Home / ComeDonChisciotte / DESTABILIZZARE LE BANCHE ITALIANE PER IMPORRE UN GOVERNO COMPIACENTE A BERLINO E BCE
11457-thumb.jpg

DESTABILIZZARE LE BANCHE ITALIANE PER IMPORRE UN GOVERNO COMPIACENTE A BERLINO E BCE

DI MARCO DELLA LUNA
signoraggio.it

Per imporre in Italia un governo compiacente alla linea Monti-Merkel-Goldman Sachs nonostante l’esito elettorale di ieri, potrebbe essere a breve organizzata una crisi bancaria italiana che terrorizzi la popolazione e crei il consenso per un governo di quel tipo in cambio di aiuti monetari di BCE, Fed e altri. I recenti spostamenti di capitali dello Ior da banche italiane a banche tedesche (compresa parte del nostro 8 per mille) corrobora questa congettura.

Il voto politico del 25 febbraio esprime disinganno e rifiuto della maggioranza degli italiani verso la dittatura dei mercati, l’egemonia della Germania, il modello economico mercatista e neoliberista, le ricette rigoriste e fiscaliste di tecnici e accademici balordi o traditori, la falsa solidarietà dei paesi euroforti. Sgamati. Tutti sono d’accordo che occorra riformare – ma in quale direzione?Quella di Monti, Rehn, Barroso, Merkel, Draghi, oppure una opposta, col recupero della sovranità monetaria alla Nazione e la sottrazione del debito pubblico alle manovre di mercati pilotati e ricattatori, e massicci investimenti pubblici infrastrutturali, e separazione tra banche di credito e risparmio e banche di azzardo finanziario?

Adesso pare impossibile formare un governo stabile, che deve comprendere il PD, quale detentore della maggioranza assoluta dei seggi della Camera per effetto del premio di maggioranza. Ma proprio il PD e Monti sono paladini di quella politica che, come dicevo, la maggioranza degli italiani ha respinto, e sempre più respingerà via via che la depressione peggiorerà, mettendo a rischio il rispetto del pareggio nominale di bilancio imposto, sotto severe pene, dal fiscal compact.

Stranamente e significativamente, in questa cruciale situazione Napolitano vola in visita di Stato presso la potenza egemone. Non sarà che intende forse nominare un nuovo pseudo-tecnico come premier per continuare, sotto il pretesto dell’emergenza e del volere dei mercati, le riforme distruttive che trasferiscono capitali, imprese e cervelli dall’Italia a Germania, Svizzera e altri? E che stia concordando con Berlino un sostegno di brevissimo termine per questo nuovo asso della delocalizzazione guidata, un sostegno che lo faccia apparire bravo, una boccata di ossigeno per il Paese stremato? Questo asso potrebbe essere Prodi o Amato, che con le loro leggi e riforme e privatizzazioni già tanto hanno fatto in quel senso, spezzando la schiena all’economia di questo Paese. O qualcuno della Banca d’Italia, che si è distinto nel non vedere le ruberie in MPS o nel legittimare davanti ai giudici penali il superamento della soglia di usura, mediante compiacenti circolari in conflitto di interesse e che esse stesse costituiscono concorso in quel medesimo delitto.

Quel che mi aspetto è che, se non ci mobilitiamo con la denuncia e l’informazione preventive, a brevissimo parta un’azione di destabilizzazione del sistema bancario italiano, anche mediante un rialzo artefatto dello spread finalizzato a deprezzare i titoli pubblici italiani detenuti dalle banche italiane, in quanto queste detengono i detti titoli come importante componente del loro attivo patrimoniale, e in caso di rialzo dei rendimenti con conseguente calo del valore di mercato dovrebbero ridurre la loro valorizzazione in bilancio, con tutte le conseguenze di ciò. Lo spread lo possono far salire a piacimento mediante lo shorting, il rating, le esternazioni. Poi, quando si sarà alzato a livelli di allarme, potrebbero imporre alle banche italiane di fare accantonamenti a copertura di possibili perdite sui titoli pubblici, così da comprimere il capitale netto delle banche. Allora saremmo davvero in croce.

La predetta manovra di destabilizzazione creerebbe panico, blocco di pagamenti, allarme per i depositi, carenza di contanti, limitazione della prelevabilità. Allora il Quirinale manderà avanti il nuovo Salvatore a cui il voto e la fiducia e l’obbedienza sono dovuti di necessità, perché “non c’è alternativa”. Egli imporrà sacrifici durissimi, innanzitutto in termini di rinuncia alla democrazia e alla sovranità, e in cambio apporterà un misericordioso aiuto dei fratelli europei.

Marco Della Luna
Fonte: www.signoraggio.it
Link: http://www.signoraggio.it/index.php?option=com_content&view=article&id=141:allarme-terrorismo-bancario&catid=1:ultime
27.02.2013

Pubblicato da Davide

  • yago

    Potrebbe succedere ma non credo sceglieranno questa linea. L’europa è una polveriera e se cade si trascina gli USA. E’ un rischio che non possono correre. Hanno già usato Monti con questa tattica e non è servito a niente.
    Ci riproveranno? Non credo, ma non è da escudere.

  • wld

    “DESTABILIZZARE LE BANCHE ITALIANE PER IMPORRE UN GOVERNO COMPIACENTE A BERLINO E BCE” così dice l’articolo, ma c’è di più, dopo essere andato negli USA a prendere ordini, adesso va in Germania. E’ di poche ore fa la notizia che il nostro capo dello stato è stato offeso con questa frase che gli ha fatto saltare la cena con il presunto premier opposto alla Merkel e, con eventuali ripercussioni diplomatiche, del tipo, non ci facciamo mancare proprio nulla. Qui l’articolo, L’aspirante Cancelliere ha detto: eletti 2 clown E Napolitano annulla l’incontro] http://www.corriere.it/politica/13_febbraio_27/napolitano-preoccupazione-populismo_2ed3a77c-80d9-11e2-b0f8-b0cda815bb62.shtml

  • Mondart

    ARCHITETTI !!! … parbleu … nel frattempo la gente schiatta.

    Ora, esondando un attimo dal vostro “Truman show”, ci sarebbe un semplicissimo espediente tattico per salvare ( anche solo momentaneamente ) capra e cavoli, ossia la gente e le vostre sibilline esigenze strategiche.

    ISTITUIRE IN SCEC ( o altra moneta complementare locale ) il cosiddetto “reddito di cittadinanza” ( in realtà sussidio di disoccupazione per come viene descritto ) servirebbe a:

    1) Dimostrare la buona fede Grillica che tramite esso non si non andrà a soppiantare tout-court quel che resta del welfare ( sanità, pensioni ): non servirà TAGLIARE nulla, non servirà TROVARLI da nessuna parte, e non servirà SECEDERE da alcunchè.

    2) Permettere una minima ripresa di base, cominciando contestualmente a legare la “sussistenza” al locale e svincolarla dal “sovranazionale”.

    3) Nulla incidere sulla superiore e già decisa direzione architettonica. Ma tutto rivelare su quale davvero sarà l’ assunto guida del nascente ciclo ( sarà davvero tutta un’ altra “Storia” ??? … Mah … ).

    “Dai loro frutti vedremo chi sono” … come diceva qualcuno.

  • anacrona

    Questo è il momento nel quale chi ha idee chiare e nervi saldi può condizionare fortemente i detentori del potere. In quella che si profila come una partita a scacchi ad alta tensione il nostro paese può rispondere colpo su colpo a qualsiasi mossa che non sia a nostro favore. I mercati sono da sempre sistemi instabili giacchè si fondano su opinioni e proclami dai quali traggono il loro andamento virtuale. Il nostro paese con 2000 mld di debito, congelabile e ripudiabile, può far saltare il banco in un giorno solo con effetti devastanti per tutto l’occidente e non credo ci sia nessuno che ha intenzione di rischiare il tutto per tutto sapendo quale sarebbe la sua fine certa. Se pensavano di tenerci per le palle temo debbano fortemente ricredersi.

  • Mondart

    Mah … io ci credo poco a questa storiella che bucando le gomme si possa far grippare il motore, comunque …

    Di cosa è fatto il “Debito” ?? di aria fritta, al 90%.

    E come risucchiare 15 mondi di aria fritta da 1 ( uno ) mondo reale ?? Il n’ est pas possible, c’ est vraie ?? … ( ovvio quindi che si tratti di un bleff per conseguire qualcos’ altro ).

    … Indipendentemente dal modo, far cadere parte della struttura sistemica è quindi un’ esigenza stessa del sistema. MA QUESTO NON INTERESSA al sottoscritto quanto capire quanti metri di “corda sociale” ci lasceranno. ( E se un minimo margine di contrattazione ci resta, è appunto lì che va giocato ).

  • Aironeblu

    La predetta manovra di destabilizzazione creerebbe panico, blocco di pagamenti, allarme per i depositi, carenza di contanti, limitazione della prelevabilità. Allora il Quirinale manderà avanti il nuovo Salvatore a cui il voto e la fiducia e l’obbedienza sono dovuti di necessità, perché “non c’è alternativa”.

    Oppure sulla spinta informativa del M5S gli italiani potrebbero avere un sussulto di dignità a arrivare dove i Greci non sono riusciti, uscendo democraticamente da questa eurotruffa con un bel referendum, che sarebbe ampiamente appoggiato anche dal PDL. Il gioco non può andare avanti all’infinito, specialmente quando le carte sono scoperte.

  • Mondart

    “Grillini”, l’ idea è tutt’ altro che peregrina … attendo risposta !

  • Bloodow

    Napolitano, da politico di vecchia data, aveva fiutato grosso modo quale sarebbe stato l’esito elettorale e le sue conseguenze e si e’ dunque affrettato a precisare di non essere disponibile ad un secondo mandato, in modo da lasciare questa patata bollente al suo successore che si trovera’ di fronte ad una situazione intricatissima e con strettissimi margini di manovra.Resta da vedere chi sara’.

  • Mondart

    A giudicare anche dai “nuovi pseudo-opposti ideologici” in via di formazione, non penso questa sarà la condotta guida del Movimento, che ha comunque dovuto fin qui nutrire anche quella che, a mio vedere, è PIA ILLUSIONE.

    Il recipiente del dissenso già in preparazione ( vedi Fini ) accoglierà i naufraghi delusi del Movimento 5S. Una nuova tornata elettorale ripartirà meglio gli attuali astenuti tra un più dichiarato ed esplicito Grillo e la “nuova opposizione”. Nel frattempo gli “altri” saranno stati spazzati via, e le scelte programmatiche finora taciute nel frattempo discusse, motivate e finalmente dichiarate.

    … Almeno questo par di capire …

  • Ercole

    Il che fare della borghesia e della finanza internazionale credo che ci debba “preoccupare” fino a un certo punto,il problema più grande che abbiamo di fronte è come mettere fine a questo sistema( capitalistico) barbaro e fondato sulla rapina “legalizzata” da parte di un covo di briganti trasversali.Della democrazia e della sovranità (borghese )non sappiamo cosa farcene….

  • Bloodow

    Mi sembra un’osservazione giusta: nessuno ha interesse a far saltare l’Italia tra coloro che propugnano il progetto euro, sarebbe la classica crepa che fa saltare l’intera diga.Resta da vedere in che modo si intendano sistemare i conti del nostro paese, ma credo che se si opta nuovamente per un governo tecnico di lacrime e sangue solo per i deboli la prossima volta il Movimento 5 stelle prende il 90 per cento dei voti e questo i partiti lo sanno.

  • Mondart

    Ah, ovviamente ora attendo anche Mincuo a sputtanare il “concetto” qui esposto …!

  • Mondart

    In sostanza, par già di capire si perverrà, dopo tutte queste peripezie, al solito “bipolarismo”, i cui nuovi opposti saranno “Nazionalismo vs. Europeismo”.

    Per approdare finalmente, penso, alla soluzione “glocal” che ormai sarà ovvia, necessaria, e la sola perseguibile. Quanto a dire se nel frattempo ci saremo liberati del ricatto finanziario beh … non resta che attendere, e riparlarne tra venti-trent’ anni

  • GRATIS

    Se è questo quello che hanno in mente devono farlo in fretta: fra poco Napolitano dovrà sloggiare dal quirinale

  • alvise

    Caro Marco, se non ci si libera della massoneria dai gangli vitali di un paese, non potremo mai avere governi e presidenti della repubblica, attenti veramente ai bisogni del popolo. Prima vengono le forze capitalistiche, Goldman, Rotschild, Morgan, ecc, poi se rimane qualche briciola i massoni faranno la bella figura di concedere il nulla, e la maggior parte del popolo, che non capisce una mazza di economia, faranno chapeau ai vampiri del popolo

  • AlbertoConti

    Per evitare il ricatto dello spread c’è una sola soluzione, uscire dalla “logica” dello spread, cioè le regole fondanti di UE, BCE, FMI. Riappropriazione del monopolio di emissione della moneta nazionale, riacquisto dei bond collocati all’estero, riallocazione delle eccedenze d’asta presso Banca d’Italia (nazionalizzata), fissazione dei rendimenti: prendere o lasciare. Solo così il dito alzato che troneggia a Piazza Affari acquisterà un significato accettabile.

  • lkst76

    Il fatto è che noi in qualche settimana le cose non le risolviamo loro sì,a modo loro naturalmente.

  • andyconti

    Grillo, invece di parlare di uscita dall’euro, dovrebbe dettagliare di piu’ esattamente come hai fatto tu, e avrebbe fatto meglio a farlo in tv. Se continua a fare il capopopolo non durera’ molto.

  • grillone

    Per imporre in Italia un governo compiacente alla linea Monti-Merkel-Goldman Sachs nonostante l’esito elettorale di ieri, potrebbe essere a breve organizzata una crisi bancaria italiana che terrorizzi la popolazione e crei il consenso per un governo di quel tipo in cambio di aiuti monetari di BCE, Fed e altri”

    se accadesse non ci sarebbe da meravigliarsi; direi che piu o meno è quello che è accaduto in grecia e, in misura forse minore, in spagna

  • mincuo

    Non vuol dire solo quello. Vuol dire uscire da EUR e da SEBC. Dai Trattati. E non basta, vuol dire autarchia, temporanea magari, cioè blocco dei capitali. E un regime dei cambi diverso. Un tasso artificiale e se poi non corrisponde, un parallelo “nero” o gli NDF come avviene in quei casi. Tipo Argentina o Venezuela prima della svalutazione ufficiale del 50%. Nel 1950 era più semplice, oggi credo che sarebbe complicatino. Ma se non fai blocco dei capitali lo spread annullato te lo scordi.

  • mincuo

    Lo spread non è il più grande problema in realtà. E quelle ricette sono fallimentari da sempre, specie in un Paese esportatore. Lo spread non si riduce per decreto. Ma per sostanza. Se non c’è quella…L’Italia l’avrebbe uscendo e avrebbe tassi adatti, magari anche più alti intanto, ma non è detto. Dipende da che crescita farebbe però alla fine.
    Se è buona il punto in più coi Tedeschi o il punto in più di CPI che gli frega?
    L’Italia l’hanno sempre finanziata quando aveva PIL. E’ ora che non si sa se paga e artificialmente si cerca di tenere bassi con acquisti sul secondario come soluzione. Monti che ha “risanato” c’entrava un caxxo con lo spread, che era alle stelle a luglio. C’entrava la BCE che ha comprato. La speculazione c’è sempre quando le cose non corrispondono alla realtà, e proietta su futuro, a parte i cattivi o le manovre pilotate. Se la BCE compra oggi, lo spread si abbassa, se sanno che picchia sopra. Se pensano come pensano che possa creare la situazione per gli aiuti “condizionati” (tra Aprile e Giugno si stima) invece picchieranno loro.

  • yiliek

    L’Idea dello SCEC come reddito di cittadinanza mi piace molto!

  • Tanita

    Mincuo, tu lo sai, io lo so, lo sanno anche loro: se l´Italia esce dall’Euro e ritorna ad essere competitiva stravenderá come sempre. Tutto il mondo ama e vuole il made in Itali.

    Il problema é che con questo sistema di strozzinaggio e saccheggio che é l’Euro, a l’Italia faranno perdere anche quello, se lo compreranno il made in Italy.

    Tu lo sai, io lo so, tutti lo sappiamo (anche LORO) che l’Italia deve uscire dall’Euro.

    Se Grillo sará lo strumento, il motore, benvenga. Tutto il resto é “ciacciara”, come si dice da noi.

    Bacione.

  • geopardy

    Non so se Marco della Luna abbia ragione o meno sulle intenzioni espresse nell’articolo, ma è un rischio enorme anche per loro.

    Forse, chissà, stanno invece dicendo di finirla di giocare a dadi.

    Geo

  • Tanita

    Pardon, la passione. “Made in Italy”

  • Mondart

    Ci credo, è l’ unica idea di buon senso finora postata qui dentro ! E inoltre è applicabile, senza controindicazione alcuna, indipendentemente dalla linea politica reale che prenderà il Movimento. E non significa “non tagliare gli sprechi”, ma svincolare un (comodo) slogan dalla logica del ricatto.

    Poi, se son rose fioriranno.

  • nigel

    Esatto. Noi falliamo, e tutti gli altri falliscono con noi. Questa è la nostra forza.

  • nigel

    La forza di una catena è quella del suo anello più debole. Se fori le gomme, puoi avere una Ferrari, resti a piedi.

  • Mondart

    Senza dire che tale assunto TAGLIEREBBE LA TESTA alla solita logica “dicotomico-oppositiva” della solita conduzione pseudo-logica TESI ANTITESI ( buona in un contesto “assiomatico-aristotelico”, ma balorda in un contesto di “sofismo”, in quanto automaticamente giustifica una tesi peraltro fasulla ) e alle farneticazioni da essa derivanti. Insomma sarebbe veramente un segno di “diverso parametro”. Una logica di “sintesi”, contrapposta alla FALSA logica degli “opposti”.

    Pseudo-logica degli opposti, che è esattamente il PRIMO strumento di controllo di massa. ( E Casaleggio queste cose bene le sa ). Tutto il resto è noia, questo sito è la solita noia, il “politichese basso” ( quello parlato dai gatekeeper ) è noia …

    E se non altro, in questo Grillo e Casaleggio hanno potenzialmente ragione: una volta innestato un diverso pensiero, non puoi più fermarlo. La verità è UNA, sempre. E ora si vedrà dove vanno davvero a parare.

    LOGICA contro SOFISMI, Aristotele contro Socrate … il processo è avviato.

  • yiliek

    Io lo SCEC lo seguo dagli albori, ritengo Pierluigi Paoletti persona altamente competente e se non sbaglio in qualche modo vicina ai meet-up del M5S dove è stato spesso chiamato per relazionare etc…
    Ho chiesto spesso che lo SCEC su CDC venisse sponsorizzzato con alcuni (altro che MMt) ma invano.
    Spero che ora col M5S in forza a questo strumento gli venga data la meritata importanza

  • Jor-el

    Mah, non so… Secondo me checchè se ne dica, gli italiani, a un certo punto, sarebbero pronti anche a menar le mani. Vi ricordo che il ’68 in Francia è durato un mese, in Italia 10 lunghi anni…