Home / ComeDonChisciotte / E' IN ARRIVO IL CONTRATTACCO PETROLIFERO DI PUTIN ?
15992-thumb.jpg

E' IN ARRIVO IL CONTRATTACCO PETROLIFERO DI PUTIN ?

FONTE: RESEAUINTERNATIONAL.NET

Nei prossimi mesi la Russia e l’organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, (OPEC) e in particolare l’Arabia Saudita, potrebbero giungere a un accordo per pianificare una riduzione della produzione petrolifera, e questo potrebbe comportare un rialzo dei prezzi sul mercato dell’oro nero.

Nella situazione attuale è l’iniziativa russa che potrebbe esercitare un’influenza decisiva sul movimento verso l’alto dei prezzi del petrolio, secondo Business Insider[1]. Questa diminuzione della produzione di petrolio, sarebbe pianificata da parte dell’ OPEC, e anche da parte dei paesi che non aderiscono al cartello, in particolare la Russia, secondo quanto prevede Helima Croft, capo-dipartimento delle materie prime di RBC Capital Markets [2].

Secondo l’analista la serie di incontri bilaterali tenutisi recentemente tra il Presidente russo Vladimir Putin e Mohammed ben Salman Al-e Saoud, principe vice-ereditario saudita e Ministro della Difesa del Regno, che ha prodotto accordi su alcuni miliardi di dollari di investimenti nell’economia russa, potrebbe servire come buon punto di partenza per iniziare dei negoziati petroliferi tra Mosca e Riyad. L’Arabia saudita è anche interessata ad acquistare degli armamenti russi, e questo significa che i due paesi hanno un ulteriore punto di aggancio.

Secondo gli analisti di RBC Capital Markets, i canali di dialogo già esistenti potranno essere utilizzati per pianificare delle azioni comuni. Business Insider ammette che non vi è alcuna garanzia che Russia e Arabia Saudita diminuiranno presto la produzione di petrolio, dato che le relazioni tra i due paesi a volte incontrano degli ostacoli. “Tuttavia tutto sta a indicare che la Russia è un importante comprimario che al momento viene seguito con la massima attenzione”, conclude Business Insider.

Fonte: http://reseauinternational.net

Link: http://reseauinternational.net/la-contre-attaque-petroliere-de-poutine/

2.02.2016

[1] Business Inside è un sito che si occupa di finanza, produzione, tecnologia ecc. [N.d.T.]

[2] RBC Capital Markets è una banca d’investimento canadese, un ramo della Royal Bank of Canada.

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di GIAKKI49

Pubblicato da Davide

  • clausneghe

    Ecco, questo è il lato oscuro della personalità di Putin, quello che mette in ombra tutto il suo agire.

    Infatti, per i soldi stringerebbe patti anche con il Diavolo.
    Non dimentichiamoci che il principe Saud è il folle psicopatico che recentemente ha fatto tagliare la testa a più di quaranta persone in un colpo solo.
    Vergognati, Vlad…
    Difensore dei valori cristiani ecc, tzè..pfhui..
  • giannis

    Siamo un’ umanita’ dove contano solo i soldi . Per questo ci meritiamo la catastrofe mondiale , zio Putin spara ste cazzo di armi nucleari

  • Black_Jack

    A me non sembra che il mercato stia anticipando un rialzo dei prezzi del petrolio.

    Mi sbaglierò…
  • pippospano

    Piu’che altro e’il lato oscuro dell’informazione di massa…notizia che dice tutto e nulla che si presta alle interpretazioni piu’disparate.

    Nell’agire politico Russo dovrebbe esser chiaro che non si chiude nessuna porta si lascia sempre uno spiraglio al dialgo anche con il peggior nemico.
    L’AS e’il maggior sostenitore della fazione terrorista che combatte il governo di Assad sostenuto dall’aviazione Russa!!
    Da come la metti tu sembrerebbe che i Russi vogliono vendere armamenti all’AS per buttare giu’i jet Russi!?!?!?!
    Convito tu!!!
  • clausneghe

    I Russi già da tempo vendono armi a mezzo mondo tanto che oramai è diventata la loro principale fonte di guadagno, anche più che con il petrolio.

    Che poi per assurdo quelle armi gli si possano rivolgere contro non viene considerato dai mercanti di morte,uguali in tutto il mondo.
    Oggi in Russia comanda l’apparato finanziar- industrial-militare, esattamente come in Usa.
    E Putin gioca il suo ruolo, non esattamente ghandiano.
    Tutti assieme i Signori della guerra ci guidano allegramente verso la mattanza..
  • Gtx1965

    per essere corretti storicamente la ex cccp o federazione russa che dir si voglia non ha mai condotto storicamente una guerra di aggressione non invitata sottolineo non invitata come invece ha fatto benissimo finora la nato e tutti i suoi compagni di merenda… ahahah… mica scherzi… putin tutela gli interessi di una nazione distorta mediaticamente e voi parlate di questo… servono tutti col bel gas che riscalda le terga di quanti fra gli astanti, come sparare alla mamma… ahahah…!!! ma quello è l’unico politico che ha il sale in zucca, che sa di quello che parla… non capisco tal avversione alle banane… sinceramente…

  • borat

    Dice "  L’Arabia saudita è anche interessata ad acquistare degli armamenti russi" 

    per carità non lo faranno mai figuriamoci!!

    Come é escluso che gli Arabi prendano accordi con la Russia di Putin per ridurre la produzione.

    Alla Russia non interessa molto ridurre il prezzo del petrolio visto che il gas che importa in Europa ha un prezzo fissato poiliticamente.

    L’unico paese produttore che voleva raggiungere degli accordi per ridurre la produzione di petrolio era il Venezuela, ma ora, dopo che Maduro ha perso le elezioni, non conta più nulla.