Home / ComeDonChisciotte / ESPERTI: E SE UN ATTACCO HACKER AVESSE COLPITO L’AEREO GERMANWINGS ?
14645-thumb.jpg

ESPERTI: E SE UN ATTACCO HACKER AVESSE COLPITO L’AEREO GERMANWINGS ?

DI MATT ANDERSSON

ft.com

Nota preliminare di Pino Cabras

Un esperto di aviazione, Matt Andersson, autore del libro The New Airline Code e fondatore della prima compagnia specializzata in voli business, scrive al ‘Financial Times’, che ospita spesso i suoi interventi: “l’aereo Germanwings può essere caduto per un attacco hacker”. E spiega come l’indagine ufficiale sia fatta coi piedi, in quanto non segue i protocolli per le investigazioni degli incidenti aerei. La notizia di questa lettera, tranquillamente pubblicata su uno dei più influenti giornali dell’Occidente – e tradotta in Italia da Dagospia– è ripresa anche dai britannici The Mirror e Daily Mail (con articolo del giornalista che segue le questioni dei trasporti), dall’israeliano Haaretz, dall’italiano Il Giornale.

Non emergono al momento ulteriori elementi su questa posizione, e non sappiamo quali dovranno essere i filoni di ricerca, ma appare ormai chiaro che il flusso frettoloso delle notizie sul copilota depresso – che hanno di fatto sostituito un’investigazione fatta secondo gli standard internazionali – fa ormai storcere il naso anche ai piani più alti del trasporto aeronautico, come nel caso di Tony Tyler, il capo della International Air Transport Association (IATA), organizzazione internazionale delle compagnie aeree. La narrazione sul caso Lubitz – una valanga di bocconcini lanciati per alimentare senza sosta le redazioni – sembra essersi spinta oltre la decenza per chi deve garantire la sicurezza aerea. Quel che si è visto finora non era un’indagine, ma un racconto con troppi elementi inattendibili secondo la prassi investigativa richiesta dalla complessità di un incidente aereo. (Fonte)

Buona lettura

Gli incidenti aerei sono eventi complessi che richiedono indagini approfondite da parte di esperti, e anche di testare più variabili indipendenti, e altri fattori secondari. Sia la scatola nera con le registrazioni di cabina (CVR) che quella con il registratore dei dati (FDR) del volo Germanwings 9525, insieme ad altre fonti di informazione, devono ancora essere oggetto di un’inchiesta che rispetti gli standard internazionali sugli incidenti aerei.

Fino a quel momento, molte affermazioni attualmente presentate al pubblico possono rivelarsi errate, fuorvianti o in alcuni casi portare a interventi regolatori impropri o controproducenti. E assegnare responsabilità, sia finanziarie che assicurative, senza basi solide. Fornire uno “stillicidio” di giudizi sulla base di dati preliminari non costituisce un’indagine professionale, né una gestione sensata delle informazioni che si possono diffondere pubblicamente dopo un incidente.

Infatti, la European Cockpit Association, che rappresenta circa 40.000 piloti professionisti, ha giustamente criticato la diffusione prematura delle interpretazioni dell’audio del velivolo (che restano non verificate). Inoltre, queste e altre letture dei dati continuano ad essere fornite da magistrati e funzionari pubblici che ovviamente non possono essere esperti in materia di indagini di sicurezza aerea – e che potrebbero pregiudicare una valutazione tecnica formale.

Ad esempio, l’agenzia francese per le indagini sugli incidenti, la BEA, afferma che l’aereo ha accelerato nella sua discesa. Cosa possibile, ma che potrebbe derivare da un qualsiasi numero di cause, tra cui l’hacking elettronico esterno dei sistemi di controllo e di navigazione del velivolo attraverso malware o intercettazione elettromagnetica. Che sono le ragioni per cui i velivoli militari e dei capi di Stato normalmente installano schermature e protezioni speciali, mentre quelli civili non lo fanno.

L’opinione pubblica dovrebbe aspettare pazientemente un’inchiesta sulla sicurezza aerea professionale, approfondita, e che coinvolga più parti, e dovrebbe mantenere il proprio scetticismo davanti a ipotesi ufficiali ma preliminari.

Matt Andersson

Indigo Aerospace,

Chicago, IL, USA

Versione originale:

Fonte: http://www.ft.com/home/europe

Link: http://www.ft.com/cms/s/0/6dcd2266-dc79-11e4-b70d-00144feab7de.html#axzz3WqmFtGQC.

9.04.2015

Versione italiana:

Fonte: www.dagospia.com

Link: http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/esperto-aviazione-scrive-financial-times-aereo-germanwings-98143.htm

9.04.2015

Dagotraduzione della lettera pubblicata dal “Financial Times

Pubblicato da Davide

  • albsorio
    "Ancora più preoccupante in tale operazione d’insabbiamento, dicono nel rapporto gli esperti del SVR, è che anche se il co-pilota Lubitz avesse avviato il Controlled Flight Into Terrain (CFIT) del Volo 9525 della Germanwings, il Lufthansa Aviation Center (LAC) presso l’aeroporto di Francoforte, l’avrebbe rilevato immediatamente tramite l’Aircraft Communications Addressing and Reporting System (ACARS) e così corretto la rotta da remoto."
      
    Piuttosto del "se" sarebbe da capire "come"
  • Eshin

    Altra ipotesi: Cover Up su una problematica a bordo degli aerei.Un precedente nel 2010,la Lufthansa aveva già sfiorato il dramma…

    http://http://www.nogeoingegneria.com/news/toxic-airlines-benvenuti-a-bordo/

  • Saudade
    ABBATTUTO

    – il luogo esatto del "crash" (o meglio: dell’unico luogo di cui ci
    vengono mostrate le immagini) e due stazione sismologiche.

    Quella sotto ha registrato un botto quando l’aereo era ancora in
    volo (dimostrabile al 100%)

    Quella sopra indicata dalla freccia non ha registrato niente

    https://twitter.com/talarico99/status/585843880966414337

    – il copilota avrebbe versato del
    diuretico nel tè del capitano per indurlo ad andare alla toilette.

    (pare abbia fatto una ricerca su google in proposito)
    Peccato che l’aereo sia partito con 30 minuti di ritardo

    https://twitter.com/talarico99/status/586107661663502336

    – la storia della maschera d’ossigeno indossata da un tipo che si
    sta per suicidare

    https://twitter.com/talarico99/status/584747893099208704

    – la voce wikipedia del crash cita come fonti solo agenzie di
    stampa, tabloid, siti all news, ecc…

    Di fonti ufficiali c’è solo BEA (che ha le scatole nere)

    http://www.bea.aero/fr/enquetes/vol.gwi18g/vol.gwi18g.php [www.bea.aero]

    http://en.wikipedia.org/wiki/Germanwings_Flight_9525#References [en.wikipedia.org]

    – la notizia del mayday è sparita nel giro di 24 ore dall’incidente

    https://twitter.com/talarico99/status/584612648177639424

    – la BEA in 24 ore ha risolto il caso.

    Tra l’altro la prima indiscrezione sul contenuto dell’audio della
    scatola nera è del New York Times

    (uscita mentre qui erano le 2 del mattino)

    http://www.nytimes.com/2015/03/26/world/europe/germanwings-airbus-crash.html [www.nytimes.com]

    https://twitter.com/talarico99/status/584054443789922304

    – la Francia è in modalità "allarme attentati"

    Manda 2 caccia Mirage (pare sia confermato) ma di cosa abbiano visto
    non c’è nessuna dichiarazione ufficiale

    I caccia avrebbero dovuto perlomeno vedere l’istante del botto, con mega-nube
    di fuoco e fiamme (i tempi combaciano)

    http://www.gouvernement.fr/partage/3052-vigipirate-releve-au-nvieau-alerte-attentat [www.gouvernement.fr]

    https://twitter.com/talarico99/status/582957547155525632

    – mappa della scarsissima copertura cellulare negli ultimi minuti di
    volo

    (nel caso uscisse qualche telefonata o sms a conferma della versione
    ufficiale)

    https://twitter.com/talarico99/status/582841013548498944

    – i soccorritori non sono ancora sul luogo dell’incidente ma
    Hollande dichiara che non ci sono sopravvissuti.

    http://www.aeronewstv.com/fr/evenements/crash/2422-crash-dun-appareil-de-germanwings-en-france-declaration-de-francois-hollande.html [www.aeronewstv.com]

    Nelle prime immagini riprese dall’elicottero si riesce a vedere un
    frammento di aeroplano con la matricola girata dal lato giusto, a
    favore di telecamera

    https://twitter.com/talarico99/status/582236398918508544

    – in questi audio dalla cabina di pilotaggio riuscite a sentire il
    respiro del pilota?

    http://www.airdisaster.com/cvr/cvrwav.shtml [www.airdisaster.com]

  • s_riccardo

    Sono d’accordo. Se le istituzioni non avranno il potere di dire la verità, sarà una di quelle stragi recenti che resteranno senza risposta. 

    Gli aerei della Malaysia due incidenti misteriosi perché la verità è ancora celata, l’aereo dell’Itavia, sappiamo che è caduto per un missile ma chi lo ha lanciato… tutte le verità sono nascoste per motivi politici e militari. Sarebbe l’ora di prendersi le proprie responsabilità davanti a miliardi di persone.
  • Simplicissimus

    Queste sono fesserie allo stato puro che dimostrano nel modo più chiaro soprattutto le carenze informatiche di chi le pensa, le scrive e le pubblica. E la scemenza dei complottisti in servizio permanente. Non esiste alcuna possibilità di entrare senza autorizzazione nel software di un aereo e per produrre malware bisognerebbe avere l’sdk del sistema, conoscere a fondo il linguaggio proprietario, fare ingegneria inversa su alcune decine di milioni di righe di listato (ma forse 30 . 40 anni bastano) e per giunta conoscere tutti gli schemi logici del processore centrale.  Si confonde in maniera ridicola ciò che si può fare su sistemi ben conosciuti e creati in base a linguaggi standard con sistemi proprietari totalmente differenti

  • albsorio

    Un po come sostituirsi ai comandi di un drone militare… impossibile per me e per te.

  • Saudade
  • esca

    Se i potentissimi media, che di fatto rendono gli innocenti colpevoli e colpevoli gli innocenti, agissero in modo etico, che mondo sarebbe……….!!

  • ligius

    Ma che affermazioni….! Un drone è costruito e studiato per essere comandato a distanza, un aereo di linea no! Il giorno che lo fanno risparmiano pure un bel gruzzolo con la formazione dei piloti e la loro permanenza a bordo, e in hotel quando girano il mondo. Dai un po’ di testa quando si decide di scrivere..!

  • ligius

    MA sei serio quando come prova metti un link twitter di un utente che potrebbe pure chiamarsi l’uomo ragno? Cioè questo si chiama michele e che credibilità avrebbe???

  • RES

    Quindi dici che quest ‘ intervista è fumo negli occhi?
    Del tipo stanno dicendo un sacco di Corbelli vi in strada io nella giusta direzione?
    Se così concordo
    Noto questi due particolari:
    Gli aerei dal momento che abbassano il muso accelerano,  bisogna semmai sbattersi per tenere la velocità costante o farla diminuire
    Le schermatura sugli aerei militari moderni compresi quelli ministeriali tipo AF1 sono schermati per sopravvivere ai campi magnetici delle esplosioni nucleari. Pena l’ingovernabilità
    Hanno mischiato le carte tra resistenza passiva all’impulso,  elettromagnetico e le contromisure al jammin

  • RES

    Stai dicendo che quest’intervento lanciato e rilanciato anche un po in sordina sia fumo negli occhi?
    Se è così concordo.
    Per altri due motivi:
    Un aereo nell’istante in cui abbassa il muso inizia ad accelerare,  casomai ti devi sbattere per tenere la velocità costante o farla diminuire.
    Hanno mischiato le carte sulle schermature.
    Le schermature sugli aerei militari o quelli tipo AF1 che è a tutti gli effetti un’unita C3I servono per dargli una resistenza passiva all’impulso elettromagnetico conseguente ad un’esplosione nucleare.
    Mentre la contromisure al jammin è altra roba, attiva per giunta.

  • Saudade

    Certo se ti fermi a leggere lo username e non il testo sottostante…

  • The_Essay

    Anche  se fosse :
    1)un hacker che ha iniziato a studiare
    tali problematiche da anni? Leggi gli ha passato la staffetta un anziano della crew?
    2)Un interno che ha venduto ad un esterno ciò che non doveva vendere?
    3)Una banale backdoor,piazzata là dove doveva stare?
    Bye The Essay
    P.S.:probabile 2 e/o tre 😯
    Bye,Bye

  • albsorio

    https://aurorasito.wordpress.com/2015/03/27/obama-infuriato-per-lincidente-della-germanwings-si-rifiuta-dincontrare-i-capi-della-nato/   

    "Ancora più preoccupante in tale operazione d’insabbiamento, dicono nel rapporto gli esperti del SVR, è che anche se il co-pilota Lubitz avesse avviato il Controlled Flight Into Terrain (CFIT) del Volo 9525 della Germanwings, il Lufthansa Aviation Center (LAC) presso l’aeroporto di Francoforte, l’avrebbe rilevato immediatamente tramite l’Aircraft Communications Addressing and Reporting System (ACARS) e così corretto la rotta da remoto."
  • SanPap

    personalmente sono convinto che delle vie di accesso nascoste privilegiate ci siano: è pensabile che qualcuno venda aerei (ma questo vale per qualsiasi sistema d’arma) ad alleati che oggi sono alleati e domani possono non esserlo più ? o che possono rivenderli, con opportune triangolazioni, direttamente ai loro nemici. Mi pare di ricordare che gli F35 per decollare necessitino di una autorizzazione da parte degli americani.

    Certo l’A320 non è un aereo militare, ma il soggetto del discorso è "esiste una possibilità che …": la possibilità esiste.

  • Jor-el

    Far volare un aereo di linea senza pilota è già possibile, l’unico ostacolo ad implementare questi sistemi nei voli di linea è di tipo commerciale: le compagnie che offrissero voli senza pilota non avrebbero clienti.

  • Zret

    Sindrome aerotossica e scie tossiche. 

  • bstrnt

    L’opinione pubblica sta aspettando pazientemente dal 17 luglio 2014 i risultati della scatola nera del volo MH17, che, malgrado le evidenze fotografiche tardano a pervenire; penso non ci sia motivo per non attendere i risultati delle scatole nere del volo della Germanwings … o forse c’è?

    Altra domanda che sorge spontanea (dopo il famigerato 11 settembre): gli aerei di linea possiedono un dispositivo azionabile da remoto, capace di isolare i comandi dei piloti e passare a un volo teleguidato?