Home / ComeDonChisciotte / ECCO QUANDO INIZIERA’ IL VERO GOVERNO RENZI
12927-thumb.jpg

ECCO QUANDO INIZIERA’ IL VERO GOVERNO RENZI

DI ALDO GIANNULI
aldogiannuli.it

…Non credo che il suo governo possa durare a lungo, ma il piano potrebbe essere diverso da quello dichiarato di durare. Immaginiamo questo scenario:

a- Renzi fa rapidamente alcune cose di facile consenso del tipo sbattere fuori i consiglieri di Stato-consulenti strapagati (bisogna riconoscere che è una idea ottima, perché questa cosa è uno scandalo), distribuisce in due mesi un po’ di soldi alle aziende creditrici della Pa, tassa qualche titolo finanziario speculativo e alleggerisce le tasse sul lavoro. Ribadisce il suo forte tasso di informalità: tutto mirato solo a riassorbire almeno parte della protesta ora andata al M5s (quel che basta a portarlo al fatidico 37%)

b- Nello stesso tempo, vara questo orrore di legge elettorale che gli assicurerebbe la maggioranza assoluta alla Camera

c- Poi va al Senato dove, presumibilmente, la sua proposta di abrogazione viene bocciata con un voto bulgaro. E questa sarebbe la vera mossa calcolata, che spiegherebbe anche la “provocazione dadaista” di qualche giorno fa, fatta proprio per spingere i senatori a votargli contro. A quel punto monta l’indignazione contro la Casata che, come al solito, non vuole rinunciare a nulla e lui cavalca l’ondata di protesta, dimettendosi ed imponendo nuove elezioni, dove ci va come “quello che stava facendo le cose giuste ed è stato bloccato dai soliti politici”. Beninteso: con liste tutte di amici suoi e dopo aver massacrato bersaniani, cuperliani, civatiani, lettiani, dalemiani ed ogni qual si voglia oppositore. Alla Camera avrebbe ottime probabilità di farcela, al Senato probabilmente non avrebbe la maggioranza assoluta dei seggi (lì si dovrebbe votare con il proporzionale) ma il clamoroso successo alla Camera lo metterebbe in condizioni di forza tali da domare anche la riottosa assemblea di Palazzo Madama: magari sciogliendo quella sola e ripetendo le elezioni all’insegna della “governabilità”, magari con una legge elettorale ad hoc.

A quel punto avrebbe tagliato le unghie agli oppositori interni, disporrebbe di una maggioranza solida alla Camera, metterebbe il Senato in ginocchio e sarebbe anche in grado di imporre le dimissioni a Napolitano ed eleggere un nuovo Presidente di suo gradimento. E forse sarebbe anche in grado di operare una radicale riforma Costituzionale.

A quel punto inizierebbe il vero governo Renzi di cui, questo attuale, è solo un modesto battistrada, con una sola vera operazione politica da fare: le nomine negli enti pubblici da inzeppare di fedelissimi.

E se le cose andassero davvero così, saremmo davvero al regime.

Aldo Giannuli
Fonte: www.aldogiannuli.it
Link: http://www.aldogiannuli.it/2014/03/quanto-durera-renzi/
1.03.2014

Estratto da “Renzi ha avuto la fiducia, ma durerà?”

Pubblicato da Davide

  • alberto_his

    Dubito Rensi sia così perversamente geniale… lui, ma forse chi lo guida può esserlo. Per ora questo è solo uno dei tanti scenari da incubo.

  • robotcoppola

    Aldo Giannuli è secondo me sulla strada giusta.
    Dietro renzie c’è la finanza internazionale, quindi mi aspetto che abbiano ponderato bene l’APPARENTE azzardo.
    Renzie non è uno stupido come lo si vorrebbe far apparire, è invece piuttosto scaltro.
    Il fatto che sia così sicuro di sè in un contesto così difficile, che lo vede a collaborare assieme ad altre correnti di potere con scopi diversi, mi fa pensare che ci sia un piano simile a quello descritto da Giannuli per aggiudicarsi una maggioranza di esaltati renziani.

    Alcuni video interessanti su chi c’è dietro renzie …

    http://urlin.it/52cee
    http://urlin.it/56a5d
    http://urlin.it/57983

  • alvise

    Ho letto anche i commenti degli utenti nel sito indicato dal link. Quasi tutti sottolineano la stupidità di renzi. Può dari lo sia, non so, però mi torna alla mente il film Braveheart, dove il padre di Bruce, malato, butterato dalla lebbra, dava al figlio, poi diventato re di scozia, consigli per trarre il meglio dalla bufera scatenata da Wallace. Il padre di bruce, ovviamente esperto, sapeva dargli "buoni", consigli.Ecco, pensando che la storia si ripte, come molti intelletuali asseriscono, mi chiedo se anche tiziano renzi, padre, non sia l’artefice della politica del figlio. Dopotutto, il padre, avrà ben tratto eseprienza di quando era in politica con la DC. A questo punto, coerente con quanto descrivo, penso che Giannuli non esagera nello scenario descritto, proprio perchè, anche se il sindaco-presidente è un cretino, ci pansa il padre a renderlo savio. Da quì a presagire che si verifichino i punti descritti dall’autore di questo argomento, ce ne passa, ma solo perchè l’uomo sbaglia, ha sempre sbagliato a fare i conti e sempre sbaglierà, ma solo per questo. Quindi non contiamo troppo sulla inesperienza di renzi figlio. Chi ha detto, senza dettagli concreti come quelli di Giannuli, che cadrà presto, ha fatto i conti senza addendi.

  • alvise

    Correzione. nìNon "Da quì a presagire che si verifichino i punti descritti dall’autore di questo argomento, ce ne passa"

    ma

    "Da quì a presagire che si verifichino TUTTI i punti descritti dall’autore di questo argomento, ce ne passa…"