Home / ComeDonChisciotte / E' INIZIATA LA CORSA AI FORZIERI DELL’ARTICO
12542-thumb.png

E' INIZIATA LA CORSA AI FORZIERI DELL’ARTICO

DI MICHAEL T. KLARE
nytimes.com

Mentre molte riserve di gas e di petrolio in diverse aree del mondo stanno vivendo il loro rapido declino, si ritiene che l’Artico possegga enormi giacimenti ancora inesplorati. Secondo la United States Geological Survey (Indagine Geologica degli Stati Uniti), circa il 13% delle riserve mondiali di petrolio e il 30% di quelle di gas ancora non sfruttate, si trovano al di sopra del Circolo Polare Artico. Ansiosi di affondare le mani in quella fortuna, la Russia e i paesi Artici confinanti – Canada, Norvegia, Stati Uniti, Islanda e Danimarca (quest’ultima in virtù della sua autorità sulla Groenlandia) – hanno spronato le compagnie energetiche a trivellare nell’area.Specialmente per la Russia – che recentemente ha preso il controllo di una nave Greenpeace e ha denunciato trenta attivisti per assalto ad una sua piattaforma petrolifera – è molto forte la tentazione di sfruttare l’Oceano Artico. L’economia della Russia è fortemente dipendente dalle esportazioni di petrolio e gas, e il governo conta molto su queste vendite per il reddito nazionale. Fino a poco tempo fa, per soddisfare le loro esigenze energetiche, i Russi potevano attingere dai giacimenti nella Siberia occidentale, ma ora, considerato il declino di molti tra questi depositi, fanno molto affidamento alle riserve Artiche per mantenere gli attuali livelli di produzione. “Il nostro compito principale è di rendere l’Artico la prima risorsa per la Russia del 21° secolo” dichiarò nel 2008 l’allora Presidente Dmitri A. Medvedev.

I Russi hanno esplorato le varie opzioni di trivellazione in diverse aree offshore dell’Artico. Nel Mare Pechora, a nord della Siberia nordoccidentale, il gigante dell’energia russo Gazprom ha installato la sua piattaforma Prirazlomnaya — proprio quella che gli attivisti di Greenpeace hanno preso d’assalto. Più a est, nel Mar Kara, il gruppo statale Rosneft sta collaborando con la ExxonMobil per lo sviluppo di giacimenti molto promettenti. Rosneft si è anche associata alla Statoil Norvegese e all’ENI Italiana per esplorare il potenziale di sfruttamento nel Mar di Barents.

Ma è molto difficile che sia solo la Russia a tentare di aprire i forzieri dell’Artico. La Norvegia, come la Russia, trae gran parte delle sue entrate proprio dalle esportazioni di gas e petrolio, e punta molto sullo sfruttamento delle riserve del Mar di Barents per compensare la forte contrazione produttiva rilevata nei suoi giacimenti nei Mari del Nord e della Norvegia. Ci sono anche altre zone dell’Artico nel mirino di altri paesi: la Cairn Energy di Edimburgo ha appena aperto dei pozzi di esplorazione nelle acque a largo della Groenlandia, ad esempio, mentre la Royal Dutch Shell sta tentando l’esplorazione di campi a largo dell’Alaska.

Nonostante tutte le sue promesse, l’Artico non cederà facilmente le sue ricchezze. In inverno, il ghiaccio copre costantemente le superfici marine e tempeste violente e frequenti sono un continuo pericolo. Il riscaldamento globale potrebbe, in qualche modo, contribuire a ridurre il ghiaccio nei periodi estivi e autunnali, permettendo così trivellazioni più prolungate, ma allo stesso tempo potrebbe causare condizioni meteorologiche inusuali e incontrollate ed altri pericoli correlati. Altro rischio che si aggiunge: molte delle linee di confine nella regione Artica, sono ancora da demarcare e alcuni paesi Artici hanno già minacciato di ricorrere alla forza militare nel caso in cui le compagnie energetiche occupino aree che considerate di loro sovranità.

Le ardue sfide che l’Artico pone al suo sfruttamento hanno già intimorito la Shell, che ha speso 4.5 miliardi di $ per l’esplorazione offshore in Alaska, ma che ancora non è riuscita a trivellare un solo pozzo. Alcune di queste sfide sono perfettamente legali – comunità indigene e ambientalisti, nel timore di contaminazioni delle loro acque e danni alla natura, hanno già diffidato le compagnie dal trivellare.

Inoltre, l’Artico in sè ha già dato prova di essere un avversario formidabile. Nell’estate del 2012, durante il primo tentativo della Royal Dutch Shell di sondare i depositi Artici, le operazioni di trivellazione furono interrotte da venti battenti e placche di ghiaccio galleggianti. Diversi mesi dopo, quando una delle teste dei pozzi franò al suolo durante una violenta tempesta, la Shell annunciò che avrebbe sospeso le operazioni offshore in Alaska e che, prima di procedere ulteriormente, avrebbe rafforzato le proprie capacità operative nella zona.

Le disavventure della Shell hanno anche consolidato il timore che trivellare nell’Artico ponga alla regione una minaccia considerevole. Nell’evento di una importante fuoriuscita petrolifera, il danno conseguente sarebbe molto più grave e distruttivo di quello causato nel Golfo del Messico dalla Deepwater Horizon nell’Aprile 2010, sia per la mancanza di adeguate capacità di risposte operative, sia per la probabilità che il ghiaccio impedisca seriamente le operazione di bonifica. Mentre sempre più compagnie si spingeranno nell’Artico accelerando le loro attività esplorative, aumenteranno di conseguenza le probabilità di incidenti e fuoriuscite. Il fatto che la Shell – una delle compagnie petrolifere tecnologicamente più avanzate – si sia finora dimostrata incapace di superare questi rischi, accresce la preoccupazione che in quelle acque pericolose si trovino presto ad operare altre compagnie meno preparate ed efficienti.

Cresce anche il rischio di conflitti sulla proprietà di territori contesi. Cinque paesi Artici hanno già rivendicato diritti esclusivi di trivellazione su aree di confine rivendicate anche da altri paesi, mentre resta ancora controverso il controllo sulla regione polare in generale. In un’area “..con un potenziale energetico che rappresenta un quarto delle riserve mondiali inesplorate di gas e petrolio” ha detto recentemente il Ministro della Difesa statunitense Chuck Hagel “è prevedibile che l’ondata di interesse nell’esplorazione energetica nell’area possa aumentare le tensioni su altri argomenti controversi”.

Fino ad oggi nessuna di queste dispute ha provocato una risposta di tipo militare, e gli stati Artici si sono impegnati ad astenersi dal farlo in futuro. Tuttavia, quasi tutti i paesi Artici hanno anche affermato il loro diritto di difesa dei propri territori offshore con la forza, e hanno anche preso le necessarie misure per rafforzarsi in questo senso. La Russia, ad esempio, ha recentemente annunciato dei programmi definiti “di infrastruttura militare di punta” nell’Artico.

Niente, comunque, potrebbe scoraggiare altri paesi interessati.
Considerando l’altissima richiesta mondiale di petrolio e l’incapacità dei pozzi esistenti di soddisfarla, le maggiori compagnie energetiche tenteranno ogni possibile strada per aumentare la produzione. E’ quindi essenziale che siano posti subito dei limiti chiari e rigorosi alle operazioni di trivellazione nell’Artico, in modo da ridurre le tensioni esistenti nell’area. Sono stati fatti dei progressi nell’ambito del Consiglio Artico, un foro di consultazione delle nazioni Artiche. Ma resta ancora molto da risolvere.

Un modo per stabilire formalmente delle regole precise potrebbe essere l’adozione di un Trattato Artico, sulla falsariga del Trattato Antartico del 1959. Come avvenne per quest’ultimo, un accordo siglato dai paesi Artici stabilirebbe dei precisi confini marittimi e dei limiti alle attività militari. Potrebbe anche imporre delle regole ambientali e garantire un passaggio sicuro alle imbarcazioni civili che navigano sui mari Artici. E infine, diciamolo: nessun gas e nessun petrolio potrà mai giustificare la distruzione della natura locale o una corsa agli armamenti nell’Artico.

Michael T. Klare
Fonte: www.nytimes.com
Link: http://www.nytimes.com/2013/12/08/opinion/sunday/rushing-for-the-arctics-riches.html?_r=0
8.12.2013

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di SKONCERTATA63

Pubblicato da Davide

  • searcher

    ma quali ostacoli..questi signori non si fermano e non si fermeranno davanti a niente e nessuno.
    AVANTI TUTTA!!….direzione dritta dritta verso l’estinzione di massa

  • albsorio

    ” Nonostante tutte le sue promesse, l’Artico non cederà facilmente le sue ricchezze. In inverno, il ghiaccio copre costantemente le superfici marine e tempeste violente e frequenti sono un continuo pericolo.”

    Sicuramente si cerca, nonostante le deifficoltá di estrarre risorse naturali ma vi è anche una guerra tra economie vituali, quelle occidentali, e quelle reali dei BRICS che hanno un risvolto militare oltre che energetico, ripeto un mio commento fatto a questo articolo: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=12690&mode=&order=0&thold=0

    “”La Cina teme un confronto militare diretto con gli Stati Uniti, ” – aggiunge Takai – “Pochi giorni fa, due B-52 americani hanno sorvolato la zona ADIZ rivendicata dalla Cina, ma gli aerei non avevano nessun motivo per transitare in quella zona. Suppongo che i cinesi abbiano seguito le tracce dei voli sul radar, ma i B- 52 hanno una funzione speciale di rilevamento elettronico che può identificare frequenze radar, lunghezza d’onda e fonte dei segnali. Questi voli sono in grado di mettere a nudo i sistemi di difesa aerea della Cina, tanto che colpisce davvero che i cinesi, a casa loro, non possano mostrare tutta la loro potenza militare. ” “

    qui:—-> http://www.signoraggio.it/la-russia-militarizza-lartico/

    si legge:—–>

    ” Mosca ha iniziato a schierare le unità delle Forze di Difesa Aerospaziale nella regione artica e a costruire un sistema di allarme radar contro attacchi missilistici nell’estremo Nord del Paese. “Un obiettivo importante del nostro lavoro è quello di costruire una rete radar. In particolare nel settore settentrionale. – E’ già iniziato il dispiegamento di unità radio nella regione artica,” ha dichiarato il comandante dello Stato Maggiore delle Forze di Difesa Aerospaziale, il generale Alexander Golovko. L’iniziativa russa sarebbe una risposta alla militarizzazione della regione da parte della Nato, Stati Uniti e Canada. All’inizio di aprile 2012, infatti, un bombardiere strategico statunitense B-2 ha sorvolato il Polo Nord, principale via per un attacco strategico contro la Russia, per effettuare dei test in volo delle attrezzature speciali per le regioni polari. Il Canada, da parte sua, prevede di dotarsi di UAV RQ-4 Block-30 Hawk per le missioni di spionaggio globale sulla regione artica.

    c4 “

  • Nauseato

    E infine, diciamolo: nessun gas e nessun petrolio potrà mai giustificare la distruzione della natura locale o una corsa agli armamenti nell’Artico.

    Ecco, un po’ di comicità ogni tanto non guasta…

  • Ercole

    Prendete è trivellatevi tutto il pianeta ,contro la corsa imperialista lotta di classe internazionalista.

  • GioCo

    Bah, dai facciamo una volta quelli che provano a difendere l’NYT e il suo “sempre più italico” (e ridicolo) giornalisto (a proposito, ma chi diamine a forma questi individui?! Mah!)

    Sorvolo sull’ovvia stupidità dei mezzi e della “shell” tecnologicamente più avanzata (in realtà rispetto al potenziale di sfruttamento bisognerebbe poi vedere quali sono gli interessi geo-strategici generali dell’azienda, che mi sembra non siano orientati per nulla verso l’artico, anche perché scarseggia in know how speficico) il problema ambientale potrebbe in effetti essere un punto critico degno di attenzione: qualche tempo fa mi è capitato di vedere una ricostruzione storica delle rivoluzioni geologiche terrestri, scoprendo che la più grande catastrofe che il pianeta ha mai conosciuto e la conseguente estizione di massa è stata innescata proprio dai depositi di gas dell’artico. I fattori di innesco non hanno niente a che vedere con quelli che lo sfruttamento porterebbe con sé, ma una guerra combattuta con armi (magari nucleari) inizia ad essere uno scenario inquietante.

    Dato che stiamo parlando di individui che tranquillamente ci venderebbero la corda necessaria a impiccarli, forse la questione ambientale andrebbe presa meno sottogamba. Ma è un ipotesi, neh? Comunque, non credo che l’ipotesi sia nelle più lontane prospettive teoriche del nostro amabile NYT.