Home / ComeDonChisciotte / E SE GLI ANIMALI FACESSERO A NOI QUELLO CHE NOI FACCIAMO LORO?
12382-thumb.jpg

E SE GLI ANIMALI FACESSERO A NOI QUELLO CHE NOI FACCIAMO LORO?

DI FRANCO LIBERO MANCO
luigiboschi.it

Da millenni noi esseri umani sfruttiamo sistematicamente gli animali, tormentandoli in ogni
modo, coinvolgendoli in tutte le nostre losche situazioni belliche, uccidendoli nei mattatoi, nei
boschi, nei mari, costringendoli a lavorare per noi come schiavi, e oggi sperimentando su di
loro ogni tecnica chirurgica, ogni medicinale, ogni veleno, ogni cosmetico, ogni prodotto
chimico, rubando loro non solo la libertà, il loro manto, il loro latte, le loro uova, il loro miele,
ma anche il loro unico bene, la vita.

E se per ipotesi gli animali facessero a noi quello che noi facciamo a loro?
Se fin della nostra nascita gli animali avessero il potere di privare noi e i nostri
bambini della libertà e della luce del sole e ci allevassero in gabbie e in capannoni lager per
tutta la nostra vita per poi ucciderci nel modo più crudele sezionando ogni parte del nostro
corpo e mangiassero i nostri arti, il nostro cuore, il nostro fegato, il nostro cervello, i nostri
polmoni, i nostri intestini, la nostra lingua e scaricassero il nostro sangue nelle fogne come
succede nei mattatoi?

Se le donne venissero ingravidate con mezzi rudimentali e meccanici, come succede
per le mucche, per farle partorire continuamente e dopo il parto gli animali, ghiotti del latte
delle nostre donne, sottraessero i bambini alle loro madri, li richiudessero in gabbie
alimentandoli con pastoni innaturali e dopo pochi mesi li uccidessero per mangiare le loro
tenere carni, e le donne disperate e rese folli dal dolore quando non più in grado di procreare e
produrre latte venissero soppresse per diventare il loro pasto? E immaginiamo che tale specie
sia talmente stupida e avida della nostra carne da trascurare gli effetti devastanti sulla loro
salute?

E immaginiamo che gli animali usassero torturarci per mero divertimento; oppure che
usassero sperimentare, su centinaia di milioni di esseri umani, ogni loro strumento, ogni loro
veleno, ci aprissero il torace per studiare su di noi le loro malattie e prelevassero i nostri
organi interni per trapiantarli nei loro corpi?

E immaginiamo ancora che il loro divertimento preferito fosse quello di entrare nel
nostro ambiente, nelle nostre case, ad uccidere noi e i nostri piccoli, (come succede con la
caccia); immaginiamo che usassero mettersi addosso la nostra pelle, ritenuta pregiata a
seconda del colore bianca, nera, rossa, gialla, ci allevassero in condizioni disumane e ci
spellassero spesso ancora vivi e lasciassero marcire i nostri corpi?

Immaginiamo pure che, come succede per la pesca, che gli animali avessero la
possibilità di catturare un gran numero di umani e che li facessero morire spasimanti,
agonizzanti senza aria o devastati dai loro artigli, come succede con la pesca e con gli arpioni?

E immaginiamo ancora che fossero gli animali ad aver reso questo pianeta invivibile, la
causa della distruzione delle foreste, dell’inquinamento dell’aria, della terra, dei mari, dei fiumi,
dei laghi e che avessero portato questo pianeta sull’orlo della catastrofe ecologica?

E immaginiamo che tale progenie usasse da sempre massacrare i suoi stessi simili in
assurde battaglie fratricidi.
Ora, se esistesse una simile specie, capace di una così spietata freddezza, cieca e
sorda al nostro dolore e alle nostre suppliche, non saremmo forse concordi nel ritenere questi
animali dei mostri sanguinari, come la specie più perniciosa del pianeta? Non spereremmo
forse che il cielo provvedesse a farla sparire per sempre dalla faccia della terra?

Franco Libero Manco
Fonte: www.luigiboschi.it
Link: http://www.luigiboschi.it/content/e-se-gli-animali-facessero-noi-quello-che-noi-facciamo- loro
23.10.2013

 

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    L’Ipotesi che gli animali facciano a noi quello che noi facciamo loro, è campata in aria, ovviamente. Meno campata in aria è la teoria, alla quale io credo, che dice “Noi non siamo sopra tutti”, abbiamo a nostra volta entità inconoscibili che ci governano,giusto come noi governiamo le bestie.
    Trattare bene e con rispetto gli anima-li è cosa buona e giusta, cui dovrebbe tendere ogni animo appena elevato. Iniziamo (io lo faccio già da tempo) a non mangiarli più, gli anima-li.

  • albsorio

    “E se per ipotesi gli animali facessero a noi quello che noi facciamo a loro? E se per ipotesi gli ALIENI facessero a noi quello che noi facciamo agli animali? Chissà com’é la storia della evoluzione dove, l’uomo passa dalla cianoglobina alla emoglobina, altro che anello mancante, bho.

  • Hamelin

    Infatti uno dei difetti maggiori dell’uomo è la sua presunzione.
    Si ritiene al centro dell’universo e al primo posto della catena alimentare ed ignora tutti i fattori che smentiscono questa sua presunzione.

  • Notturno

    Ma non lo fanno già?

  • Skaff

    Gli animali FAREBBERO a noi quello che noi facciamo a loro se ne fossero capaci… smettiamola

  • spartan3000_it

    I “Rettiliani” che ci governano sono decisamente piu’ “umani” (?).

  • mendi

    Dico solo che il mio disgusto è tale che, dovessi scegliere chi buttar giù dalla torre tra il mio cane e un umano, butterei giù l’umano, con grande soddisfazione anche.

  • wld

    Lo stiamo già facendo da molto tempo anche agli umani, basterebbe togliere la testa da sotto la sabbia; torturiamo, imprigioniamo, ammazziamo, distruggiamo, tutto in nome della demo-crazia, appunto “demo”. Eppure basterebbe leggere un pochino di storia quella vera e non quella dei vincitori. Non vedo futuro per i poveri animali, ma tanto meno per l’homo sapiens sapiens (?) Non siamo in cima alla scala alimentare, ma nemmeno a quella evoluta.

  • Gariznator

    Il tuo commento mi ha incuriosito ma non ho trovato nulla che mi aiutasse a capirlo… Cos’è la cianoglobina? E dove posso trovare qualcosa che mi aiuti a capire? Cercando cianoglobina su google il primo risultato è proprio il tuo commento… Sostieni che l’uomo avesse cianoglobina e non emoglobina in origine e che poi gli alieni ci hanno mutato?

  • lanzo

    Penso che clausneghe ha sintetizzato il tutto.
    Volevo solo aggiungere che a mio parere (sono carnivoro e non vegan, tanto per capirci) anche perche’ vivo isolato con 5 cani, che non sono vegan
    e che sono la mia assicurazione sulla vita altro che le “forze dell’ordine” sono angeli, puri non andrebbero mai ad ammazzare il gatto o il cagnolino che passa per strada, ripeto angeli ma carnivori.
    Sia l’uomo che qualsiasi animale carnivoro o quando sono veramente affamati – e qui non parlo di appetito – saltano addosso alla vittima di turno, anche ai bufali africani per cio’ che riguarda i leoni, che sono “tosti” oppure vedasi “cannibalismo” spesso spacciato come rituale, ma se non trovi la capretta, ti pappi l’umano Altrimenti il predatore animale, se non ha fame non va ad ammazzare cosi’ per divertimento cosa che invece noi facciamo da sempre: Safari. azz ho ammazzato un: elefante/rino/buffalo/tigre et cetera. Eccezioni potrebbero essere il gatto (domestico) che una volta al mese ammazza l’uccellino e te lo porta, la faina, ma anche il “Vegan” Cockatoo” australiano che ti distrugge un frutteto solo per dare un morso ad un frutto e poi passare al prossimo.
    Ritengo che – cosi’ come noi ci nutriamo della sofferenza degli animali, cosi’ potrebbero esserci altre entita’ che si nutrono della nostra sofferenza spirituale (timore per la morte, sofferenze durante tutta la nostra vita mentre, ho notato che i cani a quasi tutti gli altri animali sono molto piu’ – come dire – dignitosi, anche perche’ vivono il presente mentre io sono stato programmato a soffrire, i miei cani che sono solo amore, hanno un life span di soli 15 anni in media, perche’ ? Mentre I Kissinger hanno un life span di 100 ?. Alla fine penso che siamp come le oche che vengono forzatamente ingrassate per ottenere il fois gras, pensate che un oca (che e’ abbastanza intelligente, nonostante la nomea) potrebbe mai immaginare cos’e’ un tournedos Rossini ?

  • nigel

    Articolo per pochi, condivisibile al 100%

  • lanzo

    E se per ipotesi gli ALIENI facessero a noi quello che noi facciamo agli animali?

    Me sa che lo fanno da molto tempo. Ma non gli alieni stile ET, ma presenze che si nutrono della sofferenza generalizzata sia degli umani che degli animali.
    Magari quella degli umani e’ piu’ saporita, anche noi preferiamo un fois gras piuttosto di un fegatello di pollo…
    Absorio, ci hai mai pensato ? Scommetto di si.

  • lanzo

    E se per ipotesi gli ALIENI facessero a noi quello che noi facciamo agli animali?

    Me sa che lo fanno da molto tempo. Ma non gli alieni stile ET, ma presenze che si nutrono della sofferenza generalizzata sia degli umani che degli animali.
    Magari quella degli umani e’ piu’ saporita, anche noi preferiamo un fois gras piuttosto di un fegatello di pollo…
    Absorio, ci hai mai pensato ? Scommetto di si.

  • nigel

    Devi digitare cianoemoglobina acido cianidrico, avrai tutti i dati

  • nigel

    Anch’io non avrei la minima esitazione

  • massi

    Juri Camisasca aveva immaginato qualcosa di simile negli anni settanta e lo raccontò in un brano del suo album “La Finestra Dentro”, un piccolo capolavoro del prog italiano… se può interessare a qualcuno http://www.youtube.com/watch?v=K1un2naUJ3k

  • Aironeblu

    Non tutti gli umani sono uguali. Io ad esempio non sono responsabile di alcuna delle bestialità descritte nell’articolo, e probabilmente nessuno lo sarebbe se si potesse diffondere una maggiore coscienza di quello che siamo: animali che vivono nello stesso pianeta.

  • Gariznator

    Ho cercato ho trovato dei dati ma nulla che tolga il mistero (per me) da questo commento, non saprò a cosa si riferisce mettendo evoluzione, alieni e cianoemoglobina nella stessa frase… Vabbè sopravviverò

  • uomospeciale

    ” E immaginiamo che , immaginiamo che….”

    Guarda a ‘sto punto immaginiamo anche che se mia nonna avesse avuto una ruota invece delle gambe, non era mia nonna ma era una carriola.

    Pur facendo parte anche noi della catena alimentare siamo (fortunatamente ) in cima ad essa e quindi mangiamo più che essere mangiati ed essendo incidentalmente la specie più intelligente e dominante sul pianeta, abbiamo anche creato dei metodi di allevamento e produzione più efficienti per il cibo, sia esso vegetale o animale tutto qui.

    Se sulla terra si fossero evolute altre specie onnivore o carnivore al posto della nostra, ora ci sarebbero senz’altro macellerie in giro con ragù di essere umano, e filetto di bambino in bella mostra e senza problemi.

    Poniamo che si fossero evoluti ad esempio i LEONI o le tigri vi pare che sarebbero diventati vegetariani? E credete forse che starebbero lì a correre dietro alle gazzelle o a noi ad ogni pasto?
    Come minimo ci avrebbero confinati ed allevati dentro a dei recinti per poi prelevare un paio di esemplari ad ogni pranzo, no?

    Esattamente come facciamo noi con gli altri animali.

    Purtroppo la vita è dolore, sofferenza, e competizione sia per i gli animali che seppure in misura minore, anche per i vegetali.
    La mosca viene digerita viva dai succhi gastrici del ragno ma anche il ragno stesso è preda di molte vespe che gli iniettano dentro il corpo una larva che lo divorerà lentamente dell’interno, in un’agonia di settimane, evitando per istinto gli organi vitali del ragno, per conservarlo vivo e con la carne fresca il più a lungo possibile.
    Vacche e maiali che almeno noi prima nutriamo, e poi uccidiamo rapidamente con una pallottola in testa, in natura vengono invece divorati vivi dalle fiere che di solito iniziano a mangiarseli dalle parti molli, dai testicoli e dai visceri mentre questi sono ancora vivi oppure muoiono di fame stenti e malattie invasi dai parassiti, e dopo agonie di vari giorni o settimane.

    In natura la violenza della lotta per la vita è la regola dovunque si volga lo sguardo…………….
    La morte, la sofferenza il terrore delle prede grandi e piccole sono sempre gli stessi immutabili da milioni di anni, da sempre.
    La vita è dolore purtroppo e la fine del dolore, è sempre e solo la fine della vita.
    ” liberaci dal male”=liberaci dalla vita.

    Tempo fa, per un certo periodo non ho più mangiato le piovre
    ” animali troppo intelligenti ” mi dicevo….
    Solo che poi ci ho pensato meglio, e mi son detto:
    -” Tra di loro si mangiano vive senza problemi no”?………………
    E allora perché cazzo non devo mangiarmele io?”

  • uomospeciale

    Non mi stupisce affatto.
    Ho sempre saputo che chi ama troppo le altre specie è perché in fondo odia la propria e quindi in una certa misura, odia anche sé stesso.
    Mi viene in mente la mia ex ragazza animalista convinta che amava qualsiasi altra specie vivente sulla terra, tranne la sua.
    L’ho mollata.
    Si sarà andata a mettere con un cavallo, suppongo.