Home / ComeDonChisciotte / DER NEUE LEBENSRAUM
12982-thumb.jpg

DER NEUE LEBENSRAUM

DI CARLO BERTANI
carlobertani.blogspot.it

«Senza considerazione per le tradizioni e i pregiudizi, il nostro popolo deve trovare il coraggio di unire il proprio popolo e la sua forza per avanzare lungo la strada che porterà il nostro popolo dall’attuale ristretto spazio vitale verso il possesso di nuove terre e orizzonti, e così lo porterà a liberarsi dal pericolo di scomparire dal mondo o di servire gli altri come una nazione schiava
Adolf Hitler – Mein Kampf

“Due compiti dobbiamo forzarci di dominare in parallelo: interno, dobbiamo tornare ad essere una nazione, verso l’esterno è di realizzare qualcosa che abbiamo fallito due volte: coerentemente con i nostri vicini (sic!), per trovare un ruolo che si adatta alle nostre esigenze ed al nostro potenziale. Il ritorno alla normalità in casa e fuori corrisponde a un desiderio profondo del nostro popolo dopo la fine della guerra. Ora è necessario, se vogliamo essere rispettati nella comunità internazionale…
Klaus Kinkel – Ministro degli Esteri tedesco dal 1993 al 1998

Eppure, nonostante i due agghiaccianti e belluini incipit che aprono l’articolo, prima vi voglio parlare di un Paese dimenticato la cui Storia è stata sempre scritta, sui tratturi di campagna, dagli zoccoli della Cavalleria.

Più tardi, la grafia migliorò e – ordinatamente – i cingoli dei panzer e le ruote gommate degli 88 mm antiaerei disegnarono nuove geometrie sulla pianura ucraina. Infine, la pagina finale della Storia fu vergata dai panzer T-34 russi e, dall’alto, dai crateri disegnati con le bombe dagli Sturmovich.

La storiografia ucraina è basata sulle ossa e sulle ceneri che riposano sotto il suo fertile terreno: è quasi impossibile citarli tutti. Svedesi, lituani, polacchi, ungheresi, francesi, italiani, tedeschi, russi…e chissà quali altre terre hanno dato i natali a chi riposa là, sotto i campi di girasoli: oggi, inizia un altro giro della giostra e nessuno sa come andrà a finire.

Un’ultima annotazione – tanto per mostrare quanto la storia di questo Paese sia un continuo pendolo, a volte quasi fermo, altre vorticosamente parossistico – riguarda Venezia, sì, proprio Venezia.

Ad Aprile del 1945, il poderoso sistema di difesa della città lagunare (comprendente le batterie da 381 mm del Cavallino) era servito da militari ucraini (ex prigionieri di guerra) che avevano sposato il III Reich, mentre i soli ufficiali erano tedeschi: un reparto di artiglieria da fortezza.

I primi accordi per la resa furono redatti da un Tenente inglese che si avvicinò con una motobarca e incontrò sulla spiaggia, proprio sotto le volate dei mostruosi cannoni, gli ufficiali tedeschi. I quali, non avevano nessuna remora ad arrendersi: c’era, però, il problema degli ucraini.

Se non si prendevano accordi con loro – e si garantiva che non sarebbero stati consegnati ai sovietici (erano ex prigionieri che avevano tradito, e dunque sarebbero stati fucilati) – gli ucraini minacciavano di sparare sulla città lagunare e di morire fino all’ultimo uomo.

La cosa finì bene: intervennero gli americani che garantirono la prigionia (e il successivo pass per l’emigrazione) negli USA.

Una annotazione più recente è del 2011 quando mio figlio, appena terminato il liceo, chiede il “regalo per la promozione”: un viaggio in Ucraina con il suo miglior amico, un ucraino che chiameremo Ivan. La famiglia è “buona” e mi fido a lasciarlo andare (la madre, che fa la badante, è ingegnere): mio figlio parte con 500 euro, una fortuna per un ucraino.

I due partono su un furgone di quelli che trasportano merci da e per l’Ucraina, da e per l’Italia, in un antico commercio che ricorda i tempi della Lega Anseatica, le aringhe, i cetrioli nei barili, la vodka.

Dopo un paio di giorni di peregrinazioni fra le frontiere europee “aperte”, ma lente a causa delle dilagante corruzione delle varie polizie, arriva la telefonata: sono giunti finalmente nel piccolo paese dove abitano i nonni, dalle parti di Ivano-Frankisk, nell’occidente del Paese: Lviv (quasi al confine polacco) non è lontana, mentre Kiev richiede un giorno di treno. Odessa (che mio figlio vorrebbe vedere) è troppo lontana e la madre di Ivan non consente pernottamenti fuori casa: troppo pericoloso, afferma.

Per tutto il soggiorno le notizie sono poche e frammentarie e, anche quando i due tornano, non raccontano molto: come sempre, è nelle settimane e nei mesi seguenti che si parlerà del viaggio, di quella terra lontana.

Il racconto di mio figlio avviene “a rate” e racconta di una terra che gli è piaciuta: una terra povera, dove le strade sono orribili e loro due viaggiavano sicuri, sobbalzando fra le buche, con la robustissima Moskvich di memoria sovietica del nonno, perché Ivan – in Ucraina – può guidare. Mio figlio non ha nemmeno la patente.

Ogni tanto, un pezzo di strada normale: “è perché ci abita un politico” afferma, sicuro, Ivan.

L’Ucraina è oggi, terra d’emigranti: addirittura, incontrano un pizzaiolo ucraino (in vacanza) che lavora a Napoli e parla solo ucraino e dialetto napulitane strett strett, che mio figlio riesce a stento a capire. Nu napulitane ucraine: vabbuò, so’ finiti i tempi della Tammurriata nera.

Innumerevoli gli scambi “culturali” con la gente del luogo e le migliaia d’emigranti che tornano in vacanza nella loro terra: ripartono carichi di pezzi “firmati” che costano la decima parte (e che rivenderanno in Italia), ma che non sono made in China. Miracolo? Mah…

Ho domandato a mio figlio se questa gente sia armata o disposta ad armarsi e, soprattutto, se fortemente nazionalista (anti-russa). Le risposte sono state:

Sono anti-russi in gran maggioranza;

Non ha visto armi, anche se c’è da presumere che qualcosa in giro ci sia (certamente non lo dicono ad un italiano, però non c’è la situazione che fu in Bosnia o in Croazia, per capirci);

Sembrano più disposti al “armiamoci e partite”, all’italiana.

Per questa serie di ragioni, concordo – non so fino a quale punto – con chi sostiene un intervento esterno (sul modello libico): v’immaginate cosa succede ad offrire migliaia di euro da quelle parti? A guidare le rivolte, i soliti noti: specialisti delle varie armi europee.

Non concordo, invece, con chi spiega tutto con la “dottrina Brezinskj” e con l’imperituro attacco della NATO alla Russia. Potrà imbonire qualcuno di là dell’Atlantico, ma di certo non l’attuale amministrazione USA (che è stata molto cauta): questa, è una faccenda europea, soprattutto economica.

La strategia militare non c’entra niente: se qualcuno pensa d’indebolire la Russia in questo modo, rifletta su quanto dista Vladivostok. Oppure cambi mestiere, che è meglio.

Ma torniamo alla vita di tutti i giorni.

La gente, lassù, guadagna circa 100 euro il mese: è lo stipendio medio e più normale, perciò mangiare al ristorante costa meno di 5 euro in due, vodka compresa. La “gestione” delle sbronze è in “chiave” nordica: meglio farlo in casa, altrimenti sono botte. D’altro canto, la vodka viene servita a più gradazioni – anche a 90°, da diluire con l’acqua come più aggrada – solo che c’è sempre qualche deficiente che non trova la bottiglia dell’acqua: i poliziotti, però, se ti beccano in strada trovano sempre il manganello.

Kiev è invece un’isola a sé: i prezzi – almeno nella zona centrale – sono esattamente quelli italiani, od europei in genere. Durante la visita di un giorno a Kiev, al ristorante mio figlio pagò – per due persone – l’equivalente di 50 euro, rimanendo incredulo: in un Paese dove la gente guadagna 100 euro?!?

Sarebbe come se in Italia, per un pranzo normalissimo, ti chiedessero mille euro.

La cosa si spiega (vedremo meglio più avanti) un po’ con il solito andazzo turistico delle capitali (Kiev, non ha molto da offrire, a parte le cupole d’oro delle chiese) ma, soprattutto, perché la Casta locale non vuole troppa gente “normale” da quelle parti, al punto che non vedi parcheggiate le solite Audi, Mercedes, ecc dei politici, giacché per andare “al lavoro” in Parlamento usano vecchie carcasse per non dare nell’occhio.

La Casta locale è più corrotta di quella italiana – Ivan puntualizza: “Almeno avessimo i vostri!” (sic!) – e quella santarellina di Julia Timoschenko, con le sue treccine e l’aria da ragazzina in vacanza, era in prigione perché aveva aumentato il prezzo del gas agli ucraini, mettendosi in tasca una fortuna.

Sull’esercito ucraino non farei troppo affidamento: proprio a Kiev, i due videro (poi furono allontanati) un po’ di “najoni” che marciavano all’interno di una caserma. Il problema è che i coscritti ucraini provengono dai quattro angoli dell’Ucraina, ed il sergente che mandò via mio figlio ed Ivan parlava russo schietto!

Già che ci siamo, chiariamo che “l’ucraino”, in sé, non è niente di più di un dialetto del russo come ce ne sono mille da lì a Vladivostok: qualsiasi ucraino comprende benissimo un russo, al più ci sono termini più usati in una delle due lingue piuttosto che nell’altra.

Una domanda che feci a mio figlio riguardava lo stato dell’agricoltura: una terra fertile e ricca…

I campi? Mah…anzitutto – risponde – ci sono molti appezzamenti abbandonati. Trattori? Pochissimi, qualcuno ha un cavallo, ma la gran massa dei piccoli proprietari non ha nulla: i cavalli sono così, nell’Europa del XXI secolo, ciò che unisce queste lande dimenticate.

Nel senso che chi possiede la bestia va in giro ad arare in cambio di soldi o di una parte del raccolto, come si faceva una volta anche qui da noi. Non manca mai, poi, la mangiata (e bevuta) serale alla fine dei lavori.

Un mondo abbastanza tranquillo: durante la raccolta delle patate, mio figlio s’accorse con orrore che i sacchi erano da un quintale: allora strinse i denti e cercò di non recare pregiudizio alla Patria, anche a costo di portare un quintale sulla schiena per un percorso di un centinaio di metri, fino alla rimessa.

Eppure, anche in Ucraina in epoca sovietica, ci saranno state le fattorie collettive con mezzi meccanici: ciò che si capisce dal suo racconto è che, all’indomani del crollo dell’URSS, nelle campagne chi guidava un trattore divenne subito il proprietario del trattore. Siccome, poi, la Belarus (grande fabbrica di trattori sovietica) era, ovviamente, in Bielorussia e la Zetor in Cecoslovacchia, gli ucraini non avevano una fabbrica nazionale di macchine agricole e importare un Ursus polacco non è cosa agevole, in un Paese dove guadagni 100 euro il mese.

Ciò spiega, in parte, l’emigrazione ucraina, anche se i dati in mio possesso riguardano solo la parte occidentale.

Lo stesso andazzo ha colto le ex fabbriche sovietiche: in alcuni casi (pochi) rimodernate, in altri depredate dapprima per i macchinari, poi (la cosa prosegue ancora oggi) per pezzi vari o, semplicemente, metallo.

Insomma, nell’Ucraina odierna è difficile comprendere “cosa fa” una persona, se si eccettua l’apparato pubblico (polizia, esercito, burocrati vari, ecc) poiché spesso si tratta di qualche lavoro alla luce del sole, accompagnato da un altro ancora viziato dalla piccola corruzione di stampo sovietico.

Alla corruzione politica sono già abituati, gli stipendi sono da fame sono la regola…in più, non dimentichiamo che hanno una buona scuola e possono sfornare tecnici di grande valore. Moltissimi ingegneri, che oggi s’arrabattano in Italia, potrebbero tornare con stipendi molto diversi nella loro terra.

Per questa ragione – all’ovest – l’appoggio all’Europa è quasi totale: esattamente il contrario di ciò che avviene nel Sud e nell’Est, dove è l’orso russo a farla da padrone.

Già, ma chi è questo “occidente” che si papperà Kiev e la parte ovest?

La Germania, ovvio…pardon…”l’Europa”…il “nuovo spazio vitale”.

La Germania non ha certo bisogno di terra per gestire la sua emigrazione (come ai tempi di Hitler), ma il boccone di una nazione quasi “a terra”, con stipendi ridicoli ed una classe di buoni tecnici fa gola, oh come fa gola!

Stasera la Russia si annetterà la parte Sud, e questo poteva far parte dei giochi, così come la parte Est – alla fine – difficilmente rimarrà insieme all’Ovest.

Per la Germania un buon affare, per la Russia anche: insomma, una divisione “alla polacca” dei tempi di Ribbentrop/Molotov.

Qualcuno cerca altri interessi, di tipo energetico: perché mai la Russia dovrebbe piangere per l’Ucraina perduta quando ha già in funzione il North Stream (1), che va direttamente dalla Russia alla Germania passando sul fondo del Baltico?

Domani, ci potrebbe essere il South Stream (2): basta che noi europei non c’intestardiamo col Nabucco (3), che non tratta gas russo. Il padrone dei rubinetti è Putin: vogliamo capirlo? E se gira il rubinetto tutto dalla parte di Pechino?

E poi: vogliamo capire che, per Putin, è meglio avere a Kiev una controparte tedesca seria, e non gli arruffapopoli ucraini?

Anche altre opzioni – quali la presenza di scisti ricchi di petrolio, come ricordava Ugo Bardi (non credendoci, in fondo, nemmeno lui) – possono essere i canditi sulla torta, ma il dato essenziale è una poderosa avanzata del capitale tedesco in Ucraina, dove applicherà all’industria locale (da costruire? Non importa) gli standard di tecnologia tedesca che danno così buoni risultati in Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, ecc.

Chi ci perde e chi ci guadagna?

La Russia, la quale s’annette il Sud e così finisce la pantomima dei “porti in affitto” per la sua Flotta del Mar Nero: fra l’altro, così facendo, s’avvicina al confine rumeno (per quel che conta…). Inoltre, Gazprom avrà qualcuno che pagherà le bollette cash, senza più – ogni tot anni – una crisi che minaccia la guerra: bisognerà vedere come s’accorderanno per la zona di Donetsk (Est), dove ci sono i bacini carboniferi.

La Germania “accenderà le caldaie in Ucraina” e, tutto ciò, porterà dei vantaggi anche alla Russia. E l’Europa?

Questo è un passo, della Germania, che previene ricatti sull’euro: qualora (ed è molto probabile) che nel nuovo Parlamento Europeo ci sia una forte componente anti-euro, la contromossa è già lì. Euro1 od Euro2, Euro alla Germania, Euro a chi resta…di fatto, un passo di simile importanza previene una separazione (anche consensuale) europea, della quale la Merkel s’è già detta favorevole.

La missione dell’euro è compiuta: ha arricchito le aree centrali ed impoverito quelle periferiche, come spiega molto bene questo articolo (4).

O come sentenzia “Voci dall’Estero” (5):

Quanto alla guerra civile che si profila all’interno dell’unione economica e monetaria (l’Euro) sulla politica monetaria, esiste una facile soluzione. La Germania può recedere educatamente dall’euro e il Sud può essere educatamente d’accordo, ognuno sforzandosi di dimostrare al mondo che è tutto sotto controllo.”

Insomma: ce ne andiamo noi o te ne vai prima tu? Non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Chi potrebbe avere un danno, anche considerevole, dallo spostamento ad Est del baricentro “europeo”?

Non l’Italia, la Spagna, la Grecia, ecc… questi sono già “bolliti”… la Francia. Sì, la Francia – quando mancherà il tradizionale “asse” con Berlino – si troverà in una posizione di isolazionismo: sola in Prima Classe (difficile) od in compagnia, come capofila della Seconda Classe?

Meglio non andare oltre: per ora aspettiamo che si stabilizzi la situazione all’Est (non ci metterà molto) poi ci sarà da occuparsi dei contraccolpi europei, che si faranno sentire…oh come si faranno sentire!

Carlo Bertani

Fonte: http://carlobertani.blogspot.it/

Link: http://carlobertani.blogspot.it/2014/03/der-neue-lebensraum.html

17.03.2014

(1) http://it.wikipedia.org/wiki/Nord_Stream

(2) http://it.wikipedia.org/wiki/South_Stream

(3) http://it.wikipedia.org/wiki/Nabucco_(gasdotto)

(4) http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-09-22/perche-merkel-vince-germania-140808.shtml?uuid=AbavkWZI

(5) http://vocidallestero.blogspot.it/2013/11/la-germania-sara-la-prima-uscire.html

Pubblicato da Davide

  • geopardy

    Effettivamente, Germania e Russia hanno interessi reciproci, a dir poco, colossali ed essi sono anche altissimamente strategici per il futuro di entrambi i paesi (specialmente per la Germania).
    Sicuramente gli Usa, attraverso l’estensione della Nato ad Est, sta cercando di sminuire l’asse Berlino-Mosca, ma non è detto che ci riuscirà.
    Da come sarà gestita la situazione in Ucraina, vedremo da quale parte cadrà il piatto della bilancia geostrategica, se verso Eurasia o verso l’Atlantico o ad un equilibrio sostanziale tra le due sfere geopolitiche (la più probabile momentaneamente).
    Gli Usa stanno cercando di ricavarsi futuri spazi di sopravvivenza economico-politica, dal momento che hanno capito anche loro che non saranno ancora per molto il centro del mondo e, vista l’mmensità del Pacifico, guardano ad est per essere presenti efficacemente in Eurasia, quindi Nato e Germania sono determinanti per essi.
    Al momento, l’unica nazione che ha una posizione di vantaggio favoloso, per i futuri sviluppi dell’economia, è la Russia, dotata, inoltre, di risorse incredibili.
    La Russia, se resisterà agli attacchi, sarà il paese più importante del mondo, seondo me, l’autentica terra di mezzo dotata di enormi mezzi, però.

  • lucamartinelli

    Come analista strategico Bertani non ha molto spessore. Secondo la sua visione l’Ucraina non sarebbe appetibile per gli yankee. Allora dovrebbe dare una spiegazione al va e vieni di cow-boys tra i manifestanti. L’uso di reparti segreti Gladio che hanno sparato su tutto e tutti. Al significato delle telefonate tra vari politici occidentali divulgate dai servizi russi. Bertani sa poco o nulla della teoria della collana di perle. Come abbiamo capito la guerra fedda non è mai finita. Gli yankee non hanno mai perduto la voglia di menare le mani con la Russia. Le spiegazioni più credibili sono quelle che scrive J. Kleeves nei suoi saggi. Non ho mai trovato analisi più brillanti.

  • cardisem

    Per affinità tematica faccio un copia e incolla di un mio commento postato nell’articolo successivo dove si parla di rapporto con la mafia.

    La mia lettura delle vicende ucraine prende per buone le versioni che dietro le sommosse di Kiev vedono i servizi occidentali, la CIA, come appunto si dice nell’articolo successivo.

    La mia attenzione si concentra qui sulle vicende dell’Annessione della Crimea alla Russia. Si vorrebbe che fosse illegittimo e contrario al diritto internazionale, cosa di cui però non mi capita di ascoltare le argomentazioni tecnico-giuridico. Credo che l’annessione sia cosa lecita, legittima, naturale… e forse converrebbe a tutta l’Ucraina chiedere l’annessione alla Russia, se non vuole essere presto spolpata dalla Finanza occidentale.

    Ecco il pezzo già scritto per l’altro articolo:
    —-
    Io sposterei il rapporto
    con la Mafia alle vicende che poi diedero luogo alla tanto decantata
    Unificazione d’Italia, le cui “annessioni” mi fanno molto pensare
    all’odierna annessione della Crimea alla Russia.

    Non ricordiamo
    tutti dai libri di storia il cinismo con cui il Piemonte ebbe a
    partecipare alla guerra di Crimea (al prezzo di qualche migliaio di
    morti) per poi potersi sedere al tavolo della pace?

    Nei Manuali
    scolastici sui quali ci hanno fatto studiare la storia non si riflette
    molto sulla natura delle "annessioni” al Regno d’Italia. Ma nelle
    fiction non si ha molto rispetto di queste "annessioni" che pure sono
    all’origine della nostra storia unitaria.

    Il Risorgimento fu una
    debole ideologia e non credo che sia del tutto infondata una
    rappresentazione del Fascismo come compimento del Risorgimento: un
    Risorgimento fatto assai male, per cui il Fascismo doveva metterci una
    pezza.

    Alla mia mente si affaccia poi un "esperto” intervistato
    in una trasmissione di Rai Education in cui si parlava del referendum
    istituzionale per la scelta della monarchia o della repubblica. Vi
    furono e vi sono voci di "brogli elettorali”. Cosa rispose l’«esperto»?
    Così rispose: “Se anche ‘truffa’, vi fu, allora sia ‘benedetta’ quella
    truffa!”.

    Capite?

    Tutta la nostra storia, dalla sua
    fondazione ad oggi, si basa su una "truffa”, su “brogli”, sul "rapporto
    Stato Mafia”, su un giornalismo e una storiografia corrotta e di comodo,
    su “Memorie” e annesse verità imposte per legge…

    Mi stupisco
    nel vedere come tutte le chiacchiere che si stanno facendo sul
    limpidissimo e immacolato referendum in Crimea, non facciano riflettere
    sulle Annessioni da cui è nata questa Italia, la cui “vitalità” si va
    facendo ogni giorno sempre più dubbia e critica.

  • clausneghe

    Mah, Bertani fa quello che può basandosi sul racconto (soggettivo) del figlio..

    Fonti ufficiali da linkare non ne ha e nemmeno è esperto di geo-politica, a quanto risulta, ma è piuttosto un professore umanista, diciamo così. Comunque un plauso per l’articolo originale, che ci offre uno spaccato di quella civiltà contadina che un tempo l’Aquila Romana chiamava terra di "schiavoni", da non confondere con i Celti che invece erano temuti e desiderati come "schiavi da combattimento". Gli Ucraini sono lenti e rozzi con il passo da pianura, inclini all’alcool e non troppo svegli. Sarò razzista? 
    Se entrano in Europa saranno una ulteriore tara che darà la spinta finale per far ribaltare questo carrozzone squinternato, folle e cattivo chiamato UE.
    Ben vengano allora i contadini dell’estremo nord-est a fomentare disordine e caos…Tanto peggio tanto meglio. Ah, tra parentesi, se entrano in EU, se li possono scordare i vantaggi che hanno ora… Che idioti. Li ho visti nel video avanzare a mani nude contro gli inesorabili cecchini che sparavano da chissà dove, colpendoli , ferendoli e ammazzandoli. Non facevano una piega, stavano fermi ad aspettare il colpo. Mi hanno ricordato la cavalleria polacca quando dava l’assalto ai panzer nazisti…Poracci, perdere la vita così, senza senso.
  • dana74

    si Bertani  ora gli amati yankee libereranno anche tutti gli altri, ah oppure no?

    Cioè dai cattivi nazisti si ma se intendono liberare gli altri non va bene?
    COme mai gli yankees andavano bene nel 45 ed ora no?
  • dana74

    il dotto sapiente professore che ha il tasto del videoregistratore inceppato sui films come Anna Frank e la Vita è bella POTEVA ANCHE PARLARE DELL’HOMOLODOR

    I nazisti NON AMMAZZARONO 6 MILIONI DI UCRAINI lo fecero i sovietici per i quali il SIg. Bertani ha ammirazione, dice che portarono le fattorie collettivizzate
    Ecco perché la scuola disinforma ed indottrina ed è facile capire a favore di chi.
    "Eppure, anche in Ucraina in epoca sovietica, ci saranno state le fattorie collettive con mezzi meccanici: ciò che si capisce dal suo racconto è che, all’indomani del crollo dell’URSS, nelle campagne chi guidava un trattore divenne subito il proprietario del trattore."
  • Zret

    Bertani si sbertuccia da sé.