Home / ComeDonChisciotte / E IO DOVREI BERMI LE SUE CONFESSIONI PUBBLICHE ?

E IO DOVREI BERMI LE SUE CONFESSIONI PUBBLICHE ?

obama

DI SERGIO DI CORI MODIGLIANI

Libero pensiero

[…] Timothy Geithner, l’uomo che è sceso in campo nella campagna elettorale italiana per le europee, sorretto e sostenuto dalla cupola mediatica e dai complottisti, è l’ultima carta utile che Berlusconi, Dell’Utri, Formigoni, Bersani, Salvini e Renzi, possono giocarsi nel disperato tentativo di annebbiare le menti trasformando il nostro pregiudicato condannato in via definitiva in una vittima di un golpe.

La verità, a mio avviso, è che “il golpe” consiste nel far credere proprio questo.

A questo servono i media.

Mr. Geithner è stato l’incubo di Barack Obama.
E’ il grande manovratore della finanza mondiale che conta, imposto al presidente americano a forza nonostante il suo rifiuto, 48 ore dopo che si era insediato, quando Obama capì e si rese conto che cosa davvero volesse dire entrare nella stanza dei bottoni alla Casa Bianca. “O lui con tutte le deleghe in bianco per ciò che riguarda il sistema bancario o mandiamo a puttane il pianeta in tre giorni”.

Così gli prospettarono come doveva funzionare il vertice della gestione finanziaria del potere. E chi conosce i retroscena della vita politica americana sa benissimo come sono andate le cose. I grandi colossi finanziari, gli speculatori squali, gli oligarchi del privilegio, si dichiararono disposti e disponibili ad accettare un governo democratico che voleva abbattere l’egemonia della finanza sull’economia a condizione che fosse il loro guru a gestire il momento di passaggio. Neanche si rivolgevano la parola. Per Obama, Mr. Geithner è stato l’incubo del suo primo mandato, ed è riuscito a liberarsi di lui soltanto nel febbraio del 2013, dopo aver rivinto le elezioni, quando lo voleva cacciare subito ma accettò di dargli ancora un anno per evitare un sanguinoso scontro al vertice del potere americano. Geithner se n’è andato a gennaio del 2014 e da allora investe il 100% della sua energia per tentare di impedire che i governi più responsabili dell’occidente -tra quelli che contano- si decidano a imbrigliare legalmente la finanza speculativa e mettere il sistema bancario sotto ferreo controllo dello Stato, del Parlamento, della Legalità. E’ il suo lavoro. Ha fatto spendere all’amministrazione americana 4.250 miliardi di dollari (finiti in fumo) per salvare le banche corrotte statunitensi e Berlusconi, Dell’Utri, Monti, Bossi, Maroni, Bersani, Letta erano i suoi idoli nel desk Italia. Lui è il responsabile istituzionale numero 1, il vero potere forte americano.

E io dovrei bermi le sue confessioni pubbliche?

Mi sembra chiaro che si dimostri disponibile a dare una mano ai suoi compari.
In questo caso, il nostro presidente Napolitano ha perfettamente ragione.
Sono contrario a tutte le tesi del complotto anti-democratico denunciato da Geithner.
Il vero complotto è stato ordito dai partiti verticali italiani (PD PDL Lega Nord Udc) i quali hanno deliberatamente scelto -carte alla mano- di impedire qualunque forma di accesso al mercato, alla legalità e ai meccanismi decisionali del parlamento, alle rappresentanze dei cittadini, lanciando “ufficialmente” il consociativismo perverso nel nome del business comune, meglio noto come “governo delle larghe intese”. Se a ottobre del 2011 Berlusconi si fosse dimesso e si fosse andato alle elezioni, il PDL sarebbe stato polverizzato, come avverrà il 25 maggio 2014.

La salvezza di Berlusconi, di Dell’Utri, di Formigoni è stato Mario Monti, altro che complotto.
Tanto è vero che lo hanno votato con applausi e affetto, mica erano stupidi.
A meno che uno non sia un mentecatto, avendo la possibilità, si rifiuta sempre di votare a favore di chi gli ha ordito un complotto contro.
[…]

Sergio Di Cori Modigliani

Fonte: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it

Link: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2014/05/lultima-spiaggia-nientaffatto-e-la-prima.html

15.05.2014

Estratto da: “L’ultima spiaggia? Nient’affatto: è la prima!”

Pubblicato da Davide

  • Pai

    La devi smettere di usare virgolettati inventati!

  • EurasianMan

    Ed io dovrei bermi questa ipnosi neoconservatrice ????

    Facciamo un passo in dietro. ordiniamo questo caos, in cui evidentemente sono state mescolate appositamente le carte, o involontariamente.

    diciamo questo:

    Perché incolpare tutti e nessuno? perché parlare ed incolpare i media, affrontarli male, frettolosamente alla fine? senza prima aver intrapreso i problemi dei mesi, anni scorsi, senza aver dato alla gente che sa e vede, sente.. solo dai media; la possibilità di ascoltare e vedere in faccia le persone. Ascoltare altre argomentazioni più serie! Direi..

    Perché ora con questo gran margine di consenso, alla Meloni, viene dato questo colpo basso? Perché si tolgono le possibilità ai conservatori, quelli veri ! Ma piano una cosa per volta.. Quasi viene dato un senso all’operato di Mario Monti… Perché fate girare sul tubo e faccia libro tutto questo? Essi .. è un gran colpo gobbo, un’arte di giocare con le persone; piuttosto.. , vediamoci adesso i blog i mezzi di propaganda neoconservatrice.

    Buon campo di concentramento con vendicatore annesso, vittima imprigionata a tutti!
    Buona Matrix a tutti!

    http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/israele-premier-ehud-olmert-condannato-1864197/

    http://www.youtube.com/watch?v=SByK0OAonJ4

    stessa onirica..
    http://www.youtube.com/watch?v=dOt3Lz-oPo4

    a voi le considerazioni finali risalite ai registi e burattinai.. risalite a cosa manovra tutto questo. la cosa che si affida a certi lavori cinematografici, a certi lavori, a certe oniriche..

    ci si arriva senza guerra alla Gaia, Tellus, chiamatela come volete..

  • EurasianMan

    il cattivo ed il buono si invertono… alla grande..!

    essere o non essere questo è il problema..

    meno male che William è esistito..

  • Primadellesabbie

    <i>…La salvezza di Berlusconi, di Dell’Utri, di Formigoni è stato Mario Monti…</i>

    Quantomeno una ciambella di salvataggio da usare in un secondo tempo, per sbandierare una inesistente "resistenza".

    Ricordate le parole pronunciate quando é sceso dall’aereo al ritorno dalla prima riunione per la crisi dei sub prime: "Contrordine, bisogna finanziare le banche!"?

    Sbaglierò, ma sospetto che B. sia stato allontanato per la sua prossimità alla mafia. Non che se ne fossero accorti allora (sono informatissimi), forse aveva esagerato, chissà, qualche progettino di troppo…

    L’insulto alla Merkel (un poco troppo anche per lui) é arrivato quando ha scoperto che si era messo in moto qualcosa che lo avrebbe costretto a patteggiare per salvare il patrimonio al quale é aggrappato. E che la sua simbiosi con la mafia era bruciata, se ricordo bene ha anche dovuto "liquidare" il socio.

    Sono curioso di vedere come voterà il sud questa volta.

     





  • Tao

    E’ possibile che il siluro arrivato a Napolitano a novembre, con il libro di Alain Friedman, sia indipendente da questa uscita di Timothy Geithner, che rilancia la tesi del complotto internazionale ai danni del Berluska. Ma qualche sospetto viene e, comunque, anche se è plausibile che Friedman non potesse prevedere questa uscita attuale di Geithner, è molto poco probabile che questi non sapesse del precedente. Ed allora: perché e perché proprio ora? E in pieno finale di campagna elettorale? Per di più, Geithner usa [www.libreidee.org] un’espressione piuttosto pesante quando dice di aver sconsigliato ad Obama di aderire all’invito degli esponenti Ue: «Non possiamo macchiarci le mani del sangue di questo uomo». Certo potrebbe trattarsi di linguaggio figurato. Ma, anche qui, sorge il dubbio che si volesse dir di più.

    E va da sé che Geithner avrà sicuramente consultato prima il presidente – o chi per lui – dovendolo tirare in ballo; d’altra parte, se così non fosse stato, avremmo già dovuto leggere un comunicato della Casa Bianca che definisce queste come “posizioni e ricordi personali  che il presidente non conferma”, eccetera. E invece… Dunque, il capo dell’amministrazione in carica ha deciso di lasciar fare. Il primo effetto di questa uscita è oggettivamente un assist a Berlusconi [www.libreidee.org], presentato come la vittima di un complotto della cattiva Ue, rafforzando e raddoppiando l’uscita di Friedman. Per di più le reazioni sono smentite che non smentiscono un accidenti, anzi mi ricordano la frase della signorina richiesta di certe prestazioni che replicava: «Prima di tutto queste cose io non le faccio, poi l’erba è bagnata e 50 euro sono pochi». Imbarazzante!

    E il Cavaliere, giustamente dal suo punto di vista, cerca di cavalcare la cosa come può, visto che i servizi sociali fanno presto a diventare arresti domiciliari e non è prudente prendersela con il Colle. Ma tutto questo avrà un effetto elettorale, frenando la caduta di Fi? E perché a Geithner preme tanto aiutare il periclitante Cavaliere? Qualche effetto elettorale è possibile che ci sia, spingendo un po’ di berlusconiani tiepidi, indecisi fra la spiaggia e le urne, a scegliere le seconde. Ma di quanti potrebbe trattarsi? Certo, anche uno 0,4%, per uno che sta affondando e deve resistere voto per voto, è un aiuto, anche se non risolutivo. Ma sapete che ci sono di quei regali dei quali si dice “basta il pensiero”. E qui il dubbio è che l’omaggio non sia tanto al capo di Fi, quanto all’amico, sodale, confidente e diremmo quasi socio di Putin. Siamo in tempi di rapporti difficili fra Casa Bianca e Cremlino e, forse, serve un buon mediatore. O forse si vuole invitare a star fermo e restare neutrale un possibile capo della lobby filo-russa.

    Peraltro, questo potrebbe essere un missile a più testate: un sorriso al vecchio amico Silvio, ma anche un pizzicotto a quegli antipatici della Ue, che non stanno facendo quello che dovrebbero contro i cattivi russi che invadono l’infelice Ucraina… Immaginate se venisse fuori altro, che si dimostrasse l’ingerenza della Ue negli affari di governo [www.libreidee.org] di un paese membro. E magari ancora di più… Sarebbe una circostanza davvero noiosa, vi pare? Certo nella testa degli americani oggi c’è più Kiev che Roma. Però, se dovesse esserci anche qualche effetto romano, la cosa non guasterebbe: sbaglieremo, ma il giullare fiorentino non è nelle grazie dei padroni di casa. E se gli si può guastare la festa non è cosa che possa dispiacere. E anche Grillo, abbiamo il sospetto che, sulla riva occidentale dell’Atlantico, sia visto peggio di un anno fa.

    Tutto sommato, anche se il Cavaliere ha avuto le sue infedeltà, fornicando con l’autocrate russo e con il pirata berbero buonanima, è pur sempre un vecchio amico su cui si può contare. Infine, visto che ci siamo, la cosa può tornare utile anche a liberare la sedia del Quirinale. Certo, Re Giorgio è un vecchio amico sempre leale; però, da qualche tempo, inizia ad essere troppo contestato e non è più funzionale come un tempo. Forse è il momento di cambiarlo con un più giovane ed efficiente amico degli Usa [www.libreidee.org]…

    (Aldo Giannuli, “Prima Friedman, ora Geithner: perché?”, dal blog di Giannuli [www.aldogiannuli.it] del 15 maggio 2014).

    Fonte: http://www.libreidee.org [www.libreidee.org]

    15.05.2014

     

  • lucamartinelli

    Questa volta non sono d’accordo con Modigliani. Berlusconi è stato defenestrato e su questo non vi è dubbio. Resta da chiarire il perchè. La mafia non c’entra nulla perche’ è amica dei potenti anzi sono aspetti diversi dello stesso potere  e sono tutti massoni. Ho già scritto che Berlusconi è stato liquidato per gli accordi con Gazprom. Il negro serial killer yankee è venuto in Europa a venderci il suo gas di scisto.  L’amicizia con Putin e il desiderio di liberi commerci non sono amati dai cow-boys. Rileggersi John Kleeves per capire come gira il fumo. Tutto combacia….e infine Scaroni ha perduto il posto all’Eni…guarda caso..

  • spadaccinonero

    gli articoli di sdcm sono sempre da scartare, mi chiedo come si possa pubblicare certa robaccia…

  • Cataldo

    SDCM non ha contezza della politica estera USA, altrimenti ci avrebbe risparmiato questo quadretto tra il Geithner e Obama, almeno dai tempi di Nixon la poltica USA è un circo, nelle sue manifestazioni formali ha ben poco  a che vedere con le reali azioni polticihe effettuate. In altri termini la dialettica pubblica è solo un bla bla.
    Nel caso di specie:
    all’epoca Berlusconi doveva sparire perchè aveva sollevato alcune opportune riflessioni sulla distruzione della Libia,  Putin aveva dato al suo amico una piccola raccolta delle sue informazioni sulle azioni infami e criminali della Nato in Libia per preparare la caduta di Gheddafi, e il tapino lo aveva candidamente affermato in pubblico, pur nella censura immediata di tutti i media, quindi la sua uscita di scena era semplicemnte ovvia, specie quando per qualche giorno aveva provato a resistere alla chiamata alle armi; oggi servono tutti gli strumenti in mano agli USA per continuare nella loro spoliazione degli interessi Italiani, e ricicciano il rapporto con B. attraverso una serie di elementi, dato anche che alcuni dei migliori servi sono alla frutta per motivi geriatrici.

    Sono briciole che vanno ai cani sotto la tavola e le prendiamo per fatti poltici o "rivelazioni" ah aha aha.

    Su tutto il Napolitano, che diede alla stampa alle 9:30 la velina con la guerra alla Libia ed aveva la riunione del consiglio di difesa con B alle 10:30 😉
    SDCM va meglio quando conosce gli argomenti, qui è molto fuori strada.
    OT
    Nessuno, Nessuno che mette assieme  i barconi che arrivano a flotte e la distruzione della Libia e della Siria, eppure non serve una grande elaborazione di pensiero … evidentemnte c’è una rimozione vera e propria in tutti i contesti, ed anche queste oleografie di SDCM lo dimostrano.

  • Gil_Grissom

    Articolo colmo di inesattezze fra le quali quella che la Lega ha sostenuto i vari governi succedutisi di larghe intese: l’unico partito che ha sostenuto tutti ma proprio tutti i governi di larghe intese presieduti dai non eletti Monti, Letta e Renzi e’ il PD. La Lega avra’ fatto mille altri errori ma non questo.