Home / ComeDonChisciotte / FALSE FLAG A MOSCA !
14486-thumb.jpg

FALSE FLAG A MOSCA !


DI THE SAKER

thesaker.is

Boris Nemtsov è stato ucciso a Mosca. Era uno dei leader più carismatici dell’ opposizione “liberale”, “democratica” e “non di sistema” in Russia (si prega di capire che nel contesto russo “liberale” e “democratico”, significa pro-USA o addirittura a conduzione CIA , mentre per “non – sistema”, invece vuol dire un partito troppo piccolo per ottenere anche un solo deputato alla Duma) .

Gli hanno sparato solo pochi giorni prima di una manifestazione annunciata dalla stessa opposizione “liberale” o “democratica” “non di sistema” in programma per il 1° marzo.

Come ho già spiegato molte volte su questo blog, l’opposizione “liberale”, “democratica” “non di sistema” in Russia ha un sostegno popolare con una percentuale di circa il 5% (max). In altre parole, è politicamente inesistente (per una spiegazione dettagliata, si prega di leggere “Da Napoleone a Adolf Hitler a Conchita Wurst” qui). Nella speranza di portare un maggior numero di persone in piazza, l’opposizione “non-sistema”, “liberale” e “democratica” si è alleata con gli ultra-nazionalisti (di solito utili idioti della CIA) e con gli attivisti omosessuali (anche essi utili idioti della CIA). A quanto pare, però questo non è stato sufficiente.

E adesso, con un tempismo “perfetto”, Boris Nemtsov à stato assassinato.

Conosciamo bene la reazione dei Anglo-sionisti e della loro macchina propagandistica. Sarà esattamente lo stesso come per l’abbattimento del MH-17: Putin l’assassino !!! Colpo alla Democrazia!! Hanno ucciso la libertà !! ecc ecc ecc ecc

Non vi è alcun dubbio nella mia mente che si tratti di un caso straordinariamente improbabile ma sempre possibile, davvero sfortunato per Putin e Nemtsov e che quest’ultimo che sia stato ucciso da qualche pazzo o svitato, oppure questa è una false flag assolutamente classica dell’occidente: si prende un politico piuttosto insignificante che non ha alcuna credibilità residua per chiunque abbia un QI più di 70, e lo trasformi in un istante in un “martire per la libertà, la democrazia, diritti umani e della civiltà”.

A proposito, se, come io credo, questa è una false flag, mi aspetto che sia un clamoroso successo in Occidente e un flop totale in Russia: ormai, i russi già possono intuire questo tipo di fatti a un miglio di distanza e dopo l’abbattimento del MH-17 molti si aspettavano una false flag. Quindi, se non altro, questo non farà che aumentare l’ostilità dei russi verso l’Occidente e si stringeranno attorno Putin. Nell’Impero, tuttavia, quello che è sucesso avrà una risonanza enorme, meglio della Politkovskaya o di Litvinenko messi insieme. Verrà creato un premio “Nemtsov”, una statua Nemtov sarà posta da qualche parte (a Varsavia?), il Congresso degli Stati Uniti passerà una “legge Nemtsov” e sarà creato il solito pacchetto di “agiografia democratica”.

Ciò che mi preoccupa di più è il fatto che i servizi segreti russi non hanno intuito ciò che stava per accadere, ed è successo. Questo è un grande fallimento per l’FSB, che ora si dovrà impegnare molto per scoprire chi è stato. Mi aspetto che trovino un capro espiatorio, una marionetta, che non avrà alcun contatto dimostrabile con i servizi occidentali e che, idealmente, potrebbe avere addirittura dei contatti con i servizi russi (come Andrei Lugovoivoi).

Per quanto riguarda il “non-sistema” liberale” o “democratico” – probabilmente con un nuovo “brand” le prossime proteste saranno un “omaggio a Nemtsov” ottenendo così più gente nelle strade.

Ci sono persone a Langley questa sera che hanno ottenuto una promozione.

The Saker

Fonte: http://thesaker.is/

Link: http://thesaker.is/breaking-news-false-flag-in-moscow/

27.02.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura della redazione

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    Ha ragione il Falcone, come quasi sempre, del resto.

    Infatti qui da noi si sono già scatenati i cagnetti del regime urlando "dai addosso a Putin!"
    Basta leggere i commenti su quella fogna a cielo aperto che è l’Ansa (che cancella i commenti scomodi e banna gli Utenti altrettanto scomodi, come è capitato al sottoscritto) per leggere un coro di dagli al Putin Hitler.
    Non so se queste persone che lanciano insulti e provocazioni al riparo dei loro p.c. e con l’incoraggiamento del mainstream de noantri, siano solo ignoranti in mala fede oppure "Troll" pagati dai servizi (sappiamo quali) per spandere letame a piena tastiera.
    Come con la Bufala delle statue distrutte dai tagliagole a libro paga Cia e Mossad, statue risultate copie in gesso meno una ,forse.
    Meditate, gente, meditate.
  • albsorio

    http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=71070:i-raduni-del-10-e-24-dicembre-a-mosca-ei-loro-registi-&catid=35:worldwide&Itemid=152 

    Un articolo del 2011.
    La "verità" non la conosco e nemmeno immagino cosa sia successo, certo è che vi sono oligarchi a cui la politica di Putin va stretta, ovviamente ci sarà chi vuol far implodere la Russia, con tutti i mezzi.
  • Stodler
    Per carità, tutto può essere, però che tutti siano o agenti CIA o utili idioti della CIA, mi sembra un po’ eccessivo, vorebbe dire che qualsiasi richiesta politica venuta dal basso sia una esigenza della CIA?
    La mi preoccupazione è che alla fine sia tutto ingessato e non si riesca a condurre una politica di opposizione in Russia per il solo fatto che potrebbe essere utilizzata da potenze straniere (Orwell). 
    Mi par di aver letto qualcosa del genere su ilvenerdì di repubblica, molti dell’opposizione si stanno rintanando nel loro piccolo perchè vedono una strumentalizzazione occidentale delle loro proteste, il fatto però è che le loro proteste erano sincere, ma non si sa come sfilarsi da un cul de sac in cui tutto sembra, in Russia, preordinato dall’estero.
    Tema molto spinoso che bisognerebbe affrontare con maggiore cautela, altrimenti si rischia di pensare che i russi siano tutti putiniani e che non ci sia opposizione reale, il che mi sembra piuttosto improbabile.
  • Aloisio

    non mi sembra che nell’articolo sia stato detto che non ci sia un opposizione reale, leggi bene. "… un 5% di utili idioti ,(secondo l’articolista), di ultranazionalisti e pro gay, sono
    l’opposizione "liberale", "democratica" "non di sistema" in Russia" .
    Che siano poi manipolati o meno, ognuno che ragioni con la propria testa lo può decidere da sè.

  • alsalto

    E’ stato ucciso un uomo e questo pare che per l’articolista sia solo un dettaglio rispetto il restroscena complottaro. Cosa che di per se gia’ delinea un’ umanita’ bizzarra.
    Galeotto fu il bossolo ma poco compatibile (inteso come co-pathos) il cadavere?
    In secondo luogo il procrastinarsi dell’atteggiamento mentale per cui se gli usa o sionisti sempre protagonisti rappresentano il bau bau uno qualsiasi dei loro antagonisti, nello caso Putin’a, divengono immediatamente portatori di stigmate e ammore. Quando a voler esser minimamenti onesti intellettualmente la quasi totalita’ delle invettive, accuse e critiche che possono esser rivolte ai primi di certo possono esser rivolte pure ai secondi.
    Che tra i due fuochi la carne da cannone ce la mettono sempre i poveracci.

  • alsalto

    A quante crocette corrisponde il 5% in quei di russia?
    Per l’articolaro "politicamente inesistente".
    QB per poterlo relegare alla folta selva delle facce di legno e dei piedi di cobalto.
    Struttura intellettuale binaria, se a lui basta a darsi delle spiegazioni e titoli…
    Solo che a volte capita di scoprire che se una "cosa" non e’ salata non necessariamente e’ dolce, potrebbe essere amara, acida…etc.

  • alsalto

    Perche’ mo Putin e’ divenuto di botto l’eroe dell’ammore tra i popoli?
    hahahaha.

  • radisol

    Mah … "false flag" non è … il tizio è stato ammazzato veramente …

    Che poi sia alquanto improbabile, vista anche la scarsa incidenza politica della vittima e del suo gruppetto, che questa sia stata una iniziativa del governo di Putin, sono ovviamente del tutto d’accordo …

    Putin, per le "inique sanzioni" dovute alla questione ucraina gode oggi di un consenso così largo al punto da riguardare anche le principali forze di opposizione, dai comunisti fino anche al vecchio Gorbaciov, e non ha certo quindi bisogno di iniziative del genere che potrebbero solo potenzialmente rivoltarglisi contro …

    Però "false flag" ha un altro significato … significa "attentato falso" … e non è questo il caso … casomai è "strategia della tensione" …. concetto comunque diverso …

  • lucamartinelli

    "false flag" significa "falsa bandiera". Ciao

  • radisol

    La sostanza non cambia …

  • orckrist

    Obama ha definito l’omicidio "brutale" e "malvagio".

    Ha ragione.

    Non c’è paragone con "l’eleganza" e "la bontà" di essere inceneriti con un Hellfire.

     

  • lucamartinelli

    Eccome se cambia…..hai scritto all’inizio:"il  tizio è stato ammazzato veramente". Quindi secondo logica ho capito che, siccome c’è stata una vittima, l’attentato NON può essere falso. Secondo te allora si chiama strategia della tensione…..Inconsciamente sei finito nel campo nel quale sei preparatissimo. O no? ancora ciao.

  • passante

    Sembra che per molti il sig. Putin sia il salvatore del mondo, antagonista dei cattivoni americani.

    ok, gli americani sono dei cattivoni che ne hanno combinate, e ne combinano, di tutti i colori, ma non dimentichiamoci il trattamento da Putin riservato ai ceceni e a tutti i suoi oppositori. L’opposizione è formata da agenti Cia? Può darsi, ma allora c’è da chiedersi se le opposizioni in Europa e in USA non siano formate da agenti Russi, quindi sarebbe corretto farli fuori non appena se ne presenta l’occasione.
    Si stanno formando due schieramenti, che saranno i protagonisti dei conflitti prossimi, ma pensare che sia il Bene contro il Male, è una stupidaggine clamorosa. Nemmeno nella II guerra mondiale le cose non sono andate così, altrimenti non si capisce perchè i buoni siano in poco tempo diventati i cattivi di tanti conflitti, da tutte le parti del mondo.  
  • alberto_his

    Come Nisman in Argentina, più utile da morto che da vivo

  • fefochip

    capire se fossimo su Facebook ma evidentemente anche qui non va molto di moda far funzionare il cervello.

    a parziale discolpa nemmeno l’articolo riporta una semplicissima quanto banale considerazione.

    è EVIDENTE che il mandante che ha armato la mano che ha sparato a questo poveraccio è di qualcuno che vuole destabilizzare la russia e/o tentare con questo delitto di screditare putin agli occhi del mondo.

    se putin avesse veramente desiderato la morte di questo tizio avrebbe scelto dei metodi meno clamorosi.
    se come insinua la repubblica il politico morto "stava lavorando a un dossier" che provava determinate manovre dell’esercito russo in ucraina o ai confini e questo fosse stato veramente l’obiettivo di un putin il tizio sarebbe stato suicidato perche era tanto depresso , oppure moriva per mano di un pirata della strada oppure gli prendeva un attacco cardiaco indotto con appositi farmaci.

    solo gli IMBECILLI possono pensare che se putin (ex KGB) volesse uccidere realmente qualcuno con i mezzi che ha a disposizione avrebbe agito in maniera cosi idiota da sceditarlo davanti alla stampa internazionale.

    questa considerazione chiude ogni altra fesseria su putin tanto cattivo e dovrebbe far riflettere sulla vera domanda che dovrebbe porsi chiunque di fronte a fatti del genere : cui prodest?

  • Raziel79

    @ Radisol mi permetto di farti notare (come già tentato da un altro lettore) che con il termine  "false flag" ,letteralmente "falsa bandiera" (pare sia il caso di ribadirlo e sottolinearlo) si intende la falsa "provenienza" dell’atto e non la falsità dell’atto in quanto tale. La sostanza cambia e come, per il resto del tuo intervento poi, sottoscrivo le osservazioni di fefochip. Scusa se rimarco ma da un commentatore attento come te questo tipo di scivolone non me lo aspettavo.
    Senza rancore…

  • MarioG

    Tipico discorso "in astratto", che non porta da nessuna parte. Certo, se la premessa e’ falsa, "Putin e’ il salvatore del mondo"  allora… ex falso quodlibet.
    Penso che chi nutre speranze su Putin, lo possa ragionevolmente fare senza partire da tale (stolto) assunto. Cioe’sulla base della valutazione concreta di cosa ci porta l’uno o l’altro attore. Non perche’ siano l’uno o l’altro bene e male in se’, ma perche’ cosi’ ‘procede’  dalla configurazione politica attuale.
    Riguardo alla Cecenia, penso che i Russi abbiano valutato attentamente e correttamente quale fosse la posta in gioco: era una posta che conoscevano benissimo dai tempi dell’Afghanistan dove gli USA gli scaricarono addosso la guerriglia wahabita e che ora conosciamo bene anche noi, dalla Libia alla Siria. Considerando cosa sono diventate oggi queste due nazioni e quello che e’ la Cecenia oggi, beh …

  • GioCo

    […] "false flag" ,letteralmente "falsa bandiera" (pare sia il caso di
    ribadirlo e sottolinearlo) si intende la falsa "provenienza" dell’atto e
    non la falsità dell’atto in quanto tale. La sostanza cambia e come […]

    Questa disquisizione sul falso mi affascina fatalmente. Quindi, correggimi se sbaglio Raziel79, se fosse la Polinia, la Turchia o uno stato baltico dietro l’omicidio, non sarebbe la stessa cosa che ritenere che è stato ucciso "per sbaglio"? Ma, in effetti, date le modalità e l’evidenza del corpo, che pare proprio morto come un morto dovrebbe apparire morto (ma con hollywood i conti su ciò che sia vero o falso nelle immagini sono sempre da fare con il bilancino) non credo che ci si possa riferire al fatto che "non sia morto". A meno che sia un cadavere che si prepara a diventare "non morto". Tipo che lo mettono in bara e si rianima vampiro.
    Vabbé, sarcasmo macabro a parte, ammetto anche un attimo irriverente rispetto la salma, a cui rivolgo umilmente tutte le mie più profonde scuse per quanto ho appena scritto, la questione del falso non si esaurisce qui secondo me.
    Ad esempio, che cosa possiamo dire sulle intenzioni della casa bianca? Come mai risulta sempre uscirne pulita a prescindere da quel che accade? Come mai se succede qualcosa in America è colpa dei mussulmani o dei messicani, e se succede all’esterno è certamente colpa dei Cino-russi o qualche altro stato canaglia? Chissa!

  • MarioG

    Considerazioni di assoluto buon senso. Oltretutto ucciso come farebbe una organizzazione mafiosa qualsiasi, all’indomani della manifestazione dell’opposizione! (Che diversamente non si sarebbe filato nessuno in Russia e ben pochi anche in Occidente) Le solite coincidenze "fortunate". Inoltre spunta il movente: il presunto dossier scottante sulle manovre delle’esercito russo in ucraina! Altra  mano fortunata per laffannata narrativa occidentale.
    Nel frattempo la massa ha gia’ dimenticato gli sviluppi  dell’incidente all’aereo malese: prove, scatole nere… tutto nel dimenticatoio. L’importante e’ che sia sia sedimentata  la presunzione di colpevolezza dopo i primi giorni di insinuazioni e accuse  aperte.
    E avanti cosi’.

  • MarioG

    Anche lui portatore di un "dossier scottante"…

  • bertol

    Un omicidio sotto falsa bandiera: possiamo scommettere che sia così. Un leader come Putin che, nonostante sanzioni economiche, attacco al Rublo, continue accuse e denigrazioni occidentali, conserva un consenso di oltre l’ 80% della popolazione russa, non ha bisogno di eliminare un oppositore. Nessun leader occidentale gode di questo sostegno, a cui aggiungersi quello di Cina, BRICS, gran parte del sudamerica ecc. Se poi questo oppositore viene ucciso il giorno prima di una manifestazione anti-Putin (1 marzo), questo fatto è sospetto e sembra fatto apposta per portare più gente in piazza.. Ormai sembra chiaro a tutti che gli USa e la Nato hanno aperto il fronte di fuoco contro la Russia, e l’Ucraina è solo la tappa intermedia per destabilizzare la Russia, mettere al potere una forza filo-occidentale (alla Eltsin) e concludere così l’accerchiamento della Cina. Un attentato "falsa bandiera", come lo è stato l’abbattimento dell’aereo malese (di cui non ne parlano più), l’uccisione del giudice argentino anti-Kirchner: una molto sospetta strategia Usa. Per noi italiani che abbiamo subito la strage di piazza Fontana (esplosivo detenuto solo in una base Usa del Veneto), e quindi abituati a chiedersi "a chi giova", dovremmo avere maggior sospetto su attentati fatti sotto falsa bandiera. A proposito di false informazioni, la quasi totalità delle opere archeologiche distrutte dall’Isis erano copie in gesso. ma è meglio non dirlo, se si vuol rimettere piede in Iraq o attaccare Assad

  • Neriana

    Nessun rispetto per Boris Nemtsov, già vicepremier di Estin.
    Curioso che non hanno ancora trovato il tesserino del FSB vicino alla salma, in stile Charlie.

  • gimo

    Questo delitto commesso in maniera così eclatante, dunque significa che l’impero anglosionista ha davvero intenzione di continuare a rompere le scatole a Putin…..

    (ammesso che sia così e che non sia un vile omicidio "qualunque".)
    Da qui io riesco solo a dedurre che sono pazzi malati di mente fondamentalisti!
    Cosi ci trascinano davvero in una conflagrazione mondiale.
    Oppure quali altri posso essere i motivi e dove vogliono arrivare continuando a beccare la Russia, cosa sperano di ottenere? (se non la guerra?).
  • Ercole

    Proletari non schieriamoci , denunciamo e lottiamo contro   le pratiche della contesa imperialista non abbiamo patrie e bandire da difendere ,il nemico è in casa nostra.

  • Meury79

    Trattamento riservato ai ceceni? Ti sei mai chiesto come mai non si sia mai parlato di chi finanziava i terroristi ceceni? Ora li trovi in Siria a combattere coi ribelli, poi ribatezzati Isis….prova a collegare qualche puntino, ricordando magari anche le boiate sulla presunta aggressione alla Georgia.

    Putin non è un idolo, ma rispetto ai suoi pari grado è anni luce avanti. Ti invito a seguire le sue lunghe interviste, è una persona estremamente preparata e si comporta da vero statista. La storia della Federazione Russa va studiata.
  • Meury79

    Sei fissato, sempre lo stesso nastro col repeat. Qua non si tratta di schierarsi ma di denunciare chi mira a destabilizzare le relazioni internazionali. Putin la diplomazia la sa condurre molto bene. Per saperlo basta seguire le sue interviste…il fatto che sia un po narcisista non ci interessa.

  • cardisem

    Puoi spiegarti meglio? Cosa vi è da ahahaha?
    Come già non si trattava di essere pro Geddafi (ora un santo da rimpiangere) anche qui non si tratta di essere pro Putin (al quale servono solo i pro dei russi, non certo i nostro), ma di capire qual è la geopolitica…. Se riesci a spiegarla tu, questo Forum continua ad essere interessante. Altrimenti qui perdiamo solo il nostro tempo…

  • giannis

    bene e male non esistono , e’ un invenzione umana

  • cardisem

    Non conosco la lingua russa e so assai poco della Russia, ma faccio già abbastanza fatica a immaginarmi una opposizione praticabile qui in Italia… Figuriamoci a dover pensare io da italiano che vive in Italia una opposizione interna in Russia a Putin! E perché mai Putin dovrebbe avere una opposizione? Per fare cosa? per andare dove?…

    Se poi devo immaginarmi io italiano una opposizione da quale punto di vista devo immaginarmela? da italiano? da russo?

    In sintonia, con l’articolo posso solo immaginare una "false flag” che abbia come scopo il dominio unipolare americano… Giudico essere mio interesse un mondo multipolare e una unità geopolitica eurasiatica anziché euroatlantica…

    Sono contro l’assimilazione euratlantica…

    In questo senso immagino che USA… possono trarre vantaggio nell’addossare a Putin l’assassinio del Tizio… che a quel che leggo ero un incallito donnaiolo e dunque potrebbe pure trattarsi di una faccenda di corna… che banalizza il tutto, ma che non impedisce una speculazione politica…

  • cardisem

    L’uccisione di un uomo è sempre e dovunque un fatto esecrabile e condannabile, fosse pure l’ucciso il più spregevole degli uomini…

    Ma non è di questo che mi pare stiamo qui discutendo.

    Vi è un conflitto planetario che è già una guerra mondiale…
    Di questo episodio noi qui stiamo parlando unicamente in quanto abbia una valenza geopolitica…

  • cardisem

    Putin non deve essere né un santo né un diavolo, ma deve saper difendere l’unità geopolitica del suo popolo, il popolo russo… Esattamente ciò che NON hanno mai o quasi mai fatto tutti i governi italiani dal 1945 ad oggi… Ciò che assolutamente NON sta facendo Renzi, che sta vendendo gli italiani come carne di porco al miglior compratore…

    Credo che Hobbes sia ancora oggi il migliore analista politico della situazione mondiale…

  • gigio

    Mi stupisco della miopia di Saker in questo caso.

    Ricordando le considerazioni fatte da Putin recentemente in merito alla Quinta Colonna, è stato positivo che FSB abbia lasciato fare. Così come è stato per la conferenza tenuta dal dipartimento della difesa russo sull’abbattimento dell’aereo di linea Malese, MH17, allo stesso modo il governo russo mostrerà ai propri cittadini tutte le prove che ha raccolto anche su questo caso. Il messaggio inconscio sarà inequivocabile: uniti o vittime dei "liberatori".

    Non fatevi ingannare nè dai luoghi comuni nè dalla propaganda anglosassone.
    L’ultimo velo di ingenuità i Russi l’hanno bruciato negli anni ’90 del secolo scorso.

  • Truman

    Tutti i giorni vengono uccisi uomini e donne. Ma quest’uomo ucciso è sulle prime pagine dei giornali.E allora ogni morte umana va guardata con rispetto, ma poi dovremmo capire cosa è successo.

    Certamente non è stato Putin a far uccidere un suo oppositore (diciamo che la certezza totale non si raggiunge mai, ma qui ci siamo parecchio vicini):

    1) un oppositore un po’ scemo che raccoglie il 5% per chi ha il potere è qualcuno da preservare, perchè è la dimostrazione che c’è una democrazia operante, che anche gli oppositori hanno voce;

    2) chiaramente un capo di Stato imbecille potrebbe anche non capire quanto sopra, ma Putin ha già dimostrato a sufficienza la sua intelligenza;

    3) va poi detto che Putin in precedenza si è liberato di oppositori pericolosi, con il metodo più normale, ha raccolto prove su loro attività losche e li ha fatti processare da un tribunale. In questo modo lui ha guadagnato prestigio e si è comunque liberato degli oppostitori. Nel caso le prove contro gli oppositori fossero fabbricate ad arte, sarebbe un motivo in più per pensare che Putin è furbo e non ha bisogno di uccidere i suoi avversari.

    Saker individua correttamente la negligenza dell’FSB (i servizi segreti) nel non aver saputo prevenire l’omicidio e questa è anche imprevidenza di Putin.

    Sul fatto che il buon senso porta a sospettare della CIA basta leggere ancora una volta la propaganda propinata dai mass media italiani, i quali non riescono a fare le semplici considerazioni qua sopra e danno colpa a Putin senza avere alcuna prova. Evidentemente lavorano per il padrone e sanno dove devono portare l’acqua. Ma l’asino che porta l’acqua per il padrone può anche fornire involontariamente prove su dove sta il suo padrone.

  • Truman

    @gigio: considerazioni interessanti le tue, ma esse possono avere qualche senso per i russi, i quali crederanno a Putin quando mostrerà le prove, ma in occidente le persone credono ancora al MH17 abbattuto dai separatisti ucraini e alle statue distrutte dall’ISIS. Quando arriva la smentita sono molto più interessati alla nuova false flag o a Sanremo, o alla partita di calcio. Le menzogne dell’Impero in occidente hanno vita lunga. La persistenza di tali menzogne nell’immaginario occidentale mostra che la popaganda dell’Impero è ancora superiore a quella dei suoi oppositori.

    Da questo punto di vista, l’ennesima false flag mi appare riuscita.

  • Truman

    Io non chiederei a Hobbes previsioni sulle attuali prospettive di Tsipras e della Grecia, sarebbero idee scontate. Insomma ci sono situazioni che va bene guardare con gli occhi di Hobbes, ma la realtà solitamente è più complessa.

  • Noumeno

    Per capire  ciò che sta avvenendo a mosca in queste basta andare   a
    vedere il c.v. dell’ambasciatore usa john tefft nominato lo scorso
    settembre da obama.

  • mago
    Ecco uno che si sente minacciato di morte gira di notte con una modella solo…come romanticismo non male ma per il resto……
  • ndakota

    Clausneghe dove hai letto che le statue di Mosul erano solo copie?

  • cardisem

    Pul darsi, anzi certamente è come dici…
    Io per la verità accennavo ad un fatto piuttosto complesso, che non ci si può limitare ad accennare:
    mi riferivo alla "modellistica” hobbesiana che in quanto tale ha la stessa validità atemporale del teorema di Pitagora… Ma appunto mi rendo conto che sarebbe complesso trattarne qui. Convengo con te se intendi dire che le situazione storiche concrete vanno studiate nella loro specificità irripetibile… La modellistica può essere di aiuto, ma non esime dalla situazione storica concreta…

    Mi piaceva precisare il concetto, ma non vorrei andare troppo per sottogliezze…

  • mago
    Già il fatto che ilmuseo fosse “italiano….."
  • bertol

    TENDENZE FALSE FLAG

    Le
    ultime false flag sembrano aver raggiunto un maggior grado di elaborazione:
    colpire gli oppositori dei propri nemici.

    Il
    giudice argentino Nisman che indagava sulla Kirchner,

    la
    redazione anti-islamica di Charlie Hebdo,

    i
    manifestanti di Karkhov,

    ed ora
    il russo Nemtsov sono i più recenti esempi.

    E’ in
    un certo senso lo sviluppo di una pratica già sperimentata nei paesi baltici
    (gli spari dei cecchini contro i manifestanti anti-russi), con tappe in
    Venezuela ed in numerosi altri Stati, per concludersi a Kiew con il cecchinaggio
    contro i manifestanti anti-russi di Maidan.

    Questa
    strategia è parallela a quella classica di false flag contro obiettivi civili,
    che ha la sua lunga storia passante dalle stragi in Italia degli anni ’70, alla
    tecnicamente insuperabile 11 settembre fino all’abbattimento dell’ aereo malese
    nei cieli del Donbass. Chiedersi "a chi giova" rimane ancora il miglior
    antidoto, con la coscienza comunque di come la strategia USA sia sempre più
    complessa ed elaborata.  Ed anche disperata.

    Nei
    prossimi mesi gli USA avranno bisogno di concludere la cooptazione dell’Europa
    ai propri progetti egemonici, consolidare il fronte occidentale Nato anti-Russia
    (e Cina) e far firmare il TTIP; le ultime esitazioni di Germania e Francia
    (Minsk2) richiedono nuove provocazioni in territorio europeo. Stiamo attenti

  • lucamartinelli

    non essere così severo! L’amico Ercole è un idealista ultra-convinto…..

  • clausneghe

    ndakota, per esempio dall’articolo qua sotto, poi non sono andato a verificare le fonti che pure linka assieme all’autorevole nota di Pino Cabras a confermare.

    Ulteriori indagini non mi interessano, non sono un archeologo.
    Ciao
  • clausneghe

    Che tra i fuochi la carne di cannone la mettono i poveracci è vero, ansaldo, come però è anche vero che qualche giorno fa nel Donbass, per es.tre fratellini sono morti dilaniati da una bomba caduta dentro il locale da bagno, dove erano stati messi, erroneamente, dai genitori, al sicuro. Ma non ne ha parlato nessuno. Tu lo hai sentito sto fatto alla televisione o sui giornali? Ma sapete tutto di sto qua, il cadavere, dell’oppositore, che fino a ieri quasi nessun Italiota conosceva. Scommettiamo?

    Non era certo uno stinco di santo, era il braccio destro dell’ubriacone filo ameri cano Eltsin, che Bacco lo abbia in gloria! 
    E serve più da morto che da vivo.
  • geopardy

    La notizia è rimbalzata su tutti i media, ma avevo già cotrollato appena uscita la notizia e la cosa mi suonava un po’ strana, perchè nel 2003, duramte "Enduring Freedom", i musei, specialmente di Mosul, erano stati pesantissimamente saccheggiati, mi sembrava strano ci fosse tutta quella roba rimasta lì. Le uniche opere in restauro (una o due e si nota dalla tettoia soprastante) sembrano autentiche.

    Il materiale, dato che nella mia vita ho visitato i dversi musei, dove mi è capitato di vedere dal vivo le statue assiro-babilonesi, ma non ho mai visto statue di quel tipo di materiale (non è una condizione sufficiente per affermare che siano copie, ma indicativa).
    Per quanto riguarda il fatto che fossero sotto restauro italiano (l’ho letto nel commento e non ho verificato, non mi meraviglierebbe, i nostrani sono i migliori al mondo e li chiamano ovunque e non sono mai mancati gli originali, che mi risulti) e che possano aver fatto delle copie in gesso (così hanno riferito i media) del tutto simili, per ridare una certa dignità al museo, ci può anche stare (magari in attesa di recuperarne qualcuno vero). 
    Comincio a pensare, che facciano bene ad emigrare i talenti nostrani, ma non tanto per la crisi economica, ma di autostima, che sta colpendo una larga parte della popolazione italiana (me compreso talvolta, lo ammetto).
  • Raziel79

    Non volevo alzare nesuna polemica, volevo solo consigliare a radisol di essere più preciso.
    Tendo a pensare che con il terine "strategia della tensione" si intendano atti finalizzati alla destabilizzazione interna del paese colpito.
    In questo caso (e non che non ci siano anche obbiettivi di questo tipo) mi sembra un’ operazione maggiormente rivolta alle opinioni pubbliche dei paesi occidentali quindi mi pareva maggiormente opportuno il più generico "false flag".
    Rimane una questione di lana caprina che per me finisce qui.
    Nulla ho contro l’utente radisol che leggo spesso con interesse.

  • cardisem

    Grazie! A prescindere dal contesto, mi è utile la precisazione terminologica: FALSA PROVENIENZA…
    La nostra epoca, dove la “comunicazione” è diventata ormai parte integrante di una qualsiasi guerra mi sembra che episodi "false flag” siano connaturati alla comunicazione stessa… E quindi se ne deve presumere l’esistenza e l’uso nella stessa misura in cui oggi la “comunicazione” (che tende ad affanarsi, ad apparire scientifica, obiettiva, neutrale, per non essere immediatamente confuso con la grossolana propaganda che in quanto tale, riconosciuta come tale, perde ipso facto ogni credito) è più diffusa, capillare di quanto non lo fosse in passato…

    Talmente diffuso e connaturato al sistema di comunicazione al punto che ogni attento osservatore deve leggere ogni notizia con un pregiudiziale e sistematico beneficio del dubbio…

    La prima coda da chiedersi davanti a qualunque notizia è: sarà vero? E lo è esattamente nel modo in cui la cosa è raccontata? Chi è che da la notizia? Perché dà questa notizia anziché un’altra? perché adesso e non prima?

    Insomma, insieme alla più semplice domanda sulla “veridicità” del fatto o della notizia, vanno posti tutti gli interrogativi possibili quanto più la notizia o il fatto è importante e carico di conseguenze.

    Sapere quindi che non ha molto senso attribuire a Putin l’omicidio di un avversario politico poco importante o di nessuna importanza, è un utile punto di partenza per una riflessione di cui non possiamo prevedere l’estensione…

  • cardisem

    Veramente, io penso che sia un comico, o come si dice una "macchietta”… Evito di essere coinvolto in qualsiasi seria discussione per non farla degenerare a livelli scurrili…

  • Raziel79

    Guarda cardisem, visto che ti leggo e so che sei persona colta e preparata, leggendo il tuo discorso non posso che interpretarlo sarcasticamente.
    Ovviamente la mia precisazione non contribuiva ad affermare o smentire la veridicità del fatto. Mi pareva però di aver espresso la mia opinione sottoscrivendo l’intervento di fefo.
    sintetizzo. Questo omicidio non può essere stato commissionato da Putin per almeno quattro motivi:
    1 il movente: come detto da Radisol il soggetto non costituiva una minaccia (immediata) per Putin.
    2-3 luogo e modo troppo plateale e praticamente davanti al cremlino.
    sopratutto considerando che Putin avrebbe avuto tutti i mezzi per farlo in "sordina".
    4 il momento in cui è accaduto, proprio quando "all’occidente" avrebbe fatto comodo.
    Però penso che anche scrivendo queste cose non avrei cmq contribuito a spostare l’opinione di nessuno; ormai lo schema di queste azioni (da parte usa) è più banale e ripetitivo di un film holliwood chi non se ne rende conto non lo farà certo perchè lo dico io. Quindi ho preferito fare questa sottolineatura a Radisol proprio perchè lui invece (forse) qualche opinione la sposta, e purtroppo anche piccole sviste lessicali possono minare l’ "autorevolezza" di chi scrive, magari vanificando il lavoro di mesi. Per quanto riguarda "la comunicazione" ricordo che cmq il linguaggio è una convenzione tra esseri umani e come tale esistono definizioni a cui riferirsi (senza nessuna pretesa di scientificità) altrimenti il comunicare diventa ancor più problematico e la propaganda ha buon gioco a manipolare le parole a proprio beneficio (vedere l’uso del termine "popolismo").

  • alsalto

    @cardisem
    Da hahahaha vi e’ che per quanto isteriche preferisco risate a lacrime.
    Presupposto che l’utilizzo del media a fini propagandistici non ci e’ una novita’, nel mio breve e stupido commento solo intendevo evidenziare che:
    a) bhe’, si come al solito l’informazione e’ armata
    b) si, saran menzogne o meno, io non ho modo di stabilirlo a priori, ma e’ di tutta evidenza che Putin uno sticchio di santo proprio non lo sia, almeno dal mio punto di vista, ovvero libertario e pacifista.
    c) attenzione a prendere posizioni obbligate, vi sono alternative.

    ps: anch’io ebbi piu’ di una critica e pure piuttosto pesanti nei confronti dell’intervento in Libia, cosa che non ha coinciso con il sostegno al Rais.
    Il popolo libico avrebbe duto liberarsi di lui nel momento opportuno, ovvero quando fosse stato maturo per farlo, ed invece sappiamo che a spingere e’ stata una recidiva manina esterna e che no, il popolo libico non era di certo maturo per…

    ps2: hoo, ma non e’ che se scappa una cazzata a me qui si infici l’utilita’ dell’intero sito, non darmi cotanta responsabilita’ dai…heheheheh

  • alsalto

    Alla luce di quanto affermi a me pare, e potrei tranquillamente sbagliarmi ancorche’ essendo solito farlo…, di capire che non contempli una soluzione alternativa o meglio una risposta alternativa allo scontro antico tra i due titani, ovvero una posizione che non preveda il dover scegliere tra i due.

  • alsalto

    Un 5% non mi pare sia assolutamente poca cosa, ancor piu’ in uno scenario in cui pochi si spartiscono le briciole elettorali lasciate dallo zaarino.
    La medesima sicumera nell’accusarlo a priori in maniera evidentemente faziosa, ma dovremmo esserne abituati e non stupirci piu’, dico, si manifesta nel proscioglierlo a priori. Lo scontro politico tra le due forze e’ antico, lo sappiamo, ben precedente all’uccisione di questo pover’uomo, indi, prescinde dall’uccisione, indi trovo abberrante che il morto venga ripetutamente sbattuto a corpo caldo per compiacere gli interessi delle due parti nel loro ping pong.
    Un primo passo potrebbe essere appropriarci di un minimo di empatia nei confronti di cio’ che ci circonda, che sia un rovere o un morto ammazzato.

    Quanto sopra non vuol contraddire quanto voi affermate, cose che condivido nelle loro evidenze, ma apportare esclusivamente un 3° e forse innovativo punto di vista, ovvero capace di attribuire semmai, cosa tutta da dimostrarsi, la responsabilita’ dell’omicidio ad entrambe le parti, ovvero alla scontro in se.
    La mia posizione altra e’ se non quella, non mi interessa stare da alcuna parte a me interessa capire se v’e’ un modo per far si che gli scontri possan cessare. Poi che la questione sia assolutamente complessa siamo tutti daccordo.
    Saluti.

  • alsalto

    Parliamo la stessa lingua claus, fatto salvo che ansaldo non so chi sia, hahahah, carina pero’….
    Tento he’, chi di sbidiguda ferisce…

  • Raziel79

    populismo*