li conoscono perfettamente e sono in cima ai loro pensieri se desiderano rimanere nel LORO BEL MONDO DORATO.
    Punto.