Home / ComeDonChisciotte / EBOLA: COME CREARE NERVOSISMO
13597-thumb.jpg

EBOLA: COME CREARE NERVOSISMO

DI BINOY KAMPMARK

counterpunch.org

Paure e congetture sulla pandemia

Potrà diventare, l’Ebola, la prossima colossale pandemia, diffondendosi velocemente in questa società felice e spensierata?

Oppure l’immaginario collettivo l’assocerà a memorie di sventura e ad ipotesi di cedimento strutturale del mondo sviluppato, come capita con certe malattie?

L’”Irish Times” riporta le parole di un “rifugiato della Guinea in fuga dall’Ebola”, come se queste fossero promessa di un imminente olocausto virale. “Molte persone della mia famiglia sono morte. Ho lasciato la mia casa e non so cosa fare” (4 Agosto).

A seguito: “Ebola: grati di essere ancora vivi” (Francesco Santoianni, francescosantoianni.it);

Il quotidiano continua segnalando che la malattia ha portato via 730 vite ed infettato circa 1.300 persone, e che continua a “strisciare in tutta l’Africa occidentale”.

Coloro che in un paese come gli Stati Uniti si battono contro queste malattie, lo fanno in vari modi. Se si tratta di una vera e propria minaccia per il benessere del paese, le brigate anti-pandemia si danno da fare con gli aghi e gli antidoti anche se, dentro sé stessi, tutti si chiedono quanto sia autentica la gravità di quella minaccia. L’altra faccia di tutto questo è una specie di combinazione fra riflesso condizionato, inefficienza ed isteria: qualcosa di terribile ci sta infettando, e noi non siamo capaci di gestirla!

Poi c’è un altro tipo di reazione: niente è marcio, instabile o palesemente sbagliato. Tutto è tranquillo sul fronte della malattia. Devono preoccuparsi solo le società mal gestite, perché i paesi sviluppati hanno risolto questo problema, potendo contare su ampie risorse e diffuse infrastrutture mediche. Nel caso del virus Ebola, la narrativa sul controllo virale è sempre stata associata al concetto di “Stato in fallimento”.

La preoccupazione per l’insorgenza di un’epidemia nell’Africa Occidentale cresce di giorno in giorno. Patrick Sawyer, 40 anni, è morto dopo un viaggio in aereo – dalla Liberia al Ghana, e quindi nel Togo e nella Nigeria – generando dei forti timori per la diffusione del virus.

In Namibia, Venerdì scorso (1 Agosto), oltre cento passeggeri del volo Air Namibia SW722 sono stati tenuti in isolamento per quattro ore – dopo che uno di loro è stato sospettato di essere infetto dal virus – fino a quando è stato chiarito che si trattava di un falso allarme.

Nello stesso giorno la Emirates Airlines ha comunicato che dal giorno successivo avrebbe sospeso i voli verso Conakry (Guinea), “fino a nuovo avviso, a causa dello scoppio del virus Ebola in Guinea”.

Il virus si è fatto strada verso gli Stati Uniti attraverso due cittadini americani – Nancy Writebol di “Serving in Mission” e Kent Brantly di “Samaritan’s Purse”. La terrificante sensazione creata dal cordone sanitario stretto intorno a questi paesi – giunta all’approccio della polizia nei riguardi dell’infezione ed agli articoli dei media – non è di grande aiuto nell’attenuare i timori.

Ad aggravarli ulteriormente, poi, c’è stata l’infezione dei due volontari americani della “Peace Corps”, uno dei quali è lo stesso Sawyer. I media, infine, hanno alimentato il nervosismo diffondendo l’idea che i cittadini infetti potrebbero essere ricondotti negli Stati Uniti per il trattamento della malattia (come effettivamente avvenuto, ndt).

Il “Nigeria’s Tribune”, ad esempio, ha titolato con un allarmistico: “la diffusione dell’Ebola genera il panico globale” (3 Agosto). Il quotidiano sostiene che l’Organizzazione Mondiale della Sanità sta lanciando i tipici segnali di una pandemia incontrollabile, e “condisce” le notizie, allo stesso tempo, con le immagini dei pazienti infetti. C’è persino un qualche senso di soddisfazione nell’affermare che “il virus mortale si sta diffondendo anche nelle grandi potenze mondiali, come gli Stati Uniti d’America”.

Anche il britannico Daily Mirror – che non voleva certo restar fuori dalla tempesta delle congetture dei media – si è gettato nella mischia, titolando: “Ebola spaventa Gatwick: 39 ore di panico quando un passeggero proveniente dalla Sierra Leone è morto, dopo esser sceso dall’aereo” (4 Agosto).

La lettura del solo titolo suggerirebbe che è in vista un demoniaco assalto contro la Gran Bretagna, effettuato da potenti “forze virologiche”. Il passeggero, invece, prima di morire soffriva di “sudorazione fredda e vomito”, mentre “i tests effettuati a tarda notte hanno escluso quella mortale malattia tropicale come causa della sua morte”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, attraverso il suo portavoce Gregory Hartl, non ha raccomandato draconiane restrizioni di viaggio, ma c’è la sensazione che sia allo studio una chiusura delle frontiere.

Il Dr. Graham Fry del “Tropical Medical Bureau” ha cercato di rassicurare i “mercanti di panico”, sostenendo che è improbabile una massiccia progressione della malattia. “(L’infezione) non si prende durante un volo. Ci si può infettare solo come conseguenza di uno stretto contatto personale con una persona infetta, attraverso il sangue o i fluidi corporei (sudore, saliva etc., ndt). Non è come la tubercolosi, che si può prendere anche se su un aereo si sta seduti sette file indietro, rispetto ad una persona infetta”.

Il Dottor Christopher Ohl del “Wake Forest Baptist Medical Center” sta cercando di frenare coloro che desiderano premere il tasto del panico. Sta usando, al contrario, un altro approccio. I due missionari infetti (Writebol e Brantly) sono stati riportati negli Stati Uniti per essere curati, perché: “le loro possibilità di sopravvivenza sono molto più alte qui da noi. Le nostre unità di terapia intensiva, le nostre risorse e la nostra assistenza medica sono nettamente migliori, e non c’è assolutamente alcuna ragione per non farli tornare”.

Ma non c’è alcun motivo, allo stesso tempo, per assumere posizioni di razionale ottimismo, come fa ad esempio lo scrittore ed imprenditore Matt Ridley, che taccia ironicamente di “eco-catastrofismo” i sostenitori delle posizioni allarmiste.

I problemi di degrado ambientale ed i disastri generati dall’uomo (ma, su questo punto, ancor più gli errori commessi nel combattere la malattia) sono in effetti fin troppo frequenti.

Ridley non ha alcun interesse a gridare “al lupo”, anche se il problema rimane pur sempre quello di che cosa possiamo fare quando il lupo arriva sul serio. L’Ebola può anche avere un’immagine terribile, ma una reazione guidata dal panico e dalla presunzione culturale non servirebbe proprio a niente nel tentativo di frenare la marcia del virus.

BINOY KAMPMARK

Fonte: www.counterpunch.org/

Link: http://www.counterpunch.org/2014/08/04/ebola-getting-antsy/

4.08.2014

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di FRANCO

Pubblicato da Davide

  • Tao
    cnnmodificata

    Ebola! Oggi è questa l’isteria massa. Come la “mucca pazza” dilagata nel 2000 per imporre in Europa il mais geneticamente modificato [www.francescosantoianni.it]; come l’“influenza suina A/H1N1” del 2009: 16 milioni di euro di vaccini pagati alla Novartis [scienza.panorama.it] (ora indagata per truffa); come la SARS del 2003: una campagna commerciale [www.lastampa.it] contro la Cina; come il “ cetriolo killer [www.medicitalia.it]” del 2011…

    Ma, andiamo per ordine.

    Questa isteria dell’Ebola nasce [scienza.panorama.it] un paio di settimane fa a seguito di una serie di, apparentemente confuse, iniziative messe su dal premier britannico David Cameron. Non è la prima volta per Downing Street. Già nel dicembre 1999 Tony Blair consigliò per televisione ai suoi connazionali di fare incetta di scorte alimentari per fronteggiare il “caos” che avrebbe provocato il Y2K [www.repubblica.it]. Lo ricordate? Era il “Millenium Bug” che, avvelenando computer e reti informatiche, avrebbe gettato nel Medioevo l’umanità. Una minaccia, ovviamente, inesistente. Ma che servì a consolidare un preciso progetto: in Italia, ad esempio, quella fu la prima “emergenza” gestita dalla Sala Operativa dei Servizi Segreti.

    Ma torniamo a parlare di Ebola. Sulla attuale inconsistenza di questa minaccia per l’Occidente, questa dichiarazione [www.repubblica.it] è certamente esaustiva. Ma, allora – se il rischio Ebola da noi può ritenersi infinitamente inferiore a tanti altri comunemente accettati e se la stessa ipotetica diffusione del virus Ebola, pur nelle varianti oggi conosciute, non determinerebbe, in una metropoli occidentale (come fu a Madison – Wisconsin nel 2000) nessuna catastrofica epidemia (con buona pace di un nugolo di scrittori catastrofisti, più o meno foraggiati dal Dipartimento di Stato USA, o della sempre più [www.francescosantoianni.it] sospetta “ Medicin sans Frontieres [www.horsemoonpost.com]) – perché la “paura di Ebola” sta dilagando? Per spianare la strada ad un “intervento umanitario” (con soldati e tutto il resto) nell’Africa centro occidentale? No per quello sono più che sufficienti le bufale diffuse dalle tante ONG. Per il solito giro di mazzette su vaccini e tutto il resto? No. Al momento questa appare improbabile come motivazione. Per alimentare un movimento xenofobo [www.butac.it]. Ni. Anche se questi allocchi della Lega sono solo pedine inconsapevoli di un gioco molto più articolato.

    E allora perché? Potrei, a questo punto, spararvi le soporifere considerazioni di qualche, pur bravo, sociologo, ma preferisco le lapidarie parole di David Icke [it.wikipedia.org] “È lo schema: problema, reazione, soluzione. Inventano o ingigantiscono un problema chiedendo “collaborazione” alla popolazione. <> Tutto per creare un asservimento psicologico e quindi politico. Così la gente da’ carta bianca a scienziati, governanti, militari, forze dell’ordine… e finisce per accettare con gratitudine misure che il Potere aveva pianificato da tempo per tutti altri scopi.”

    OK! Icke è pure quello dei “Rettilinani”, ma, qui, ha assolutamente ragione. E, non a caso, il regno di Ronald Reagan (due mandati presidenziali) è stato consolidato dalla più grande psicosi di tutti i tempi [books.google.it]: quella dell’AIDS. Tra l’altro ricorrere allo stratagemma di imminenti catastrofiche epidemie presenta indubbi vantaggi. “Ma lei se la sentirebbe di escludere completamente l’eventualità di una catastrofica epidemia?” Ma cosa volete che risponda il virologo di turno al giornalista che lo sta così intervistando? E tra l’altro perché il virologo dovrebbe precludersi un qualche finanziamento che potrebbe scaturire dall’allarmismo? E così, avanti con frasi circospette che lasciano presagire il peggio, magari mentre scorrono sullo schermo immagini della “Spagnola” del 1918 o della Peste Nera del 1347.

    E così tra infinite polemiche [www.huffingtonpost.it] e sbalorditive iniziative [www.francescosantoianni.it] destinate a svaporarsi nel giro di qualche settimana continuano a rifilarci cucchiaiate di paura. E li ringrazieremo quando, conclusa questa “emergenza”, saremo ancora vivi. Certo, come strategia di controllo sociale non è un granché. Ma in tempi [ricerca.repubblica.it] come questi [ricerca.repubblica.it] nei quali si direbbe cancellarsi il domani, può bastare.

     

    Francesco Santoianni

    http://www.francescosantoianni.it

    Link: http://www.francescosantoianni.it/wordpress/2014/08/05/ebola-grati-essere-vivi/ [www.francescosantoianni.it]

    5.08.2014